Casa / Art / CORPO_NÓS: SEA promuove attività gratuite sviluppate dai giovani Rio periferie
Programma gratuito CORPO_NÓS a MAR. Foto: Rivelazione.

CORPO_NÓS: SEA promuove attività gratuite sviluppate dai giovani Rio periferie

Project è il risultato di formazione continua
per professionista interessato ad aderire
nella catena di produzione di cultura

Tra i giorni 28 Gennaio e 1 febbraio, I visitatori di Rio Art Museum - SEA possono partecipare alla programmazione libera CORPO_NÓS. sviluppato da 15 giovani provenienti da Nord ed Est e la Baixada Fluminense, attività, come uffici, circoli di conversazione, interviste e performance, Essi si terranno negli spazi museali e nelle piazze della zona portuale, con vacanti riempito in ordine di arrivo e soggetto alla capacità indicata. Il programma completo è disponibile sul sito www.museudeartedorio.org.br.

pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

Il progetto è il risultato del corso "Corsi Formativi", che comprendeva il sostegno finanziario BNDES e offerti agli studenti borse di studio durante i cinque mesi di lezioni e workshop - al fine di attrarre artisti e giovani che non sono normalmente rappresentate nelle istituzioni culturali.

"Gli studenti sono stati in grado di sperimentare e sperimentare le diverse aree che lo spazio museale comprende, attraverso corsi con le squadre dei vari settori SEA. Questo progetto pilota promosso la formazione, Introduttiva culturale e artistico per coloro che sono interessati a far parte della catena di produzione di musei o di agire in generale nel campo dell'arte e della cultura ", Jezebel spiega Pucu, Museo Istruzione Coordinatore.

Azioni dialogo con due mostre attualmente in mostra nel SEA, "Street!"E" UóHol ", e hanno come centrale un dispositivo mobile chiamato mediazione Spazio Shell. Sviluppato appositamente per il progetto degli architetti Studio Piano, l'oggetto articolato costituito da piccole vetture attaccate ad un triciclo che, una volta parcheggiata e ha aperto, Serve come supporto per lo svolgimento delle attività. L'idea è di creare esperienze dove il pubblico partecipare attivamente, concentrandosi su eventi come la cultura aquilone, fanno rap e funk fare, arti grafiche urbani, tra l'altro.

Le attività proposte dal progetto messo in discussione anche i temi chiave per lo sviluppo dei musei oggi, come rappresentazione di neri e organi periferici e performatività genere, tra l'altro, dalla ricerca di nuove epistemologie e pedagogie, avente tecnica come conoscenza strumento decolonizzazione, pratiche e sguardi.

PROGRAMMAZIONE GENERALE

28/1 – MARTEDI

>> 10h – 12h – Attivazione Spazio Shell | trampoli SEA e Praça Mauá

  • attivazioni: “E 'la strada che vengo”
    Corpo, città, incroci. Invitiamo il pubblico a riflettere e produrre utilizzando materiali diversi da stimoli ai sensi (odore, il suono e il tatto), su incroci della città nei loro corpi, ricerca di curriculum e capire gli effetti e gli effetti di città.

>> 14h – 17h – Attivazione Spazio Shell | Esposizione “Via!”

  • conoscenza Battaglia: "Gender, il razzismo e l'emarginazione " – Con collettiva parla e Lanatanpa
    La conoscenza Battaglia si terrà per due DA collettiva ospiti Baixada Fluminense: Collettivo parla e Lanatanpa. Attraverso il suono di hip-hop e parole in rima, Essi saranno discussi genere tematico, uguaglianza, il razzismo e l'emarginazione.

Nel corso collettivo:

collettiva PARLA – Punto di cultura libera formata da artisti, i produttori e gli educatori arte attivo principalmente a Belford Roxo e Duque de Caxias.
Lanatanpa – Creata al fine di promuovere la trasformazione dei bambini e degli adolescenti in vulnerabilità sociale attraverso la cultura hip hop, con metodologie che favoriscono lo sviluppo personale e sociale.

  • Officina: “Pixo: il mio marchio nel caos " – Con Lais Moraes e Pedro de Almeida
    Corpo, città, presenza. Dalla comprensione che i corpi e anche interferire rientrano, il pubblico sarà invitato a sviluppare e produrre un segno grafico personali, problemi articolando come la rappresentazione di se stessi, individualità e collettività, tra l'altro, Oltre arti grafiche urbani. (25 posti vacanti)

>> 17h – 19h – CORPO_NÓS apertura – Occupazione degli Itinerari Culturali Formative MAR | auditorium MAR
orario di apertura ufficiale, con la presenza di rappresentanti della SEA, BNDES, i coordinatori ei partecipanti al progetto Pathways formativo.

