Casa / Art / Esponente del surrealismo, Man Ray realizza un'esposizione senza precedenti in Brasile Belo Horizonte Bank Cultural Center
Le lacrime, 1932 - Stampa su gelatina d'argento, 1976, Man Ray. Rivelazione.

Esponente del surrealismo, Man Ray realizza un'esposizione senza precedenti in Brasile Belo Horizonte Bank Cultural Center

Per la prima volta in Brasile, 255 le opere dell'artista saranno presentati al pubblico dal 11 Dicembre

Fotografo, pittore, scultore, regista… ci sono diversi attributi Man Ray, uno dei più grandi artisti visivi del primo Novecento ed esponente del movimento surrealista. Ed è parte della vostra storia creativa – un taglio significativo del suo lavoro – che Belorizontines sarà in grado di sapere da dicembre in mostra "Man Ray em Paris" presentato da Belo Horizonte Bank Centro Culturale del Brasile. Quasi 130 anni dopo la sua nascita il pubblico brasiliano può controllare 255 opere dell'artista inediti nel paese, tra gli oggetti, video, fotografie e serigrafie di varie dimensioni - 40×30 a 130×90 cm - sviluppato nel corso degli anni ha vissuto a Parigi, fra 1921 e 1940, il suo periodo di maggiore effervescenza creativa. Lo spettacolo arriva a Belo Horizonte dopo aver attraversato unità CCBB a San Paolo, e saranno esposte tra 11 Dicembre 2019 e 17 Febbraio 2020. Il risultato è l'Artepadilla e il progetto è sponsorizzato da Banco do Brasile e il Ministero della Cittadinanza.

pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

A cura di Emmanuelle de l'Ecotais, esperto nel lavoro dell'artista e responsabile della loro Raisonée catalogo, gli spettacoli che si possono vedere nella CCBB BH saranno divisi in due categorie. La prima tratta di fotografia come riproduzione di strumento di realtà, concentrandosi sui suoi famosi ritratti – il suo studio era un punto di riferimento tra l'avanguardia intellettuale che circolava dalla Parigi del decennio 1920 – nelle prove per il progettista Paul Poiret e le foto le notizie. Nella seconda, Inoltre dimostra: la manipolazione laboratorio fotografia al fine di creare sovrapposizioni, solarizações e "rayografias", un termine creato da Man Ray (Inglese "rayographs"), riferendosi a se stesso. Così, pertanto, inventa la foto surreale.

L'exhibit design fornisce, ancora, riprodurre le immagini della vita parigina di Man Ray accompagnato dagli artisti che si erano contemporanei e la sua musa, Kiki de Montparnasse. Oltre a un programma di film firmati da lui, interventi come un laboratorio fotografico, con precisazioni circa le tecniche utilizzate nella sua opera, marcare l'interattività con il visitatore. La produzione esecutiva è di Artepadilla.

Para curadora Emmanuelle l'Ecotais, questa retrospettiva, per la prima volta in Brasile, cerca di coprire il lavoro immenso e multiforme di Man Ray e mostra la lenta maturazione del suo lavoro e una panoramica completa della vostra creatività. Si sottolinea che, pur essendo noto per la sua fotografia, E 'anche creatore di oggetti, regista e un tuttofare geniale. "Fotografo professionista diventato Dopo rapidamente, I suoi campi di lavoro, continuamente, tra l'ordine di lavoro – immagine, alla moda -, D'altro canto, e il desiderio di condurre un 'opera artistica', l'altro. Nelle sue parole, 'L'artista è un privilegio essere in grado di sbarazzarsi di tutte le restrizioni sociali, il cui scopo dovrebbe essere quello di raggiungere la libertà e piacere ' ".

OLTRE LA PIU ' 250 artista lavora, Il pubblico potrà incontrare il vostro quattro film su autore E UNA TUA VITA

Man Ray, uno dei più grandi artisti visivi del primo Novecento ed esponente del movimento surrealista, realizza un'esposizione senza precedenti "Man Ray em Paris" presentato da Belo Horizonte Bank Centro Culturale del Brasile, dal giorno 11 Dicembre. Oltre alle fotografie, oggetti e serigrafie, La mostra presenta quattro video firmate dall'artista poliedrico, che è stato anche direttore, Oltre ad un film che affronta la vostra carriera. Quasi 130 anni dopo la sua nascita, il pubblico brasiliano può controllare 255 opere di artisti inediti sviluppati nel paese durante gli anni ha vissuto a Parigi, fra 1921 e 1940, il suo periodo di maggiore effervescenza creativa. Lo spettacolo può essere dato in Belo Horizonte tra 11 Dicembre 2019 e 17 Febbraio 2020. Il risultato è l'Artepadilla e il progetto è sponsorizzato da Banco do Brasile e il Ministero della Cittadinanza.

