Casa / Art / Mostra Silvia Velludo: Hipocampo – apertura 14 Maggio – Galeria Marcelo Guarnieri
Silvia Velludo Hipocampo, Galeria Marcelo Guarnieri. Foto: Rivelazione.
Silvia Velludo Hipocampo, Galeria Marcelo Guarnieri. Foto: Rivelazione.

Mostra Silvia Velludo: Hipocampo – apertura 14 Maggio – Galeria Marcelo Guarnieri

Galeria Marcelo Guarnieri è lieta di presentare, fra 14 Maggio e 25 Giugno 2022, “Hipocampo”, secondo esposizione individuale di Silvia Velludo al nostro indirizzo di San Paolo. Oltre ai dipinti della serie “Hipocampo”, effettuato tra 2016 e 2022, la mostra raccoglie alcune delle opere realizzate dall'artista negli anni '90 2000, come i dipinti della serie “oscurità” (2003-2004), “Divise estere” (2007-2012), il libro degli oggetti in segno digitale “Ida” (2012) e installazione video “Progetto Aurora” (2002). La mostra ha un testo firmato da Fernando Cocchiarale.





formato da più di 300 dipinti, la serie “Hipocampo” prosegue l'indagine di Velludo sulla produzione e riproduzione delle immagini attraverso la pittura. L'artista si avvale di una vasta collezione di fotografie di telefoni cellulari, di notizie giornalistiche, scene di film e post sui social per riflettere sull'apparente banalità di queste immagini e sul ritmo veloce con cui vengono diffuse, tradurre i codici del linguaggio fotografico digitale in linguaggio pittorico. Il titolo si riferisce alla struttura cerebrale responsabile dell'immagazzinamento della memoria e allude alla registrazione involontaria che facciamo delle immagini che ci circondano e alle infinite associazioni inconsce che si possono stabilire tra di esse.. L'insieme dei dipinti di varie dimensioni è distribuito lungo l'intera lunghezza delle pareti della galleria., formando un grande pannello schematico di ritratti di vita quotidiana, talvolta intervallati da tele ricoperte di pigmenti metallici, ora con lastre riflettenti in acciaio, Bronzo, rame e ottone quello, rispecchiando l'immagine dello spettatore, interrompere il flusso di “scorrimento” visive e fungono da zone di respirazione.

“La vista panoramica di così tante immagini che scorrono ci collega direttamente all'esperienza di navigazione digitale su schermi mobili e social network., profusione che ci arriva quotidianamente producendo storie discontinue e rotture narrative. La dinamica delle immagini digitali non ci permette più di conoscere l'origine e la storia di ogni momento., luogo o incontro, nei rispettivi tempi e luoghi, a fronte di una produzione accelerata, diffusione e consumo di informazioni sulle reti. Il panorama di scene di Silvia Velludo propone una riflessione sulla saturazione delle immagini nei media digitali e sulla ricerca della permanenza e del significato che un'opera artistica cerca idealmente nella sua essenza.”, osserva il critico Fernando Cocchiarale.

La replica della serie “oscurità” (2003-2004) e “Divise estere” (2007-2012) offre al pubblico un nuovo incontro con le origini della ricerca di Silvia Velludo sulla formazione dell'immagine attraverso la pittura. Nel decennio di 2000, l'artista era meno interessato all'immagine come rappresentazione figurativa che alla sua costituzione come fenomeno fisico. In “oscurità” l'artista lavora sulla dispersione della luce attraverso l'urto tra piccoli punti di colore, formando, su ogni schermo, strutture reticolate che possono riferirsi all'immagine sgranata dei televisori a tubo. Se in questa serie Velludo esplora gli effetti ottici attraverso l'uso della vernice acrilica e le diverse combinazioni e sfumature che possono essere ottenute dal materiale, il “Divise estere” sceglie di lavorare con le proprietà intrinseche delle perle di vetro. Il carattere scintillante del vetro colorato è intensificato in questi dipinti dal raggruppamento di un gran numero di piccole sfere incollate su una superficie di 4 m²., dando agli occhi l'impressione che ci sia una disintegrazione del colore in migliaia di punti luce.

Prima di questa indagine sviluppata da Silvia Velludo attraverso la pittura sulla formazione dell'immagine come fenomeno ottico, è la tua produzione di installazioni video. La videoproiezione è emersa per l'artista come un linguaggio che le ha permesso di lavorare con la matericità della luce stessa., esplorare la variazione di colore, forme e parole da risorse di immagini in movimento. “Progetto Aurora” (2002) consiste in una sequenza di colori proiettati su una superficie quadrata formata da circa 30 kg di sale grosso. Simile all'interesse di Velludo per l'incidenza della luce sulla materia vitrea è il suo interesse per l'incidenza della luce sulla struttura cristallina del sale e la sua elevata capacità riflettente.. I colori proiettati si riferiscono ai colori prodotti dalle aurore polari, fenomeni fisico-chimici che risultano dalle interazioni tra il campo magnetico terrestre e il plasma solare e che possono essere osservati dall'emissione di luci colorate che si muovono nel cielo.

