Casa / Art / Antonio Bokel torna a São Paulo con la Mostra "Tutto"
Antonio Bokel (in primo piano). Foto: Rivelazione.
Antonio Bokel (in primo piano). Foto: Rivelazione.

Antonio Bokel torna a São Paulo con la Mostra "Tutto"

Mostra personale dell'artista carioca in Galleria d'arte Aura
raccoglie 20 fabbrica, tra i dipinti, sculture e fotografia,
e sta giocando tra 29 Agosto 30 Settembre

Il lavoro di Antonio Bokel transiti, oltre 15 anni, tra il linguaggio urbano di lecca-lecca, dei graffiti e graffiti che attacca, fotografia, scultura e le schermate. Il ponte zona Rio-SP dal febbraio quest'anno, gli artista Carr ha pubblicato il tuo libro, "Vista", durante la SP-Arte. Il lavoro illustra, così Panoramica, sua storia e la produzione.

Pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

Con uno sguardo di "migranti" nella città di São Paulo, Notando le preoccupazioni della metropoli, Bokel iniziò il processo di creazione la nuova Mostra, "Tutto ciò che è coperto", Si apre al pubblico in 29 Agosto, Aura Galleria arte, in Vila Madalena, a cura di Paul Gallina.

Lo spettacolo ha, circa, 20 fabbrica, essendo 17 quadri e 3 sculture in cemento e bronzo. L'idea per l'individuo si avvicinò durante una passeggiata con il curatore, attraverso l'osservazione, lungo il percorso, oggetti nascosti per altre superfici – tessuti e teloni, altri. "Tutto ciò che è coperto mi ispira", ha detto l'autore del lavoro al momento.

Da lì, Ciò che era già latente nelle parti precedenti dell'artista, attraverso il passaggio di nuove vittorie pittura al form, tra cui la scultura e la fotografia. Questo individuo, per esempio, come 17 dipinti rivelano la preoccupazione con il carattere di segno, come se ogni riga, movimento e al colore di preoccuparsi con il record di quello che è successo e non con la "stessa immagine". Su questo processo, Gallina nel testo visualizzato curatoriale:

"Quando si riflette universo delle arti è sempre pensare in immagini, con frequenza, tuttavia, confuso, se un'opera d'arte con la superficie dell'immagine. Forse in produzioni artistiche, come musicale o letterario, il rapporto tra la forma e il contenuto sarebbe addirittura assumere non si riferiscono tanto per le immagini sul ruolo. Con produzione in arti plastiche, tuttavia, l'immagine è presa ripetutamente come sinonimo la superficie visibile. Una conclusione abbastanza logica, anche se si dimostra di essere false nel contesto della ricerca e della produzione dell'artista Rio Antonio Bokel".

Uno dei momenti salienti dell'esposizione è l'insieme di quadri dal titolo "Ridere" (2017), in cui Bokel esorta all'osservatore di un'esperienza. Tessuti di lino e cotone si sovrappongono gesti liberi di linee e forme per la durezza della geometria di nerezza: A differenza di analisi matematica, come un modo per affrontare il mondo mentale, la risata" (2017)"rivela un altro modo: esplorata durante il momento fuori dal tempo-con nessun passato e nessun futuro – come mettere in vista mentre occorrenza. Altri dipinti, come "Amilcar a piedi nudi" (2017) "merci e" (2017), ridimensionare il discorso visivo dell'artista per l'interesse di tracce e tracce, come il rettangolo giallo"Costi di spedizione", che suggerisce una superficie che è stati completamente nascosti da uno strato di vernice blu.

Questo feticcio – o plasticità erotico – la copertura e scoprire, il rivelare e nascondere, riguarda il linguaggio visivo adottato nei dipinti, ma è anche presente in tre sculture e l'unica immagine che compongono il "tutto". Nelle sculture, tessuto di sostegno e coprire strutture di cemento pesante e, anche, mostrare e nascondere gli oggetti coperti. In opere come "che cosa è coperto" (2017, Bronzo), "Rolling" (2017, Bronzo) e "sostenibile leggerezza" (2017, cemento e bronzo) C'è la stessa indagine il gioco inaspettato tra l'inaugurazione e la Nascondi; la forza di guadagno di sculture sulla dialettica tra peso e leggerezza.

