Casa / Art / La retorica dell'immagine nell'opera d'arte “Velieri a Livorno” di Amedeo Modigliani da Alex Ribeiro

La retorica dell'immagine nell'opera d'arte “Velieri a Livorno” di Amedeo Modigliani da Alex Ribeiro

Alex Ribeiro, historiador/pesquisador de uma obra inédita de Amedeo Modigliani. Foto em Valência, na Espanha, por Maurício Mesquita.

Alex Ribeiro, storico/ricercatore in un lavoro senza precedenti di Amedeo Modigliani. Foto di Valencia, Spagna, da Mauricio Mesquita.

Lanarrazioni visive s sono produzioni e/o immaginifiche creazioni organizzate da successivi episodi ed eventi con immagini che integrano. Nella nostra cultura immediato, una delle sue caratteristiche più grande è la produzione di comunicazioni sempre più immaginifiche e Visual, contenente informazioni sempre più precise e veloci. Lo scopo di questo articolo è quello di analizzare il genere "poesia", contenute in questo lavoro, Secondo i concetti di Mikhail Bakhtin, così come gli effetti di senso prodotto dal testo linguaggio figurato visivo, basi teoriche e metodologiche, aspetti che favoriscono la retorica e l'immagine, da Roland Barthes.

L'essere umano ha sempre utilizzato le arti visive per la comunicazione fin dalla preistoria, arte rupestre denominato, attraverso dipinti, realizzati con pigmenti, oltre a incisioni, realizzato con incisioni su roccia, che documentano le prime notizie di una forma embrionale di scrittura, che documentato loro situazioni di vita quotidiana, o esaltando le loro credenze. Già nel Medioevo, le arti visive sono state stanziate dalla Chiesa cattolica, che utilizzato per servire i loro interessi, concludendo che l'immaginario interpretato il mondo religioso per integrare concetti in una società quasi interamente costituito da analfabeta (Enciclopedia Itaú Cultural, Pittura religiosa). Già nel XV secolo, con testi stampati dalla stampante meccanica prima, creato da Johannes Gutenberg, una nuova forma di comunicazione che sarebbe oltre ai disegni e manoscritti, dato l'uomo una comunicazione scritta attraverso stampe su larga scala, consentendo la diversificazione del concetto di genere, per Bakhtin ([1979], 2003, p. 261) …. contribuendo, assim, con la teoria della psicologia dello sviluppo (p. 28) e notevole diminuzione del numero di analfabeti.

Tuttavia, Secondo Barthes (1984), comunicazione è rimasta, Dal classicism, attraverso la scrittura e immagini, Oltre ai libri prodotta solo con disegni. In epoca contemporanea, il disegno/immagine è importante come in epoche precedenti, principalmente da coltura di breve durata e veloce che è stato installato, mantenere una comunicazione fatto nuovi accordi sempre più immaginifiche e Visual.

Con i nuovi media, Queste comunicazioni sono andati a raggiungere rapidamente i vostri obiettivi, diffusione e/o affermando in maniera molto veloce ed efficace, utilizzando il linguaggio Visual o immaginifiche, incluso in questo lavoro. Così, per interpretare le informazioni attraverso disegni/immagini, richiede un dominio più grande di diversi settori della conoscenza, al fine di interpretarle secondo l'universo cultura del design.

Per la corretta interpretazione delle immagini disegni o esistenti in un opera d'arte, È necessario andare oltre l'ovvio e immediato, che richiedono che penetra nel contesto ed è possibile analizzarli oltre le apparenze, o le sue forme iconografiche illustrative.

La mia proposta con questo studio è di analizzare il messaggio dei segni/simboli, Amedeo Modigliani, stampato intenzionalmente nel suo inedito "Velieri il Livorno", Così come ha fatto in altre opere autentiche (La Luce dell'amore – 1994, p. 117-127 e Modigliani – 1943, p. 56-57 e p. 76-77), stampa il disegno/immagine con la letteratura attraverso il poema "Divina Commedia", di Dante Alighieri.

Per capire meglio questa storia, Vediamo: Modigliani è Nato a 12 luglio 1884, a Livorno e muore in 24 Gennaio 1920, a Parigi e Dante Alighieri è nato nel 29 Maggio 1265, a Firenze e morto nel 14 Settembre 1321, a Ravenna, pertanto, due importanti artisti italiani, Naturale della Tuscany.

