Casa / Art / Museo d'arte di fiume si apre “Dja Guata tuttavia l Rio de Janeiro indigeno"

Museo d'arte di fiume si apre “Dja Guata tuttavia l Rio de Janeiro indigeno"

Il Museo d'Arte di Rio – AS, sotto la gestione dell'Istituto con il supporto del Odeon e Repsol Sinopec Brasile, Apre la Mostra "Dja Guata Porã | Rio de Janeiro indigeno", un percorso tra storia e contemporaneità delle culture indigene nello stato. Progettato dal team di ricerca e formazione sul mare e sotto a cura di Sandra Benitez, José Ribamar Bessa, Pablo Lafuente e Clarissa Diniz, "Dja Guata Porã | Rio de Janeiro indigeno "nasce dalla collaborazione di persone, villaggi, movimenti e delle popolazioni indigene che risiedono nello stato e nella capitale da Rio de Janeiro. È una riflessione sulla realtà indigene a Rio de Janeiro oggi, così come per il passato che lavato in questo presente.

Ci sono molti posti nello stato che puntano a storia indigena e attualità della regione: Sepetiba, Cachambi, Tijuca, Catumbi, Ipanema, Guaratiba, Inhaúma, Jacarepaguá, Irajá, Paraty, Itaboraí, Niterói, Itaguaçu, Itatiaia… Non solo dai nomi, ma fondamentalmente la cultura e la storia del fiume, perché gran parte del "be carioca" è inseparabile dal tuo indiano patrimonio-il termine stesso "carioca" viene, Secondo documenti etnografici, il villaggio tupinambá Kariók, Situato ai piedi di quello che oggi è l'Outeiro da Glória. Questa presenza, Tuttavia, Non è ampiamente visibile, non riconosciuto. La storia indigena di Rio de Janeiro ancora nascosto, mettere a tacere la presenza delle popolazioni indigene e il vostro contributo enorme alla nostra vita quotidiana e la nostra capacità di immaginare il futuro.

La mostra è divisa in diversi cluster e presenta al pubblico circa 260 pezzi – tra i video, fotografie, mockup, oggetti, installazioni e disegni-, tra le altre innovazioni creati dalle popolazioni indigene per la Mostra, incrociata con documentazione e iconografia storica su alcune delle questioni più importanti di questa memoria, opere che saranno nelle gallerie e (B) 3° piano del padiglione espositivo.

Con la Mostra, il pubblico avrà l'opportunità di sperimentare una lezione di storia e integrare con notizie native a Rio de Janeiro. Una sequenza temporale, A forma di serpente, mostrerà, chiaramente, testi, immagini e documenti che punta alle relazioni, spesso violenti, tra i coloni e le popolazioni indigene. Il serpente si presenta come protagonista di narrazioni di origine dei vari popoli, attenzione-in, attraverso i miti che porta, altri historicidades e possibili futuri. Nel tuo percorso, il rettile traccia un percorso del destino incerto, costruito come un processo potenzialmente infinito, attraversato da combattimento, curriculum, propostas e esperanças.

Il contextualizará di concetti di timeline, periodi ed eventi, mentre quattro core di far luce sui popoli indigeni che abitano lo stato oggi: Guarani, Puris e Pataxós, che vivono nel contesto urbano, L'esempio del villaggio Maracanã, e che fanno parte della nostra cultura e società. Ogni core presenterà importanti aspetti della loro vita, di spiritualità per l'economia a Rio de Janeiro.

Contemporaneamente, cinque stazioni progettate in collaborazione con Joshua Kaingang, Eliane Potiguara, Anari Pataxó, Tony Sun ed Edson Kayapo, presentano temi attraversando tempi e persone, che denota la rilevanza per la storia culturale e la resistenza dei popoli indigeni: commercio, arte, formazione, donne e natura. Quest'ultimo è di fuori dello spazio espositivo, in un'occupazione presso Praça Mauá, con una crescente comunità giardino sotto cura indigeno. I soggetti delle stagioni sono, contemporaneamente, resistenza di culture e territori dei diritti indigeni, da cui si riferiscono e negoziare con i non-indigeni.

Così, come si può vedere l'installazione sonora che riceverà i visitatori sulla passerella di accesso alla sala espositiva, "Dja Guata Porã" evoca e cerca la dimensione polifonica della diversità culturale delle persone che hanno fatto e fanno la storia di Rio e il Brasile.

