Casa / Art / Ozi – 30 anni di arte urbana a Brasilia la CASELLA culturale
Ozi (1986). Foto: Rivelazione.

Ozi – 30 anni di arte urbana a Brasilia la CASELLA culturale

*Pioniere di artista di graffiti opere risalente all'esposto di storia nazionale
la Street Art in Brasile

*Mostra aperta il giorno 10 di gennaio e rimanere fino 26 Febbraio

*Ingresso gratuito

La Culturale casella Brasilia presenta la Mostra OZI – 30 ANNI DI ARTE URBANA IN BRASILE, a cura di Marco Antonio Teobaldo. Ozi è il nome d'arte di Baiju Duarte, uno dei pionieri dell'arte urbana brasiliana, festeggia trent'anni di lavoro con esposizione al culturale CASELLA Brasilia. Ozi si distingue, in Brasile e all'estero, la ricerca sulla tecnica dello stencil, con forte influenza dell'estetica Pop. Nello spazio espositivo, il visitatore incontrerà un inventario di una parte importante del Street Art Brasileira, con documenti, documentazione fotografica, Testimonianze e opere dell'artista a diversi tipi di staffe, risalente al 1984 fino al periodo corrente. La mostra sarà aperta il giorno 10 Gennaio, às 18h, con la chat con l'artista e il curatore, seguita da visita mediata. Il periodo di visita culturale CASELLA Brasilia è da martedì a domenica, das 9h às 21h. L'ingresso è gratuito. Il successo è la Imprese culturali Chimera, con il patrocinio della CASELLA, Governo federale.

Pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

Secondo il curatore, Marco Antonio Teobaldo, Grazie al mecenatismo della casella culturale, la mostra OZI – 30 ANNI DI ARTE URBANA IN BRASILE riuscito a raccogliere per la prima volta un materiale raro, risalente alla storia dei graffiti in Brasile. Ora, Dopo viene visitato da oltre 40 1000 persone a Recife, il pubblico sarà in grado di dare una piccola Brasilia di tutti questa traiettoria.

Secondo Marco Antonio Teobaldo rivela, durante la ricerca per la realizzazione di spettacoli, sono stati intervistati da artisti che facevano parte della prima generazione della scena urbana fino a quando i nuovi artisti, traccia un panorama di arte urbana in Brasile e dimostrando l'importanza del lavoro di Ozi in questo contesto.

LA MOSTRA

La mostra è suddivisa in quattro segmenti: Via, Belle arti, Matrici e Bio. Nel segmento "la strada", sono opere di grandi dimensioni, portando la lingua utilizzata da Ozi in spazi pubblici di grandi centri urbani. Le pareti della Galleria subirà gli interventi con l'artista di graffiti e formeranno un immenso murale timbrato con il repertorio di Ozi. In "Fine Art", sono le opere create in varie staffe, normalmente ha esposto in gallerie e acquistati da collezionisti durante la traiettoria dell'artista. Sono schermi con cornice, Woods, anno, oggetti per la casa, bombolette spray e altri oggetti, formando una collezione di dipinti, sculture e assemblaggi. Tra le opere, Ci sono un certo numero di borse contraffatte con stencil su marchi di lusso, acquistato nel popolare mercato di strada 25 Marzo, a São Paulo.

In "Matrici", appare per la prima volta un insieme di maschere stencil delle opere più emblematiche della carriera di Ozi, creato tra 1984 e 2015. Sono vere rarità che saranno disponibili per la visualizzazione da visitatori, come le opere della serie "Street Museum", con riferimenti ad artisti come Anita Malfatti, Van Gogh, Di Cavalcanti, Roy Lichtenstein e Picasso. In "Bio", due istruzioni insieme video dell'artista e partner professionali, che attraversano la storia dell'arte urbana in Brasile. La collezione personale dell'artista, vengono visualizzate immagini storiche dei primi gruppi di artisti di graffiti e loro interventi nella città di São Paulo, materiale grafico e ritagli di giornale.

Arte Ozi – Casadalapa. Foto: Zeca Caldeira.

Arte Ozi – Casadalapa. Foto: Caldaia di Zeca.

ORIGINE DELLA SCENA URBANA

La Street Art in Brasile è apparso in 1978, a São Paulo, durante il periodo della dittatura militare, con Alex Vallauri, Ha incontrato altri artisti come Waldemar Zaidler e Carlos Matuck, e più tardi Hudnilson Jr., John Howard, Julio Barreto, Ozi e Maurício Veer. Quest'ultimo ha aperto le porte della vostra casa e trasformata in Galleria d'arte Brut, che si forma in un'area della scena underground del tempo e ospitato artisti visivi e performanti, poeti e ogni sorta di visitatori attratti dal nuovo modo artistico di pensiero. Era dalla data di questi artisti, che iniziò una serie di discorsi e azioni pubbliche nella capitale paulistana, che avrebbe fatto storia alla grafite Brasile.

