Casa / Art / Villaggio culturale Cora Coralina riceve l'esposizione “Tempi netti”, i cariocas Sheldon Jung ed Elmo Malik
Lavoro di Jung di Sheldon. Foto: Rivelazione.

Villaggio culturale Cora Coralina riceve l'esposizione “Tempi netti”, i cariocas Sheldon Jung ed Elmo Malik

I cariocas artisti Sheldon Jung ed Elmo Malik atterrato nel centro-ovest del paese per esporre il culturale villaggio Cora Coralina (accanto al teatro Goiânia). La conferenza stampa “Tempi netti” ha ingresso libero e gratuito indicativo Classificazione. La visita avviene a 30 Novembre, Martedì alla Domenica, 12h alle 17h. Il curatore è Paul White.

Secondo il maestro nelle arti, Curatore, regista e produttore Sonia Garcez, le opere di "Liquido volte" tessute insieme i diversi aspetti della vita che svanisce.

Pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

“L'esercizio standardizzato delle relazioni con i consumatori si traducono in poetica che sottolineano le relazioni mentre merce. Consumano beni-segni. La volatilità e la temporalità superare il tempo necessario e ciò che conta davvero è la soddisfazione con la nuova. Siamo immersi in movimenti ciclici delle omissioni che emanano da noi il momento di noi stessi. Questo itinerario tortuoso della società e i legami fragili che lo supportano sono alcune delle elaborazioni presentate all'esposizione”, spiega.

Elmo Malik

Elmo Malik cerca concettualmente, nella vostra forma di espressione, risolvere i problemi è intrinsecamente legata alla fantasia popolare e vita quotidiana. Nelle sue opere, politica e mettere in discussione, la dualità di rapporti di lavoro. Appena tagliato i vita-gesti, persone, spazio e tempo — portando la sua validità simbolico e alla ricerca di una narrazione di comunione di diversi elementi sociali. Mettere a fuoco lo sguardo in quella direzione descrive e interpreta, alla luce di diverse proposizioni simbolici, narrazioni ed estetica, l'Unione di molteplici interessi alle controversie della società.

Tecnicamente ti interessa l'estetica del palinsesto, il logoro, oltre, l'uso di materiali non convenzionali e la combinazione di materiali diversi, divergente, resti di Descartes' della vita ordinaria, coperto nelle possibilità costruttive.

Sono come il lavoro di merlettaie, nodo a nodo è, delicatamente, creato la scena, È un ricamo di perle, perline e tutte le decorazioni che possiamo immaginare, tutto in un'ora, tutto in una volta, tutto in un unico posto…Elmo Malik con materiali semplici, con attenzione, dall'architettura, pianificato ed eseguito, ci porta in un mondo di ridicolmente barocca immagini, così sublime, così divina, anche gli angeli ci risolvere dal vivo!\”

Sheldon Jung

Sheldon Jung è un artista inquieto che reinventa se stesso e pensa che il mondo di là reale. Un'immersione nella vita, in arte e le modifiche non passerai inosservato. La forza dei valori sanciti, Se sottile, e non riconosciamo. Niente tiene. Nuovi nomi emergono in movimenti frequenti e sviluppi come un liquido che scorre continuamente e cambia la forma del contenitore, condurre le persone alla superficialità e mancanza di impegno. Viviamo in una società di net-moderno, così ben caratterizzati e criticato da Zygmunt Bauman.

Jung Esplora temi riguardo l'abbandono, consumismo, relazioni USA e gettare, banalizzare affettiva, il disprezzo umano, le identità, la bella, l'effimero. L'ipermodernità spinge la ricerca sfrenata di nuovi sembra essere sopra il valore permanente. Le sue materie sono bambole e bambole droppati dalla società dei consumi, trasformandolo in una sorta di archeologo che la "condizione umana", attraverso un'insolita e ricca collezione. Il carattere graffiante materiale e simbolico di questi oggetti può avere un lato spaventoso, ma hanno un potenziale estetico e metaforico, molto forte. È con questo senso che l'artista, attualmente, un concetto più surreale di transito. Un'estetica che incarna lo spirito del nostro tempo, Quando le persone si trasformano in merce esposti sugli scaffali del mondo virtuale.

L'insieme di opere che compongono la Mostra "Liquido volte" portare l'impatto, densità e destabilizzare l'equilibrio perfetto tra desiderio e repulsione. La giustapposizione di elementi diversi – piedi della vecchia lampada per sostenere le teste di bambola – risultati nelle nuove parti, curioso e. La materia che si trasforma, per diventare in sculture intrigante. Informe in vasetti di conserve di corpi sospesi da Struts formando una parete/finestra, integrare la narrazione poetica. La mutazione degli esseri presunti. Il passare del tempo modelli il materiale – vetro, spazi vuoti, completo interamente, luci e trasparenze. La storia funziona la direzione della percezione. Più di mettere in discussione circa le bambole che non svolgono più il ruolo, che sono confutate, sostituito, trascurato, induce l'artista in un atteggiamento di auto riflettente. Qual è il nostro ruolo e come affrontare questo stato di impermanenza?

Jung si rivela nella capacità di scrutare di significati e di rafforzare l'importanza della vita, delle affezioni, relazioni sociali e l'ambiente. Per ele, l'universo dell'infanzia rubata, la Banshee immemorabile, la negligenza di Unione di adulti in contesti esclusivi, privo di sensi. Abbiamo il peso di corresponsabilità, valori di pensiero e senso di assegnare alle cose, in assenza di questo. (GARCES, Sonia – maestro d'arte, Curatore, Regista e produttore cinematografico).

Esposizione “Tempi netti”, Elmo Martins e Sheldon Jung.

Apertura: 25 Ottobre, às 19h.
Visitazione: di 26 Ottobre a 30 Novembre, Martedì alla Domenica, 12h alle 17h.
Ingresso gratuito.
Parental Guidance: libro

Local: Villaggio culturale Cora Coralina – Camera Sebastião Augusto Barbosa Filho – Tocantins Avenue con Street 03, Centro, Goiânia – GO. Accanto al teatro Goiânia.

Commenti

1 Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*