Casa / Art / Esposizione: Di Soslaio - Carlos Fajardo, Galleria Marcelo Guarnieri - inaugurazione 11 Novembre
01 - Carlos Fajardo - Untitled, 2017 - vetro stratificato - 200 x 300 x 12 cm - Courtesy dell'artista e Galleria Marcelo Guarnieri.
01 - Carlos Fajardo - Untitled, 2017 - vetro stratificato - 200 x 300 x 12 cm - Courtesy dell'artista e Galleria Marcelo Guarnieri.

Esposizione: Di Soslaio - Carlos Fajardo, Galleria Marcelo Guarnieri - inaugurazione 11 Novembre

Galeria Marcelo Guarnieri
Sao Paulo
Carlos Fajardo “De Soslaio

www.galeriamarceloguarnieri.com.br

Galeria Marcelo Guarnieri è lieta di presentare, fra 11 Novembre 2020 e 15 Gennaio 2021, “A margine”, prima mostra personale dell'artista Carlos Fajardo presso la sede della galleria a San Paolo. La mostra riunisce le opere prodotte tra 2017 e 2020, la maggior parte di loro realizzati in dialogo con lo spazio della galleria, appositamente progettato per l'esposizione. In “A margine”, Fajardo continua la ricerca che sviluppa da più di cinquant'anni sulle relazioni spaziali tra il corpo, l'oggetto e l'architettura, questa occasione attraverso il lavoro con materiali riflettenti, trasparente e luminoso.

pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

Dalle diverse scale delle tre stanze della galleria, fotografie e sculture in vetro, specchio e tessuto si articolano nello spazio, attivare le percezioni sensoriali dello spettatore che possono essere sia l'osservatore - attraverso le crepe - sia l'osservato - attraverso lo specchio. Il senso della visione è evocato nella mostra non solo dalle opere, che approfondiscono aspetti legati alla formazione e moltiplicazione dell'immagine, sia fotografico che virtuale, ma anche come enunciazione nel titolo formata da una parola che allude alla deviazione dello sguardo. Eventuali deviazioni accompagnano lo spettatore nel percorso della mostra, circondato da un materiale come il vetro, così fragile e tuttavia così forte nella sua costituzione, soprattutto intimidatorio per la sua capacità di rivelare la nostra immagine.

La prima stanza, il più piccolo dei tre, riceve un set di cinque opere che sono anche le più piccole in mostra. Appoggiato al muro e disposto all'altezza degli occhi, sono composti da fotografie e vetri stratificati colorati e trasparenti di 60 cm. La sovrapposizione di queste superfici ad un certo angolo di inclinazione produce l'effetto di moltiplicare colori e piani, permettendo allo spettatore di accedere a una terza dimensione. L'obliquità che guida l'assemblaggio di queste e altre opere formate da lastre di vetro, appare nella seconda stanza senza il supporto delle pareti, almeno fisicamente. Questo è il caso del pezzo in cui quattro piastre rettangolari sono supportate da una struttura quadrata alle loro estremità superiori, formando una sorta di parallelepipedo semiaperto, indipendente nello spazio. A parede, tuttavia, fa ancora parte dell'argomento. Un taglio rettangolare incrocia quello che funge da tramezzo tra la seconda e la terza stanza, permettendo allo spettatore una visione discreta e particolare delle opere ivi presentate, principalmente quello che occupa l'altra estremità dell'ambiente.

Il gioco tra trasparenze e opacità si ripete qui, poiché dopo aver percorso i quattordici metri che separano le due estremità della stanza, lo sguardo incontra la fotografia di una stanza - il più intimo degli ambienti domestici - illuminata dalla luce naturale di una finestra aperta, dove puoi solo intravedere, dietro una tenda traslucida, un letto disfatto. Al filtro a tendina, che perde la qualità tattile della sua consistenza perché diventa immagine, Fajardo aggiunge due lastre di vetro colorato, che finisce per rendere l'immagine più nitida che ci sia il riflesso di chi osserva l'opera.

Se attraverso quella fessura nel muro la vista era discreta e distante, l'incontro con i pezzi in quest'ultima stanza richiede uno spettatore più disinibito. Grazie alle sue grandi dimensioni, le tre parti mobili che dividono lo spazio con altre tre fisse che si appoggiano al muro, producono un rapporto più diretto con il corpo e invitano all'impatto frontale. Distribuito in tutta la stanza, amplificare lo spazio, moltiplicando i riflessi nelle innumerevoli combinazioni che si possono generare dai loro possibili movimenti.

Carlos Fajardo è nato a 1941 a São Paulo, dove vive e lavora. Il suo lavoro ha una presenza significativa nel panorama artistico brasiliano così come la sua più recitazione 40 anni come insegnante. Durante la sua carriera, Ha partecipato a molte importanti mostre in Brasile e all'estero, tra i quali Giovane Arte Contemporanea, il Museo di Arte Contemporanea, Università di San Paolo (MAC-USP), il 1967, organizzato da Walter Zanini. Ha partecipato alla 9 °, 16ª, 19ª, 25Edizioni Th e 29 della Biennale, rispettivamente 1967, 1981, 1987, 2001 e 2010. Ha rappresentato il Brasile alla Biennale di Venezia nel 1978 e 1993. Con Nelson Leirner, José Resende, Geraldo de Barros, Wesley Duke Lee e Frederico Nasser si sono integrati, di 1966 al 1967, il gruppo Rex. Il gruppo ha messo in discussione le istituzioni e il modus operandi del sistema dell'arte attraverso interventi, pubblicazioni, lezioni, proiezioni o incontri. In 1970 fondata con José Resende, Luiz Paulo Baravelli e Frederico Nasser all'Escola Brasil, a “centro di sperimentazione artistica dedicato allo sviluppo della capacità creativa dell'individuo” questo è stato importante non solo nella formazione di molti artisti brasiliani, ma anche nella maturazione di discussioni sull'insegnamento e l'apprendimento dell'arte nel paese.

La mostra è visitabile su appuntamento, Dal lunedì al venerdì dalle 10:00 alle 19:00 e il sabato dalle 10:00 alle 17:00. Per pianificare, ti chiediamo di contattarci tramite email (info@galeriamarceloguarnieri.com.br), telefono (11 3063 5410) o Whatsapp (11 96858-9005), fornendo il nome completo e indicando il giorno e l'ora della visita. Per la tua sicurezza, vale la pena rafforzare l'uso obbligatorio di una maschera per tutto il tempo che sei in galleria.

Galeria Marcelo Guarnieri SP
Esposizione: Soslaio
Artista: Carlos Fajardo
Ingresso libero

Alameda Lorena, 1835 - Giardini

Sao Paulo - SP - Brasile / 01424 002

tel +55 (11) 3063 5410 / | contato@galeriamarceloguarnieri.com.br

seg - sext: 10h às 18hs.
Sabato: 10h às 17hs.
Tempo di esposizione: 11 Novembre a 15 Gennaio 2021
È obbligatorio l'uso di una maschera. Rispettiamo tutte le misure di sicurezza contro Covid-19.
Per maggiori informazioni, accedere alla pagina www.galeriamarceloguarnieri.com.br

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*