Casa / Art / Giustizia Federale Centro Culturale apre mostra senza precedenti del fotografo José Diniz
Foto di Jose Diniz.

Giustizia Federale Centro Culturale apre mostra senza precedenti del fotografo José Diniz

Giustizia Federale Centro Culturale apre mostra senza precedenti del fotografo José Diniz con lavoro visivo e poetico in cui la memoria e il passato vengono tradotte in un artista tributo per il padre.

TRA LE BANCHE DEL FIUME
Apertura: Martedì 27 Novembre
Di 28 Novembre 2018 al 03 Febbraio 2019

"Che José Diniz spiega sul suo lavoro ci aiuta, chiaro, per capire meglio e godere. Ma la sua visualità poetica, la forza e la bellezza delle sue immagini di erogazione spiegazione "
Joaquim Paiva - curatore e uno dei più importanti collezionisti fotografia in Brasile

pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

Il Centro culturale di giustizia federale inaugura Martedì, giorno 27 Novembre, TRA LE BANCHE DEL FIUME, mostra senza precedenti del fotografo José Diniz con il lavoro visivo e poetico in cui la memoria e il passato sono tradotti in un artista tributo per il padre. Caratteristiche 51 opere tra fotografie, dipinti, strutture, oggetti e il video, dove il fotografo ricostituisce ricordi dell'infanzia, sulle rive del fiume St. John, a St. John Bar, Rio de Janeiro costa nord della regione dei laghi. A exposição é organizada em vários ensaios na parede como “Rio São João”, "Tabelle di mio padre", "Canoe" e "Frammenti". Três vitrines mesclam trabalhos do fotógrafo e de seu pai.

Curata dal fotografo Joaquim Paiva, uno dei più importanti collezionisti fotografia in Brasile, TRA LE BANCHE DEL FIUME E 'il risultato di esperienze di José Diniz fotografo con il padre José Maria Diniz, artista e docente di disegno e la geometria presso l'Universidade Federal Fluminense, acclimatati alle rive del fiume St. John, fiume scorre a Barra de São João, E 'il luogo di nascita di Casimiro de Abreu poeta e scenario tavoli Pancetti, onde navegar era uma obsessão. José Maria Diniz produziu grande parte de sua obra neste lugar, trasmettere le possibilità artistiche ed esercitando una forte influenza nella carriera di suo figlio José Diniz. "Ho imparato a conoscere la composizione, osservando le tecniche prospettiche di disegno e pittura. Frequentato San Giovanni bar da molto piccolo. Vissuto con i piedi nella pesca d'acqua, in sella a una canoa o semplicemente girovagando lungo il litorale. Mi sono divertito a visitare un cimitero situato alla foce del fiume. Resti di oggetti, monete, frammenti di porcellana e persino manette sono stati trovati sepolti nella zona. Fare attività di archeologia era il mio divertimento. Tutte queste esperienze affettive sono enfatizzate in questa mostra, rivedere le cose che sono nella mia memoria in forma di poesia visiva ", spiegare il fotografo. "L'arte è cosa mentale, intelligenza, molta eccitazione, un sacco di storia personale, la creazione di molto con la realtà e sogni, con il tuffo nelle nostre esperienze e ricordi. Diniz tradotto molto bene tutto questo. E 'un piacere condividere con il pubblico le immagini così ben fatto, delicato, in silenzio questa mostra. Ad esso si aggiungono la pittura e disegni nostalgici del padre di questo artista sensibile e dedicato alla sua arte. Queste immagini tutte in per il confezionamento di ciascuno di noi, come nella mente di Zé Diniz", registra il curatore Joaquim Paiva.

The Artist:

José Diniz (1954), Niterói-RJ, ha fatto la sua laurea in fotografia presso l'Università Cândido Mendes-RIO DE JANEIRO e ha frequentato corsi in MAM-Rio, EAV Parque Lage e immagine Workshop. Ha pubblicato più di cento libri d'artista, oltre la storia dell'arte "Letterariamente" e collettiva "SAHARA Carioca" e "GO-E-coming". Ha partecipato a mostre individuali e collettive in Brasile e all'estero. In 2013 E 'stato indicato da British Journal of Photography come "Occhi puntati nel 2013”; In 2012 è stato premiato con il premio Funarte Marc Ferrez Fotografia e in 2011 Ha partecipato alla III internazionale biennale scoperte a Houston-Texas dove Trustees del FOTOFEST ha scelto 12 nuovi fotografi in diversi paesi durante 2010/2011.

Fin dall'infanzia José Diniz si riferisce al mare e con la fotografia. I dipinti marittimi di suo padre, le gite in canoa nella Barra de São João o le telecamere presentate dalla sua due nonne basato suo immaginario.

L'artista ha deciso di dedicarsi alla fotografia professionale in 2007. Rapidamente ganhou destaque no mercado de arte. "Il mio lavoro in fotografia è un riflesso della mia vita. Forse perché ho iniziato la mia carriera in ritardo nel campo delle arti visive, Voglio fare questo "gap" ossessivamente, rivedere le cose che sono nella mia memoria in forma di poesia visiva", dice il fotografo. "L'arte ha a che fare con l'ossessione, duro lavoro, disciplina, intensità, il passaggio del tempo. Ci sono artisti che fanno il meglio del suo lavoro da giovane, altri a scadenza", integra Joaquim Paiva. I suoi precedenti set fotografici a questa mostra - Periscope, chiuso, Botafogo (Corner volontari) - sono il contrario di ciò che l'immagine a volte si presta a soddisfare in alcuni circuiti - il ruolo di mera illustratore di un discorso, sì, teorico, ma non visiva ", dice il curatore della nuova mostra TRA LE BANCHE DEL FIUME, che si trova in the Ruins Park per 3 Febbraio 2019.

Le immagini di Diniz fanno parte delle più importanti collezioni private e sono nella collezione di musei importanti come il Museo di arte moderna di Rio de Janeiro/Joaquim Paiva collezione e Museum of Fine Art di Houston.

www.josediniz.com.br

TRA LE BANCHE DEL FIUME – José Diniz
Apertura: 27 Novembre, Martedì, 19 ore
Periodo: 28 Novembre 2018 al 3 Febbraio 2019, 12:00 a 19:00
CCJF - Federal Justice Centro Culturale
AV. Rio Branco, 241 – Centro, Rio de Janeiro – RJ – (55 21) 3261-2550
Da martedì a domenica, 12h 19h

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*