Modigliani è nata con la sua salute molto impegnati, Ciò che ha reso impossibile per lui per essere literate nelle scuole regolari, come tua madre, Eugenia Garsin e suo nonno Isaac Garsin, di origine ebrea sefardita, con la responsabilità del vostro alfabetizzazione che, inoltre, si è verificato all'età di cinque e il materiale didattico principale, l'opera poetica "la divina commedia", di Dante Alighieri. A 13 anni, Modigliani ha detto di memoria, Estratti di questo lavoro.

Dopo aver iniziato gli studi di pittura in 1898, nell'Atelier di Guglielmo Micheli, a Livorno e hanno frequentato altri studi in diverse città italiane, il 1906, Modigliani arriva a Parigi per iniziare i suoi studi presso Académie Colarossi egli strappa l'attenzione di tutti, il primo giorno di scuola, Quando si entra in Studio, dice alcuni versi della "Divina Commedia". E ' stata una presentazione indimenticabile! Dopo questo episodio, spesso invitato a dire questo lavoro nel cabaret e piazze pubbliche.

In 1909, con l'aggravarsi della sua salute, a seguito di tubercolosi, Aveva contratto 1901 e bisogno di cure mediche, Modigliani torna a Livorno, per curare e prendersi cura di sua madre. Probabilmente in questo periodo, Egli ha realizzato l'opera "i Velieri di Livorno" (Fico. 1) e volutamente, stampato attraverso segni/simboli, alcune del 100 angoli che compongono la struttura della poesia "la divina commedia", una pratica segnalata dal suo amico Arthur Pfannstiel (Modigliani – 1943, p. 56-57 e p. 76-77), che narra il fatto che Modigliani aveva l'abitudine di produrre le sue opere, recitare questa poesia qui, come se tu fossi, sotto l'influenza di droghe, o di proprietà di Dante Alighieri.

Fig. 1 – Obra Velieri a Livorno, Amedeo Modigliani. Foto: Cleber Thiber.

Fico. 1 -Velieri lavoro a Livorno, Amedeo Modigliani. Foto: Cleber Thiber.

Quest'opera, "I Velieri di Livorno", fu portato in Brasile dal paulistano pittore, J.W. R. -José Wasth Rodrigues, Patrono del centro di documentazione dell'esercito brasiliano, creatore del cappotto delle armi della città di São Paulo, Vetrate della Cattedrale da Sé, Mattonelle dell'Obelisco dalla memoria, tra le altre opere, il 1914, Quando scatta la prima guerra mondiale. In questo periodo, Wasth Rodrigues stava studiando a Parigi attraverso una sovvenzione dal governo di São Paulo, periodo dove incontra Modigliani e finisce per povertà e rooming con suo amico livornês, secondo cronache di diversi poeti brasiliani, mettendo in evidenza la buona Wasth Rodrigues "di Carlos Drummond de Andrade e" Modigliani "giacca di Paul Banks. Wasth Rodrigues di tornare in Brasile porta nel bagaglio, Alcune opere presentate da Modigliani, Secondo i rapporti pubblicati in 1950, nel giornale "Correio da Manhã".

La prova più importante di questa amicizia tra Wasth Rodrigues e Modigliani, si riferisce a un ritratto di Modigliani fatto, il 1918, il tuo amico paulistano, finora essere intitolato come, "Uomo seduto e supportati su un tavolo", dalla totale mancanza di informazioni su chi sarebbe stato il carattere. (Fico. 2).

Fig. 2 – José Wasth Rodrigues. Fotos: Acervo da Família Wasth Rodrigues.

Fico. 2 -José Wasth Rodrigues. Foto: Collezione di famiglia Wasth Rodrigues.

Un'altra curiosità sull'amicizia tra Wasth Rodrigues e Modigliani, è documentato con le opere, "Ritratto di José Wasth Rodrigues”, a sinistra e il “Auto ritratto di Modigliani”, a destra della figura 3, dove i due personaggi di queste opere di Modigliani, utilizzare la stessa giacca, la stessa sciarpa, come è stabiliti in diverse pubblicazioni, come un regalo da Wasth Rodrigues a Modigliani, poco dopo essere raffigurato nella 1918, Quando Wasth ritorna a Parigi, come cicerone dello scrittore Monteiro Lobato, anno della pubblicazione del libro, "Urupês", con illustrazioni di Wasth Rodrigues.