ARTISTA

Ozi è paulistano e fa parte della prima generazione grafite Brasile, Quando nel 1985 ha iniziato i suoi primi interventi urbani, insieme a Alex Vallauri e Maurício Veer. Dato che, ha sviluppato la sua ricerca sulla tecnica dello stencil, creazione di sue opere da un Pop estetico. Durante la sua carriera professionale, ha partecipato a varie mostre collettive e individuali in Brasile e all'estero. È attualmente rappresentata da gallerie Espace-L, a Ginevra (Svizzera), e A7MA, a São Paulo. Sue opere sono presenti in pubblicazioni nazionali ed internazionali. L'artista mai smesso di studiare e oggi è una laurea in storia dell'arte presso FAAP.

Ozi ha vissuto un tempo quando la repressione soffocata e dove, Egli conta anche, il funzionamento delle pompe di gas e polizia era consuetudine. “Ricordo che ha scritto Alex Vallauri ‘ Diretas já’ e la Veiga Mauritius arrivati per dipingere una Salomè con la testa di Sarney nelle vostre mani. L'opinione generale era che chiunque legata all'arte di epoca comunista o sovversivo”, ricorda. Ozi hai imparare a stencil con Veer, Io lo hanno incaricato tecnicamente maschere di ritaglio. In 1985, registrati su strada la sua prima arte stencil, tecnica che divenne il suo marchio di fabbrica tutta la sua carriera artistica.

Arte Ozi – Casadalapa. Foto: Zeca Caldeira.

Arte Ozi – Casadalapa. Foto: Caldaia di Zeca.

CURATORE

Giornalista di Marco Antonio Teobaldo, curatore e ricercatore. Master in Curating in nuove tecnologie dall'Universidad Ramón Llull, Barcellona, Spagna. Da 2007, ha lavorato come ricercatore e curatore delle arti visive, con particolare attenzione all'arte urbana. Attualmente, Theobald corre nero nuova galleria d'arte contemporanea (Regione di Porto di Rio de Janeiro), Situato in uno dei siti archeologici più importanti del percorso Slave (Unesco), dove esegue proposte curatoriali con artisti brasiliani e stranieri, riunendo i media tradizionali (pittura, disegno e scultura), fotografia, nuove tecnologie (video, sound art e arte digitale), prestazioni e arte urbana. È curatore in residenza della casa di Tia Ciata, con la Mostra permanente sulla memoria di uno dei riferimenti più importanti nella storia del samba. Insieme con l'artista visivo Eduardo Denno, È idealizzato il muro – Festival internazionale di arte Poster, il 2008 e 2010, a Rio de Janeiro, si sono incontrati nella sua ultima edizione 175 artisti provenienti da diverse parti del mondo.

SERVIZIO

Ozi – 30 anni di arte urbana in Brasile
Chatta con artista e curatore e visitare mediata: 10 Gennaio, às 18h.
Inaugurazione della Mostra: 10 Gennaio, às 19h.
Visitazione: Di 11 da gennaio a 26 Febbraio 2017
Da martedì a domenica: das 9h às 21h.
Local: Culturale casella Brasilia – SBS – Blocco 04 – Ci sono un sacco 3/4.
Informazioni: (61) 3206-9448 e 3206-9449
Controllare Franca

PG

.

FACTSHEET

Ozi – 30 anni di arte urbana in Brasile

Realizzazione: Imprese culturali Chimera

Sponsorizzazione: Casella di cultura / Governo federale

A cura di: Marco Antonio Teobaldo

Progettazione grafica: Sato di Fernando e Murilo Thaveira

Foto: Caldaia di Zeca

Progetto Expographic: Carlos e Marco Antonio Teobaldo cappello

Produzione esecutiva: Cappello di Carlos

Produzione locale: Monica Monteiro Productions

Illuminazione: Calendario Web Dalton e Carlos Peukert

Assemblea: Manoel Oliveira

Ufficio stampa: Oggetto Sì

.

Video

Direzione: Marco Antonio Teobaldo

Foto:Tali Thaverna

Edizione: Guta Pacheco

Raccolta di immagini: Mel Duarte

Digitalizzazione della collezione: Bruna Cabral

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*