“Ida” (2012) è un libro-oggetto in formato segno digitale che raccoglie diversi scritti prodotti dall'artista in dodici anni da ciò che è accaduto intorno a lei

– negli spazi pubblici, privato o anche in televisione. L'opera è stata presentata per la prima volta in mostra “C'è più di una poesia in ogni fotogramma” il 2012, dove l'artista ha occupato tutte le pareti della galleria con centinaia di dettagli ingranditi di fotografie scattate in dieci anni in un'operazione simile., registrazione eccessiva di immagini dell'ambiente circostante. in “Ida” l'artista sceglie la parola come strumento per rendere conto di questo record e in “C'è più di una poesia in ogni fotogramma” sceglie la fotografia digitale, il “Hipocampo” Velludo esegue un procedimento già iniziato nella sua precedente mostra “Autoritratto con Iphone 5C”, tradurre la documentazione fotografica nel linguaggio della pittura. La nozione di velocità è una questione che attraversa tutti questi lavori, sia nello scontro tra il ritmo agile di una scrittura osservativa basata sulla libera associazione e la lettura regolata dalla lentezza del segno, come nello scontro tra la velocità di cattura della fotografia e la natura lunga di un dipinto figurativo.

SERVIZIO

Galeria Marcelo Guarnieri

Esposizione: Silvia Velludo: Hipocampo

Periodo di esposizione: 14 Maggio 2021 al 25 Giugno 20212

Ingresso libero

Alameda Lorena, 1835 - Giardini

Sao Paulo - SP - Brasile / 01424 002

tel +55 (11) 3063 5410 / | contato@galeriamarceloguarnieri.com.br

se stessi - il sesso: 10dalle h alle 19.

Sabato – 10dalle ore 17

Per maggiori informazioni, accedere alla pagina www.galeriamarceloguarnieri.com.br

Ufficio stampa

Hussein Rimi – fone (11) - 988931454 Hussein_rimi@hotmail.com

Fernando Cocchiarale

Marzo 2022

La crescente presenza dei media digitali nella nostra epoca ha definito nuove pratiche e domande per gli artisti che usano le immagini come mezzo di creazione poetica.. Come contrappunto critico alla natura funzionale e pragmatica dell'economia dell'immagine, molti artisti hanno cercato modi diversi di riflettere sulla società tecnologica contemporanea. Sebbene l'origine artigianale dell'immagine sia stata gradualmente sostituita da mezzi tecnici come la fotografia, con l'espressività della mano che lascia il posto all'obiettività degli obiettivi e alla velocità e accessibilità delle telecamere, la riproduzione manuale di immagini di origine fotografica o digitale in pittura è un'operazione che indaga e rivaluta ampiamente il processo evolutivo dei mezzi tecnici e tecnologici e le loro possibili riarticolazioni..

A reunião de pinturas que Silvia Velludo apresenta nesta exposição tem por origem a coleção de inúmeros arquivos de imagem de internet e fotos digitais de celular que a artista seleciona e reproduz em suas obras como repertório visual para o seu fazer poético.

Silvia usa i media digitali come un taccuino in cui le persone, luoghi e momenti da ricordare vengono salvati nell'immagine e successivamente lavorati a inchiostro su tela. I suoi dipinti raffigurano scene ed eventi che rispecchiano un panorama immaginario tipico dell'universo della cultura digitale e delle dinamiche dei social network nella loro profusione di temi., ritagli e registrazioni, in piedi tra il memorabile e l'ordinario, l'ammirevole e il banale, l'insolito e il luogo comune.

I dipinti da file di immagini digitali risalgono all'ultima mostra personale tenuta da Silvia, Autoritratto con iPhone 5c, il 2016, quando tornò a dedicarsi alla pittura d'osservazione.

Le molteplici scene del suo attuale lavoro sono il risultato delle continue stagioni di viaggio di Silvia Velludo tra la sua città natale, Ribeirão Preto, e São Paulo, dove vivi e lavori anche tu, e altri luoghi dove, accompagnato da pennelli, inchiostri e schermi portatili, l'artista registra i suoi dipinti direttamente in ogni luogo di soggiorno, giustificando la scala ridotta delle sue opere.

Come 295 dipinti realizzati da Silvia Velludo nelle successive stagioni di viaggio sono disposti su tutte le pareti dello spazio in modo da comporre un'estesa rete di campi visivi in ​​frazioni irregolari.. Con l'aspetto di un diagramma discontinuo, le tue scene scorrono visivamente in serie orizzontali, verticali e diagonali che, anche con i tacchi, fare riferimento ad altre scene per prossimità, somiglianza o opposizione, un flusso di immagini che formano narrazioni sequenziali, incrociato o casuale in diretta associazione con l'osservazione dello spettatore.

