Casa / Art / Martedì, giorno 30, sarà l'ultimo giorno per visitare la "Abaporu", capolavoro da Tarsila do Amaral, presso il Museo di arte del fiume-mare

Martedì, giorno 30, sarà l'ultimo giorno per visitare la "Abaporu", capolavoro da Tarsila do Amaral, presso il Museo di arte del fiume-mare

Abaporu de Tarsila do Amaral. Foto: Divulgação.

ABAPORU di Tarsila do Amaral. Foto: Rivelazione.

L'opera "Abaporu" (1928), Tarsila do Amaral, considerata la first lady del modernismo nazionale, sarà solo fino al prossimo martedì presso il Museo d'arte di fiume-mare, giorno 30 Agosto. Il telaio, che fa parte dell'acquis del Malba, a Buenos Aires, Tornò a Rio de Janeiro per la prima volta dall'inizio del XX secolo per integrare mostre temporanee"Il colore del Brasile", in mare fino al giorno 15 Gennaio 2017.

A proposito della mostra

La Mostra il colore del Brasile ripercorre la traiettoria di arte brasiliana dal periodo coloniale al XXI secolo. La mostra riunisce più di 300 pezzi da Argentina, del Messico e altro 12 istituzioni in tutto il Brasile, che cedette parte delle loro aziende per l'antologia più completa di colore mai presentato a Rio de Janeiro.

Il corso consiste di capolavori che vanno da Frans Post – uno dei più importanti artisti olandesi, che nel XVII secolo partecipò spedizione di nordest del Brasile – il Tarsila do Amaral, considerata la first lady del modernismo nazionale e autore di Abaporu (1928) e cannibalismo (1929), mondiale-famosi dipinti che restituiscono alla città per la prima volta dall'inizio del XX secolo. Il pubblico avrà anche l'opportunità di godere l'elogio della bellezza nei colori Eliseu Visconti e Beatriz Milhazes.

La mostra è stata divisa in tre gallerie. Il primo di questi, intitolato la trasformazione della luce e dell'ambiente ecologico in colore, è dedicata alla visione sintetica del paesaggio. Ritratti, paesaggi e Nature morte resa spazio per una migliore selezione dell'impressionismo in Brasile, Mentre la base filosofica del cambiamento del concetto può essere compresa dalla sfida lanciata dal Graça Aranha, che ha incoraggiato gli artisti nella trasformazione della luce nel colore e nell'ambiente brasiliano ecologici in plastica sensazioni. Nello stesso ambiente, la cronologia segue per mostrare modernità introdotto da Anita Malfatti, Guignard, Goeldi, Portinari, Ismael Ney, Lasar Segall, Antonio Gomide e Flavio de Carvalho, altri.

La seconda camera, Autonomia dell'arte e modernità, È formato da parecchi nuclei significativi. Il gruppo formato da Henrique Bernardelli, Bruno Lechowski, José Pancetti, Milton Dacosta, Quirino Calvo e Joaquim Tenreiro sarà foto l'emancipazione del Regionalismo per il desiderio di dipingere. Nello stesso spazio, Ci sono anche formate dal concretists Core de são Paulo – Waldemar Cordeiro, Lothar Charoux, Geraldo De Barros, Sofia Fiaminghi, Luis Sacilootto e Judith Lund; neoconcretos – Franz Weissmann, Hélio Oiticica, Lygia Pape, Carbone Aluisio, Sumeet Varma, Willys de Castro, Barsotti e Osmar Dillon; il Flag-gestuale, Shiró, Tomie Ohtake, Manzi e Iberê Camargo; come parte della scena colore in Rio formata da Eduardo Sued, Manfred Souzaneto e Gonçalo Ivo.

Nella terza e ultima sala, Parere, Tropicalia, Generazione 80 e il colore del XXI secolo, la messa a fuoco diventa il colore del fiume, dai movimenti si è verificato nella città: gli spettacoli di parere e Tropicalia, La camera sperimentale di MAM e generazione 80. Per ritrarre la misura del colore del tema in Brasile negli ultimi sei decenni, una riunione delle opere di Anna Maria Maiolino, Antonio Dias, Carlos Vergara, Roberto Magalhães, Rubens Gerchmann, Wanda Pimentel, Tunga, Anna Bella Geiger, Katie van Scherpenberg e José Maria Dias da Cruz, insegnanti presso la school of Visual Arts di Parque Lage. Raggiungendo il XXI secolo, una revisione dell'idea di "nazionale", Ha la più grande icona bandiera. La mostra comprende le implicazioni e i progetti politici di colore oggi, chiedendo se c'era un colore di arte Afro-brasiliana.

