Casa / Art / Afonso Tostes lancia BOOK su Mul.ti.plo | 3/5

Afonso Tostes lancia BOOK su Mul.ti.plo | 3/5

Afonso Tostes lancia il primo libro sul suo lavoro, nella Galleria Mul.ti.plo.

Tra città e natura esamina la traiettoria dell'artista sulla base di immagini del suo lavoro e relazioni sul processo di lavoro, dall'inizio della sua produzione fino ai giorni nostri.

Il lancio avviene il giorno 3 Maggio, às 18h, nel bel mezzo dell'esposizione Le cose che esistono ancora, dove presenta opere inedite a carboncino.

Nel bel mezzo della sua mostra al Mul.ti.plo Espaço Arte, Leblon, Afonso Tostes lancia il primo libro sulla tua carriera artistica. A cura di Cobogo, Tra città e natura esamina la traiettoria dell'artista dalle immagini delle sue opere e riferisce sul suo processo lavorativo, dall'inizio della sua produzione fino ai giorni nostri. Il lancio avviene il giorno 3 Maggio (Martedì), às 18h. In spettacoli Le cose che esistono ancora, Tostes regali 16 opere inedite, compresi i pezzi intagliati a carboncino. La mostra si è aperta in giornata 10 da marzo a 6 Maggio, con ingresso libero.





ancora un ragazzo, Afonso Tostes amava viaggiare, in transito tra Belo Horizonte, dove nacque, e fattorie nell'interno del Minas Gerais. O, contemplando cancelli e alberi, recinti e cavalli, sviluppò il gusto di indagare la natura e il suo rapporto con l'uomo, qualcosa che è un segno della tua traiettoria artistica. La tua produzione artistica, iniziata alla fine degli anni 1980, viene raccolto per la prima volta in un libro, Afonso Tostes: Tra città e natura, in cui si lancia Editora Cobogó 2020.

I testi del curatore Daniel Rangel, organizzatore della pubblicazione, cucire la produzione artistica di Tostes, dai dipinti degli anni 1990 alle sculture, a cui l'artista inizia a dedicarsi maggiormente dagli anni 2000, ai processi di lavoro e ai viaggi di ricerca che portano all'elaborazione dei lavori.

Afonso Tostes: Tra città e natura accompagna i movimenti dell'artista in testi che non seguono il tono dell'analisi critica delle opere d'arte. Come affermato dall'organizzatore del libro, la proposta era “creare una specie di quaderno di viaggio, un grande profilo poetico dell'artista con grandi dosi di immagini della sua produzione scultorea”.

La pubblicazione è divisa in quattro capitoli: Percorsi, città umana; un segmento centrale con due saggi sull'opera artistica di Tostes; e Natura umana. Percorsi racconta le influenze e i primi movimenti dell'artista – nato a 1965, lascia Belo Horizonte 1987, dove studia alla Guignard School, diretto a Rio de Janeiro, dove rimase fino a 2016, quando si trasferì a San Paolo. Con atelier a Bom Retiro, quartiere nella regione centrale della capitale di San Paolo, l'artista si nutre “delle strade del commercio, di articoli popolari, dei passanti e la vibrazione dell'ambiente circostante”, come si scrive daniel rangel?. E completa: “Le fughe sono ancora essenziali per creare: Tostes è un artista-viaggiatore-esploratore, che scambia e scambia cose e conoscenze; si integra, incorporare e ricambiare. La sua produzione è ufficializzata, assim, dalla pratica in studio, dove vive e interagisce con ciò che ha raccolto”. Le opere a olio su carta e tela sono ricorrenti in questa prima carriera – “Tostes é, specialmente, un designer. Tutto il suo lavoro è strutturato dal disegno. un disegno tecnico, quasi naturalistico dal tratto deciso e veloce”, scrive Rangel.

non secondo capitolo, città umana, approfondire la sua produzione scultorea. Viene da una ristrutturazione nel suo studio, che era stato occupato con strumenti che non erano dell'artista, che Tostes ha suscitato il desiderio di scolpire. Uno dei puntelli utilizzati per sostenere la lastra durante i lavori, per esempio, diventerebbe l'oggetto seminale del suo processo. Di questo periodo sono famose serie come puntoni, dove le strutture in legno sembrano reggere le pareti (esposto nei musei, gallerie e alla Biennale del Mercosul a 2005). Seguendo, Tostes si rivolge alla produzione in serie Strumenti, zappe, falci e asce, altri, con i manici intagliati, mettere in relazione il tempo e i diversi significati dei materiali.