Ispirato nei tessuti che coprono i corpi nel Rinascimento rilasciato, Bokel continua l'esercizio iniziato nelle precedenti esposizioni con l'uso di cemento e bronzo. La differenza per quell'individuo risiede nella fusione dei tessuti bronzo, che suggerisce l'aspetto di leggerezza in un dialogo con una materia prima come il cemento. "Corpi coperti che possono nascondere o rivelare, sia in pittura e scultura. Il dipinto copre la superficie, lasciare tracce e strati sovrapposti, ma lasciando sempre un indizio di sostegno, come un feticcio", analizza l'artista.

SU ANTONIO BOKEL

Nato a Rio de Janeiro, il 1978. Si è laureato in Graphic Design by UniverCidade, il 2004. La sua prima Mostra personale si tenne nel 2003, nella Galleria d'arte di Ken, Firenze (Italia), dove risiedette e ha seguito corsi di fotografia e storia dell'arte. A Rio de Janeiro, modello lezioni vivo con bandiera e frequentò corsi di pittura con João Magalhães e Luiz Ernesto, presso la school of Visual Arts di Parque Lage. Nel corso degli ultimi due decenni hanno presentato il lavoro in Brasile e all'estero.

Sue mostre principali erano: il 2012, "Grammatica urbano", nel Centro Municipal de Arte Hélio Oiticica, Rio de Janeiro; 2013, "Trasfigurazione del sentiero", nel Centro Municipal de Arte Hélio Oiticica; 2014, più un individuo, "On the edge of the world", il centro culturale di giustizia federale, Rio de Janeiro; 2015, "La natura d'or", Mercedes Viegas Gallery, a Rio de Janeiro; 2014, "Nuove acquisizioni", presso il Museo di arte moderna, a Rio de Janeiro; 2016, "Niente ma le parole", Matias Brotas Gallery, nella vittoria, e la Mostra "punto di vista/site specific", nei giardini del Palazzo di Pena, a Sintra (Portogallo). E poi, Residenze in AAAAA su cosa ma verità di fatto, nella Sid Lee collettiva Galleria, Amsterdam (Olanda), in ARTHUR – United Artists in Residence, a Lagos (Portogallo), e nel quartiere di Art di Cittadella, a Cascais (Portogallo). È stato nominato aquilone 2015.

SULLA GALLERIA D'ARTE DI AURA

Stabilito nel mese di aprile 2015, la ricerca di Aura rappresentano artisti che sono collegati con i processi del tempo corrente, con Guarda attento all'esperienza contemporanea. "Così, tante volte, Ci concentriamo sulla scelta dei giovani artisti che si trovano sul germoglio delle sue scoperte, così pulsa con quel contesto di collegamento. D'altronde, Ci sono artisti che presentano una traiettoria più lunga in questo scenario, come è il caso di Antonio Bokel. in esso, sull'impatto la capacità di pensare e di trasmutare l'urbano. Ci sono schermi e sculture che giocano con gli strati della città, di dare o non visibilità, e anche giocare con il movimento e la spontaneità", dice il direttore della Galleria, Bruna Bailune. Attualmente, diviso in due fronti: la Galleria a São Paulo, che esegue mostre di artisti rappresentati, e la piattaforma online (www.Aura.art.br), cui obiettivo è quello di promuovere più ampio modo democratico la produzione di giovani artisti brasiliani. L'Aura agisce anche nella creazione e nell'esecuzione di diversi progetti artistici. Dalla tua creazione, tenuto 15 Mostra tra Porto Alegre e São Paulo – e ha partecipato a fiere d'arte e Mostra progetti sostenuti. È stata nominata per un premio da belle arti IX (2015), nella categoria in primo piano nello spazio istituzionale, Pubblici o privati, Diffusione artistica in Porto Alegre/RS.

SERVIZIO

Apertura: 26 Agosto 2017, Sabato, da 11:00 a 15:00
Visto: di 29 Agosto 30 Settembre 2017; Dal martedì al sabato, dalle 14h alle 19h.
Dove: Aura Gallery Art-Rua Wisard, 397, Vila Madalena, Sao Paulo.
Tale. 3034-3825

Sito: www.Aura.art.br

.

