Casa / Art / L'arte con la faccia del Brasile da Rosangela Vig
Figura 12 - Sambao, Serie di Boemia, Paulo Byron, 2016, acrilico su tela, 80 x 120 cm.

L'arte con la faccia del Brasile da Rosangela Vig

È anche possibile ascoltare questo articolo nella sua voce artista Rosangela Vig:

Rosângela Vig é Artista Plástica e Professora de História da Arte.

Vig è Rosângela Visual Artist and Teacher Storia dell'Arte.

lezione di pittura

Nessun quadro è finito,
Ha detto giusto pittore;
Se si può all'infinito continuarlo,
Primo, sul lato opposto di un altro frame.

Che, fatto da tali,
Lì sullo schermo, nasconde una porta,
Che dà un corridoio
Che conduce ad un altro e molti altri.
(NIPOTE, 1975, p.68)

Il Recife João Cabral de Melo Neto transitato mondo della poesia e Lettere. Il testo si riferisce in modo eloquente il cuore di chi crea. Il pensiero è lo stesso per quella tessitura con i colori o le parole, in pittura o la poesia. Frutti dello spirito creativo, ciascuna di queste porte è sede di una sorpresa; ognuno dei quali porta a mondi reali o surreali; solleva emozioni; perplessi; o genera in mente il semplice fascino della contemplazione.

E l'arte brasiliana ha queste piccole porte. A suo modo, ogni artista presenta il suo proprio mondo e un po 'di questo paese colorato e allegro. Dissigillamento loro può andare a tempi antichi, viaggiare per il presente e passato; dal non lontano infanzia, perso in giochi di strada; e il traffico nei bar e Boemia, le mani del pittore Paulo Byron. Hanno messo in scena le sue opere, alcuni degli archetipi più comuni del Brasile scenari di vecchia, oggi, e la sua gente semplice, in scene di vita quotidiana. Il Brasile dimenticato da molti, Non sperimentato da molti, E 'stato immortalato nei suoi dipinti. Tra i temi esplorati magistralmente, sono stati i giochi d'infanzia, la vita di bohème, pescatore, il gaucho, il giorno di tanti semplice giorno. Può darsi che molti di questi momenti sono stati familiare al pittore stesso, così spesso commentato la nostalgia dell'infanzia e anche le percosse che hanno portato la madre.

Uno stile inconfondibile, Paul ha osato in prospettiva e ha reso questo aspetto della vostra impronta digitale, che porta lo spettatore, la sensazione di essere inserito nella scena, caratteri riportati di seguito, interagendo con essi. Sulla questione del colore, le sue opere hanno lasciato testimonianze in rosso, blu, verde, giallo, tante volte, puro, mettendo in evidenza quello che ci vuole, descomedimentos sem, senza esagerare, la misura esatta.

Unsealing le porte dell'infanzia, arriva un bambino cattivo, il colore del Brasile, A petto nudo (Fico. 2). Nelle sue mani il protagonista, bianco quasi trasparente, Fa parte del caduto Rabiola. Egli lega la linea, e poi alzare il kite in aria, sciolto, libero come la sua infanzia. Al piano, molto confortevole, tre ragazzi giocano l'otedama (Fico. 4), che vengono gettati a terra, verso l'osservatore. I tessuti colorati di Marias, si possono vedere le linee di cucitura che avrebbe dovuto essere fatto a mano. E i ragazzi non sembrano rendersi conto che più tardi gli altri ragazzi giocano mazza (Fico. 5), nelle strade, come lo erano i giocattoli e giochi di una volta. più avanti, le palle colorate in movimento per i ragazzi dita dei piedi toccano (Fico. 6). Essi hanno inoltre avvicinano l'aspetto invitano lo spettatore a partecipare al gioco.

La vita bohemien apre anche le sue porte ed è possibile vedere un altro tipico brasiliano, la hobo, tranquillo, talvolta come figura povero, di solito in un bar, bere, seduti o cantare in un samba tra amici. La sera e la mattina, spesso servito come sfondo questa serie. In un pub, il ragazzo seduto sulla sedia (Fico. 9), Sembra che abbia superato la bevanda. addormentato, non aderisce alla asciugamano è allo sbando, o per la bottiglia o il vetro che sembra essere caduto sul tavolo. Il tempo passava in fretta per lui che non si rende conto che la notte sta finendo.

Il Rio Grande do Sul è parte della sua storia e ben narrata dalla dogana artista (Fico. 16), che ha mostrato il gaucho tipico, con i suoi vestiti, i loro cavalli, strade e campi dei luoghi in cui così spesso camminava come un bambino.

Molti dei tipico brasiliano sono anche nelle opere che l'artista ha lasciato in bianco e nero. Arance sulla pianta sembrano aver attirato l'attenzione dei ragazzi (Fico. 15) che ha lavorato duro per ottenere loro il piede. Il pane e mortadella è stato immortalato anche dalle mani dell'artista. Na figura 17, il protagonista è il panino delizioso brasiliano. nel disegno, il ragazzo seduto senza troppe cerimonie, al piano, godendo il pane, avvolto in carta stropicciata, come è stato in altri tempi. Accanto, la bottiglia di latte in attesa da sorseggiare. La prospettiva esagerata porta a chiudere i tre elementi della scena. Per l'artista, questo lavoro dovrebbe essere fatto a quattro mani, progettato da lui, Dipinto dal pittore Rita Caruzzo. per lei, E 'stato dato il compito di colorare il vostro modo di disegno.

Per il suo lavoro, Paul Byron ricevuto titoli, premi e partecipato a mostre importanti, tra i quali, uno nella Galleria Bric Brac, nel quartiere Moema, Sao Paulo, dove ha fatto live painting (Fico. 20). Il frutto di questa mostra è stato quello di lavorare Beviamo per celebrare (Fico. 21). priorità bassa nera, spicca il design, in bianco. rosso giallo e blu sono i colori puri sottili utilizzati, senza esagerare, in luoghi isolati, garantendo la leggerezza del lavoro.

Il personaggi Paul Byron transitato tranquille stradine di un giorno, che ora le auto della casa, edifici e viadotti. Essi sono in movimento, È possibile ascoltare il suono delle tue conversazioni, la loro musica ed i loro vestiti e corpi di movimento. E può essere che l'artista stesso, nella loro follia, sciolto dai vincoli della vita, ha deciso di cedere ai capricci di arte e approfondire il loro mondo. dintorni, l'universo di colori e forme aperto le sue porte, Ha sedotto l'artista e lo ha portato a Sé. Forse ora tra i suoi personaggi, giocando come un bambino, vagando nella notte tra i loro tipi o semplicemente a passeggio tra i campi che vengono durante la sua infanzia. World of Art, pieno di sconforto e di dolore, Divenne addolorò. Ma forse ci loro mondi, l'artista di osservare tutto e tutti, sorridente, in sella a un cavalletto in un pergolato piacevole e amichevole, per rendere il vostro prossimo cornice.

Blog: paulobyron.blogspot.com.br/2015/

Riferimenti:

  1. MELO NETO, João Cabral. Museo di tutto. Sao Paulo: Ed. José Olympio, 1975.

.

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*