Carlos Gradim – Presidente dell'Istituto Odeon, direttore SEA
Marcelo Campos – Capo curatore SEA
Izabela Pucu – coordinatore di educazione e percorsi formativo MAR
Alice Mel, Andressa Oliveira, Bruno Vianna, Desiree Marie, Gabi Patitucci, Jorge Rosendo, Luana Alves, Luana Guimarães, Marcos Carvalho, Matheus Serpa, Milena Carrilho, Thailany Inara, Vitor Nettuno, Vivian Caze e Lucas Ferreira – I giovani partecipanti ai corsi formativi
Karen Aquini – percorsi coordinatore pedagogico formativo

Rappresentanti del BNDES

29/1 – MERCOLEDI

>> 10h – 20h - Corso: "Il mancato rispetto: genere performatività e scena artistica di trascinare "
Il corso verterà sulla discussione problemi che coinvolgono la costruzione di corpi e identità dalla prospettiva come resistenza figura di prestazioni e riguarda espressione degli organismi di normalizzazione binari. Attraverso tavoli di conversazione e spettacoli, approfondire gli incroci e le esperienze di artisti e persone trans circa l'identità di genere e l'espressione dei loro corpi.

*75 posti vacanti – Distribuzione di password dalle ore 9.30 presso la reception MARE.

  • 10h – 12h30 – Classe inaugurale: "Art, montação e performatività "
    Rafael Bqueer
    Mediazione: Izabela Pucu
  • 14h – 16h - Mesa: "Qual è il luogo di resistenza dell'arte?"
    Ravenna con creolo, Arda nefasta E Performance in Azra
    Mediazione: Vitor Neptun Marcos Carvalho
  • 16h – 18h - Mesa: "Performatività donne e di genere nel panorama trascinare"
    Maíra BariIlo, Latisha Sabato E Performance Jupiter
    Mediazione: Vitor Neptun Marcos Carvalho
  • 18h – 20h - Mesa: "Gender espressività LGBTQI + e periferia"
    Con William Ambar, Brasile Brothers e prestazioni Conga Bombréia.
    Mediazione: Vitor Neptun Marcos Carvalho

>> 14h – 17h – Attivazione Spazio Shell | Piazza Harmony

  • Officina: “parlare del corpo”
    Dall'idea di ascolto, Pensiamo alle forme di comunicazione e convivenza a differenza, attraverso il gioco e la costruzione di piccoli oggetti, come telefono cordless, tazze di telefonia e giochi corpo. La partecipazione dei bambini nella Spot<>snack bar.

30/1 – GIOVEDI

>> 10h – 12h – Attivazione Spazio Shell | trampoli SEA

Officina: "Dove sono aquilone, Ha cielo " – Con la sua Jose Tide
Il workshop invita il pubblico a tubi fabbricare e ritraendo i loro sogni e desideri loro futuro. Dare gli aquiloni di linea, consentiamo ai sogni Guadagna cielo. La partecipazione dei bambini nella cultura Canvas Tide.

>> 15h – 18h – Attivazione Spazio Shell | biblioteca MAR e la mostra "UóHol"

  • Officina: “eroine nere " + conversazione ruota "E se i libri avevano ragione? bianco e counternarratives paternità ", Juliana Andrade (RJ rappresentante del Parlamento dei giovani del Mercosur e co-creatore del Agbara collettiva), Rodrigo Oliveira (giovane a studiare sulla partecipazione delle donne nel Candomblé, creatore del documentario "L'importanza di un") Jorge Rosendo e Luana Guimarães, percorsi giovanili formativa.
    Dal set di autore di libri nera fatta da Fernanda Felisberto ricercatore per la Biblioteca e Centro di Documentazione SEA, Sarà istituito un dibattito sulle azioni positive legate all'etnia nel contesto delle collezioni, visibilità culturale e delle politiche d'autore nere. In dialogo con l'opera "Black Eroine in Brasile 15 spago "di Jarid Arraes scrittore, uno dei libri sulla selezione fatta da Felisberto, il pubblico sarà invitato, con riferimento alla Cordell, per registrare e illustrare la narrazione delle sue eroine nere.

31/1 – VENERDI

10h – 12h – Attivazione Spazio Shell | trampoli SEA

Officina: "Dove sono aquilone, Ha cielo "
Il workshop invita il pubblico a tubi fabbricare e ritraendo i loro sogni e desideri loro futuro. Dare gli aquiloni di linea, consentiamo ai sogni Guadagna cielo. La partecipazione dei bambini Marvin Progetto e Roda transculturale.

