Casa / Art / Angelo Venosa, Eduardo Coimbra, Iole de Freitas, Nuno Ramos e Caldas Caldas creare opere in onore del Museo Dam
Angelo Venosa, lavoro permanente presso il Museo dello sbarramento Ghabaah, 2016. Foto: Jaime Acioli.

Angelo Venosa, Eduardo Coimbra, Iole de Freitas, Nuno Ramos e Caldas Caldas creare opere in onore del Museo Dam

Lancio sarà Domenica, 15 Settembre, la più grande galleria d'arte contemporanea all'aperto a Rio de Janeiro, situato nella Foresta di Tijuca.

Pezzi saranno in mostra nel Palazzo del Cielo e in vendita ArtRio.

Cinque dei più rispettati artisti contemporanei brasiliani che vivono – Angelo Venosa, Eduardo Coimbra, Iole de Freitas, Nuno Ramos e Caldas Caldas – Essi lanciare più in onore del Museo Dam, nella Foresta di Tijuca. Gli artisti, che hanno opere in esposizione permanente in loco, Essi presentano i nuovi pezzi in una celebrazione 15 Settembre, con ingresso libero, museo stesso, si trova nella più grande foresta urbana del mondo ripiantati dall'uomo. Dopo, follow multipla per mostra al Museo del Cielo Chacara, a Santa Teresa. Parallelo, le opere saranno lanciati nel ArtRio, nella cabina Mul.ti.plo Spazio Art, il 18 Settembre, Giorno "anteprima" della fiera.

pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

Il corpo di lavoro è costituito da nuove opere, inedito ed esclusivo, un progetto frutto di una collaborazione tra Mul.ti.plo e Museo Dam, Inaugurato nel 1964, la residenza e la raccolta del collezionista Castro Maya (1884-1968). Ogni artista creerà una serie di 15 piccole sculture formato che saranno offerti in vendita dalla galleria. "Questa partnership è un omaggio alla spettacolare serie di opere permanenti che abita lo spazio esterno dell'istituto, Adottando patrimonio piena aprospettica, che unisce il patrimonio culturale al naturale ", dice Vera de Alencar, Direttore Museo Castro Maya - Ibram - Ministero della Cittadinanza.

Per l'occasione, ogni artista ha creato un multiplo di libera ispirazione. Venosa Angelo sviluppato un pezzo di bronzo, così come il suo lavoro in corso nel museo, Esso è legato alla natura e parte di uno stampo stampato digitalmente. Con la sua capacità di dare l'immagine di una qualità scultorea, Eduardo Coimbra ha creato un dittico composto da scatole di luce in acciaio e fotografia, ricordando l'effetto ottico di una vista posteriore. Nelle sue molteplici, mano elaborato, uno a uno, Iole de Freitas ha cercato riferimenti nella serie di grandi strutture esposte a Casa Daros, CCBB, Iberê Camargo e propria diga Museum, usandoo stesso materiale usato nelle opere là (policarbonato e acciaio inox). L'opera di Nuno Ramos si inchina a Nelson Cavaquinho, unendo arte popolare alla cultura alta di dizionari. Sulla base dei presupposti del suo "La scienza Handbook Popolare", Caldas Caldas ha creato un insolito "sistema operativo simbolico" o "suggerimenti poetiche", che verrà montato dallo spettatore stesso, istruzioni. "Una più ha la capacità di portare il pubblico dell'artista. E 'l'occasione per portare a casa notevoli opere di alcuni dei più grandi artisti contemporanei del paese ", Vera celebra.

MULTIPLA

ANGELO VENOSA
Titolo: Untitled
Anno: 2019
Materiale: scultura in bronzo con patina (nero)
Dimensioni: 24 x 27 x 17 cm
Edizione: 15

