Casa / In evidenza / L'ansia può essere utile se controllata, afferma lo psicoanalista
Fabiano de Abreu. Foto: Jennifer Silva.
Fabiano de Abreu. Foto: Jennifer Silva.

L'ansia può essere utile se controllata, afferma lo psicoanalista

Fabiano de Abreu, chi è uno psicoanalista, neuroscienziato e filosofo, spiega che l'ansia è un meccanismo di difesa del cervello contro possibili minacce, il problema sarebbe la mancanza di controllo di questa emozione

Non vivere nel presente per paura di ciò che dovrebbe accadere, finché non arriva il "futuro" e non accade nulla, la persona è quindi frustrata per non aver fatto ciò che avrebbe dovuto fare al momento giusto e inizia a sentirsi più ansiosa per le sue faccende, ora si aggiungeva alla paura che aveva già del futuro. Il ciclo dell'ansia è un male presente nella società contemporanea, "L'ansia fa sprecare il presente per paura del futuro", dice il neuroscienziato, psicoanalista e filosofo Fabiano de Abreu. Tuttavia, sapere come dosarlo può essere utile.

Definisce l'ansia come un'attesa, una fuga dalla realtà, del presente e tutto ciò che è vero. L'ansioso si aggrappa a pensieri fantasiosi invece di aggrapparsi a ciò che ha effettivamente in quel momento. “È una necessità dover risolvere qualcosa, questo desiderio fa parte dell'istinto di sopravvivenza, ma ciò che non è sempre chiaro è ciò che deve essere risolto ", definisce Abreu. Il risultato, secondo l'esperto, è la sensazione di impotenza. Tuttavia, l'ansia può essere dosata e utilizzata in un modo che è una molla propulsiva. Fabiano de Abreu spiega che la preoccupazione per il futuro proviene dalla regione più primitiva del cervello, quello in cui vengono memorizzati i traumi, la negatività, paure e consapevolezza della fuga dalla realtà. "Questo è necessario per 'salvare noi stessi', Dopotutto, è stato nell'ansia che abbiamo cercato sin dall'inizio la spinta necessaria per sfuggire al pericolo ", dice.

pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

Così, lo psicoanalista definisce questo sentimento come una risorsa interna che cerca ricordi di paura affinché la persona possa difendersi o cercare una rapida soluzione. Un esempio pratico è lo studente che era cattivo nel test precedente e sa che se è cattivo in quello successivo avrà un altro voto basso e potrebbe essere disapprovato, quindi studia molto di più per evitare di provare di nuovo la sensazione di fallimento. " Possiamo dire che questo è il motivo per cui il ricordo della paura rimane in tutti noi ", gli highlights. Il problema attuale è che le persone non hanno dosato e utilizzato questa risorsa in modo razionale. "Siamo molto ansiosi oggi perché abbiamo così tante questioni in sospeso e ne creiamo ancora di più ogni giorno", gli highlights. Sono le bollette che arrivano, il desiderio di acquisire lo smartphone appena lanciato, vedi che non sei ancora riuscito a risparmiare soldi per il futuro, aver paura di non centrare l'obiettivo del mese al lavoro, senti di dover cambiare macchina e parecchi altri pensieri che, se analizzati con freddezza, non sono urgenti o difficili da risolvere. Tuttavia, è difficile analizzare razionalmente, perché temendo di non poter esaudire le questioni in sospeso e portando con sé la voglia di dover risolvere tutto, il cervello salva i ricordi negativi, che mettono l'individuo in un'atmosfera pesante, rende la paura ancora di più.

I problemi in sospeso sono il risultato di situazioni già sperimentate, ma questo non è stato risolto. “Molti conflitti emotivi che trascuriamo nel tempo, che credevamo di aver superato, ma finiscono per tornare di tanto in tanto per dimostrarci che non abbiamo il controllo ", spiega Abreu. Pertanto, è fondamentale cercare un aiuto professionale per guardare al presente con più fiducia, così sarà possibile evitare che la paura raggiunga livelli invalidanti, “Uno stato di panico potrebbe colpirti in futuro e non perderai il controllo di tutto, compreso te stesso ", avvisare. Il risultato può essere la depressione o anche la sindrome di panico.

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*