Casa / Art / mostra degli animali – giorno di apertura 21 Novembre | Galeria Marcelo Guarnieri SP
opera di Ernesto de Fiori. Foto: Rivelazione.

mostra degli animali – giorno di apertura 21 Novembre | Galeria Marcelo Guarnieri SP

Galeria Marcelo Guarnieri
sul fiumeIn bianco e SPaul sarà

ANIMALE

Alfredo Volpi, Ana Elisa Egreja, Ana Paula Oliveira, Claudia Jaguaribe, Cristina Canale, Edu Simões, Eleanor Cook, Ernesto De Fiori, Gabriela Machado, Guima, Guto Lacaz, Ivan Serpa, Julio Villani, Liuba, Luiz Paulo Baravelli, Lygia Clark, Marcelo Grassmann, Marianita Luzzatti, Mario Cravo Neto, Milton Dacosta, Xandó di Niobe, Paola Junqueira, Pierre Verger, Ranchinho, Renato Rios, Rodrigo Braga, Rogério Degaki, Silvia Velludo, Siron Franco, Tarsila do Amaral, Tatiana Blass, Thomaz Ianelli, Victor Brecheret, Vincent Ciantar, Yamamoto Masao.

pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

apertura Ribeirail nero 13 Novembre 2019 / 19h – 22h
perimetro consoliodo di esposizionegli 13 Novembre a 8 Febbraio 2020

Rua Nelio Guimaraes, 1290
Ribeirão Preto, Brasile

Apertura di São Paulo 21 Novembre 2019 / 19h – 22h
perimetro consoliodo di esposizionegli 21 Novembre a 8 Febbraio 2020
Alameda Lorena, 1835
Sao Paulo, Brasile

Informazioni www.galeriamarceloguarnieri.com.br

Galeria Marcelo Guarnieri presenta nelle sue unità di San Paolo e l'esposizione Ribeirão Preto “ANIMALE”, con opere di Alfredo Volpi, Ana Elisa Egreja, Ana Paula Oliveira, Claudia Jaguaribe, Cristina Canale, Edu Simões, Eleanor Cook, Ernesto De Fiori, Gabriela Machado, Guima, Guto Lacaz, Ivan Serpa, Julio Villani, Liuba, Luiz Paulo Baravelli, Lygia Clark, Marcelo Grassmann, Marianita Luzzatti, Mario Cravo Neto, Milton Dacosta, Xandó di Niobe, Paola Junqueira, Pierre Verger, Ranchinho, Renato Rios, Rodrigo Braga, Rogério Degaki, Silvia Velludo, Siron Franco, Tarsila do Amaral, Tatiana Blass, Thomaz Ianelli, Victor Brecheret, Vincent Ciantar e Yamamoto Masao. The Show 2019, divisa in due unità Galleria, è una mostra di nuova edizione che si è svolta a Ribeirão Preto in galleria 2010, con testo di presentazione di nuovo sottoscritta dal ricercatore e scienziato Anette Hoffmann. Da l'inserimento del nuovo lavoro, la ristampa intende ampliare la lettura sul fascino, in ogni momento, l'animale ha suscitato nella mente umana. Le opere possono essere visualizzate in diverse lingue, come la pittura, fotografia e scultura hanno prodotto nel corso di un periodo comprendente metà 1930 entro l'anno 2016 in diverse parti del mondo, Pierre Verger dal Vietnam alle isole Galapagos di Claudia Jaguaribe. Gli animali che compongono il campione sono presentati in configurazioni multiple, un spogliato Sapo i pastelli di un decennio di Volpi 1950 un complesso “Autoritratto come gatto coruja” Luiz Paulo Baravelli.

Il carattere delle relazioni stabilite tra l'uomo e l'animale nel corso della storia sono stati i più disparati. magico, sanguinoso, sacro o violenti, sono stati costruiti da noi dalla necessità di comprendere la nostra stessa umanità - o bestialità - e il nostro legame con il divino o sovrannaturale. Il consumo delle loro carni, in pelle e la forza lavoro, attraverso il suo dominio e domesticazione progressiva, dalla sua clonazione in laboratorio, si può vedere una dinamica in cui l'animale occupa una posizione di inferiorità. Tuttavia, l'immaginario o anche nella vita quotidiana di molte culture, i confini tra uomo e animale erano spesso attraversare.

Le opere raccolte nella mostra ci invitano a riflettere su entrambi antenati come questioni tecnologiche, nel trovare sull'orlo di un futuro post-umano e invitando a rivedere il nostro concetto di umanità. Anette Hoffmann, nei suoi commenti di visualizzazione del testo: “come molti viaggiatori rispetto allo scorso sbarcati nel Nuovo Mondo, Ivan Serpa costruisce un bestiario personali, una sorta di inquietante poesia transgenico. Marcello Grassmann realizzare l'animale come uno specchio in cui riflettere i molti aspetti del proprio essere. Grazie a questa intuizione per sviluppare la capacità di eludere altre vite, una procedura metamorfica si può prendere per il fondo di se stesso. All'interno di un disegno un'anima, molto presente nella sua produzione artistica, Mario Cravo Neto promuove fusioni che forniscono l'accesso per l'uomo, animali mediata da, immanente sacro in natura.”

servitoçgli:
Esposizione: ANIMALE
Galeria Marcelo Guarnieri, Sdeve Paulo e Ribeirão Preto
apertura Ribeirail nero 13 Novembre 2019 / 19h – 22h
perimetro consoliodo di esposizionegli 13 Novembre a 8 Febbraio 2020
indirizzoçgli:
Rua Nelio Guimaraes, 1290
Ribeirão Preto - SP - Brasile
Apertura di São Paulo 21 Novembre 2019 / 19h – 22h
perimetro consoliodo di esposizionegli 21 Novembre a 8 Febbraio 2020
indirizzoçgli:
Alameda Lorena, 1835
Sao Paulo, Brasile
Ingresso libero
Contatto:
Tale (16) 3632 4046 / (16) 3623 5857
Tale (11) 3063 5410
hussein@galeriamarceloguarnieri.com.br / www.galeriamarceloguarnieri.com.br
Informazioni per la stampa: hussein_rimi@hotmail.com
11 – 992590173