Angelo Venosa è nato a São Paulo, dove frequenta la scuola in Brasile 1973. Si trasferisce a Rio de Janeiro, nel corso dell'anno 1974, dove la laurea Industrial Design ESDI (Design School Industriale). Negli anni 1980, frequenta i corsi della Scuola di Arti Visuali di Parque Lage e, il 2007, difende la tesi di Master "l'opacità", l'UFRJ Graduate School of Fine Arts (Università Federale di Rio de Janeiro). Sorse nel panorama artistico brasiliano alla fine degli anni 1980 ed è uno dei pochi artisti chiamati laureati "Generazione 80" dedicato alla scultura alla pittura e non. Da allora ha gettato le basi di una carriera che comprende stint a São Paulo Biennale (1987), Brasiliano dell'arte del XX secolo (1987, Museo d'Arte Moderna della Città di Parigi), Biennale di Venezia (1993) e Mercosul Biennale (2005). In 2012, il Museo d'Arte Moderna, Rio de Janeiro (MAM RJ) lui consacrato una mostra personale che celebra 30 anni di carriera, che ha seguito il roaming alla Pinacoteca di San Paolo, Palazzo delle Arti a Belo Horizonte e Recife in Mamam. In 2013 E 'stato rilasciato il secondo libro della sua opera, anche pubblicato da Editora Cosac Naify. Oggi l'artista ha installato nel paese alcune sculture pubbliche: Museo di Arte Moderna di Rio de Janeiro (Giardini); Museo di Arte Moderna di São Paulo (giardino Ibirapuera); Pinacoteca de Sao Paulo (Garden of Light); Spiaggia di Copacabana / timone, a Rio de Janeiro; Santana do Livramento, Rio Grande do Sul; José de Moraes Parco Ermirio, nel Museo di Curitiba e diga a Rio de Janeiro.

lavoro permanente presso il Museo dello sbarramento: Ghbah, 2016 (260 X 220 X 220 cm, legno rivestito con poliuretano)

Sito: www.angelovenosa.com

EDUARDO COIMBRA
Titolo: congruenze
Anno: 2019
Materiale: acciaio inossidabile, stampa pellicola di supporto e LED
Dimensioni: 7,5 X 20 X 12 cm
Edizione: 15

Eduardo Coimbra (n. 1955, Rio de Janeiro) vive e lavora a Rio de Janeiro. Ha studiato ingegneria elettrica e storia dell'arte al PUC-Rio de Janeiro. Coimbra è meglio conosciuto per le sue strutture multimediali site-specific. Il suo lavoro si riferisce allo spazio in un ampio, costringendo spesso questi confini tra interno ed esterno di spazi d'arte istituzionali, i confini tra i concetti d'arte, architettura e paesaggio. In prossimità all'architettura, progetti sviluppati per spazi abitativi e record ricercate, concettualizzazioni e ricreazioni di paesaggi, la produzione di opere fotografiche, grafica, collage, impianti in spazi istituzionali, modelli e progetti per lo spazio pubblico. Ha partecipato alla 29 ° Biennale di San Paolo del Brasile (Sao Paulo, 2010) e 3 ° Biennale di Mercosul, a Porto Alegre (Porto Alegre, 2001). Tra il suo recente gruppo sono: L'esperienza dell'arte (CCBB Brasilia, Sao Paulo, 2014); e Itaú Raccolta della fotografia brasiliana (Instituto Tomie Ohtake, Sao Paulo, 2013). Alcuni dei suoi più recenti personali di rilievo: fatti architettonici (Galeria Nara Roesler, Rio de Janeiro, 2015); Calcio nel campo espanso (Paço Imperial, Rio de Janeiro, 2014); 2 Sculture (Tiradentes quadrato, Rio de Janeiro, 2013); Tra architettura e paesaggio (Studio X, Rio de Janeiro, 2013); Una scultura nella stanza (Casa de Cultura Laura Alvim, Rio de Janeiro, 2015); e Project cloud (Lexus Hybrid Art Project, Mosca, Russia, 2013).

lavoro permanente presso il Museo dello sbarramento: passerella, 2008 (32m, legno e acciaio)

Iole de Freitas
Titolo: Io sono la mia architettura
Anno: 2019
Materiale: acciaio e lame policarbonato incise e verde.
Dimensioni:23,5 X 44 X 29 cm
Edizione: 15