"Dja Guata Porã" Dja Guata Porã | Nativo di Rio de Janeiro è anche un percorso di apprendimento collettivo, negli scambi tra tutti coloro che sono coinvolti, formate le intenzioni, Lingue, urgenza e giunti. Il titolo dello show in Guarani in punti a una costruzione collettiva, un percorso a piedi insieme e orientata verso il futuro.

Il Museo d'Arte di Rio – AS

La VAS è uno spazio dedicato all'arte e alla cultura visiva. Occupa due edifici su praça Mauá: stile eclettico, che ospita la Sala delle Esposizioni; altro stile moderno, Guarda dove il lavoro della scuola. Il progetto architettonico unisce i due edifici con una copertura di cemento liquido, che si riferisce ad un onda - un marchio di fabbrica del museo -, e una rampa, dove i visitatori vengono a spazi espositivi.

Un'iniziativa di Prefeitura do Rio in collaborazione con Fundação Roberto Marinho, il mare ha attività che coinvolgono la raccolta, registrazione, ricerca, la conservazione e la restituzione dei beni culturali per la comunità. Supporto proattivo istruzione e cultura dello spazio, il museo è nato con una scuola - Look Scuola -, la cui proposta è museologico innovativo: favorire lo sviluppo di un programma educativo di riferimento per le azioni in Brasile e all'estero, che unisce arte ed educazione dal programma curatoriale che guida l'ente.

Il mare è gestito dalla Instituto Odeon, un'organizzazione sociale della cultura, selezionata per il corridoio di città di Rio de Janeiro per avviso pubblico. Il Museo ha la Grupo Globo come maintainer, gli BNDES come sostenitore della riserva tecnica e Repsol come un sostenitore della Mostra "Dja Guata Porã | Rio de Janeiro indigeno".

La scuola ha l'aspetto Fecomercio sistema RJ, attraverso il SESC, partner istituzionale, e ha il Banco Votorantim e un Prodiel come sostenitori. La Brookfield supporta la didattica. Il programma MAR presso l'Accademia ha il supporto DATAPREV e Amil uno salute Via Comunale legge di incentivo alla cultura, e Aliansce via la legge Rouanet.

Il mare ha anche il supporto della Governo dello Stato di Rio de Janeiro, e il completamento di Ministero della Cultura e fare Governo federale del Brasile dalla legge federale per la promozione della cultura.

Servizio

Ingresso: R $ 20 Il R $ 10 (metà prezzo) - Persone con un massimo 21 anni, studenti delle scuole private, università, disabili e dipendenti pubblici della città di Rio de Janeiro. Il mare è parte del mezzo di paga del programma Carioca, offerta metà prezzo per i locali e i residenti della città di Rio de Janeiro, in tutte le istituzioni culturali legati al Municipio. Presentare un documento comprovante (identità, prova di residenza, bollette dell'acqua, luce, telefono a pagamento con, Top, tre mesi di emissione) e rimuovere il biglietto al botteghino. Pagamento in contanti o carta di (Visa o Mastercard).

Biglietto di sola andata: R $ 32 – R$ 16 (metà prezzo) i locali e residenti a Rio de Janeiro, su presentazione di giustificativi documentazione o prova di residenza. Documenti giustificativi saranno considerati quelli che contengono il luogo di nascita, come RG, patente di guida, portfolio di lavoro, Passaporto, ecc.. Sarà considerata prova di titoli della residenza della collezione con un massimo di 3 (tre) mesi di emissione, come servizi idrici, luce, rete fissa o gas naturale, debitamente accompagnati da un documento ufficiale d'identità con foto (RG, patente di guida, portfolio di lavoro, Passaporto, ecc.) dell'utente.

Politica libero: Non pagare nessuna voce-su presentazione di documentazione probatoria – studenti provenienti da pubblici (l'insegnamento elementare e media), bambini fino a 5 anni o persone da 60, insegnanti della scuola pubblica, dipendenti di musei, gruppi in situazioni di vulnerabilità sociale visita didattica, Vicini di casa delle guide turistiche e di mare. Martedì ingresso è libero al pubblico.

Martedì alla Domenica, das 10h às 17h. Il lunedì il museo chiude al pubblico. Per ulteriori informazioni, contatto per telefono (55 21) 3031-2741 o visita www.museudeartedorio.org.br.

Indirizzo: Praca Maua, 5 - Centro

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*