Fig. 3 – Obras "Retrato de José Wasth Rodrigues" à esquerda e o "Auto Retrato de Amedeo Modigliani" à direita. Fotos: Acervo da Família Wasth Rodrigues.

Fico. 3 -Opere “Ritratto di José Wasth Rodrigues” a sinistra e il “Autoritratto di Amedeo Modigliani” a destra. Foto: Collezione di famiglia Wasth Rodrigues.

L'opera "i Velieri di Livorno" era una di queste opere ha portate da Parigi da Wasth Rodrigues, che si rivela essere trasferito alla fine della 40, per il poeta, attore, Regista e uno dei fondatori del T.B. C. Teatro brasiliano della commedia e la mente del gruppo teatrale del repertorio poetico, "Jograis de São Paulo", Affonso Ruy, che scaricare legalmente nella 90. Dal mese di aprile 2007, Sto lavorando su una ricerca storico-scientifica, in Brasile e in Europa, cercando di garantire l'autenticità di questo lavoro, già che possiede numerosi rapporti di test scientifici di fisica e chimica, tenuto presso l'Università di São Paulo (Tirare. Marcia Daniel Rizzuto e Ms. Elizabeth Alfredi de Mattos Kajiya, Tirare. Dalva Aguilar de Faria e Ms. Thiago Puglieri Siviglia), Universidade Estadual de Londrina (Dr. MS e Carlos Roberto Appoloni. Fábio Lopes), ed El IVC + R (Instituto Valenciano de Conservación y Restauración de Bienes Culturales) y El Servicio de Restauración de La Excma. Provincial de Castellón (Tirare. Carmen Pérez García y Dr. Juan PérezMiralles), Spagna, dove dopo 8 anni di duro lavoro, È stato possibile confermare di essere un'opera originale, completo, senza alcun intervento, con vostra datazione confermata tra la fine del 19esimo ed inizio del XX secolo, così come esami di spettroscopia di fluorescenza e RAMAN di raggi x, confermare la compatibilità totale tra le palette, E poi scopro, sotto la guida dell'artista e ricercatore messicano, Dr. Luis Aguirre Morales, e poi confermata attraverso test con immagini 3D (RTI), Made in Spagna, diversi segni/simboli nascosti, scartando la possibilità di illusione ottica, o manchismo, Una volta che tutti questi elementi sono stati inseriti intenzionalmente e in rilievo, Oltre dicendo c'è una probabilità alta percentuale della sua autenticità.

Fig. 4 – Signos/Símbolos constantes na composição desta obra interpretam visualmente o poema “A Divina Comédia”. Foto: Cleber Thiber.

Fico. 4 -Segni/simboli che appaiono nella composizione di questo lavoro visivamente interpretare il poema "Divina Commedia". Foto: Cleber Thiber.

Tutti i segni/simboli che appaiono nella composizione di questo lavoro visivamente interpretare il poema "la divina commedia" fin dall'inizio del viaggio di Dante Alighieri all'inferno, passando attraverso il Purgatorio, fino ad arrivare al cielo, che si verifica all'inizio dell'autunno in Europa e Modigliani fatto questa rappresentazione attraverso Aries sul sole (Fico. 6), Oltre a rappresentare attraverso vari segni/simboli come teschi (Fico. 5), Serpente (Fico. 8), Demone (Fico. 10), volare con cadavere (Fico. 9), cranio con il geroglifico (Fico. 11), Delfino (Fico. 12), coccodrillo e drago (Fico. 13) e altri, giocando così, alcune delle fasi di certo questo viaggio attraverso i nove cerchi dell'inferno, delle sette terrazze del Purgatorio, o delle nove sfere del paradiso, Anche avendo incluso, i mezzi di trasporto per il transito di Dante tra inferno e Purgatorio, utilizzando la propria barca, in dettaglio in primo piano della parte pittorica e uso del Purgatorio al paradiso, utilizzando il cavallo/Unicorn (Fico. 7), inserite come un simbolo nascosto al centro del lavoro.