Ha studiato presso la Scuola di Disegno Industriale a Rio de Janeiro (1964 - 1965). Di 1970 al 1978 Ha vissuto a Milano, Italia, dove ha lavorato come designer nel Corporate Image Studio Olivetti. Dal 1973 Produce ed espone vostra opera d'arte. Tra le mostre personali spiccano: 9alBiennale di Parigi (1975); 15alBiennale internazionale di São Paulo (1981); mostra "Cartografie" (1993), Museo Bronx (Nova York), Galleria nazionale (Ottawa, Canada) e in Winnepeg (Canada); Bogota; Caracas e Madrid; Biennale Brasile XX secolo (Sao Paulo, 1994); il singolo "Body Sculpture: il lavoro di Iole de Freitas ", a cura di Paulo Venancio Filho, il Museo di San Paolo d'Arte Moderna e il Palazzo Imperiale di Rio de Janeiro (1997); Progetto strutture permanenti Museo Dam, a Rio de Janeiro (1999); individuale presso il Centro d'Arte Hélio Oiticica (Rio de Janeiro, 2000), "Iole de Freitas", Valle Museo (Vila Velha, 2004), e "Iole de Freitas", presso il Centro Cultural Banco do Brazil (Rio de Janeiro, 2005), tutto a cura di Salzstein; 5Th Mercosul Biennale (Porto Alegre, 2005). In 2007 Iole è stato invitato ad eseguire un progetto specifico per Documenta 12, Kassel, Germania, e 2008 Ha presentato il suo lavoro alla Fondazione Camargo Iberê, a Porto Alegre. In 2009 Ha esposto in Francia-Brasile (Rio de Janeiro) e la Pinacoteca do Estado de São Paulo, e ha partecipato alla mostra "forma Desire" alla Akademie der Kunst, a Berlino. In 2015 Iole tenuto il Monumentale Area MAM Rio de Janeiro con la mostra "Il peso di ogni". In 2016, ha partecipato alla mostra "I molti e l'Uno: Brazilian Contemporary Art, Collezione Andrea e Jose Olympio Pereira. In 2017 ha partecipato alla mostra "Modi di vedere il Brasile: Itaú Cultural 30 anni", padre, parco Ibirapuera (Sao Paulo). La sua carriera è documentato in vari testi e critici d'arte di fama pubblicazioni. Esso è rappresentato da Galeria Raquel Arnaud dal 1988.

lavoro permanente presso il Museo dello sbarramento: Untitled, 2012 (14m, cavi policarbonato e acciaio)

Sito: www.ioledefreitas.format.com

Nuno Ramos
Titolo: Para Nelson IV
Anno: 2019
Materiale: taglio dizionario con tipografica, acrilico e specchio.
Dimensioni: 21,5 X 28,5 X 5,8 cm
Edizione: 15

Nuno Alvares Pessoa de Almeida Ramos (Sao Paulo, SP, 1960). scultore, pittore, progettista, scenografo, saggista, Videomaker. Sta studiando filosofia presso la Facoltà di Filosofia, Lettere e Scienze Umane, Università di San Paolo (FFLCH/USP), di 1978 al 1982. Funziona come redattore delle riviste almanacco 80 e Kataloki, fra 1980 e 1981. Comincia a dipingere in 1982, quando ha fondato la casa di studio 7, con Paulo Monteiro (1961), Rodrigo Andrade (1962), Carlito Carvalhosa (1961) e Fabio Miguez (1962). Esegue le prime opere tridimensionali in 1986. L'anno successivo, riceve dal Museo di Arte Contemporanea, Università di San Paolo (MAC/USP) Arts prima Émile Scambio Eddé plastica. In 1992, a Porto Alegre, espone per la prima installazione 111, Si riferiva al massacro dei prigionieri in Carandiru (Carandiru) si è verificato che l'anno. pubblicare, il 1993, il libro in prosache e; il 1995, il libro-oggetto ballata. Vence, il 2000, concorso tenutosi a Buenos Aires per la costruzione di un monumento in memoria degli scomparsi durante la dittatura militare in quel paese. In 2002, pubblica un libro di racconti The Raven pane. Per comporre le sue opere, l'artista utilizza diversi media e materiali, e funziona con incisione, pittura, fotografia, installazione, poesia e il video.

