Casa / Art / “La rilevanza della menzogna come componente artistica in Oscar Wilde:” por Juliana Vannucchi

“La rilevanza della menzogna come componente artistica in Oscar Wilde:” por Juliana Vannucchi

Juliana Vannucchi é graduada em Comunicação Social, licenciada em Filosofia e Editora-chefe do site Acervo Filosófico.

Juliana Vannucchi è laureata in Comunicazione Sociale, laurea in Filosofia e redattore capo del sito Collezione filosofica.

Questo testo si propone di esplorare e condividere con i lettori, alcune osservazioni e interpretazioni di un saggio scritto da Oscar Wilde nel 1891, Menzogna decadimento intitolato. Il testo di cui si tratta di un dialogo tra Vivian e Cirillo, due personaggi che si trovano in una libreria, e inizia a riflettere sulla menzogna inserto in opera. Presto il secondo paragrafo del testo, Savage, esprime la base della loro riflessione artistica quando uno dei personaggi chiede all'altro di andare godersi la natura, e riceve una risposta, il seguente commento: "Più studiamo l'arte meno cura sulla natura, poiché quest'ultimo, nella nostra vita, Si dimostra pieno di "nessuna conclusione", "Crudeltà curiosi" e "monotonia" e "carattere assolutamente indefinito". (SELVAGGIO, 1992, p. 25). In questo passaggio, notiamo che il personaggio mette in evidenza la contrapposizione tra ragione ed emozione, e cerca di sciogliere i collegamenti arte con la prima, perché crede che la logica è superfluo per la percezione artistica (sia nella contemplazione e nella produzione).

Oscar Wilde, 1854 – 1900. Foto: W. and D. Downey em 23 de mario de 1889. CMG Worldwide.

Oscar Wilde, 1854 - 1900. Foto: In. e D. Downey 23 mario 1889. CMG Worldwide.

Più tardi, v'è un aggiunta si propone che l'arte emerge come "il nostro sforzo per accogliere la natura" (Ibid., p. 26). In altre parole, l'arte non ha bisogno di, necessariamente spiegare ciò che è intorno a te, né hanno alcun impegno intellettuale specifica a questa realtà, L'arte è un display irrazionale di sentimenti che possono avere influenza esterna o interna, e non è, né agisce razionalmente. La conversazione tra i personaggi segue, e uno di loro fa la seguente dichiarazione circa l'attività del pensiero: "Pensare è ciò che è più ammalato nel mondo. Muore come qualsiasi malattia " (Ibid., p. 26).

Dopo la conversazione, Savage, allora, Si introduce l'idea di mentire al dialogo, indicato come un fatto la cui assenza innesca decadimento alla letteratura del tempo. Mostra che la poesia (come già detto Platone) va di pari passo con la menzogna: entrambi sono arti ed entrambi hanno il loro set di tecniche. Il personaggio dice che la menzogna è necessaria per l'opera d'arte e, invece di danneggiarlo e renderlo banale o repulsiva, si rafforza. per Platone, arte era un'illusione con effetti negativi, dal momento che consisteva in una copia stampata, in altre parole, l'artista copiato ciò che lo circondava e, di per sé, rappresentato una copia del Mondo Pensiero. "Nulla di sopprimere sia le qualità di una storia come cercare di renderli troppo veritiera" (Ibid., p. 30).

Oscar Wilde, 1854 – 1900. CMG Worldwide.

Oscar Wilde, 1854 - 1900. CMG Worldwide.

Vivian lancia la critica di certi scrittori, ponendo alcuni di questi genio come produttori artistici e di altri come un'arte che è erroneamente la fedeltà con la realtà e apparecchiature esterne. Come primo esempio, loda Balzac: "Ha creato una vita e non copiato" (Ibid., p. 36). opposto, Zola è ipocrita i cui personaggi non sono costruite con qualsiasi bellezza artistica. Shakespeare è anche accusato di abbandonare l'immaginazione e produrre un materiale con linguaggio naturale, direttamente ispirato alla vita.

