Casa / Art / Almandrade, Il concetto tra il verbo e la visualità
Arte di Almandrade. Foto: Rivelazione.

Almandrade, Il concetto tra il verbo e la visualità

(piccoli formati)

GALLERIA BARÓ – consolazione

Dopo il movimento di poesia concreta, Ci sono 60 anni e il poema/processo per 50 anni che hanno condotto al totale visualizzato radicalizzazione: la parola è stata esonerata dal poema, ottenere solo i segni o le parole / immagini che si sviluppano nello spazio bianco della carta. La generazione di poeti artisti emersi nella 1970 ha preso le ultime conseguenze di risorsa dell'arte concettuale, esperienze di arte e neoconcretistas di posta, si distingue da quella generazione baiano artista visivo e poeta, con un background in architettura Almandrade. La grande ricchezza visiva alleata alla semantica della proposta rende Almandrade uno dei lavoratori più creativi della lingua. Un costruttore / inventore.

' Potremmo quasi dire che Almandrade ha inventato una nuova forma di ' Haiku brasileiro ', ridotto a semplice il tuo discorso." (Marc Pottier). Tra poesia e concetto visivo, tra la forma e la parola, tra rigore e poesia passeggiate lavoro di Almandrade. Baiano esponente dell'arte concettuale e, in data odierna, uno dei grandi nomi del brasiliano arti visive, con una produzione rispettata in maggiore arte circuiti nel paese e riconosciuto a livello internazionale. Dal giorno 04 Aprile, parte di questa produzione, in formati più piccoli possono essere visto in Galleria Baró, in consolação Street Gardens, giocare fino al giorno 30 Aprile. La Mostra integra l'uscita dell'album di incisioni, circolazione di 50 copie (16x22cm). Sono 10 Poesie visive prodotte nella 70 e modificato in 2016 da incisioni in Brasile.

Con circa di 45 anni di attività artistica, Almandrade ha bisogno di presentazioni. Il loro lavoro, iniziato in mezzo la forza creativa che ha segnato il movimento artistico nella 1970, ha una caratteristica molto particolare: rappresenta l'universalità dell'arte, alternando il costruttivista estetico, arte concettuale e la poesia visiva. Coerenza e rigore nel trattare con diversi media, fare Almandrade, un pensatore che utilizza queste staffe per produrre riflessioni, un autentico rappresentante di una generazione che ha presentato nella 1970.

Almandrade, O conceito entre o verbo e a visualidade, convite. Divulgação.

Almandrade, Il concetto tra il verbo e la visualità, invito. Rivelazione.

Almandrade (Antônio Luiz M. Andrade)

Artista, architetto, Master in progettazione urbana e poeta. Ha partecipato a diverse mostre collettive, tra elas: XII, XIII e XVI Biennale; “In sostanza Cerca” – mostra speciale XIX Biennale; IV Sala Nazionale; Universe Calcio (MAM / Rio); Fiera Nazionale (S.Paulo); II Paulista Sala, Prima Esposizione Internazionale di Scultura effimera (Fortezza); I Salon Baiano; II National Hall; Menzione d'onore nel Studentato I 1972. Collettivi poesie visive integrati, progetti multimediali e impianti in Brasile e all'estero. Uno dei creatori di Bahia Language Study Group che ha curato la rivista “Semiotica” il 1974. Ha tenuto circa venti mostre personali in Salvador, Reef, Rio de Janeiro, Brasilia e San Paolo tra 1975 e 1997; ha scritto in diversi giornali e riviste specializzate sull'arte, architettura e urbanistica. Premi in gara dei progetti per belle arti opere del Museo d'Arte Moderna di Bahia, 1981/82. Fundarte award nel XXXIX Salone delle arti plastiche di Pernambuco, nel 1986. Pubblicato opuscoli di poesia e/o opere visive: “Il sacrificio del senso”, “Colori scuri di risate”, “Poesie”, “Sudorazioni notturne” e architettura in cotone”. Copene premio di cultura e arte, 1997. Ha opere in diverse collezioni pubbliche e private, come: Museo di arte moderna di Bahia e Pinacoteca comunale de São Paulo, Il Museo della città (Salvatore), Museo africano (Sao Paulo), Museo d'arte del Rio Grande do Sul).

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*