Casa / Art / Museo della fotografia riceve la Biennale di Curitiba 2015
Foto di Jules Spinatsch.

Museo della fotografia riceve la Biennale di Curitiba 2015

Quattro Mostra fotografica della Bienal de Curitiba 2015 occupare la domenica successiva (4) il Museo della città di Curitiba fotografia, al Solar do Barão. Le mostre "Ablepsia", il nucleo fotografico APAP-PR, "Seconda infanzia", Nicole Lima, e le opere di fotografi Romie Pocztaruk e Jules Spinatsch sono relativi al tema di questa edizione della Biennale, "Luce del mondo".

Foto di Luiz Guilherme Todeschi

Foto di Luiz Guilherme Todeschi.

Riflessioni sulla cecità -Basato su questo tema, il lavoro dei fotografi fotografia core membri dell'associazione professionale di artisti visivi del Paraná (APAP-PR), fare una riflessione circa la cecità. Ablepsia è la mancanza o la perdita di visione, "cecità mentale o spirituale". Considerando che la luce è una condizione per l'esistenza della fotografia, cercato di esprimere in immagini un contrappunto di fotografi, risultati che la luce in eccesso può causare cecità.

L'insieme di immagini che cerchi di non vedere e di solito passa inosservato, Ricerca di una realtà sensibile, mostrando contesti e visioni di una cecità"visibile" che la maggior parte delle persone nel vostro giorno per giorno non vede. La Mostra rende un riflesso di ciò che stiamo guardando e che cosa ce ne andremo a guardare.

Il gruppo è formato da artisti Aurelius Peluso, Christian Schönhofen, Daniel Rebello, Francisco Santos, Lara di Ian, Lucia Biscaglia, Luiz Guilherme Todeschi, Luiz Gustavo Vidal, Mathieu Bertrand, Mauricio Vieira, Regina Oleski, Sandra Carrillo e Vanessa Múrio. Per spettacolo, il nucleo della fotografia APAP aveva il sostegno della Bienal Internacional de Curitiba 2015, gli avvocati del Paraná e la Rubrica fuori rete cultura.

Foto di Jules Spinatsch.

Foto di Jules Spinatsch.

Controllo della natura -Uno degli artisti stranieri della Biennale, Jules Spinatsch svizzero presenta in immagini di Curitiba del progetto "Gestione di neve", un caso di studio del turismo invernale nelle Alpi d'Europa. Le sue opere ha evidenziato dubbi l'ossessione umana per controllo, per lo più di natura, la politica, la percezione del pubblica e altre. Le foto hanno un approccio documentario, Offre una vista del dramma e poesia del reale, mantenendo una distanza analitica, così lasciando aperta una sua interpretazione allo spettatore. Jules Spinatsch vive e lavora a Zurigo, e insegna presso l'Università di arte e Design di Ginevra. Pluri-premiato fotografo, Spinatsch recentemente esposto al Museum of modern art di New York.

Esercizio a guardare -L'esposizione di Romie Pocztaruk porta in primo piano una costante nella sua carriera: il viaggio come lavoro. Amazon, Islanda, Uruguay, Germania, Nova York, Bosnia, Cina sono solo alcuni dei luoghi per cui l'artista puntato la sua macchina fotografica. Ora, si propone di esercitare sguardo spettatori, sguardo, guardare e guardare nuovamente queste e altre decine di immagini. Tuttavia, per visualizzare le immagini, tranne poche eccezioni, Non è possibile dire con precisione quale paese ogni di loro è stata effettuata. I rimorchi sono parcheggiati in Islanda o in Uruguay? I resti di cemento presi dalla vegetazione sono rimasto opere a Manaus o a Sarajevo? Il carro funebre è accanto a un edificio amministrativo o Gaza o parete di una chiesa a Reykjavík?

Foto di Romie Pocztaruk.

Foto di Romie Pocztaruk.

La vaghezza delle immagini geografiche conduce ad altre riflessioni. Quando sai dove ogni fotografia è stata effettuata, contestualizzare le immagini, assegna loro una storia, un clima, un'identità. Tuttavia, tutto ciò che presto perde di nuovo, attivazione del funzionamento impostato un tonico dominante rivela non posto specifico, ma il comune di tutti. Questa imprecisione dei locali ci porta alla comprensione di un mondo non limitata da confini politici, quelli che sempre, a un certo punto, generazione di guerre, morte e distruzione.

Romie Pocztaruk ha una laurea in arti visive e master in Visual poetica dall'Università federale del Rio Grande do Sul. A Porto Alegre, opere con la fotografia, video e performance. In 2012 Ha aderito al programma di residenza di artista di Sunhoo Industrial Design Innovation Park, in Cina; il 2011 ha ricevuto la borsa di studio Iberê Camargo per risiedere nel Bronx Museum, de Nova York. Ha partecipato a numerose mostre nazionali e internazionali, fra loro il 31 Biennale di São Paulo, il 2014.

Foto di Nicole Lima.

Foto di Nicole Lima.

Seconda infanzia – L'impianto proposto dall'artista Nicole Lima – "Seconda infanzia: Ti dico sfacciatamente che la luce celeste scura "– si compone di immaginato vivo e morto: rimane di scartate fotografie di cui l'artista si appropria per ri-presentare loro distrutti o ricostruito secondo le istruzioni dei vostri donatori. Nello stesso spazio, l'artista farà uso dei dispositivi audio: testimonianze dal tardo blind in risposta ad una singola domanda: Quali immagini ti ricordi?

Nicole Lima è un fotografo, artista visivo, Professore e ricercatore nelle arti e linguaggi visivi. Laureato in architettura e urbanistica, UFPR, specialista nella progettazione di interni di Positivo University e storia dell'arte moderna e contemporanea di EMBAP, Master in processi artistici contemporanei da UFSC. L'artista ha partecipato al programma di indennità di produzione per le arti visive della Fondazione culturale di Curitiba (2008-2010). Insegna cultura visiva, Foto Copyright e ricerca nella parte superiore della fotografia foto su positivo Technology Center.

Servizio:

Aderenti al circuito espositivo dei musei della Bienal de Curitiba 2015 "Luce del mondo".

  • "Ablepsia", artisti principali della fotografia APAP.
  • "Seconda infanzia: Ti dico sfacciatamente che la luce celeste scura ", artista Nicole Lima.
  • Mostra di fotografie di Jules Spinatch
  • Mostra di fotografie di Romie Pocztaruk
Local: Museo della fotografia Curitiba città-Solar do Barão (R. Carlos Cavalcanti, 533)
Date e orari: Di 4 Ottobre a 10 Dicembre 2015. Da martedì a venerdì, le 09.00-12.00 e 14:0 di 18:0, Sabato e domenica dalle 12.00 alle 18:0.
Ingresso gratuito

Informazioni: (41) 3321-3275

.

Controllare sulla mappa:

Commenti

3 commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*