Casa / Art / Assolo di danza contemporanea “Detenuto” sarà presentato in anteprima al giorno 11 maggio al SESC Prainha
Assolo di danza contemporanea "Detenuto". Foto: Prim di cristiano.

Assolo di danza contemporanea “Detenuto” sarà presentato in anteprima al giorno 11 maggio al SESC Prainha

L'assolo di danza contemporanea “Detenuto”, de autoria de Elke Siedler e performado pelo bailarino Diogo Vaz Franco, baseado na obra de Oscar Wilde cria uma ambiência sobre a transitoriedade da dor em estado de reclusão. La prima sarà il giorno 11 Maggio, alle 20:0, a SESC Prainha

Entender a profundidade do trabalho de Elke Siedler é voltar-se para dentro. As fragilidades que tratam o corpo do bailarino Diogo Vaz Franco em cena são carregadas em doses particulares pelos transeuntes deste século e de outrora. O corpo continua a sentir a pressão das deslealdades do mundo sob suas costas, a isolar o berro. O solo de dança contemporânea Recluso, che primo giorno 11 e 12 Maggio, alle 20:0, presso il Teatro SESC Prainha, constrói um caminho de fluidez existencial a partir do movimento. Non ha alcuna pretesa di rappresentare un dolore, ma creando un'idea di caducità della sofferenza, senza disprezzarlo come condizione per l'esistenza.

Pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

Questa danza nasce un sodalizio artistico tra Elke e Diogo. O bailarino é formado em artes cênicas pela Universidade do Estado de Santa Catarina, UDESC. Ha abbozzato la prima pagina di questo progetto in 2008. Al momento trovato nel lavoro “De Profundis”, lo scrittore inglese Oscar Wilde, alla fine del secolo 19, a base que o estimulava para entrar em processo criativo. Wilde foi condenado a dois anos de prisão e trabalhos forçados apenas por ser homossexual, condizioni vietate dall'attuale società. O romance envolvendo o jovem Lord Alfred Douglas, soprannominato Bosie, lo ha portato in carcere, onde escreveu uma série de cartas destinadas ao amante maldito, il traditore che voltò le spalle all'uomo che ha dedicato amore.

La storia ha toccato Diogo. “Ho pensato che la narrazione troppo forte, il modo in che cui ha gestito la situazione. Um homem da alta sociedade enclausurado nos julgamentos e suas próprias vulnerabilidades. Ele elaborou a amargura da dor de ter experienciado o amor por um homem mimado, ingrato e insensibile, numa obra literária ácida, expondo seus sentimentos e suas contradições. O lugar do erro lembrado diariamente, la repressione, sessualità trasformato in poesia. Ho trovato un sacco di potenza artistica in questo lavoro”, spiega Diogo.

Con il progetto approvato da Elisabete Anderle per stimolare la cultura 2015, Dopo sette anni accantonato, Diogo resgatou a proposta e convidou a artista Elke Siedler para compor e dirigir o trabalho. “Non è un lavoro letterale, molto meno rappresentazione di un personaggio. Seguire la comprensione che ogni corpo ha momenti di dolore e di cosa fare con il tuo dolore? Oscar Wilde non ha fatto scappare da lei, perché il corpo è stato confinato in una cella”, Complementi.

Pensare al dolore, il corpo in situazione di dolore, uma situação de aprofundamento e experimentação da dor permeou os processos criativos de Elke Siedler. “L'idea è che il flusso del movimento impostata un ambiente poetico di Diogo da oscurità/sofferenza dell'esistenza umana. Non è una partita qualsiasi cosa. Ciò che conta è ciò che emerge da questo flusso di movimento, come metafora, e la comprensione della corporeità delineato e capito durante il 45 minuti di presentazione”, Elke conto.

E all'interno di quell'ambiente dall'architettura, Diogo vive as direções dos entendimentos. Trovare scappatoie nel corso, Immunizza la resistenza, desmanchando-se muitas vezes na carência do afeto. Interlacciato in labirinti di angoscia, Scopre le aperture, costruisce altri supporti, cria possibilidades. “Tutto nella vita diventa, compreso il dolore. Rimanendo nel dolore, il dolore si cambia, la propria produzione di senso e significato delle modifiche di dolore, cambia la qualità del dolore dentro di me. Perché tutto nella vita cambia. Allora, Ho voglia di costruire questa esperienza con il pubblico. E perche ' parlarne? Nella società in cui viviamo, Soffriamo una pressione di biopolitica di essere sempre felice, pressione gestita per il successo, sempre. Abbiamo finito per trasformarsi in un prodotto alla società. Si finisce per trasformarsi in un avatar di se stessi. Il problema qui non è di negare, ma la sensazione di entrare, in approfondendo gli aspetti non visti e cisti dalla nostra società. Nessun vittimizzazione, è un altro aspetto di essere in questo mondo”, riassume Elke. Dopo la prima, Diogo entra nel tabellone per le affissioni presso il teatro da UDESC con due spettacoli in giorni 13 e 14 Maggio, alle 20:0. Ingresso libero.

Servizio:

Dati: 11 e 12 Maggio 2016
Tempo: 20h
Local: Teatro Sesc Prainha
Presentazione: Detenuto, con Diogo Vaz Franco (Florianópolis / SC)
Date: 13 e 14 Maggio 2016
Tempo: 20h

Local: CEART (UDESC)

.

Biglietti gratuiti, 01.00 distribuito prima della presentazione – oggetto alotação.

Factsheet:

Direzione coreografica: Elke Siedler
Ballerino: Diogo Vaz Franco
Musica: Nelson D.
Chiaro: Priscilla Costa
Foto: Prim di cristiano
Ufficio Stampa: Lu de Moraes

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*