Casa / Art / Incontro con la natura in fotografia
Esposizione "la natura interni" Jorge Brivilati, invito - in primo piano. Rivelazione.

Incontro con la natura in fotografia

la foresta mistica indica possibili percorsi per una riconnessione dell'essere umano con se stesso

La Art Lab Galleria visualizza "la natura interni"La prima mostra personale, nessun circuito culturale, artista visivo Jorge Brivilati. Il curatore è Juliana Monaco è stato selezionato 24 fotografie che rappresentano un taglio del risultato del loro viaggio di immersione 8 giorni in Alto Ribeira turistico State Park - PETAR.

pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

L'incontro dell'artista con la natura e la possibilità di riconnettersi con il suo "io", Ha fatto a trovare le profonde grotte, vegetazione in luoghi quasi incontaminati e incontaminati, avvolti dal buio Jorge Brivilati si ritrova con la sua luce. "la foresta, servito come uno specchio - mi vedo in esso", dichiara l'artista può registrare, immagini, i colori, temperatura, l'immersione e incanto esistenti in loco. La loro preferenza per il colore delle foglie secche, dal colore giallo, dal caldo, È presente nelle immagini che generano una distopia cromatica, annunciando l'equivalente di un portale.

La possibilità di essere circondato dalla foresta del silenzio, un luogo con le energie purificanti secondo l'artista, accompagnato dalla sua macchina fotografica e tutte le attrezzature fotografiche, esegue un vecchio desiderio. Ma la ricerca non era solo qualsiasi record immaginario. Gli studi e l'attenzione ai dettagli e caratteristiche del sito sono stati influenti nel risultato diretto; il progetto ha fatto il suo ritorno ha trovato nel corso 350 grotte, numerose cascate, tracce, comunità tradizionali e Quilombo, siti archeologici, paleontologici nascosto tra valli e montagne nella zona della foresta conservati.

"Ho bisogno di trovare un formato che meglio dimensionasse la foresta e le grotte, e, contemporaneamente, funzione come un portale. Mi sono reso conto che il modo migliore per presentare le grotte era in posizione verticale e, nel corso della prova, Ho confermato che questo formato diventa una vera e propria porta", definire Brivilati.

La serie in mostra è qualcosa di più di semplici registrazioni di scene di natura. le possibilità, in fotografia, Si presentano come infinita e il fotografo sapevano come usarli per completare la ricerca. Municiado due telecamere e molti obiettivi, Jorge Brivilati E 'stato alla ricerca del suo vero. Gran parte delle foto sono di esposizione lunga con cavalletto; questo era il modo scelto per comunicare la morbidezza delle dure luci che irradiano attraverso la foresta e la calma delle acque dei fiumi, al di là di, i volumi e le forme delle grotte. La rappresentazione accurata della natura nel suo stato latente, o molto vicino ad esso, consente il collegamento umano alla sua essenza, con la molto silenzio che trasmuta in luce.

"Voglio estendere l'invito ai telespettatori di riconnettersi con la loro essenza. (…) Le opere servono come punti di ancoraggio, trasportando lo spettatore al suo interno, utilizzando tutta la luce e la forza della natura".

Jorge Brivilati

SERVIZIO
Esposizione: "la natura interni"
Artista: Jorge Brivilati
A cura di: Juliana Monaco
Apertura: 26 Novembre 2019, Martedì, às 19h
Periodo: 27 Novembre a 14 Dicembre 2019
Local: Art Lab Galleria – www.instagram.com/artlabgallerysp
Indirizzo: R. Augusta, 2554 – Giardini, Sao Paulo – SP, 01413-100
Orari: Dal lunedì al venerdì, dalle 11 alle 18h | Sabato, dalle ore 11 alle 14hs
Numero di opere: 24
Tecnica: Foto
Dimensioni: 40x70cm, 90x50cm, 150x30cm

.

Stampa:
comunicazione Balady - Silvia Balady

Telefono: (11) 3814.3382/ 99117.7324 - contato@balady.com.br

Jorge Brivilati

Nato a Niterói, RJ nella comunità di Vila Ipiranga, a 15 anni si innamora di disegno. A 17 anni, Ho insegnato progettazione digitale. A 19, è chiamato come designer per una grande agenzia pubblicitaria - AlmapBBDO, a São Paulo. Autodidatta, interesse e la curiosità per la fotografia è sempre stata presente. I suoi primi ricordi risalgono all'infanzia, fra 7 e 8 anni, quando la madre ha guadagnato uno o due rulli di pellicola 24 pose per scattare foto del proprio compleanno. Sai, allora, la strada e prende le immagini dei vicini. Anni dopo esteso il loro interesse verso il film, l'immagine in movimento. Una cornice non era sufficiente per raccontare una storia. Ho preso un fotogramma prima e dopo: allora – cinema!

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*