Casa / In evidenza / 9 Gennaio 1822: l'inizio della strada per l'indipendenza brasiliana

9 Gennaio 1822: l'inizio della strada per l'indipendenza brasiliana

Tutti sanno che l'indipendenza del Brasile viene celebrata il giorno 7 Settembre. Tuttavia, il 9 Gennaio 1822, un fatto importante è stato fondamentale per l'asfalto di questo percorso. Il professore di storia mostra cosa era importante quel giorno.

Non è possibile parlare della storia del Brasile senza ricordare un fatto importante accaduto quel giorno 9 Gennaio 1822. In quel giorno, Dom Pedro I rifiutò di tornare in Portogallo e continuare il processo di colonizzazione brasiliana. Quel momento divenne noto come il "Dia do Fico".





È importante notare che Dom Pedro I è stato molto spinto dalla famiglia reale a tornare in Portogallo, e allo stesso tempo dalle élite brasiliane. Come ricorda l'insegnante di storia, Ueldison Alves de Azevedo, “Questo era il periodo in cui l'analfabetismo era in aumento e solo le élite agrarie avevano studi. Logicamente, ha sostenuto l'iniziativa di un Brasile indipendente, principalmente da Pernambuco, che anche prima dell'avvio del processo di indipendenza in Brasile, la cosiddetta confederazione dell'ecuador. Formato da un gruppo di repubblicani, ha difeso il cambiamento del governo nazionale ", conto.

A proposito, l'insegnante di storia sottolinea un errore nel raccontare questo fatto straordinario: “È molto sbagliato parlare nel campo della storiografia che Dom Pedro è rimasto per accontentare le masse. Non è mai stato vero, il suo interesse era quello di fare la volontà di un piccolo numero di persone benestanti che avevano definito ideali politici ".

ancora, Ueldison sottolinea che è sempre importante ricordare che comunque erano coinvolti interessi privati, “Questa decisione dell'imperatore è molto importante per mettere il Brasile sulla via dell'identità nazionale. per la prima volta, abbiamo un nostro governo, nonostante sia l'unico impero tra le repubbliche dell'America Latina ".

Da "Dia do Fico", Dom Pedro I assume un potere senza pari, come evidenziato quando la costituzione di 1824. “Questo documento è il frutto di questa iniziativa e del sostegno a Dom Pedro I, perché porta i principi dell'illuminista Barão de Montesquieu, che ha sostenuto che uno stato dovrebbe essere diviso in tre poteri, giudiziario, legislativo ed esecutivo. Tuttavia, l'imperatore creò ancora il quarto potere, chiamato moderatore ".

E che potere era quello? Presenta l'insegnante di storia: "In poche parole, il moderatore centralizza tutto il potere nelle mani dell'imperatore. Anche la chiesa aveva un dito per il cambiamento in tutto l'impero ".

Un altro dettaglio importante del governo imperiale, consenso tra gli storici, rinforza Ueldison, è che, “Anche se abbiamo un governo despota, assolutista, questa è stata la prima che ha portato un'identità politica nel nostro Paese. Con esso avevamo i simboli della ricchezza nazionale come nostro tesoro, che ha soggiornato a lungo nello Stato di Rio de Janeiro presso il Palazzo Quinta do Boa Vista, dove era la sede del governo imperiale ".

Inoltre, Ueldison Azevedo ribadisce che “dobbiamo guardare a quanto sia stato importante il Fico Day per la nostra formazione come società, sebbene alla fine del XIX secolo ", completare.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*