Casa / Art / La storia della carta, da Rosângela Vig
Fico. 1 - Creazione di ruoli, Rita Caruzzo, Collage di foglie naturali su carta; Carta San Paolo, peso di base 600, mulino Brasile, 2019.
Fico. 1 - Creazione di ruoli, Rita Caruzzo, Collage di foglie naturali su carta; Carta San Paolo, peso di base 600, mulino Brasile, 2019.

La storia della carta, da Rosângela Vig

Rosângela Vig é Artista Plástica e Professora de História da Arte.

Vig è Rosângela Visual Artist and Teacher Storia dell'Arte.

Immergi il pennello nel mare blu,
nel fuoco del cielo,
nel morbido argento della nebbia
coprendo la montagna.
Metti a bagno il pennello
nella luce del girasole,
nel corpo verde della speranza,
e carta bianca
compaiono macchie:
una casa, un fiume, è molto lontano
una ragazza con le mani piene di stelle.
(MURRAY, 2005, p.36)

Le linee appaiono e salgono nello spazio bianco molto invitante. La matita, la penna o il pennello scivolano sulla superficie desiderosi di ricevere l'idea che insiste nel chiacchierare nella testa del poeta o del pittore. E la mano si allenta, libero e senza paura. La carta rivela il suo spazio e rivela le sue curve con la lettera, per colore, a proposito. Quello che allora era un semplice pensiero ora incanterà i cuori, sciogliere le gole, alleviare i pesi delle anime ed espandere gli universi. Il giornale ha assistito a tante esplosioni, di innumerevoli viaggi dello spirito, di accordi e disaccordi. È nel primo quaderno della scuola; nell'odore del nuovo libro, a capo del letto; nel diario segreto dell'adolescente; o in una nota mozzafiato e appassionata.

pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

Il segreto, custodito dai cinesi per quasi 800 anni, oggi è uno dei prodotti più consumati al mondo. Anche prima del giornale, la scrittura era già scolpita nella pietra nell'antico Egitto. Il primo materiale che serviva da supporto per la scrittura era il papiro, creato dagli antichi egizi, ancora nel sec 40 C.A., fatto da una pianta molto comune nella regione (Fico. 12). Nello stesso tempo, altrove nel mondo, apparve la pergamena, prodotto da pelle di vitello, capra o agnello, utilizzato anche durante il Medioevo. La scritta è stata addirittura registrata in legno; su spade e armature; su metalli come il ferro, il rame, argento e oro; e la corteccia degli alberi cotti che i Maya e gli Aztechi trasformarono in una specie di tessuto con cui realizzavano libri illustrati.

Prima dell'invenzione della carta, i cinesi usavano persino lame di bambù e seta come supporto per la scrittura. Dai resti della corda e dalla corteccia degli alberi, hanno prodotto una fibra che, per essere più economici, ha sostituito la seta. Solo nel 12 ° secolo questa invenzione raggiunse l'Europa e, il 1440, la stampa ha contribuito a espandere l'uso della carta. No Brasil, il giornale è arrivato per la prima volta a Rio de Janeiro, poi a San Paolo, il 1809, con l'avvento della famiglia reale.

E il foglio che sostiene il racconto, alla poesia, Disegno, o pittura, può essere prodotto da steli di banana, di canne di bambù, foglie di ananas e anche bucce di cipolla, oltre a poter essere riciclato e servire nuovamente l'artista e il poeta. Il giornale ha alcuni musei in tutto il mondo, come il Tokyo Paper Museum 1 e quella del Portogallo 2, dove puoi imparare un po 'di più sulla storia della carta; conoscere le apparecchiature in cui sono state prodotte; oltre a godersi le opere di questo materiale così antico e apprezzato.

Na Arts, ogni tipo di carta può fornire un effetto diverso a seconda della sua acidità, del suo peso, della tua consistenza, o la tecnica usata dall'artista, prendendo lo sguardo di chi lo apprezza per deliziarlo, attraverso i sentieri di Belo o Sublime.

L'installazione di Rita Caruzzo (Fico. 1) inizia questa passeggiata lungo un bel sentiero di foglie, da cui ha origine il ruolo stesso. Come se cadessero, riempiono il suolo e vi camminano, colorato, disegni di tessitura, dipinti e collage. A metà strada, il bagagliaio (Fico. 2) che ha perso la sua Sonia Botture se ne va, è inerte e arido, come se cercasse un respiro nell'acqua del mare, protetto sotto il manto azzurro del cielo. Con la tecnica della pirografia, il foglio di carta è stato bruciato dall'elettricità e dal fuoco, dalle mani dell'artista Fábio Souza, che ha costruito una scena desolante (Fico. 3) e senza vita, addolcito dalle piccole foglie verdi che sembrano insistere a vivere. Il paesaggio X di Fátima Lourenço (Fico. 4) è pieno di natura. Rappresentato dalla delicata monocromia, lo sfondo scuro evidenzia il colore argento del suo acquerello, come se tessesse un bel ricamo. Il pesce di Paulo Sayeg (Fico. 5) nuotare liberamente nell'azzurro del mare sotto i riflessi che permeano l'acqua. Con la tecnica mista è possibile riconoscere linee di toni blu e lilla che si intervallano per fornire gli effetti di chiaro e scuro. Ancora passeggiando tra i temi della natura, il fenicottero rosa di Flavie osserva il verde indicibile del mare.

