Casa / Art / Culla dell'urbanizzazione di Rio de Janeiro, Bairro da Glória guadagna un sito con nuovi ricchi contenuti
Orologio di gloria. Foto: Cesar Duarte.
Orologio di gloria. Foto: Cesar Duarte.

Culla dell'urbanizzazione di Rio de Janeiro, Bairro da Glória guadagna un sito con nuovi ricchi contenuti

Il portale Ó Glória! viene rilasciato a marzo, mese dell'anniversario della città di Rio de Janeiro

"Glória ha un posto decisivo nella storia di Rio de Janeiro e del Brasile "
Mariana Varzea, museologa e curatrice del progetto Ó Glória

"La gloria non è solo un posto qualsiasi, è importante che cariocas lo sappia, è importante che i brasiliani lo sappiano", dice l'architetto e urbanista Margareth Pereira in una delle testimonianze inedite sul quartiere inserite nel sito Oh gloria!, che sarà lanciato a marzo da ispirazioni illimitati, produttore e storico museologo Mariana Varzea. Il sito bilingue presenta la copertura più completa del quartiere, rivelando un circuito paesaggistico assolutamente notevole, vero museo a cielo aperto della storia di Rio e del Brasile. "Oltre al ricco patrimonio culturale, paesaggistico e architettonico che raccoglie nelle sue strade, era in Gloria che dentro 20 Gennaio 1567, è successo, per definitivo, l'occupazione dalle terre di carioca. Dobbiamo raccontare questa storia, in ciò che porta a creare e cancellare ricordi ", dice Mariana Varzea.

pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

Oh gloria! è un invito a saperne di più su questo patrimonio culturale, materiale e immateriale e riflettono in modo critico come ha avuto luogo l'occupazione territoriale di Rio de Janeiro, da prima della sua fondazione. Sulla base di questa memoria, ripensare e proporre nuovi futuri, dando il giusto risalto al patrimonio culturale come anello fondamentale nella rivitalizzazione della città.

Il lancio del portale è previsto per Marzo, mese dell'anniversario della città di Rio de Janeiro, e mostra attraverso un'ampia ricerca storica e materiale iconografico che la città ha beneficiato delle esperienze di urbanizzazione nella zona, come la prima stazione di risanamento urbano e i vari movimenti paesaggistici. "Gloria è il laboratorio della civiltà di Rio", sottolinea lo storico e professore Paulo Knauss. Per entrambi, sono stati indicati tramite una mappa interattiva 32 beni culturali elencati (spiegato in voci con foto) e ha sottolineato la posizione del file 120 beni culturali conservati, schede con l'evoluzione urbana del quartiere, i suoi principali architetti e paesaggisti che coprono 400 anni di storia. Il ricco contenuto riunisce 50 iconografie storiche; 100 foto attuali realizzato appositamente per il sito web, 15 video di testimonianze di esperti; volo degli uccelli che mostra una giornata nel quartiere e una mostra con 35 immagini inedito del fotografo Cesar Duarte.

Attraverso i giardini, l'architettura, di monumenti e fontane, è possibile raccontare questa storia della città, dall'occupazione di queste terre da parte dei villaggi di Tupinambá ai giorni nostri. In questo piccolo e affascinante spazio di Rio, punto di collegamento tra l'aeroporto Santos Dumont, la baia di Guanabara, il centro, Lapa e i quartieri della Zona Sud, troviamo un mosaico di stili, idee e personaggi che traducono la diversità culturale di Rio. Questa diversità che rende Glória un luogo unico a Rio de Janeiro, e il suo paesaggio culturale ha contribuito al riconoscimento della città come patrimonio dell'umanità dall'UNESCO, il 2012. Questo è stato uno dei punti rilevanti per il patrocinio della città di Rio de Janeiro, attraverso il segretario comunale di cultura, da quando ha promosso azioni di educazione all'equità, sono importanti per l'integrazione del patrimonio storico nella vita quotidiana della comunità.

Secondo Rafael Werneck, responsabile marketing di Rede D'Or São Luiz, è un onore contribuire al quartiere in cui il gruppo ha aperto il nuovissimo complesso ospedaliero di Rio de Janeiro. "Collaborare per la conservazione e il restauro del patrimonio culturale è uno degli impegni della politica di sponsorizzazione di Rede D'Or São Luiz. Il sito web di Ó Glória è complementare all'iniziativa di restauro e ammodernamento dell'edificio Beneficência Portuguesa, situato sulle vie Santo Amaro e Benjamin Constant, che per più di due secoli, segna il paesaggio monumentale della città di Rio de Janeiro."

Passeggiare per Glória significa trovare veri gioielli del passato, palazzi imperiali, palazzi repubblicani, borghi e piccoli edifici dai colori e stili più vari, che spesso portano il fascino delle patine del tempo, altre volte, purtroppo, presentarsi abbandonati al proprio destino. È necessario prestare attenzione alla salvaguardia di questo patrimonio culturale che fa da ponte tra architettura coloniale e moderna. Nelle parole del filosofo e critico d'arte Luiz Camillo Osorio, “Glória è un luogo di incontro tra la città, natura e architettura. "

Il sito ha anche il sostegno della capitale mondiale dell'architettura di Rio e del Congresso mondiale degli architetti, che si svolgerà nel luglio di quest'anno. Oltre alla diffusione nazionale e internazionale di questo patrimonio, uno degli obiettivi del sito web è promuovere l'educazione urbana e sensibilizzare i residenti e le imprese del quartiere sulla causa della conservazione e della valorizzazione del loro patrimonio culturale, materiale e immateriale. Dopotutto, a Gloria le feste popolari, samba e carnevale sono antiche tradizioni che hanno avuto inizio dal 19 ° secolo e continuano fino ai giorni nostri, attirando migliaia di persone all'anno.

