Casa / Art / Esposizione: Quando ho visto il fiore d'asfalto – Claudia Jaguaribe – Galeria Marcelo Guarnieri

Esposizione: Quando ho visto il fiore d'asfalto – Claudia Jaguaribe – Galeria Marcelo Guarnieri

Galeria Marcelo Guarnieri
San Paolo Alameda Lorena, 1835
Sao Paulo - SP - Brasile
 Informazioni www.galeriamarceloguarnieri.com.br




Claudia Jaguaribe:
Esposizione: Quando ho visto il fiore d'asfalto
Lancio del libro Fiore d'asfalto
Apertura 20 da agosto a 24 Settembre

Il rapporto tra natura e umanità è una delle questioni più importanti del 21° secolo. L'incertezza del nostro futuro e le sfide alla nostra sopravvivenza fisica e psichica sulla Terra sollevano questioni ecologiche., sociale e artistico che richiedono un'urgenza nel loro trattamento. il Brasile, paese di dimensioni continentali, ha caratteristiche e strutture ad alto contrasto che rendono questa situazione ancora più aggravante. Se, da un lato, abitiamo un territorio composto da grandi estensioni di biomi conservati, da altro, assistiamo all'accelerazione della sua devastazione.




Da 2008 Claudia Jaguaribe ha affrontato questi problemi attraverso il suo lavoro. La necessità di ampliare le possibilità del linguaggio fotografico ha fatto sì che l'opera acquistasse consistenza lungo tutta la sua traiettoria.. La sua produzione contempla quindi una diversità di media come la fotografia, la foto scultura, il video e il libro. Alla mostra “Quando ho visto il fiore d'asfalto”, cosa sarà fatto Galeria Marcelo Guarnieri a San Paolo nel mese di agosto 2022, verranno mostrate le serie “Fiore di asfalto” (2020) e “da artista Marcia Pastore” (2019), oltre “Fiore di asfalto” (2022), libro inedito edito dalla casa editrice francese Éditions Bessard. La presentazione del libro avverrà durante l'inaugurazione della mostra. Verrà inoltre presentata una selezione di fotografie delle serie precedenti in cui Jaguaribe ha esplorato l'idea di intreccio tra natura e cultura..

“Fiore di asfalto” (2022) rivisita l'idea del paesaggio come giardino, uno spazio di connessione tra uomo e natura dove è possibile osservare le dinamiche dei cicli della vita (crescita, fiorire e declinare) come riflesso della società che lo plasma. Le immagini di fiori sovrapposti che si integrano simbioticamente con le forme dell'asfalto ci mostrano una superficie che racchiude la natura fin dai tempi biblici e che non può più essere separata da essa.. L'opera ha la forma di un fregio composto da parti che, unito, formare un'unica immagine. Questa mostra presenterà anche "Asphalt Flower", fotolibro edito dall'editore francese Éditions Bessard che ha il formato leporello in allusione all'opera.

“da artista Marcia Pastore” (2019) è una serie di fotografie composte da piani sovrapposti che producono incontri tra fiori rigogliosi e paesaggi urbani.. Le immagini che costituiscono la base reale su cui Jaguaribe crea l'immaginario sono state prodotte nelle riserve ambientali e negli emblematici giardini brasiliani., come Parque Inhotim e Sítio Roberto Burle Marx. Le piante tropicali sovrapposte sono talvolta incorniciate da fotografie di frammenti di costruzioni architettoniche., ora per i record di devastazione prodotta dagli incendi, creando immagini che mostrano l'intersezione e l'inevitabile dialogo tra una visione idilliaca della nostra natura e la testimonianza degli enormi cambiamenti in atto. Anche le sculture presentate in mostra fanno parte di questa ricerca e introducono, in fotografia, elementi scultorei presenti nei giardini di Burle Marx, generando così un dialogo tra la fotografia, paesaggio e architettura che si svolge nel campo tridimensionale. Una forma che assume un paesaggio o un paesaggio che assume una forma.

Ricevi News da Fiere ed Eventi in genere nel nostro gruppo Whatsapp!
*Solo noi pubblichiamo nel gruppo, quindi non c'è spam! Puoi venire con calma.

Le altre opere che compongono la mostra sono, piuttosto, la genesi e l'origine di questa ricerca. “Quando ho visto” (2008) può essere definito un paesaggio in costruzione. Le biblioteche di Jaguaribe sono opere iconiche di questo periodo della sua produzione che ricercava forme simboliche di conservazione di una natura allora ancora intatta.. La realizzazione di “cazzo mulatto”, una delle fotografie della serie, segna il primo momento in cui l'astrazione di una forma vegetale ha portato alla creazione di pezzi scultorei. Già “Aba gatto” (2014) è un saggio poetico sulle opinioni dei naturalisti itineranti del XIX secolo che consideravano la flora e la fauna come oggetti di esame "scientifico"..

La serie “Confluenza” (2019), porta la fotografia nel campo dell'astrazione, seguendo il suo rapporto con la natura attraverso un'indagine delle sue qualità pittoriche. Suo, sono rappresentati i fiumi Tocantins, Paraná, Solimões e Iguaçu che si fondono, assumendo un nuovo corpo come in un processo di metamorfosi.

Della serie “Il giardino di Lina” (2018) c'è una sorta di scontro e complementarietà tra architettura e natura. in immagini, il giardino sembra invadere l'architettura modernista di Casa de Vidro, rendendo difficile la distinzione tra i confini dello spazio interno e quello esterno. Dal desiderio di mettere ulteriormente in tensione questi limiti tra dentro e fuori, tra fotografia e scultura, l'artista interviene nelle immagini con disegni di cerchi che rimandano al vocabolario dell'architettura modernista di Lina Bo Bardi che ha avuto nelle forme della natura una fonte di ispirazione.

“Quando ho visto il fiore d'asfalto” permetterà al pubblico di rivisitare la traiettoria di Claudia Jaguaribe che ha 30 anni è dedicato a produrre un'opera originale e potente in cui la denuncia non è fatta da un approccio giornalistico, ma per uno sguardo artistico che ci reinserisce nella misteriosa e complessa bellezza della vita e del mondo.

SERVIZIO 

Galeria Marcelo Guarnieri 

Mostra Quando ho visto il fiore d'asfalto; Lancio del libro di fiori d'asfalto

Periodo di esposizione: 20 Agosto 2022 al 24 Settembre 2022

Ingresso libero 

Alameda Lorena, 1835 - Giardini 

Sao Paulo - SP - Brasile / 01424 002 

tel +55 (11) 3063 5410 / | contato@galeriamarceloguarnieri.com.br 

se stessi - il sesso: 10h dalle 19h. 

Sabato – 10dalle ore 17 

Per maggiori informazioni, accedere alla paginawww.galeriamarceloguarnieri.com.br 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*