Arte è intesa come un oggetto sensibile che ha la forma da un'uscita da un processo creativo ed espressivo del suo produttore, e il cui prodotto finale verrà assimilata da uno spettatore attraverso i sensi. In questo quadro, escludere la nozione di logica o impegno artistico. Tutto ciò che regalo di arte a circostanze esterne, e che le descrizioni regalo di questo ambiente, rendono indebolito, per il potere che l'arte ha la sua unicità e gli effetti sulla umanità, sta proprio nel fatto che non ha bisogno della verità, o la linearità o logica e, entrambi, deve avere come funzione, semplicemente rispecchiare la realtà esterna. L'arte non rappresenta più nulla, ma si. "L'arte inizia con la decorazione astratta, con un lavoro puramente fantasioso e divertente, non si applica se non irreale, l'inesistente ". (Ibid., p. 39).

Oscar Wilde, 1854 – 1900. CMG Worldwide.

Oscar Wilde, 1854 - 1900. CMG Worldwide.

A un certo punto il testo, Vivian dice che la natura stessa è colui che imita l'arte, perché quando prestiamo attenzione a ciò che è intorno a noi, operiamo in un'attività artistica, dopo la chiusura osservazione della natura, cioè, vedere ciò che è disponibile nel nostro ambiente, E 'diverso da semplicemente guardare superficialmente, e vedere questo con attenzione, Si tratta di una vera e propria ricerca di bellezze più sottili e semplici che ci circondano. Ora, è attraverso l'arte che impariamo a capire ciò che è bello, e, pertanto, conseguentemente, E 'la stessa arte che ci insegna a guardare davvero al mondo che ci circonda. "Non si vede qualcosa che non è quando si capisce la sua bellezza" (Ibid., p. 56). L'arte ci sta mostrando il fascino della natura e gli effetti, è ciò che dà loro, Esso fornisce armonia attraverso il loro carattere sensoriale.

I personaggi di Oscar Wilde in questo dialogo rifiutano il realismo come aspetto artistico, per essa è fondata sulla descrizione di fatti e / o materiali scientifici, Si è che l'arte, d'altronde, è una produzione cui punto di partenza è proprio la fantasia, Sendo se questo elemento, dispensa con il carattere della ricerca della verità. Si presenta direttamente alla percezione, e questo non ha bisogno di riflessione, concettualizzazione e razionalità. Così la bugia può comporre positivamente un'opera d'arte, Dal momento che questo non ha alcun impegno per la verità, e, pertanto, non dovrebbe essere imitativo, ma disegnato con l'uso della fantasia: "L'arte inizia con la decorazione astratta, con un lavoro puramente fantasioso e divertente, non si applica se non irreale, l'inesistente ". (Ibid., p. 39).

Grazie:

Un ringraziamento speciale a CMG Worldwide per consentire l'utilizzo del Oscar Wilde di immagini che illustra questo articolo.

Riferimenti:

  1. SELVAGGIO, Oscar. La decadenza della menzogna e altri saggi. Rio de Janeiro: Imago, 1992. 199 p. (raccolta Lazuli). Traduzione e João do Rio Presentazione.

    .

    .

    JULIANA VANNUCCHI
    Sorocaba – São Paulo
    Facebook Perfil | Facebook Fan Page
    Sito filosofico Collection
    E-mail: ju.vannucchi@hotmail.com

Commenti

Questo testo si propone di esplorare e condividere con i lettori, alcune osservazioni e interpretazioni di un saggio scritto da Oscar Wilde nel 1891, Menzogna decadimento intitolato. Il testo di cui si tratta di un dialogo tra Vivian e Cirillo, due personaggi che si trovano in una libreria, e inizia a riflettere sulla menzogna inserto in opera. Presto il secondo paragrafo del testo, Savage, esprime base della loro riflessione artistica quando uno dei personaggi chiede all'altro…

Score

Coesione
Coerenza
Contenuto
Chiarezza testuale
Formattazione

Eccellente!!

Conclusione : Vota l'articolo! Grazie per la vostra partecipazione!!

Voto Utenti : 4.81 ( 4 voti)

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*