Casa / Art / MADRE nera – memoria della schiavitù, maternità e femminismo nella Mostra il nuovo nero di arte contemporanea
La serie Look modalità, Interferenza di incisione di Jean-Baptiste Debret. Isabel Löfgren e Patricia Gouvea, 2016. Rivelazione.
La serie Look modalità, Interferenza di incisione di Jean-Baptiste Debret. Isabel Löfgren e Patricia Gouvea, 2016. Rivelazione.

MADRE nera – memoria della schiavitù, maternità e femminismo nella Mostra il nuovo nero di arte contemporanea

Giorno di apertura 23 Luglio, alle 15:0

Immagini conosciute di balie negras, Iscritto dal secolo di mid-19TH agli inizi del XX secolo, sono il punto di partenza della ricerca degli artisti Isabel Löfgren e Patricia Gouvea per visualizzare madre nera, a cura di Marco Antonio Teobaldo, Nero nuova galleria d'arte contemporanea, Istituto di ricerca e memoria nero nuovo (IPN), A Gamboa.

Pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

La mostra è parte del fiume Madre nero circuito culturale, concepito dal dipartimento della cultura città del fiume, per il programma culturale dei giochi olimpici e paraolimpici periodi, da maggio a settembre 2016. A spettacoli, che è anche parte del programma ufficiale del FotoRio 2016, Ricerca per rintracciare i legami tra lo status sociale e risonanze di maternità durante la schiavitù e le voci delle donne e delle madri in epoca contemporanea. La mostra riunisce opere in fotografia, Stampe, video e installazioni create appositamente per l'IPN, dove è situato il sito archeologico del cimitero nuovo nero, in cui sono stati sepolti migliaia di schiavi africani i nuovi arrivati in paese alla terra, nella prima metà del XIX secolo.

"La mostra è una reinvenzione dell'iconografia poetica relazionato a madri nere all'interno di un linguaggio contemporaneo, prendendo come punto di partenza la raccolta di immagini di Instituto Moreira Salles e reinterpretazioni di libri con incisioni di Jean-Baptiste Debret, Johan Moritz Rugendas e altri artisti. Attraverso gli interventi in queste immagini con oggetti ottici, come vetro e lenti d'ingrandimento, Evidenziamo la complessità dei rapporti di balie con bambini bianchi dei loro padroni, schiave donne e bambini dei loro propri. Così noto, Queste immagini sono visti superficialmente e non rivelare le storie di violenze subite da queste donne", spiega Patricia Gouvea.

In questo senso, tempo di segni naturali in riproduzioni di Marc Ferrez negativi vengono utilizzati per simboleggiare le cicatrici esposte su composizioni fotografiche, sostituendo le copie perfette. Si tratta di una strategia artistica in cui l'obiettivo è migliorare il salto nel tempo tra passato e presente e invisibilità, lacune e silenzi vissuta dai ritratti, che continuano a riverberare in questo nero donne brasiliane.

"La mostra cerca di collegare la rappresentazione di quelle madri nere e la maternità in archivi storici del periodo coloniale al ruolo esercitato dalle madri di oggi. Il nostro posizionamento è femminista al fine di dare visibilità alle storie di donne, Oltre a mettere in discussione il motivo delle lacune storiche in relazione al ruolo fondamentale delle donne nere nella nostra storia sociale e visual", dice Isabel Löfgren.

Secondo Marco Antonio Teobaldo, Curatore della Mostra, gli artisti hanno eseguito una ricerca approfondita negli ultimi 18 mesi sul tema, che scatenare una serie di riflessioni e prospettive sulle donne nere in Brasile. Per questo motivo, gli autori hanno scelto di dare voce a queste donne, attraverso un lavoro in video, modo che si può parlare di maternità, discriminazione, memoria, ascendenza e altri argomenti. Come parte di un'opera più concettuale, Statistiche di mortalità infantile dal momento di apertura del cimitero nero New verranno confrontate con i dati correnti.

La Mostra vi lascerà in eredità dell'IPN, dove si incontrano una nuova sezione femminista neri autori, titoli e opere sulla leadership nera. Inoltre, un'area orientata verso la letteratura per bambini metterà in evidenza titoli dove i bambini neri sono protagonisti. Le pareti della Biblioteca avrà ritratti di eroine di nero da Anastasia, Tereza di Nzinga di Angola Benguela e le femministe Afro-brasiliana Lélia Gonzalez e Sueli Carneiro, tra altre donne rappresentano conquiste sociali, Nero femminile lotta e resistenza in Brasile.

Il lavoro mira a contribuire al dibattito circa il rendere commemorativo della schiavitù, che si svolge a Rio de Janeiro, dal momento che la scoperta del sito archeologico di Cais Valongo, il 2010, con la redenzione di parte della storia della città e del Brasile fino ad allora sepolto. La mostra comprende lezioni e workshop con gli storici della schiavitù, scrittori e artisti neri attiverà lo spazio con le riflessioni sulla rappresentazione della razza e di genere nella società. Una pubblicazione su carta da giornale, supporto molto usato dalla stampa abolizionista, sarà distribuito gratuitamente.

Gli artisti lavori insieme per più di un decennio e ha tenutosi la Mostra tempo banca nel Lago Galleria/Museo della Repubblica in 2012, con pubblicazione lanciato nel 2015. La ricerca di coppia, nella sua ricerca artistica, creare modi di relazionarsi luoghi storici e i file di immagini ai dibattiti attuali attraverso l'arte contemporanea. Il nero nuova galleria d'arte contemporanea, con la direzione artistica di Marco Antonio Teobaldo, si esibisce dal 2011 mostre ed eventi con artisti e pensatori che possono contribuire alla riflessione sulla memoria della schiavitù e l'eredità africana nella cultura brasiliana.

FIUME DI CIRCUITO CULTURALE

Progettato dalla città di Rio, circuito culturale fiume ha più di 700 luoghi di interesse, selezionato e sponsorizzati per mezzo di avvisi del segretario comunale di cultura, che sarà presentato in più di 100 spazi culturali sparsi per la città, Oltre agli eventi che si verificano all'aperto. Con i giochi, mostre, spettacoli, spettacoli di danza, Attrazioni di circo, eventi culinari, manifestazioni di Piazza, feste serali, danze e simili, circuito culturale renderà possibile un fiume pieno di esperienza di diversità culturale Carpenter.

NERO MAMMA

Esposizione di Isabel Löfgren e Patricia Gouvea
A cura di Marco Antonio Teobaldo
Local: Nero nuova galleria d'arte contemporanea
R. Pedro Ernesto, 32/34,Gamboa, Rio de Janeiro, RJ
+55 21 2516-7089
Dati: Apertura 23 alle 15:00
Visitazione: 25 da luglio a 25 Settembre
Visitazione: 3il 6 ° – le 13:00 a 19:00 | Sabato – da 10.00 a 13:0
Metropolitana: Centrale
Ingresso gratuito

Libro

Commenti

1 Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*