Casa / Art / l'esposizione Eleonore Koch e Alfredo Volpi a Galeria Marcelo Guarnieri

l'esposizione Eleonore Koch e Alfredo Volpi a Galeria Marcelo Guarnieri

Galeria Marcelo Guarnieri
Sao Paulo
Eleonore Koch e Alfredo Volpi
periodo di esposizione 7 della Marcia 9 Aprile 2020
Alameda Lorena, 1835
Sao Paulo, Brasile + Informazioni www.galeriamarceloguarnieri.com.br

La Galleria presenta Marcelo Guarnieri, di 9 della Marcia 9 Aprile 2020, presso la sua sede a San Paolo, la prima mostra dell'anno, che riunisce opere di Eleonore Koch e Alfredo Volpi. Vernici prodotte da Volpi in decenni 1950 e 1970 dividere lo spazio delle due sale della galleria con dipinti Eleonore Koch ha prodotto gli stessi tempi. Oltre a questi, uno dei taccuini dell'artista redatto tra i decenni di 1950 e 1980 e una ricca serie di studi di incisione, pittura e disegno da essa prodotto tra i decenni di 1970 e 1990 mostra anche parte della. Il dialogo tra Volpi e Eleonore Koch echi questa mostra l'importante rapporto di scambi che hanno avuto nel corso degli anni - prima come insegnante e uno studente e poi come amici e partner professionali - continua il programma avviato dalla galleria in 2019, che presenta contemporaneamente opere di artisti che hanno tenuto un dialogo durante la sua traiettoria o che possono essere letti da approcci concettuali e poetici.

pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

nature morte, giardini all'inglese, ambienti domestici, marina e deserti. In tutta la sua produzione, Eleanor Cook (Berlino – Germania, 1926) esplorato, attraverso questi problemi, la gestione di colori e forme che materiali come temperato, o la torta, olio, grafite e carbone lo permettono. campi di colore che soddisfano gli elementi delle sue composizioni mostrano la struttura a colpi o linee in parallelo che compongono, trasparenza di una marca che si riflette anche nell'uso della prospettiva - quando la rappresentazione di alcuni oggetti spettacoli veri ad un punto di fuga mentre gli altri ignora completamente, riducendoli a forme geometriche programmate. Koch permette ai suoi brocche di fiori che galleggiano nello spazio e il pavimento ed il soffitto si distinguono soltanto per il colore. I suoi studi di grafite ci mostrano che la sua preoccupazione non è centrata solo nel colore, ma anche nella disposizione di geometria - linee e superfici - e matita toni bilanciamento consentirgli di operare attraverso il percorso delle intensità.

citato spesso come un allievo di Volpi, Eleonore Koch possedeva una formazione diversificata, insegnanti attraverso artisti come Yolanda Mohalyi, Samson Flexor, Bruno Giorgi, Elisabeth Nobiling e Arpad Szenes e anche studiare le loro stagioni e di lavoro al di fuori del Brasile, Ho tra Parigi 1949 e 1951 e Londra tra 1968 e 1989. La maggior parte degli studi e dipinti in mostra sono state prodotte solo durante i venti anni ha vissuto in Inghilterra, dove ha ammesso di aver sofferto grande influenza dell'arte pop britannico, attraverso l'opera di artisti come David Hockney. Sono raccolti in mostra alcune serie di studi che permettono al pubblico di osservare lo sviluppo di un quadro o di un pastello da piccole variazioni degli elementi che li compongono - come la composizione di un tavolo e sedia delle versioni è presentato solo in caratteristiche schematici e altre più aggiunge un'altra sedia di fronte a uno sfondo nero del carbone, variando in tre versioni. Lavorare con texture, presente nell'uso di carbone e temperato, se pieno uso di colla cartone e carta da giornale formano i vasi e colore, alberi, petali e anche i gradini delle scale del loro giardini. Scarti di quelle che sembrano elenchi telefonici dei residenti di Londra danno profondità e il ritmo per le cime degli alberi a foglia attraverso l'opera d'arte di numeri e lettere che compongono.

