Casa / In evidenza / L'ambientalista presenta il documentario sulla spazzatura sull'Everest e mette in guardia sul futuro del Pianeta

L'ambientalista presenta il documentario sulla spazzatura sull'Everest e mette in guardia sul futuro del Pianeta

(Teaser documentario “Everest sostenibile”).

In mezzo alla pandemia, il documentario che mette in guardia sull'importanza della consapevolezza ambientale viene rilasciato su Canal Off / Globosat; la premiere si svolge nella Giornata mondiale dell'ambiente e il documentario "Everest Sustentável" porta una riflessione sulle conseguenze delle azioni dell'essere umano sul Pianeta

Sao Paulo, Giugno 2020 – Il documentario “Everest sostenibile”, che ha una spedizione ecologica al campo base dell'Everest nel suo itinerario, sarà presentato in anteprima nella Giornata mondiale dell'ambiente, 05 Giugno, alle 20:0, no Canal Off da Globosat e também nas redes sociais da Globo. O vídeo revela os problemas ambientais que acontecem na região e, per essere lanciato in una stagione di pandemia, fornisce anche una riflessione per una serie di conseguenze sul Pianeta Terra causate dalla negligenza dell'ambiente. Per avere un'idea, con l'isolamento sociale in diverse città e località turistiche del mondo è già possibile notare i tassi di inquinamento più bassi – che dimostra in pratica l'impatto delle azioni della popolazione.

pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

Secondo Caio Queiroz, ambientalista che ha partecipato alla spedizione e socio fondatore di mezzi sostenibili, o documentário traz imagens nunca exibidas dos resíduos largados na trilha, oltre alle interviste con i responsabili della raccolta dei rifiuti sulla montagna e le persone che fanno la differenza in questa regione. “Quando abbiamo iniziato a registrare non c'era ancora nessuna pandemia, ma era già possibile notare diverse conseguenze causate da problemi legati alla spazzatura, sovrappopolazione, esplorazione, industrializzazione, tra diversi fattori e conseguenze delle azioni compiute dall'essere umano. Pertanto, solleva questo argomento in un momento in cui tutti sono più sensibili, offre l'opportunità di riflettere sul futuro del nostro pianeta. Inoltre, "Everest Sustentável" riassume bene l'obiettivo del nostro lavoro: una società con relazioni più sostenibili ”, aggiunge Queiroz.

Sempre secondo lui, il contenuto del documentario è costituito da immagini di abbandono del pianeta, e riflette su quanto è necessario preservare l'ambiente, per evitare crisi ambientali, come quello che stiamo attraversando. “Più ci preoccupiamo di relazioni e atteggiamenti più sostenibili, le crisi future saranno più lievi, più facile da controllare o addirittura da evitare. Dobbiamo pensare alle relazioni interdipendenti – atteggiamenti di una persona, la compagnia o il paese riflettono e riverberano nel mondo, creando squilibri sempre maggiori. Dobbiamo essere consapevoli degli squilibri ambientali per impedire la loro diffusione ”, avverte l'ambientalista.

Comprendi cosa c'è dietro il documentario

Il documentario presenta una squadra di quattro partecipanti: Caio Queiroz, l'imprenditrice Mariana Britto, Carlos Santalena – alpinista che ha raggiunto la vetta del monte Everest tre volte – e il cameraman Gabriel Tarso, oltre agli altri partecipanti. Hanno ottenuto un totale di 21 giorni, entre Kathmandu, capitale, e Lukla 2800m di altitudine – ingresso del Parco Nazionale Sagarmatha – dove il trekking inizia al campo base dell'Everest. “Mancavano sei giorni e tre giorni indietro, percorrendo: Lukla – Ghat – Namche Bazaar – Phortse – Siangboche – Lobuche – Gorakshap – Campo base 5400m sul livello del mare. Abbiamo fatto due creste – Monte Nagarjune 5050m di altitudine / Kalaphatar 5600 m con una temperatura minima di – 15° C”, racconta o ambientalista ”, compelmenta.