I quattro film di authoring Man Ray possono essere visualizzate durante la visita alla mostra. Sono: "Il ritorno alla ragione" / 1923 (Ritorno alla ragione), "Emak Bakia" / 1926 (Emak Bakia), "La Stella del mare" / 1928 (Stella del Mare / The Starfish) e "I misteri del Castello dato" / 1929 (I misteri del castello di dadi). I "Man Ray, Mr. 6 secondo "regia di Jean-Paul in Fargier 1998, appare in una delle camere situate al 3 ° piano del CCBB-BH, all'interno del percorso di visita della mostra. sotto, informazioni relative ai film della propria dal testo Emannuelle l'Ecotais, Curatore della Mostra, e Man Ray nella sua autobiografia dal titolo "Autoritratto", pubblicato nel 1963.

FILM

L'Estrela do Mar / 1928 – Stella del Mare [ou La Starfish] -

film muto, in bianco e nero, 15 minuti

paternità: Man Ray

www.youtube.com / watch?v = csEDMzs3SXo

Man Ray conta, in Autoritratto, che l'idea del film venne in mente durante una serata con Robert Desnos. "Alla fine del pasto, ha iniziato a parlare un sacco e recitando poesie di Victor Hugo e di alcuni altri poeti che non sono stati molto ammirati dai surrealisti. Allora, Tirò fuori un foglio spiegazzato: E 'stata una poesia che aveva scritto quel giorno. Lo lesse nella sua voce chiara e ben modulata, dando un senso che non avrebbe dovuto leggere in un libro in silenzio. […] La poesia Desnos somigliava a una scena di un film, composto 15 o 20 versi, ciascuna delle quali presenta un quadro chiaro, optional, un luogo o di un uomo e una donna. Nessuna azione drammatica, ma tutti gli elementi per una eventuale azione. O poema è chamava "La Stella di mare", La Stella del Mare. […] La mia immaginazione era stata stimolata dal vino durante la nostra cena, ma la poesia mi ha commosso abbastanza. Ho chiaramente visualizzato come un film - un film surreale ". Man Ray interpreta il film in poche settimane.

Emak Bakia / 1926 – Emak Bakia

film muto, in bianco e nero, 16 minuti

paternità: Man Ray

www.youtube.com / watch?v = ezkw2i8INlU

mezzi Emak BAKIA, Secondo Ray Man, "Lasciami in pace". E 'anche il nome della residenza estiva di Arthur Wheeler, di ordinare il film. questa casa, Essi sono ruotate alcune delle sue scene, come Man Ray spiega in Autoritratto: una collisione con "un gregge di pecore", "Una bel paio di gambe ballare il Charleston, la moda di ballo, i mari si trasformano in cielo e il cielo, Marzo ecc "Emak Bakia è stato progettato secondo i principi cari al Surrealismo: automatismo, improvvisazione, irragionevolezza, psicologico e oniriche scene, illogicità e disprezzo per il dramma.

Man Ray racconta come l'idea della fine del film venne in mente: "Una visita dal mio amico Jacques Rigaut, il dandy di un dato, il bell'aspetto che avrebbe potuto essere una star del cinema se avessi desiderato, Mi ha dato l'idea di come si completa. era, come al solito, impeccabilmente vestito, come i suoi abiti di buon taglio, Homburg cappello scuro, colletto inamidato e legame con un reticolo discreto. Ho inviato il mio assistente Boiffard comprare una dozzina di colletti rigidi bianchi, mettere in una piccola valigetta. […] in studio, fatto un primo piano di mani Rigaut aprire la valigetta, raccogliendo i collari uno contro uno, tagliarli in due e gettandoli sul pavimento. (Dopo, Ho fatto un impressione inversione di caduta collari, che sembrava essere in aumento). Ho chiesto Rigaut che avrebbe costruito la parte esterna del colletto, mostrando la cravatta al collo. Sembrava ancora meglio vestito di prima, più formale. Con questa, la loro partecipazione si è conclusa. Dopo aver lasciato, Ho girato alcune scene con il colletto strappato a rotazione, riflessa negli specchi deformati; Hanno fatto capriole e balli ritmicamente ".