L'appartenenza ad una precedente generazione di immigrati europei che hanno preso la residenza in Brasile, Alfredo Volpi (Lucca – Italia, 1896) è stabilito a San Paolo anche più giovani di Eleonore, con solo un anno. L'incontro con Koch avrebbe tolto il 56 anni, il 1953, nel suo studio nel quartiere di Cambuci, da intermediazione del collettore, Theon critica e ridurre Spanudis. Nello stesso anno, Volpi ricevono il premio come Miglior Nazionale Pittore conferita dalla Biennale di San Paolo, che aveva presentato la loro “alloggiamento”, facciate delle rappresentazioni di case popolari sintetizzati in forme geometriche. Il decennio di 1950 Ha segnato un momento di maturazione ricerca Volpi sulla semplificazione formale delle sue composizioni. Si è allontanato una certa figurazione che aveva guidato la sua produzione finora, Egli era impegnato nella costruzione di un vocabolario di forme elementari che apparivano porte, finestre, archi e bandiere che facevano parte della loro vita quotidiana e che gli serviva per esplorare le possibilità della tecnica e della composizione.

Volpi ha iniziato il suo contatto con la pittura 1911, lavora come pittore pareti decorative, mestiere che può contenere fino ad almeno la fine 1940. La sua esperienza a mano gli ha dato sostegno quando ha scambiato pittura ad olio dal rinvenimento, andando contro l'immaginario industriale del decennio 1950. Volpi era con quel Eleonore Koch appreso l'utilizzo di tecniche e preparazione delle tempere e pigmenti a base di terre naturali, ed era anche da lì che veniva spesso a adottarli nei suoi dipinti, definire il tuo stile. Dibattiti vs figurazione. astrazione, vs formalismo. informalismo erano abbastanza intenso in quegli anni che Koch è andato a Volpi nel suo studio, tra gli anni 1953 e 1956.

In 1953 MAM / RJ organizza a Petropolis il 1 ° Salone Nazionale di Arte Astratta, riunendo varie tendenze astrazione in Brasile, la lirica al geometrica, e 1956 Rompere il gruppo organizza la Prima Esposizione Nazionale di Arte Concreta presso il MAM / SP, disaccordi già espliciti all'interno del movimento molto concreto. Nonostante sia uno dei partecipanti in questo ultimo spettacolo - che ha avuto anche luogo a Rio de Janeiro l'anno successivo -, Volpi ha preferito rinunciare alla appartenenza a gruppi o movimenti, optando per la libertà di incorporare nelle loro opere elementi di plastica di vari ordini. Questa posizione può essere spiegato non solo con gli affreschi realizzati nella cappella della Madonna di Fatima a Brasilia, ma anche per la pittura del decennio 1950 presentato in questa mostra, in cui una figura umanoide Angelo su uno sfondo di diamanti verdi e blu. Questa fluidità tra figurazione e astrazione o tra il formale e informale si possono trovare anche nei dipinti del decennio 1970, come “Nastri e Alberi”, per esempio. In questo caso, Il lavoro si sposta da una dall'altra da una composizione ritmica formata da colori interleaving in una maglia geometrica irregolare.

SERVIZIO
Galeria Marcelo Guarnieri
Esposizione: Eleonore Koch e Alfredo Volpi
Apertura 07 de março de 2019 / 10h – 17h
Periodo di esposizione 07 della Marcia 09 Aprile 2020
Ingresso libero
Alameda Lorena, 1835 - Giardini
Sao Paulo - SP - Brasile / 01424 002
tel +55 (11) 3063 5410 / 3083 4873 | contato@galeriamarceloguarnieri.com.br
se stessi - il sesso: 10h a 19:00 / Sabato 10h alle 17h
Per maggiori informazioni, accedere alla pagina www.galeriamarceloguarnieri.com.br

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*