Vengono mostrate interviste esclusive del sito, oltre a tutte le sfide e le scene emozionanti che si svolgono lungo la strada. Il team ha anche deciso di battere il record per il numero di borse con materiali riciclabili portati lungo la strada per attirare l'attenzione dei turisti e dei nativi della regione., oltre a incoraggiare più persone a prendere questo atteggiamento. Hanno anche generato un minimo spreco di imballaggio ("spazzatura") possibile e ha mostrato come ciò sia possibile.

Secondo Caio, eles coletavam a água da pia e tratavam com produtos para torná-la potável e evitar ao máximo o uso de garrafas plásticas. “Enchia meu camel back, serbatoio d'acqua che era nello zaino, e ho bevuto quest'acqua solo durante i pasti e le escursioni, evitando l'acquisto di bottiglie di vetro, lattine di plastica e di soda. Abbiamo anche preso un ecobag per raccogliere i rifiuti sui sentieri, per azzerare gli impatti lasciati da altri turisti e nativi ”, conto.

Avviso alla necessità di gestione ambientale e innovazione di marketing

Conoscere l'importanza di creare aziende, popolazione e le relazioni più sostenibili, l'ambientalista ha creato un progetto che promuove una serie di misure all'interno delle aziende per evitare rischi e sensibilizzare sull'importanza della conservazione ambientale e delle relazioni di interdipendenza. Secondo lui, queste soluzioni diventano ancora più necessarie, prima dello scenario che stiamo vivendo.

“Ho sviluppato un nuovo progetto, chiamato Aguama, che mira a riunire la conoscenza della tecnologia più antica ed efficiente del pianeta – conoscenza dell'ambiente stesso – con esperienza nel mercato socio-ambientale, collaborare alla trasformazione delle persone, aziende, parchi e comuni, attraverso prodotti e servizi finalizzati all'educazione e gestione ambientale, nuove tecnologie, strumento di comunicazione e marketing. Pertanto, abbiamo scelto quel nome per l'azienda, che fa riferimento alle Bromeliacee, che è un mini ecosistema sostenibile ”, conto Queiroz.

D'ora in poi, l'importanza di diventare un'azienda o un professionista che adotta relazioni e atteggiamenti più sostenibili diventerà ancora più evidente.. “Tutti devono collaborare con un mondo più sano, per non correre il rischio di essere ritenuto responsabile di crisi come queste. Il nostro obiettivo è unire la nostra intelligenza, esperienza, prodotti e servizi al fine di sviluppare soluzioni efficienti per trasformare le persone responsabili e preoccupate per la sostenibilità, glis problemi ambientali, globale, conservazione, conservazione delle risorse naturale, affrontando i suoi aspetti economici, sociale, politico, ecologico ed etico ", fini o ambientalista.

A proposito di Caio Queiroz

Caio Pereira de Queiroz è attiva da più di 20 anni nel mercato ambientale. Un pioniere nel campo della raccolta differenziata, E 'specializzata nella realizzazione di sistemi di gestione dei rifiuti, e lo sviluppo di programmi di marketing ambientale. Ha esperienza nei programmi di rifiuti aziendali e comunali, pubblicità e marketing. E 'anche un partner di mezzi sostenibili, società che costruisce e gestisce piattaforme di sostenibilità che combinano la gestione ambientale, marketing ambientale e dei media OOH, che sono efficaci per il marchio e rispettosa dell'ambiente, lasciando un'eredità positiva per la società.

A proposito di Mariana Britto

Mariana Britto trovato in sport e avventura un modo di vivere e lavorare, ottenendo così, sapere di più di 41 paesi in tutto il carriera. Laureata in Comunicazione Sociale in Radio e Televisione dalla Fundação Armando Alvares Penteado (FAAP), iniciou a carreira profissional ao lado da famosa família de velejadores, un Família Schurmann! Lavorato 10 anni come dirigente preposto alla cura del Corporate Schurmann, società del Gruppo Schurmann. contribuito anche nella produzione di eventi, lo sviluppo di programmi di formazione per le aziende in Brasile e all'estero. Allora, E 'stata invitata a "bordo" con la famiglia Schurmann nella società Ecco Talent, rendendo l'agenzia esecutiva responsabile per le grandi personalità del mondo di avventura nei colloqui di lavoro e progetti specializzati. Attualmente è ospite del Rally dos Sertões, partner commerciale nei Media Sostenibile ed è dedicato, in preparazione per le spedizioni di avventura.

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*