Casa / Art / "Arte contemporanea brasiliana: opzione di grande investimento!"da Alexandre Romanini
Alessandro Romanini. Foto: Renata Montagneri.

"Arte contemporanea brasiliana: opzione di grande investimento!"da Alexandre Romanini

Ogni crisi porta con sé opportunità, dice il popolare Buzzword. Con una ritrattazione 3,8% nel PIL e inflazione accumulata di 10,67% il 2015, Previsioni economiche più complicati per 2016, alcuni veicoli di media mai profetizzano che la peggiore crisi economica mai sperimentato dal paese. In questo scenario, C'era anche un significativo rafforzamento del dollaro, con un aumento di quasi 50% nello stesso periodo, e la conseguente diminuzione del potere d'acquisto del brasiliano.

La considerazione che, come sempre accade in questo tipo di scenario, è un guadagno di competitività del prodotto nazionale, che automaticamente diventa più conveniente in dollari e diventa più attraente all'estero. I dati ufficiali indicano che 2015 anche portato il più elevato avanzo della bilancia commerciale in un anno chiuso dal 2011, con $ 19,69 miliardi di euro. Purtroppo, responsabile di questo risultato positivo è stato la drastica riduzione delle importazioni, giusto per avere l'effetto opposto, che rende il prodotto acquistato all'estero diventa troppo costoso. Le esportazioni sono scese a $ 225 miliardi di euro nel 2014 per $ 191 miliardi di euro nel 2015.

Pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

Ancora causando un impatto sul tocco di stravaganza del paese commercio equilibrio, un mercato che è riuscito a sfruttare tale aumento di dollaro scenario e leva le esportazioni in vari posti nel mondo, era arte. Paesi importanti all'interno del contesto dell'arte contemporanea come gli Stati Uniti e l'Inghilterra sono stati destinatari di gran parte di queste esportazioni.

Secondo i dati l'agenzia brasiliana di promozione delle esportazioni e degli investimenti-APEX, il volume totale di opere vendute all'estero 2014 era R$ 270 milioni di euro, un salto significativo 97,4% Rispetto a R$ 136 milioni di euro 2014. Tuttavia è abbastanza noto che una cosa è di penetrare un mercato, e molto altro per tenerlo. La possibilità di a buon mercato reale ha aperto le porte a gallerie e collezionisti nel mondo, Ma quali sono le reali prospettive per una perpetuazione di questi risultati nel corso degli anni?

Artisti, critici e studiosi d'accordo che non c'era solo un aumento, ma, anche, una maggiore professionalizzazione della produzione artistica contemporanea brasiliana. Rodrigo navate, in "the hard way", dice il seguente: "certamente, Abbiamo un mezzo d'arte professionale, in cui operano gli enti più regolarmente e dove più persone possono vivere attività legate alle arti visive. Senza dubbio, Ci sono più artisti lavorano continuamente e commesso, con la migliore possibilità di mostrare le loro opere e diffonderle in libri e cataloghi".

Oltre al parere ben fondato di autore, cercare eventi recenti e calcestruzzo a sostegno di tale parere: Nel mese di febbraio, il giorno della chiusura della 35a. Edizione di ARCO Madrid, il quotidiano El País pubblicato questione comprendendo l'importanza dell'America Latina in fiera, con importanti specializzazioni agli artisti, collezionisti e gallerie in Brasile.

Siamo ancora nel mese di marzo, e 2016 Abbiamo mostre personali di artisti brasiliani almeno tre in importanti gallerie di Londra. La mineira Rosangela Rennó, Claudio Tozzi e carioca scultore Alexandre da Cunha paulista sono stati scelti per mostrare il loro lavoro. Il Gaucho Regina Silveira ha anche Mostra personale, ma a New York.

Prima di tutti questi fatti, la lettura è che l'arte contemporanea brasiliana è qualità, riconosciuto dai collezionisti e istituzioni internazionali, e le esportazioni tendono a continuare a ritmo sostenuto fino a quando sulla base di un tasso di cambio favorevole. Pertanto, Ci sono buone probabilità di recupero di alcuni lavori e alcuni artisti. Nello scenario interno, il collettore e l'investitore avviso condizioni abbastanza favorevoli per tornare a frequentare gli spazi espositivi delle gallerie e riscaldare questo mercato, bella come promettente.

*Alessandro Romanini
Partner e direttore di Periscope arte contemporanea
periscopio.art.br

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*