Silvia articola diversi livelli di significato per le sue immagini. Tra le forme e i colori assortiti di centinaia di minuscole tele di ordinata pittura figurativa, un visitatore attento noterà la presenza di ritratti e sguardi che sembrano dialogare in silenzio con l'osservatore., formando una narrazione parallela; in un altro momento, scene frugali di bambini e animali domestici sono imposte dalla forza affettiva, domestico e familiare che evocano, anche se è l'intimità anonima e lontana delle immagini di internet. Scene di pesci che nuotano in cerchio sembrano essere in azione, come se il dipinto conservasse la memoria del movimento e catturasse l'attenzione dello spettatore. bambole, giocattoli e opere d'arte si alternano tra paesaggi, alberi da frutto e personaggi oscuri dei social network e della cronaca alla ricerca di una contestualizzazione plausibile e di significati intelligibili.

I dipinti qui raccolti da Silvia Velludo acquistano significato attraverso la nozione di insieme che ogni collezione stabilisce.. Le diverse situazioni dipinte su tela si interpongono come campi spaziali e piani figurativi., condizione aperta che consente innumerevoli combinazioni narrative per giustapposizione, spostamento e libera associazione. Il percorso visivo che questo dispositivo pittorico propone ricostituisce una dimensione temporale filmica dell'immagine, sia dalla suggestione del continuo movimento delle scene dipinte – pesce in cerchio, occhi in orbita -, come dall'azione dello stesso sguardo che percorre le superfici dei dipinti alla ricerca di nuovi stimoli e significati.

Questi dipinti sembrano proporre, parecchie volte, un gioco di indovinelli intorno all'identificazione delle scene scelte dall'artista. Come in una sfida o una farsa, proviamo a riconoscere quale di quelle immagini si riferisce a notizie, personaggi e momenti che ricordiamo – o ignoriamo. O come queste scene si ricombinano in storie particolari, eventi pubblici o eventi privi di qualsiasi informazione mentre siamo portati a immaginare situazioni, relazioni ed esiti tra gli episodi descritti.

Davanti a questa grande collezione di dipinti, siamo presi da un labirinto narrativo di note cifrate, immagini private e pubbliche, tutto condannato all'effimero dei messaggi perduti e delle notizie svuotate.

La vista panoramica che Silvia propone per queste immagini punta a una soluzione originale. La pluralità dei soggetti mostrati si intreccia con le innumerevoli possibili associazioni formate dalle sequenze delle scene come campi di lettura. Alla maniera di un cruciverba composto da immagini in continuo dispiegamento visivo, il nostro sguardo è spinto a tracciare le superfici, identificare segnali e costruire connessioni da un caleidoscopio di frammenti di realtà.

La disposizione degli schermi è alternata da cornici in acciaio metallico luminose e lucide., Bronzo, rame e ottone che riflettono lo sguardo immersivo del dipinto e danno ritmo all'intenso flusso delle immagini. Come zone di respirazione e contemplazione, aprire un intervallo di tempo che sembra condensare le esperienze immaginarie in un piano di emanazioni scintillanti e silenziose.

Rivela l'agile circolazione delle immagini digitali nei media elettronici, d'altronde, la loro natura temporale effimera che li porta sia alla scomparsa che all'obsolescenza. Nel tuo pensiero poetico, Silvia si appropria di scene quotidiane apparentemente comuni e le trasferisce dal supporto digitale al supporto materiale, artigiano e analogo di pittura, mezzo che conferisce un senso di permanenza e durata alle immagini.

La vista panoramica di così tante immagini che scorrono ci collega direttamente all'esperienza di navigazione digitale su schermi mobili e social network., profusione che ci arriva quotidianamente producendo storie discontinue e rotture narrative. La dinamica delle immagini digitali non ci permette più di conoscere l'origine e la storia di ogni momento., luogo o incontro, nei rispettivi tempi e luoghi, a fronte di una produzione accelerata, diffusione e consumo di informazioni sulle reti.

Il panorama di scene di Silvia Velludo propone una riflessione sulla saturazione delle immagini nei media digitali e sulla ricerca della permanenza e del significato che idealmente un'opera artistica ricerca nella sua essenza. Il gioco poetico instaurato tra l'universo privato delle sue immagini e le notizie e i post sui social network mette in tensione la nostra percezione della realtà.. Proprio come un dispositivo che mostra ricordi e ricordi, siamo sedotti dalla curiosità e dallo spirito fantasioso che tante immagini messe insieme riescono a stimolare. L'installazione pittorica di Silvia si rivela, assim, un inventario di esperienze da ricostituire, come capsule del tempo, conserva una dimensione esistenziale che le immagini resistono a rivelare.

Ci dà la proposta artistica di Silvia Velludo, assim, un'esperienza contraria a quella celebrata dalla frenesia del mondo digitale: la decelerazione intuitiva che ristabilisce poetiche correlazioni tra il reale e le sue rappresentazioni dall'appropriazione affettiva e artigianale delle immagini. La contemporaneità dei suoi dipinti e delle sue domande si intrecciano con l'onnipresenza dominante e fragile delle immagini digitali nella nostra quotidianità..

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*