La ragazza seduta di Ana Vig 3 (Fico. 7) è un noto presentatore. Perfetto nel colore e nella forma, lei è seduta in un gesto elegante, con delicati effetti di luci e ombre. Realizzato con la tecnica dell'acquerello, è lei la protagonista della scena sullo sfondo bianco. La ragazza di Ana Bittar (Fico. 8) è stato lavorato con la tecnica del pastello a secco. Rappresenta il periodo di isolamento, indossa una maschera ed è senza il famoso orecchino di perla che l'ha resa così famosa. L'altra ragazza (Fico. 9) è opera di Paulo Lionetti ed è stata lavorata con la tecnica del collage su cartoncino, sfondo spray colorato coim. Il gesto femminile lento e sensuale risalta in mezzo al colorato circostante. L'opera è una reinterpretazione del noto dipinto di Modigliani.

L'indiano di Maurício Gigante (Fico. 10) è stato lavorato con la tecnica dell'aerografia e la sua espressione di speranza si sposa con lo sguardo espressivo di futuro. Anche mediante incollaggio, Rogério Carnaval (Fico. 11) camminato attraverso il campo di astrazione, permettendo a colori forti ben distribuiti di alternarsi tra bianco e nero. Come un giardino pieno di fiori di campo, di Malu Renó (Fico. 12) sembra pieno e armonico, con movimento, luce e vita. L'astrazione permette all'anima di vagare felicemente attraverso i colori e le forme. Le tue farfalle volano su questo bellissimo giardino.

Dobbiamo ancora parlare di Origami, la bellissima arte della piegatura, dal Giappone, la cui materia prima è anche la carta. Il fiore rosso di Natale (Fico. 13) Quello di Lucas Alberto è simmetrico e le sue linee perfette sembrano essere tessute dalla natura. Si intrecciano, come se lo fossero, in continuo movimento su e giù. O Tsuru (Fico. 14) de Vânia Matsubara 4, in colori delicati, sembra vivo e sta per spiccare il volo, leader della salute, pace e armonia per il mondo in ebollizione. In Giappone, secondo le credenze, gli Dei soddisfano le richieste della persona che fa mille Tsurus; ed è comune dare persone malate con queste pieghe, augurare salute alla persona. Di origine incerta, la tecnica del Quilling era già utilizzata durante il Medioevo. Il lavoro minuzioso e delicato in cui vengono arrotolate strisce di carta, Anche formare bei disegni e rococò è fatto su carta e richiede non solo l'abilità dell'artista, ma la creatività e le sue divagazioni attraverso mondi immaginari. La scatola Filó (Fico. 15) è già un bel regalo, anche se contiene solo i sogni e le aspirazioni più profonde che l'innocenza può creare. All'interno potrebbero esserci le foglie che cadono sul pavimento, di Rita; Il tronco inaridito di Sonia, che si trasforma in un bellissimo albero, ricostruire l'intera foresta di Fábio.

Più che incantevole lo sguardo, L'arte è stata una terapia per chi la vede e per chi la produce. Il ruolo va in tutto questo come il grande alleato così vicino e sempre a portata di mano per ciò che la mente immagina e ciò che lo spirito libero dice e desidera. Se c'è una penna, ci si può scrivere sopra una matita o un pennello, disegnare o dipingere. Se niente, solo le mani lavoreranno e piegheranno la carta finché le immagini non appariranno felici, saltellanti e leggeri.

Note:

1 Museo della carta di Tokyo, Giappone:
www.youtube.com / watch?v = GYuKA–QyxQ

2 Museo della Carta di Santa Maria, Portogallo:
www.youtube.com / watch?v = F24BpVER3RY

3 Ana Vig:
www.instagram.com/anacvig/?hl = pt-br

4 Vânia Matsubara:
bazarpopular.com.br/porfolio-1

.

Riferimenti:

  1. BAYER, Raymond. Storia di Estetica. Lisbona: Stamp Editoriale, 1993. Traduzione di José Saramago.
  2. CHILVERS, Ian; ZACZEK, Iain; WELTON, Jude; TROMBETTIERE, Caroline; MACK, Lorrie. Historia Ilustrada da Arte.Publifolha, S.Paulo, 2014.
  3. SAINT-EXUPÉRY, Antoine de. Il piccolo principe. Rio de Janeiro: Libreria Agir Editora, 1977.
  4. Gombrich, E.H. The Story of Art. Rio de Janeiro: Editora Guanabara, 1988.
  5. HAUSER, Arnold.Storia sociale di Arte e Letteratura. Sao Paulo: Martins Fontes, 2003.
  6. ROCHA, Ruth; ROTH, Otávio. Il libro di Papel. Flauto Paulo: Miglioramenti del publisher, 2005.
  7. MURRAY, Roseana. Aspettare, Uva o Mela? Sao Paulo: Editora Scipione, 2005.
  8. VIG, Rosangela Araujo Pires. ARTE COME COMUNICAZIONE ALLA COMUNICAZIONE COME ARTE.Comunicazione, Cultura e Media, Uniso, Sorocaba: 2010. Disponibile in comunicacaoecultura.uniso.br/prod_discente/2010/pdf/Rosangela_Vig.pdf Accessed 25 Ottobre 2020.

.

Commenti

Immergi il pennello nel mare blu, nel fuoco del cielo, nel morbido argento della nebbia che copre la montagna. Immergi il pennello nella luce del girasole, nel corpo verde della speranza, e sulla carta bianca compaiono delle macchie: una casa, un fiume, e molto lontana una ragazza con le mani piene di stelle. (MURRAY, 2005, p.36) Le linee appaiono e salgono nello spazio bianco molto invitante. La matita, a caneta ou o pincel deslizam sobre a superfície ávida por receber…

Score

Eccellente!!

Conclusione : Vota l'articolo! Grazie per la vostra partecipazione!!

Voto Utenti : 4.58 ( 6 voti)

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*