La grande sfida era di correlare tutte queste immagini con loro significati nascosti (La Luce dell'amore, 1994, p. 117-127), ricordando che Modigliani era un iniziato di Cabala e alchimia, frequentatore di sedute spiritiche e appassionato della "Divina Commedia", una delle più grandi opere poetiche di tutti i tempi. Così, la poesia"genere" è presentata come un meccanismo efficiente di conoscenza degli effetti visivi, nell'analisi di questa costruzione di immagini.

In opera d'arte, "I Velieri di Livorno", Modigliani ha utilizzato una lettura visiva per il lavoro, "La divina commedia", di Dante Alighieri, confermando il concetto di Barthes, dove l'immagine può essere letterale o simbolico. Così, la retorica dell'immagine è dato dall'eloquenza dei numerosi simboli inseriti in pittorico. Valle del report che gli esami effettuati attraverso le immagini prodotte con raggi x, Spagna, derivano sotto la pittura, un'altra forma di comunicazione attraverso alcune sequenze di lettere e numeri (Cifre 14 e 15). Sicuramente queste sequenze sono codici cabalistici, ancora non decifrato.

Fig. 14 – Sequências de letras e números. Foto: Pascual Mercé Martínez.

Fico. 14 – Sequenze di lettere e numeri. Foto: Pascual Mercé Martínez.

Fig. 15 – Sequências de letras e números. Foto: Pascual Mercé Martínez.

Fico. 15 – Sequenze di lettere e numeri. Foto: Pascual Mercé Martínez.

Comunque, in questi due casi, Ci sono chiare intenzioni di comunicare con persone che conoscono il poema di Dante Alighieri e l'occulto della Cabala e dell'alchimia, per diventare destinatari dei tuoi messaggi/informazioni.

In questo lavoro, quella che vi propongo è una riflessione sulle diverse concezioni della nostra esistenza, attraverso l'analisi della "Divina Commedia", come pure attraverso gli insegnamenti evolutivo proposto la Kabbalah, o di spiritismo, che istituisce una nuova comunicazione al nostro momento attuale.

Modigliani ha prodotto un lavoro, intenzionalmente, con immagini che rompono gli schemi convenzionali di estetici, proponendo un nuovo look per le comunicazioni intrinseche nelle arti visive, Riaffermando Luigi Pirandello, Quando diciamo in 1917; "Così è, Se si pensa".

Mi sembra di capire che possono ancora essere trovati altri usi, soprattutto nelle sequenze con numeri e lettere, trovato sul telaio dell'opera "i Velieri di Livorno", che ci permette di avanzare nella comprensione di ciò che è stato possibile analizzare finora, in altre parole, una certa comunicazione, come definire Barthes (1984, p. 32), sulle immagini retoriche"(…) ogni immagine è polisemico, implicando loro significative alterazioni della, una catena 'fluttuante' di significati, di cui il lettore può scegliere alcuni e ignorare gli altri ".

Tutti la comprensione cultura e ideologica, attraverso le immagini, influenzano direttamente la creazione di un'opera d'arte visiva sotto l'influenza dei sensi, identificazione in Barthes tutti gli elementi per decifrare gli oggetti poetici e filosofici ha presentati, attraverso la figurazione e la retorica dell'immagine contenuta nell'opera "i Velieri di Livorno", Abilitazione di comprensione di là di comunicazione visiva, i vari aspetti imagéticos.

.

.

Ha? Lascia un commento!

.

Vieni con noi, Prendi il recente via e-mail:

E-mail

.

.

Riferimenti:

ROLAND BARTHES, Retorica dell'immagine – L'ovvio e l'ottuso – Lisbona (Portogallo): Edizioni 70, 1984, p. 39-40.

MIKHAIL BAKHTIN, I generi del discorso – Estetica della creazione verbale – Sao Paulo (Brasile): Martins Fontes, 2003, p. 261-306.

ARTHUR PFANNSTIEL, Modigliani – Buenos Aires (Argentina): Editorial Schapire, 1943, p. 56-57 e p. 76-77.

ARTURO SCHWARTZ, La Luce dell'amore – Milano (Italia): Tema celeste Edizione, 1994, p. 117-127.

ENCICLOPEDIA ITAÚ CULTURAL, Pittura religiosa.

.

.

ALEX RIBEIRO
Sao Paulo - Sao Paulo
Sito web
E-mail: Alex@Futurart.com.br

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*