Testo curatoriale:

TUTTO È COPERTO, DA PAOLO GALLINA

Quando si riflette universo delle arti è sempre pensare in immagini, con frequenza, tuttavia, confuso, se un'opera d'arte con la superficie dell'immagine. Forse nelle arti letterarie produzioni artistiche o il rapporto musicale tra la forma e il contenuto anche prendere non parlerebbe così tanto per le immagini sul ruolo. Con produzione in arti plastiche, tuttavia, l'immagine è presa ripetutamente come sinonimo la superficie visibile. Una conclusione abbastanza logica, anche se risulta per essere false nel contesto della ricerca e della produzione dell'artista Rio Antonio Bokel.

I dipinti di Antonio rivelano prontamente all'interesse del segno dell'occhio, come se la linea, campo del campo di colore per colore, l'artista a registrare movimenti senza doversi esattamente con l'immagine risultante. Perché l'immagine è il risultato del record, non mi dispiace per gesto accade. La serie di dipinti RISATA (2017) sta rivelando questo momento di Bokel: i tessuti di lino e cotone ad interim, l'artista inoltre si avvicina e si sovrappone i gesti per liberare la geometria delle forme geometriche lineari pieno di oscurità. Quasi naturalmente, Antonio rivela all'osservatore come entrambi gli atteggiamenti sono formati dalle stesse spazzole, spray, spatole e le dita che giaceva la vernice, sono strati di vernice che copre le superfici e fingendo di essere forme geometriche senza la pretesa di avvicinamento matematica Analitica capace di concepire queste stesse forme. Ecco perché la matematica è un modo mentale avvicinarsi al mondo e forme, Anche se il set di pannelli RISATA È un'esperienza da esplorare mentre momento fuori dal tempo: senza passato e senza futuro, l'artista richiede l'osservatore che esiste e nota che l'esistenza della materia messo la vista. Non a caso, alcuni dei dipinti in questa mostra la superficie dei tessuti, le lenzuola, delle superfici coltivate a cotone e piastre di legno sono esposti a guardare, Questa procedura implica un ampio pensiero circa la pittura in cui l'artista crede l'elemento di sostegno da evidenziare oltre alla ricerca sul gesto registrati online o colorata superficie.

Altri dipinti come Amilcar (2017) e Trasporto (2017), Oltre al dato che integra il supporto ¹ immagine, rivelare anche l'interesse dell'artista di tracce, tracce di molti Stati che speso il dipinto. In Trasporto, per esempio, il rettangolo giallo più o meno in suggerito l'immagine centrale è lo scavo di una superficie che è stati completamente nascosti da uno strato di vernice blu. Lo scavo, in questo dipinto, è la rivelazione della memoria del modo fino a quando questa immagine finale, come se la passeggiata fino a quando l'immagine è stata infatti lo scopo della pittura e non semplicemente il feticcio del pezzo finito o immagine ivi contenute. Anche se più piccoli dipinti come scatole di legno dipinto con vernice ad olio, esplorare anche la caratteristica peculiare di questa diluizione del pigmento. I gesti della serie Untitled

Un pittore che lavora con vernice ad olio apre il colore (Crea una tavolozza di sfumature dalla miscela dei colori in un colore di base), Antonio Bokel rivela queste tavolozze/miscele con i suoi piccoli dipinti olio.

Nel tuo libro La storia universale dell'infamia ² Jorge Luiz Borges presenta al lettore il racconto di un re cinese che esige dei suoi cartografi rendere le mappe con proporzione 1:1 Ecco una mappa che ha le stesse dimensioni del Regno. Borges, il tuo racconto, Commentando di esperienza umana a coprire il mondo con la vostra percezione. Lavoro di plastica carioca Antonio Bokel inverte questa percezione, che richiedono l'osservatore la vostra presenza sul posto di lavoro, non permettere che l'osservatore è solo un'entità che capisce il mondo come è la mappa in relazione al Regno del racconto dell'autore argentino.

Commenti

1 Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*