Il colore del Brasile è curata da Paulo Herkenhoff e Marcelo Campos. Il successo è l'Odeon Institute/Museu de Arte do Rio; produzione di Maria Clara Rodrigues, l'ufficio di arte di Imago; con architettura di Leila Scaf Rao; e identità grafica di Fernando Milk.

Pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

Il Museo d'Arte di Rio

La VAS è uno spazio dedicato all'arte e alla cultura visiva. Installato in Praca Maua, occupa due edifici adiacenti: un vecchio, mentire e stile eclettico, che ospita la Sala delle Esposizioni; un altro giovane, Modernista, Guarda dove il lavoro della scuola. Il progetto architettonico unisce i due edifici con una copertura di cemento liquido, che si riferisce ad un onda - un marchio di fabbrica del museo -, e una rampa, dove i visitatori vengono a spazi espositivi.

Un'iniziativa di Prefeitura do Rio in collaborazione con Fundação Roberto Marinho, il mare ha attività che coinvolgono la raccolta, registrazione, ricerca, la conservazione e la restituzione dei beni culturali per la comunità. Supporto proattivo istruzione e cultura dello spazio, il museo è nato con una scuola - Look Scuola -, la cui proposta è museologico innovativo: favorire lo sviluppo di un programma educativo di riferimento per le azioni in Brasile e all'estero, che unisce arte ed educazione dal programma curatoriale che guida l'ente.

Il museo ha il Gruppo Globe come maintainer, il BNDES come sostenitore di esposizione, Dow e Banco Votorantim come sostenitori della scuola il look, l'Ita come copatrocinador di visualizzazione Fiume del XVIII secolo, Quando il fiume trasformato capitale, TIM come sostenitore del progetto musica mare, e il Grupo Libra come sostenitore della didattica. Ha anche il supporto del governo dello stato di Rio de Janeiro, e attuazione del Ministero della cultura e del governo federale del Brasile, attraverso la legge federale di incentivo alla cultura. La gestione è lasciata all'Istituto Odeon.

Servizio MAR - Museo d'Arte del Rio

Ingresso: R $ 10 Il R $ 5 (metà prezzo) - Persone con un massimo 21 anni, studenti delle scuole private, università, disabili e dipendenti pubblici della città di Rio de Janeiro. Il mare è parte della Carioca programma paga la metà, offerta metà prezzo per i locali e i residenti della città di Rio de Janeiro, in tutte le istituzioni culturali legati al Municipio. Presentare un documento comprovante (identità, prova di residenza, bollette dell'acqua, luce, telefono a pagamento con, Top, tre mesi di emissione) e rimuovere il biglietto al botteghino. Pagamento in contanti o carta di (Visa o Mastercard).

Biglietto di sola andata: R $ 16 – R$ 8 (metà prezzo) i locali e residenti a Rio de Janeiro, su presentazione di giustificativi documentazione o prova di residenza. Documenti giustificativi saranno considerati quelli che contengono il luogo di nascita, come RG, patente di guida, portfolio di lavoro, Passaporto, ecc.. Sarà considerata prova di titoli della residenza della collezione con un massimo di 3 (tre) mesi di emissione, come servizi idrici, luce, rete fissa o gas naturale, debitamente accompagnati da un documento ufficiale d'identità con foto (RG, patente di guida, portfolio di lavoro, Passaporto, ecc.) dell'utente.

Politica libero: Non pagare nessuna voce-su presentazione di documentazione probatoria – studenti provenienti da pubblici (l'insegnamento elementare e media), i bambini fino a cinque anni o persone da 60, insegnanti della scuola pubblica, dipendenti di musei, gruppi in situazioni di vulnerabilità sociale visita didattica, Vicini di casa delle guide turistiche e di mare. Martedì ingresso è libero al pubblico. Domenica l'ingresso è gratuito per i possessori diCarioca passaporto musei non hai ancora il timbro del mare. L'ultima domenica del mese il Museo ha ingresso gratuito per tutto il progetto Domenica al mare.

Martedì alla Domenica, das 10h às 17h. Il lunedì il museo chiude al pubblico. Per ulteriori informazioni, contatto per telefono (55 21) 3031-2741 o visita www.museudeartedorio.org.br.

Indirizzo: Praca Maua, 5 - Centro.

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*