Casa / Art / Dialoghi su carta di Rosangela Vig

Dialoghi su carta di Rosangela Vig

Rosângela Vig é Artista Plástica e Professora de História da Arte.

Vig è Rosângela Visual Artist and Teacher Storia dell'Arte.

Dipingimi la curva di questi cieli… Ora,
Montante, verso il basso, il look di Cordillera vivo:
Dipingere le nuvole di un incendio in un,
E di alta, tra le nuvole, la prima luce dell'alba.

Far cadere, ondeggiante, i veli di fitta nebbia,
E la valle dipinge, e, attraverso la valle fuori,
La corrente torbida e rumorosa
Da Paraíba, em torvelins de espuma.
(BILAC, 2007, P.43)

Passa la matita o il pennello nello spazio disabitato, alla ricerca di forme e colori, indagare i mondi che abitano lo spirito creativo dell'artista. Distaccati dalla tua coscienza, questi mondi, salti casualmente e afflitto dai campi di lavoro, che emerge e che scoppia. Desideroso di fiorire di significato e colore, il lavoro esce, ora per le linee sinuose, pregate per le sfide; la sua forma prende forma e diventa se stessa, con personalità e con la tacca coniata dalla mano dell'artista.

Ma il fascino dell'Arte precede l'opera; inizia nello spazio della creazione, dove la mano del creatore riposerà il suo pensiero, il tuo mondo e i tuoi colori. Forse questo percorso è stato seguito dagli artisti della Mostra Diálogos em Papel, a cura dell'artista Rita Caruzzo. La mostra è supportata dall'azienda cartaria Moinho Brasil e il testo di apertura è di Enock Sacramento. Il progetto prevede un'installazione di 32 artisti, ognuno con la propria lingua e il proprio modo di lavorare con l'Arte. Tutti i lavori sono stati elaborati su documenti aziendali, appositamente realizzati e realizzati a mano, su richiesta di ogni artista, con diverse trame e pesi, in modo che la creatività fluisca sulla superficie appropriata per ogni lingua e tecnica.

pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

L'azienda Moinho Brasil si trova nell'entroterra dello Stato di San Paolo, nella città di Assisi ed è stata fondata nel 1985 di Renata Telles e Antônio Eduardo Bosquê (in memoriam) con lo scopo di riciclare i rifiuti agricoli ottenendo le più diverse fibre per la realizzazione di carte fatte a mano. Il lavoro è sempre stato improntato alla ricerca e alla sostenibilità, unendo l'universo agricolo e urbano nelle fasi di recupero delle aree rurali; nell'agricoltura integrata; nell'estrazione di fibre per carte; e nel fare carte. L'azienda ha sviluppato una metodologia per la produzione di carta su larga scala, area in cui è un pioniere nel paese. La partnership con Izumi Comércio de Papel Artesanais ha rafforzato la proposta di sostenibilità.

L'apertura della mostra è prevista in giornata 13 Aprile, di 2019, a 15 ore, alla Pinacoteca Beto Damasceno, Shopping Golden Square, Sao Bernardo do Campo, dove rimarrai fino al giorno 30 Aprile.

Tra le mani che hanno eseguito le opere ci sono quelle degli artisti Ana Bittar, Alexandre Augusto, Betto Damasceno, Daniella Guarda, Dircea Mountfort, Fatima Lourenço, Iolanda Cimino, Isa Godoy, Jorge Luis Mendez, Júlia Matos / Gustavo Conti, Juliane maggio, Junco Matsuoka, Shizuru Kazuhe, Luiz Carlos Offi cina, Mlu Montesino, Marcela amaro, Marilda passaggi, Omar Jee, Patricia Amato, Paulo Sayeg, Rafael morto, Rogério Carnaval, Rosane Viegas, Rosangela Vig, Sandra Lozano, Sérgio Biro, Silvana Ran, Soso Botture, Suzana Meyer, Corso di Titina, Vera Ranzini e Vilma Kano. L'apertura sarà caratterizzata da una presentazione musicale e pieghevole.

Sempre presente nella vita di tutti i giorni, “La carta è un materiale così importante nella vita moderna, che dimentichiamo persino che non è sempre esistito " (ROCHA, 1992, p.4). La sua storia risale all'antico Egitto, quando è stata inventata la carta, dal papiro, una pianta della regione. Il materiale è servito come supporto per la scrittura ed è stato ampiamente utilizzato nei paesi del Mediterraneo, per migliaia di anni. In altri posti, a causa del tempo, apparve la pergamena, realizzato raschiando e lucidando la pelle degli animali. Tra Greci e Romani, dell'antichità, tavole di legno ricoperte di gesso o cera erano comuni. Na China antiga, l'invenzione del pennello di pelliccia ha portato alla scrittura di seta, ma poiché la seta era molto costosa, c'era bisogno di creare i primi fogli di carta, da fibra vegetale da corteccia d'albero. Dopo ottocento anni tenuti segreti, La fabbricazione della carta cinese ha varcato i confini e raggiunto l'Europa e i paesi arabi. La carta come la conosciamo oggi è stata utilizzata su larga scala con l'invenzione della stampa.

E il ruolo passa attraverso questa modernità affrettata, nella tua frenetica giornata; è così necessario in così tante fasi della vita, disegni e lettere della prima infanzia; ai più importanti documenti e registri per adulti.

Ecco, la carta è fatta a mano, realizzato appositamente per ogni artista. È materia prima per la produzione di opere, nelle sue diverse tecniche. La carta allora cessa di essere un semplice foglio, acquisire il fascino, che ha il principio nel tocco delle mani dell'artista per sentire la trama, la densità, i dossi. La carta si sposta quindi su altri percorsi, è destinato a viaggiare attraverso la mente inventiva che si concentra su di esso. Ecco, l'arte emerge, fiorisce e incanta.

Sii solo una presenza silenziosa.
Tutte cose che attendono la luce,
Non dicendo che vi aspettano.
Senza sapere che c'è.
Tutte le cose vi aspettano,
Senza parlare,
Senza parlare con lui.
(MEIRELES, 1982, p.XXIII).

.

Riferimenti:

  • BILAC, Olavo. Poetic Anthology. Porto Alegre: Il&PM Pocket, 2007.
  • MEIRELES, Cecilia. Canti. Sao Paulo: Moderna Editore, 1982.
  • ROCHA, Ruth; ROTH, Otávio. Il libro di carta. Sao Paulo: Miglioramenti del publisher, 1992.

.

Pinta-me a curva destes céus... Ora, Montante, verso il basso, il look di Cordillera vivo: Dipingere le nuvole di un incendio in un, E di alta, tra le nuvole, la prima luce dell'alba. Far cadere, ondeggiante, i veli di fitta nebbia, E la valle dipinge, e, attraverso la valle fuori, La corrente torbida e sonora Do Paraíba, em torvelins de espuma. (BILAC, 2007, P.43) Passa la matita o il pennello nello spazio disabitato, alla ricerca di forme e colori, averiguando os mundos que habitam o criativo espírito do…

Score

Coesione
Coerenza
Contenuto
Chiarezza testuale
Formattazione

Eccellente!!

Conclusione : Vota l'articolo! Grazie per la vostra partecipazione!!

Voto Utenti : 4.72 ( 3 voti)

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*