Casa / Art / Chantal Akerman - Tempo Expanded
Shangai. Foto: Rivelazione.

Chantal Akerman - Tempo Expanded

Hi futuro si apre mostra senza precedenti
dà regista Akerman

Obra da diretora belga vai ocupar todo o centro cultural no Flamengo con da videoinstallazioni 27 Novembre. Spettacoli approcci pubblico brasiliano l'estetica unica del regista e il suo sguardo sull'universo femminile

consacrata a livello internazionale, regista Chantal Akerman (1950-2015) eseguito oltre 40 film, alcuni dei quali hanno assicurato tra i classici di tutti i tempi. Per celebrare la sua eredità, Hi futuro si apre il giorno 26 Novembre, la prima mostra in Brasile sul lavoro dell'artista e il loro inserimento nel mondo delle arti visive. Proprietario di un look unico l'universo femminile e la costruzione di un ritmo che ha rotto con molti dei canoni cinematografici del suo tempo, Chantal ocupará, quattro video installazioni, tre piani del centro culturale in Flamengo.

pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

Chantal Akerman - Tempo Expanded È un romanzo mostra, che ha curare Evangelina Seiler e ha il suo assemblaggio supervisione Claire Atherton, uno dei più stretti collaboratori di Akerman. L'obiettivo è quello di avvicinare l'estetica brasiliana pubblici, stile e soprattutto la particolare visione dell'artista sull'universo femminile. Beto Amaral, Scisma, l'esposizione in idealizzato 2014, in collaborazione con il Marian Goodman Gallery. Daniela Thomas e Felipe Tassara firmare lo spettacolo expography.

- Per un anno ora sono completamente dedicata all'universo di Chantal Akerman - eccitato-è Evangelina Seiler. - Sono molto felice di essere stato invitato a questo curatoriale così speciale. Il nostro obiettivo finale è quello di rendere più singolare opera di Chantal Akerman raggiungere il maggior numero possibile di persone. E 'molto importante che sempre più persone conoscono la grandezza e l'importanza del lavoro di questo grande regista - frisone.

- Quattro anni fa, cerco di fare questo accadere. L'Hi futuro è stato il primo a credere in lui. In un momento in cui stiamo incantati con i problemi di identità in Brasile, non più corrente di regista Chantal Akerman, che le questioni e le domande la nozione di identità nella sua vasta opera. - spiega Beto Amaral.

- Oltre ad essere uno dei registi più influenti e originali della storia del cinema mondiale, Chantal Akerman è stato un pioniere nella ricerca di donne, valorizzando le questioni di genere tutta la sua carriera e innovare non solo nella forma ma anche nei contenuti. L'Hi futuro è orgogliosa di chiudere il programma 2018 le nostre gallerie con questa mostra senza precedenti, condividere con il pubblico l'esperienza di un'esperienza intensamente l'opera di questo grande artista, che fa ancora incredibilmente attuale - dice Roberto Guimaraes, Direttore Esecutivo della Cultura di Futuro Hi.

A spettacoli

L'esperienza di Chantal Akerman nel campo delle installazioni video l'ha portata a partecipare ad alcuni degli spettacoli più importanti del mondo, come Documenta a Kassel (2000) e la Biennale di Venezia (2001 e 2015), tra l'altro, sempre con grande successo. Le sue opere in questo settore sono stati sviluppati sulla base di alcuni dei suoi film - a cui ha aggiunto nuovo materiale che ha fatto le riprese.

L'Hi futuro riceve quattro video installazioni regista: Nello specchio (1971-2007) mostra una scena da uno dei primi film del regista (Il Bambino Amato o io giocare per essere una donna sposata, 16mm, di 1971), in cui una giovane donna nuda, davanti a uno specchio, esamina il proprio corpo dettaglio per dettaglio.

la Camera (2012) E 'stato creato da immagini di film omonimo 16mm, pubblicato nel 1972. articolo “Chantal Akerman: Autoritratto dà regista ", di 2004, rivista Cahiers du Cinéma, a cura del Centre Pompidou, riassume il film: "Una lunga, lenta panoramica descrive ripetitivo e continuamente lo spazio di una stanza. a letto, Chantal Akerman - prima seduta ancora e, al ritorno della fotocamera, mangiare una mela. Questo è sia un misterioso autoritratto del regista al suo posto prevedibile, come equivalente, per il filmato, una natura morta: raccogliere i vostri motivi personali in una descrizione ripetitiva di scartare meglio loro poi. "

Maniac Estate (2009) Si compone di immagini e suoni registrati a Parigi, in estate 2009. Si tratta di un trittico completo, senza inizio né fine, senza un argomento o tema specifico. La telecamera è posizionata di fronte a una finestra e sta funzionando là. osserva i movimenti, registra rumori dalla strada o vicino parco, cattura Chantal Akerman nei loro normale routine in appartamento: fumo, lavoro, parlando al telefono. Frammenti di vita quotidiana dell'artista vengono visualizzati nel video di installazione del pannello di controllo, mentre i pannelli ausiliari mostrano un materiale più simbolico, composto di immagini video principali, che sono stati isolati, modificati e ripetuto più volte. Queste immagini residue astratti sono una sorta di memoria, che si riferisce alle immagini dell'elemento centrale dell'installazione, come tante ombre della vostra realtà.

Il quarto lavoro sarà Notte cadde su Shanghai (2009), con proiezioni di immagini dell'episodio omonimo diretto da Chantal Akerman per quel film Lo State of the World, che ha riunito sei amministratori provenienti da vari paesi ed è stato prodotto per commemorare il 50 anniversario della Fondazione Calouste Gulbenkian, Portogallo.