Il ritorno alla ragione / 1923 – Ritorno alla ragione

film muto, in bianco e nero, 3 minuti

paternità: Man Ray

www.youtube.com / watch?v = dNYhgcV3o-E

Man Ray conta che, uno giorno, Tristan Tzara venne da lui per chiedergli di fare per il giorno successivo un film da visualizzare in una sessione di Dada sarebbe successo nel teatro Le Coeur à Barbe. il principio, Man Ray non ha accettato, Stanno dicendo che fino ad allora aveva fatto solo pochi frammenti di nessun interesse, ma ha insistito Tzara e anche suggerito che utilizza la tecnica della rayografia. Man Ray riporta molto tempo dopo, in Autoritratto, come ha fatto questo film: "Ho comprato un rotolo di pellicola di trenta metri, Sono andato al mio camera oscura e tagliato in pezzi corti, unendoli sulla mia scrivania. In alcuni pezzi, sale e pepe spruzzato, come cuoco preparare il vostro arrosto, altri I giocato a spilli e puntine casuali; poi ho acceso la luce bianca per un secondo o due, come avevo fatto con il mio rayografias. […] quindi, grudei solo i pezzi, l'aggiunta di alcune scene fatto prima con la mia macchina fotografica per estendere la proiezione […]. Ho avuto modo di teatro pochi minuti prima le tende erano appese; Ho dato il mio film a Tzara e gli disse che doveva presentarlo, perché non c'era alcun titolo, non il leggendario ".

come al solito, questa storia divertente tende a provocare l'opera di Man Ray è considerato qualcosa di banale. Ora, nulla è fortuito in questa composizione vivace, astrazione e figurazione alternata in un ritmo sostenuto. Man Ray anche i rapporti che ha visto il film per la prima volta durante la sua proiezione a Le Coeur à Barbe: "Il film sembrava una tempesta di neve, con i fiocchi di volare in tutte le direzioni, piuttosto che caduta, fino a quando improvvisamente è diventato un campo di margherite, come i fiori se la neve si era cristallizzato. Questo è stato seguito da un'altra scena da diversi pin incrociano e una danza epilettica girevole, e ancora una virata solitaria che cerca disperatamente di uscire dalla schermata. […] L'immagine successiva era di strisce torso dalla luce. […] in modo che il pacchetto a spirale e l'uovo cominciò a girare sullo schermo […], il film è rotto ", scatenando una rivolta nel teatro. In genere un film che porta, Il ritorno alla ragione rimane corrente, quando si prende in considerazione ciò che Tristan Tzara ha detto su di te: "Era il momento di fare qualcosa per le tante stupidaggini che sono stati visti sugli schermi".

I misteri del Castello di dati / 1929 – I misteri del castello di dadi

film muto, in bianco e nero, 19 minuti

paternità: Man Ray

www.youtube.com / watch?v = V6bSygUuU9o

É Charles de Noailles, Grande appassionato d'arte, che ordinare un Ray Man un film sul suo castello, costruito da Robert Mallet-Stevens a Hyères. Vuole Man Ray "fare alcune scene con le strutture e le collezioni d'arte del suo castello […], e mostrano i vostri ospiti divertirsi in palestra e nuoto in piscina ".

Le riprese sono durate quindici giorni ed è stato fatto nel mese di gennaio 1929. E 'il film narrativo più lungo ed ambizioso di Man Ray, ma è stato criticato come "banale e divertente inutile". Nota su di esso, Infatti, la borghesia nascente di anni di passione 1920 lo sport. Il Noailles stesso non era contento del risultato, che giudicava "abracadábrico", e ha chiesto che Man Ray rifatto il film, ma egli rifiutò e definitivamente abbandonata.

Man Ray, Mr. 6 secondi

In bianco e nero, 52 minuti

paternità: John Paul Fargier

www.youtube.com / watch?v = s8gJJaUuWco

Questo film denso e istruttivo segue la prolifica carriera Man Ray.