Sito: www.nunoramos.com.br

lavoro permanente presso il Museo dello sbarramento: Calado I / progetto II, 2002 (4,00 X 1,30m / 5,30 X 3,08m, asfalto, vetro e olio bruciato)

Waltércio Caldas
Titolo: Esempi di filtri
Anno: 2019
Materiale: MDF e plastica (acrilico)
Medidas: 55 X 30 X 30 cm (a cavallo)
Edizione: 15

Caldas Caldas Junior (Rio de Janeiro, RJ, 1946). scultore, progettista, artista grafico, scenografo. pittura studiato con Ivan Serpa (1923-1973), il 1964, non Museo di Arte Moderna di Rio de Janeiro (MAM/RJ). Tra 1969 e 1975, eseguita grafica, oggetti e carattere concettuale di fotografie. Nel 1970, leciona no Villa-Lobos Institute, a Rio de Janeiro; è co-editore della rivista Malasartes; Esso comprende la commissione di Cultural Planning MAM / RJ; partecipa alla pubblicazione Parte del Fuoco e pubblicato con Carlos Zilio (1944), Ronaldo Brito (1949) e José Resende (1945) articolo O Boom, Post-Boom, o Dis-Boom, sul giornale Parere. In 1979, la sua produzione viene analizzato nel libro elettrodomestici, test Ronaldo Brito e, il 1982, non Manuale di Popular Science, serie pubblicata nel brasiliano Arte Contemporanea, by Funarte. In 1986, video Off-te Sésamo, Miguel Rio Branco (1946), concentra la sua produzione. riceve, il 1993, Mario Pedrosa Award, l'associazione brasiliana di critici d'arte (ABCA), per i singoli spettacoli tenuti in Museu Nacional de Bellas Artes (MNBA), a Rio de Janeiro. In 1996, lancia il lavoro Prenota Velázquez ed esegue le note mostra personale 1969/1996, non Paço Imperial, Rio de Janeiro, presentando per la prima volta i suoi studi libri.

lavoro permanente presso il Museo dello sbarramento: Il blu-mode, 2016 (13,6 X 8,4 X 10,5 m, vernice polisilossano in acciaio inox lucido)

Sito: www.walterciocaldas.com.br

MUSEI MAYA CASTRO

Raymundo Ottoni de Castro Maya (1884-1968) era industriale, editore di libri, atleta, Il difensore del patrimonio, artistico e naturale e Rio, soprattutto, collezionista. La sua collezione ha dato origine alle due istituzioni raccolti nei Musei Castro Maya: Museu da Chácara do Céu, a Santa Teresa, Museum and Dam, in Alto da Boa Vista. L'area di strutture permanenti Dam museo è stato inaugurato nel 1999 a cura di Marcio Medici, a 2008, riunendo opere di Anna Maria Maiolino, Iole de Freitas, Hélio Oiticica, Lygia Pape, Nuno Ramos, José Resende, Piotr Uklanski e Eduardo Coimbra. Dal 2010, il circuito all'aperto di arte contemporanea, che collega l'arte e paesaggio in 150 mil m2 Foresta atlantica, Entrò le sedi delle artisti Angelo Venosa e Caldas Caldas.

SERVIZIO
LANCIO DEL MUSEO Weir MULTIPLA
Artisti: Angelo Venosa, Eduardo Coimbra, Iole de Freitas, Nuno Ramos e Caldas Caldas
Dati: 15 Settembre 2019 (Domenica)
Tempo: 12h
Local: Museo Dam
Indirizzo: Dam road, 764 – Alto da Boa Vista – Rio de Janeiro
Parcheggio: Gratis, museo stesso
Fascia d'età: libro
Cellulari: +55 21 3433.4990 - 3433-4984
NOTA MULTIPLA IN Heaven Farm
Dati: 25 Settembre a 25 Novembre 2019
Tempo: quotidiano, tranne 3ªs fiere, 12h alle 17h
Ingresso: R $ 6,00
Local: la fattoria del Cielo Museo
Fine: R. Murtinho Nobre, 93 - Santa Teresa - Rio de Janeiro
Telefono: +55 21 3970-1093
Fascia d'età: libro
LANCIO DELLA ARTRIO MULTIPLA
Dati: 18 Settembre 2019 (Mercoledì - Giorno anteprimada ArtRio)
Tempo: 18h
Ingresso: R $ 60 (intero) e R $ 30 (la metà). Passaporti per quattro giorni sono disponibili sul sito ufficiale del R $ anche 180 (intero) e R $ 90 (la metà).
Local: Marina da Glória – ArtRio – Stand D10 - Mul.ti.plo Spazio Art
Fine.: AV. Infante Dom Henrique, S / N - Glory – Padiglione e Terrazza – Rio de Janeiro
Telefono: +55 21 2555-2200
Fascia d'età: libro

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*