Si tratta di un impianto canale singolo, che evoca l'arte di direzione e di osservazione. Ancora immagini in stile Akerman dispone di catturare il porto, barche che attraversano il fiume, persone che trascorrono, lo skyline della megalopoli, la pubblicità luminose gigantesca e Nightfall in tempo reale. Notte cadde su Shanghai Ha poco o nessun complotto, ma un ambiente potente che si fa a volte. La sua rappresentazione dell'ambiente urbano è ancorato nel rapporto dialettico tra lo sguardo dell'osservatore statica e dei vari movimenti dei soggetti che sembrano.

Il ronzio naturale di un hotel-ristorante serve colonna sonora di questo sogno a occhi aperti visiva senza un senso apparente.

ritmo, proprio stile e la volontà

La giovane donna che a 18 anni abbandonato la scuola di cinema per fare il suo primo cortometraggio e, a 25, sconvolto l'Amministrazione settimana a Cannes, il 1975, con la proiezione del suo più acclamato a lungo, Jeanne Dielman, 23 Quai du Commerce, Bruxelles, sempre soube intimamente o que queria fazer para a tela grande. Tuttavia, il suo vero incontro con il cinema si sarebbe verificato durante l'adolescenza e per puro caso: il titolo del film Pierrot Le Fou, Jean-Luc Godard, visto sul poster, attenzione attratta. Ha deciso di entrare nel cinema e, dopo la sessione, tra incantato e determinato, suddetto: - Questo è esattamente quello che voglio fare nella vita.

Figlia di immigrati ebrei polacchi, vittime dell'Olocausto (madre, Natalia, E 'stato l'unico della sua famiglia a sopravvivere al campo di concentramento di Auschwitz), Chantal portava sempre con sé il segno di una sofferenza presente, ma sigillato dal silenzio, dal momento che la madre - il riferimento più decisivo nella sua vita e carriera per l'ultimo film - non ha mai parlato a questo proposito. come una ragazza, Chantal ha vissuto con le tradizioni ei rituali ebraici fino alla morte di suo nonno - e ricordate che quei rituali lo ha portato a certi ricordi Pace e Bene. L'osservazione della vita quotidiana delle zie materne e paterne fatto per sviluppare una particolarissima comprensione delle attività quotidiane di una casa, come rendere il cibo, apparecchiare la tavola, lavaggio, passare… tutte le donne realizzati con la stessa cura e instancabilmente, ancora e ancora. Questo fatica tipicamente femminile conteneva un ritmo che Chantal eventualmente incorporare le immagini che successivamente creerebbero.

- Mia madre non piaceva a me nel brincasse strada, così ho guardato fuori dalla finestra troppo - dichiarato, in un'intervista al programma Parla Cinema, TV Francese. - Mi ricordo bene, spesso da solo, guardando fuori dalla finestra.

Il giorno per giorno di una casa e la finestra di visione sono elementi molto presenti nella sua filmografia, segnata da cornici fisse, lungo prende e movimento per andare e venire - le auto, autobus, treni - osservati da una distanza. funzioni della fotocamera Chantal Akerman da un punto di osservazione, un invito per lo spettatore a scoprire, per te, tutta la scena rivela. Non v'è nessuna induzione, il dialogo è scarsa. La fotocamera può rappresentare una finestra - di personaggi e ambienti - o di una finestra fuori, nel caso di contatto con il movimento del mondo.

tempo lezioni

il tempo, na opera di Chantal Akerman, È essenziale per la realizzazione di narrazione. - Quando qualcuno dice: "Ho visto un grande film, o mi sono sentito nel corso del tempo!", Ho il sospetto che questa persona viene 'rubato' qualcosa di molto prezioso - rivela. - Nei miei film, Voglio la persona a sentire il tempo che passa e tutto ciò che questo passaggio porta - ha detto.

Il suo film è fatto di fotogrammi apparentemente ancora, ma che rivelano tutta l'intensità della narrazione, e lunga prende, tagli no rapidi. Se il personaggio esce di scena, la fotocamera non accompagnamento. E la scena parla da solo. Il taglio del momento avviene nel tempo che deve accadere. Questa dinamica lenta e stratificata crea una grande potenza drammatica, scippo o lo spettatore. È un'immersione nel buio che finisce per rivelare chiarezza stupefacente. Como Observa Claire Atherton, il suo collaboratore da 35 anni in camerino, "Ogni film, ogni struttura era come la prima volta. Non abbiamo avuto regole, paure o barriere. Ogni volta che siamo tornati ad una nuova avventura sensoriale e intellettuale. I nostri scambi erano molto semplici; abbiamo parlato poco, come le parole in eccesso potrebbero venire a distruggere qualcosa. Abbiamo usato per dire "è bello" o "è forte". Abbiamo apprezzato alcune parole e Chantal detto che dovevamo essere drastici, senza compromessi. "

Servizio
Chantal Akerman - Tempo Expanded
Apertura: 26 alle 19:0
Visitazione: 27 Novembre 2018 al 27 Gennaio 2019
A cura di: Evangeline Seiler
coordinamento artistico: Beto Amaral
consulenza artistica: Claire Atherton
Produzione esecutiva: Julia Borges Spider
Progetto Expographic: Daniela Thomas e Felipe Tassara
Creazione e produzione: scisma Productions
Realizzazione: Oi Futuro
Partenariato: Marian Goodman Gallery
Sponsorizzazione: Governo dello Stato di Rio de Janeiro, Segretario di Stato alla Cultura,
Legge di incentivo alla cultura
Oi Futuro
Rua Dois dicembre, 63 - Flamengo
livelli 2, 4, 5 e vetrate
Martedì alla Domenica, da 11:0 a 20:0
Ingresso Libero - recensione Età: libro

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*