L'ARTISTA

Emmanuel Radnitzky, meglio conosciuto con lo pseudonimo di Man Ray, Egli fu il pittore, fotografo, oggetto-maker, scultore e regista, diventando uno dei principali artisti d'avanguardia del XX secolo. Nato a Philadelphia, Stati Uniti, il 1890, e gioventù, si trasferisce a New York. Ci, ha iniziato i suoi studi presso il centro sociale Academy of Art. Ancora nei primi anni 1910, incontra Marcel Duchamp e altri artisti che componevano il movimento New York Dada. In 1921, foglie di Paris, città che accoglie per quasi 20 anni, per l'assedio nazista 1940. Il periodo in cui visse nella capitale francese era immenso bollente culturale, non solo per lui, ma per molti altri artisti che hanno consolidato il sito come uno dei più grandi centri culturali del mondo, un contesto in cui varie forme d'arte fiorito, soprattutto in anni 1920. Ci, Man Ray è all'interno del movimento surrealista e unisce il suo lavoro come fotografo di fama dell'intellighenzia francese con il vostro lato artistico, che gestisce le foto in laboratorio per la produzione di opere d'arte. Nel corso di una seconda guerra mondiale, di nuovo negli Stati Uniti, dove fotografare celebrità del cinema e della moda. Torna in Europa con la fine della guerra e, negli anni successivi, ottenere il riconoscimento per l'eccellenza del loro lavoro, premi come la Medaglia d'Oro della Biennale di Fotografia di Venezia vincente, il 1961, pubblicando le loro foto e la visualizzazione di loro opera al grande pubblico. Maggio Ray muore a Parigi, nel mese di novembre 1976.

curatore

L'Ecotais Emmanuelle era di 17 anni curatore della fotografia non Musée d'Art Moderne de la Ville de Paris da 2001. Con Dottorato di Ricerca in Storia dell'Arte, specializzata nel lavoro di Man Ray, ha organizzato diverse mostre sull'artista, tra elas, “Man Ray, fotografia a testa in giù ", No. Centro Pompidou / Grand Palace, il 1999. Altri spettacoli con fiduciari erano "Alexander Rodchenko, fotografia in lil " (2007), "Bernhard et Anna Blume" e "Polaroid", na casa europea della fotografia (2010); “Linder: La donna oggetto ", N Museo d'Arte Moderna della Città di Parigi (2013); "Jean-Philippe Charbonnier, lil Paris ", no CMP, Parigi (2014); "Obiettività, fotografia a Düsseldorf " (2008), "Henri Cartier-Bresson e la fantasia dalla natura"(2009), No. ambas Museo d'Arte Moderna della Città di Parigi. E 'autore di numerosi saggi e libri, Tra questi "Dato L'esprit" (Edizioni Assouline, 1999), “Man Ray” (Borse, 2000) e “Man Ray Rayographies” (Editions Léo Scheer, 2002). Era un membro permanente del comitato di acquisizione del Fonds National d'Art Contemporain (2004-2007) e da casa europea della fotografia (2007-2010). E 'anche parte della giuria nelle arti visive per giovani talenti a Parigi dell'Hotel Fotografia Premio Royal Monceau.

il produttore

L'Artepadilla è la società culturale attiva per 30 anni nella zona di preparazione, organizzazione, produzione, coordinamento e gestione di progetti culturali. Tenuto mostre cicli nel centro culturale di luce a Rio de Janeiro; unità a Brasilia, Recife e Post Office Centro culturale di Rio de Janeiro; unità a Brasilia, Curitiba, Fortezza, Rio de Janeiro, Salvador e Sao Paulo Cultural Caixa, altri. Ha una vasta esperienza in ambito internazionale eventi, avendo ricoperto la mostra "Roy Lichtenstein: Incoraggiati vita " (in collaborazione con il Comune Roy Lichtenstein Foundation / New York) presso l'Istituto Tomie Ohtake / SP, tra l'altro. Nel libro zona dell'editoria d'arte, tenuto "Manfredo Souzanetto: Il lavoro di Paesaggio ", "Margaret Mee", "Giardino Botanico di Rio de Janeiro 1808/2008", “Jorge Hue”, altri, alcuni dei progetti attraverso la Legge per la Promozione della Cultura / Rouanet legge e la legge di incentivazione culturale comunale.

Servizio:
Mostra "Man Ray a Parigi" tratta di BH
Di 11 Dicembre 2019 al 17 Febbraio 2020
Giorni e orari di visita: Il secondo quarta, da 10:00 a 22:00
Local: Centro Cultural Banco do Brasil (Piazza della Libertà, 450 - personale)
Informazioni: culturabancodobrasil.com.br/portal/belo-horizonte
Ingresso gratuito

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*