Il progetto Ó Glória!, idealizzato e realizzato da Unlimited Inspirations, è sponsorizzato dalla Città di Rio de Janeiro, Segretario municipale della cultura e Rede D'Or attraverso la legge municipale di incentivazione alla cultura di Rio de Janeiro – Lei fare Iss.

Il curatore:

Abitante della gloria, la carioca Mariana Varzea ha dedicato la sua vita alla cultura e ai musei. È laureata in museologia, con una specializzazione in Storia dell'Arte e dell'Architettura, laurea magistrale in Storia Sociale al PUC Rio e in settembre difenderà la sua tesi sulla promozione e il finanziamento dei musei, presso l'Università di Museologia, dal lusofono di Lisbona.

Ci 30 anni lavora in aree pubbliche, privato e comunitario, sviluppare innumerevoli progetti e iniziative di impatto sociale e culturale. In qualità di Sovrintendente ai Musei della Segreteria di Stato alla Cultura, è stato responsabile delle politiche per l'area museologica, che ha coinvolto le attività di conservazione, documentazione, ricerca, gestione, comunicazione, espografia, finanziamento e promozione della rete dei musei di Rio de Janeiro. Un periodo segnato dall'effervescenza museologica in Brasile.

Ha curato importanti progetti espositivi ed editoriali prestando il suo occhio attento e creativo allo sviluppo dei concetti curatoriali di queste iniziative., così come per la riflessione sulla sua sostenibilità finanziaria - un tema che è stato oggetto di, studi e corsi che insegna.

atto, attivamente e volontariamente, in enti come l'International Museum Council, no Brasil (ICOM-BR), l'Associazione Brasiliana di Gestione Culturale (ABGC) e Consiglio Regionale dei Musei (Corem / RJ).

Lavora in collaborazione con diversi partner, dalla tua azienda Ispirazioni illimitate (2016) – una società di consulenza specializzata nell'individuazione e sviluppo di innovazione per musei e iniziative culturali. Attraverso ispirazioni illimitate, collabora alla riqualificazione di diversi musei, tra i quali il Sítio Roberto Burle Marx (forte candidato per il paesaggio culturale dell'umanità dall'Unesco), il Museo di domani (riferimento nell'area museale mondiale e tra le più visitate in america latina) e il Museo del calcio, Sao Paulo, che si distingue per le sue azioni differenziate durante la pandemia.

È la creatrice e curatrice di HiperMuseus, piattaforma di ricerca e sviluppo finalizzata a formare una cultura tecnologica che promuova una maggiore connessione tra musei e società, co-realizzato in collaborazione con il Museo Vivo.

La mostra

Cesar Duarte, fotografo professionale. Lavora nel suo studio e si è concentrato principalmente sulle vedute urbane e sulla fotografia in studio commerciale. Laureato in Comunicazione Sociale presso PUC-RJ, ha firmato fotografie per innumerevoli progetti editoriali e ha partecipato a molti altri, fornire il tuo lavoro sia per le copertine che per i contenuti.

Il fronte dell'editore Edições Uiti, che ha fondato in 2006, ha lanciato libri di grande impatto nel mercato editoriale come Árvore Cidade Rio de Janeiro, Tree City São Paulo, Ambiente artistico Rio de Janeiro, altri. I primi due di loro hanno ricevuto due premi Pini per l'eccellenza grafica. Con la partnership di Editora M4 ha partecipato a grandi progetti nell'area del patrimonio naturale e costruito, pubblicando il suo lavoro in libri come patrimonio immateriale brasiliano, Patrimonio materiale brasiliano, Rio Heritage, Albero del Brasile, Terra Brasilis, tra molti altri contributi. Complessivamente ce ne sono stati più di 50 pubblicazioni tra libri art, cataloghi d'artista e reportage aziendali.

Sito web Ó Glória – www.ogloria.art.br
Lancio: 21 Marzo 2020
Concezione e realizzazione: ispirazioni illimitati

Coordinatore generale e curatore: Mariana Varzea
Fotografia e ricerca di immagini: Cesar Duarte
marchio, identità visiva e design grafico: Jair de Souza
Progettazione grafica: Bruno Niquet
Sviluppo del sito web: samambaia.digital
Produzione esecutiva: Gabriela Weeks
Filmati di droni: Lucas Santana
Testi: Cesar Duarte, Cynthia Azevedo e Mariana Varzea

Testimonianze inedite: Luiz Camillo Osorio, filosofo, curatore e insegnante – Gloria moderna e monumentale; Masao Kamita, architetto e insegnante – Affonso Reidy e il Museo d'Arte Moderna; Gabriela Davies, Responsabile culturale – Galleria d'arte contemporanea Aymoré; Carlos Fernando de Andrade, Architetto e urbanista – Fontana della Gloria; Rita Fernandes, giornalista – Gloria e Carnevale; Paulão Sete Cordas, musicista e compositore – Per glorioso; Henrique Souza de Lacerda, manager culturale (Blocco Arteiros da Glória) – Samba in Gloria; Paulo Knauss, storico e insegnante – La parrocchia di Glória; Anapuaka Tupinambá, comunicatore e ideatore del Digital Indigenous Culture Network – La gloria di Tupinambá; Margareth Pereira, architetto e insegnante – Diversità culturale di gloria; Marconi Andrade, Restauratore – S.O.S Heritage of Glory; Luciano Cavalcanti, architetto e restauratore – Chiesa della gloria; Jair de Souza, designer – Gloria prima della gloria; Mariana Varzea, museologo e responsabile culturale – Progetto Ó Glória!, Roberto Ainbinder, Architetto e urbanista – Monumentale paesaggio di gloria.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*