Il segmento centrale del libro presenta due saggi che osservano il lavoro di Tostes da diverse prospettive., un “intermezzo testuale”, come definito da Daniel Rangel. Il primo, di Paulo Herkenhoff, Afonso Tostes: Piccolo glossario connotativo fuori ordine alfabetico, riunisce le voci dei capitoli che, il principio, affrontato l'esposizione Tronco, tenutasi a Casa França Brasil, il 2013. Revisionato e completato per il libro in 2019, Il testo di Herkenhoff affronta il lavoro di Tostes in voci come tempo freddo, Calo, Carpenteria. C'è ancora la prova Afonso Tostes: artigiano della vita, firmato da Babalorisha Adailton Moreira Costa, dal terreiro Ilê Omiojuarô, dove Tostes iniziò a Candomblé. Il rapporto unisce la conoscenza degli orixás e il rapporto con l'artista, “figlio di Obaluaê, Aparodé de Ochosi”, come scrive l'autore. Per ele, “Gli occhi di Tostes pensano e inviano messaggi, e spesso abbiamo bisogno di essere liberi per comprendere questa comunicazione esuniana aperta”.

L'ultimo capitolo, intitolato Natura umana, è un'immersione nell'ultimo decennio di produzione di Tostes, quando il carattere artista-viaggiatore si fa più marcato, le tue escursioni nella natura e un ritorno alle tue radici. In questo capitolo sono opere come tonfo, installazione che ha composto la prima mostra di Tostes al MAM di Rio de Janeiro nel 2011, e il magazzino trovato in rovina nella fattoria di un cugino all'interno di Minas Gerais e ricostruito a Casa França Brasil a 2013, o la serie di remi, metà 2019. Nei testi finali del libro, Rangel riporta le connessioni tra le opere e gli spostamenti nella vita dell'artista: “Afonso Tostes, che un giorno lasciò i monti al mare e di là risalì il fiume, tornò nella foresta da cui era partito”.

sull'organizzatore

Daniel Rangel è un candidato al master e al dottorato in Visual Poetics presso la School of Communications and Arts dell'USP, laureato in comunicazione sociale a Salvador, Bahia. È stato direttore artistico e curatore dell'Istituto di Cultura Contemporanea (ICCo) a São Paulo, Direttore dei Musei presso l'Istituto dei Beni Artistici e Culturali di Bahia, del Segretario alla Cultura del Governo di Stato e ha agito come consulente della direzione del Museo di Arte Moderna di Bahia (MAMBA). Sviluppato progetti curatoriali per l'8a Biennale di Curitiba, Brasile (2015), la XVI Biennale di Cerveira, Portogallo (2013) e la 2a Triennale di Luanda, Angola (2010). Ha inoltre curato mostre individuali di importanti artisti brasiliani, come Tunga, Waltercio Caldas, José Resende, Ana Maria Tavares, Carlito Carvalhosa, Eder Santos, Marcos Chaves, Marcelo Silveira, Rodrigo Braga e Arnaldo Antunes, e con quest'ultimo ricevuto, dallo spettacolo “Parola in movimento”, il premio APCA 2015, per la migliore mostra di arti grafiche.

Sull'artista

Afonso Tostes è nato a 1965, a Belo Horizonte. Nel tardo 1980, si trasferisce a Rio e inizia i suoi studi presso la School of Visual Arts (EAV) dal Parque Lage, dove fu allievo di Daniel Senise, Charles Watson, altri. Ha iniziato la sua carriera con lo studio delle forme organiche, avendo inizialmente come supporto il dipinto e, più tardi, passando alla scultura. Il suo primo assolo è stato realizzato 1996, al Centro Culturale di San Paolo, dove ha mostrato i suoi dipinti. In 2000, espone grandi tele al Paço Imperial, nel fiume. Era in 2001 che ha mostrato le sue sculture, alla galleria Paulo Fernandes. Dato che, mostra gli sviluppi della sua ricerca scultorea in mostre come la Biennale del Mercosul (2005), il singolo Baque Virado (MAM-RJ, 2011), tra l'altro. Attualmente vive e lavora a San Paolo.

Servizio:

Rilascio del libro
Titolo: Afonso Tostes: Tra città e natura
Local: Mul.ti.plo Spazio Art
Dati: 3 Maggio (Martedì)
Tempo: 18h alle 20h
Visita alla mostra: a 6 Maggio, dal lunedì al venerdì, da 11.00 a 18:0
Tale: +55 21 2259-1952
Fine: Dias Ferreira Via, 417, 206 – Leblon – Rio de Janeiro
Ingresso gratuito
www.multiploespacoarte.com.br

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*