16h – 18h – Attivazione Spazio Shell | Praça XV

  • Officina: “tracing assenze”
    Quali sono le differenze tra la Piazza XV e Praça Mauá? Quali sono le somiglianze? Cosa ti mancano? Invitiamo il pubblico a utilizzare la tecnica dello stencil alle stampe produrre dall'assenza percepita, inserendole nel panorama dei quadrati utilizzando il corpo come supporto. anche esplorare le possibilità nel traffico tra le piazze pensando strumenti di mobilità che attraversano la città come lo skateboard, bici, scooter, ecc.

1/2 – SABATO

14h – 15h30 – Attivazione Spazio Shell | trampoli SEA

  • rotella di conversazione: "Body Power: giovani e produzione culturale "
    Eventi culturali prodotti al di fuori dei circuiti egemonici, oggi e storicamente, Hanno dimostrato di grande potenza. Sono solo manifestazioni, in molti casi, Essi sono criminalizzati o non riconosciuto nei loro luoghi di origine, ma che finiscono per costituire il segno della cultura brasiliana. In questo circolo conversazione avremo l'opportunità di incontrare alcuni corpi-potere che mobilitare iniziative culturali nei loro territori per discutere l'impatto e l'importanza delle loro azioni, nonché i problemi e le sfide di produrre cultura in periferia.

Gleyse Ferreira – Co-fondatore di Cine Taquara
Maiana Santos – Co-fondatori del M.E.R.D.A troupe. Nilópolis
Raul Santiago – Attivista e imprenditore, Movimenti e Papo Reto Progetto
Mediazione: Lucas Ferreira e Bruno Vianna, percorsi giovanili formativa

15h30 – 17h – Manifesta Ufficio
Come i nostri corpi possono collettivamente manifesta qualcosa che noi rappresentiamo? La proposta invita il pubblico, ispirato e guidato da cerchio conversazione, pensare e di co-creare democraticamente un brano che esprime i desideri e le linee guida urgenti per lo sviluppo della scena culturale Rio.

17h – 20h – End Class-show CORPO_NÓS con orchestra Capannone e blocco culturale Agbara Dudu e Dj Wallabê
celebrazione tempo e di chiusura del progetto percorsi formativo. Il capannone è un'orchestra legata a una scuola della stessa musica nome, che è nato in un cantiere Candomblé a São Bento, Duque de Caxias. La sua musicalità influenze della cultura afro-brasiliana e poesia spoken, Gruppo Marchi così come la sperimentazione. Al momento del Capannone presenterà uno spettacolo con musica e poesia del suo repertorio, con la partecipazione di DJ Wallabê. Il nome Agbara Dudu significa in Yoruba "Black Power". Considerato il primo blocco africano di Rio de Janeiro, È stata fondata nel 1982 a Oswaldo Cruz, manutentore con le tradizioni tipiche, compito nel quale si impegnano i loro membri anche nei periodi in Carnival. In questo giorno, il blocco tirerà una classe-spettacolo che coinvolgere e pubblico excite.

Servizio:
CORPO_NÓS
Dati: di 28 dal gennaio al 1 febbraio
Tempo: da 10.00
attività gratuite

.

Il Museo d'Arte di Rio - SEA

Un'iniziativa di Prefeitura do Rio in collaborazione con Fundação Roberto Marinho, il mare ha attività che coinvolgono la raccolta, registrazione, ricerca, la conservazione e la restituzione dei beni culturali per la comunità. Supporto proattivo istruzione e cultura dello spazio, il museo è nato con una scuola - Look Scuola -, la cui proposta è museologico innovativo: favorire lo sviluppo di un programma educativo di riferimento per le azioni in Brasile e all'estero, che unisce arte ed educazione dal programma curatoriale che guida l'ente.

Il mare è gestito dall'Odeon, un'organizzazione sociale della cultura. Il museo ha il Gruppo Globe come maintainer, l'Equinor in qualità di sponsor e maestro Itaú e IRB Brasile RE come sponsor attraverso la legge federale sugli incentivi culturali.

La scuola dello sguardo ha il sostegno di Icatu Seguros e Machado Meyer Avvocati Via Legge federale sugli incentivi culturali. Il mare ha anche il sostegno del Governo dello Stato di Rio de Janeiro e la realizzazione del Ministero della Cittadinanza e il governo federale del Brasile, dalla legge federale per la promozione della cultura.

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*