.

mostra degli animali

Anette Hoffmann

Essere poco agile, privo di caratteristiche aggressivi come dente conico e unghie, l'uomo paleolitico aveva l'istituzione più vicina della preda. Sulle pareti del ambiente protetto delle grotte che abitavano, Ha disegnato scene di vita quotidiana, dove gli animali erano costantemente presenti. Non spostare qualsiasi scopo estetico, ma la magia. Come per magia era il suo rapporto con la natura. I disegni simbolicamente riportate le forze, per lui soprannaturale, che manifestava. Temeva nel rispetto delle qualità degli animali. Con un cervello diverso, artefatti sviluppati e un'organizzazione sociale che gli ha permesso di dominare la natura. animale addomesticato, Ha usato a proprio vantaggio. Ha usato la sua forza nel lavoro e nella guerra. Lo ha pelato di vestire. Nutrito per la loro carne e il loro latte. si snobbato per divertirsi. Ma i misteri più profondi della natura e le sue creature non hanno rivelato le molestie dei loro strumenti e la loro intelligenza. Animal alimentato la sua immaginazione attraverso i secoli. Lo vide ora come un dio, a volte come simile a demoni. Immolato sulla loro altari a vederlo come un interlocutore privilegiato, in grado di mediare il contatto con gli dei. Lui scrutò suo intestino, nel tentativo di decodificare i messaggi divini che rivelano la sua destinazione. Nel irrequietezza di auto-set, Ha usato come riferimento ormai prossimo, ora distante, basta pregare, a volte piuttosto un altro. Nei miti immaginarie e di molte culture, i confini tra uomo e animale erano spesso attraversare. Nella direzione opposta, soprattutto nella cultura occidentale, di proporre un ordine del mondo naturale, l'uomo diede all'animale una posizione subordinata. Nel tentativo di difendere il suo sistema filosofico, Descartes lo ha spogliato della sua animalità, paragonando a una macchina, incapace, pois, sperimentare la sofferenza. Sulla scia del suo pensiero, la scienza moderna, in nome di un presunto progresso, sacrificato sull'altare di laboratori. Dai naturalisti settecenteschi ed etologi sequenza, Hanno iniziato a studiare gli animali a prescindere dal vantaggio che potrebbe portare l'uomo. Come risultato di questi studi, i confini tra l'uomo e gli animali hanno dimostrato sempre più porosa. Primatologi proporrà di ampliare i confini del genere Homo, al fine di includere gli scimpanzé. I filosofi e gli scienziati chiamano su di noi a rivedere il nostro concetto di umanità. Con questa, Si tratta di un conflitto crescente tra le nuove sensibilità suscitate dalla conoscenza e materiali fondamenta della società umana.

Lungi dal esaurendo, la complessità della popola relazioni uomo-animale, nuove forme, immaginario contemporaneo. Il lavoro morbida Clark materializzato questa percezione: o animale, come l'uomo, E non è riducibile ad un unico piano. Molte aperture sono possibili. Aperture che la natura stessa ha fornito. Ma che, così spaventoso, scienza e la tecnologia ampliata: il trans-gene e cloni progettato nei laboratori, Essi ci portano alla possibilità di un futuro post-umano, come dimostrano le opere inquietanti Rodrigo Braga e Eduardo Kac. Questo in un momento in cui nemmeno definire ciò che caratterizza la nostra umanità.

Nella direzione opposta, arriva un movimento di recupero del nostro rapporto con l'animale, rinnovamento rotto da una postura compatta utilitaria. Molti artisti si estendono l'animale un'occhiata interrogativa, sensibile alle qualità. O animal, insondabile e inquietante, Ha un posto centrale nel lavoro di Goeldi. Come molti viaggiatori che lo scorso sbarcati nel Nuovo Mondo, Ivan Serpa costruisce un bestiario personali, una sorta di inquietante poesia transgenico. Marcello Grassmann realizzare l'animale come uno specchio in cui riflettere i molti aspetti del proprio essere. Grazie a questa intuizione per sviluppare la capacità di eludere altre vite, una procedura metamorfica si può prendere per il fondo di se stesso. All'interno di un disegno un'anima, molto presente nella sua produzione artistica, Mario Cravo Neto promuove fusioni che forniscono l'accesso per l'uomo, animali mediata da, immanente sacro in natura.

mostra animale mostra il fascino che in ogni epoca, l'animale ha suscitato nella mente umana. la bellezza, come mostrano alcune esposizioni, ma anche il mistero. Mistero ci manda inclusivamente, dentro di noi, idea così ben espresso nei versi Oliviero Girondo: "ho, almeno, Sono sicuro che non si poteva stare in piedi (vita) senza questo l'evasione di fitness, che mi permette di trasferire me dove io non sono: essere formica, giraffa, deporre un uovo e, ciò che è ancora più importante, mi trovi a me stesso, al momento aveva dimenticato, quasi completamente, della mia esistenza ".

Contrariamente a questo rapporto di aspetto mediata da legami phillia, figure di animali, che popolano l'intimità di una camera da letto nel lavoro di Ana Elisa Egreja, Essi evocano una distanza di movimento. In un mondo dominato da rapporti di marketing e cultura di massa, gli spazi sono pieni di zombie, nella stessa misura in cui tutti, l'animale e l'uomo si è svuotato della sua interiorità.

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*