Casa / Art / Esposizione “tre oceani” caratteristiche sculture di recente produzione Caciporé Torres
''O voo'', Caciporé scultura Torres, 1995 - 60 cm x 80 cm. Foto: Adriana Guidolin.

Esposizione “tre oceani” caratteristiche sculture di recente produzione Caciporé Torres

Nonostante la sua età, lo scultore Caciporé Torres continua a produrre con il ritmo e l'entusiasmo di un giovane artista.

In 16 Agosto si apre nuova mostra personale a San Paolo, Questo presenta tre dozzine di opere, la maggior parte dei quali prodotti negli ultimi due anni. A spettacoli, che per dieci giorni saranno in Pinacoteca brasiliana, è intitolato tre oceani - alludendo al fatto che Caciporé Si è passato attraverso tre generazioni fin dall'inizio della sua carriera artistica, il 1948, quando prima esposto le sue opere. Il curatore è Zibel Carlos e Antonio Carlos Cavalcanti Filho.

pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

Le sculture riuniti in tre oceani hanno, quasi tutti, come materiale principale, acciaio inox stato rottami. Diversi sono verniciati, in tutto o in parte, con vernice automobilistica, procedura che ha cominciato ad essere utilizzato da Caciporé dagli anni 1970, specialmente nelle sue grandi sculture, destinata agli spazi aperti - uno dei tratti distintivi dell'artista.

In mostra sono tre delle grandi opere, magnifiche sculture in altezza chiuso di tre metri. Fatta eccezione per alcune opere meno recenti, tra cui alcuni prodotti in anni 1960, il resto sono di medie dimensioni - con altezze che vanno da 120 e 185 cm.

Sono, tutti, come al solito, opere rigorosamente programmati. Il processo creativo Caciporé quando comincia, per esempio, vede un taglio sulla pavimentazione…

Il primo passo è la progettazione - ha detto, “che non disegnare non è un artista” e “una scultura è un disegno in tre dimensioni”. Fare dopo gli studi, mockup, arriva a prendere a volte più di due mesi di sentirsi pronto a, in ultima analisi,, entrare in studio, afferrare un piatto e iniziare taglio. E se qualcuno si pone “problema”, Non fa le correzioni: prende un taglio che appare, aggiunge una piega più.

Non coltivare fuori nulla! - Come sempre, i tre dozzine di sculture Caciporé Torres riuniti in tre oceani sono parti che possono essere applicate l'aggettivo “bello”.

La bellezza non è mai stato il suo obiettivo. Evita le mode, le tendenze che segnano ogni volta le belle arti. Nelle sue sculture non ci sono superfici lisce e lucidate, forme più rozze, segnata dalle cicatrici delle saldature. Caciporé sfida sempre i saldi estetiche e geometriche. “Aborro decorativo”, dice.

Praticamente tutte le opere in mostra rivelano una delle caratteristica che definisce sculture dell'artista: as soldas grosseiras, aggressivo. Saldature che agiscono come elementi funzionali e, contemporaneamente, estetico. Tale impatto lo spettatore e finiscono per diventare… bello!

dice Caciporé: “Pago molto male, mai trovare un impiego come saldatore”. nonostante questo “limitazione tecnica”, Caciporé sempre ha scelto di farsi da solo a fare tutti i passi della vostra opera d'arte. Lui sicuramente non è uno di quegli artisti che creano modelli e inviarlo a essere eseguito da aziende specializzate. Nel suo studio, dotata di strumenti semplici - taglio manuale per tagliare piastre metalliche, saldatura ad arco e una levigatrice elettrica -, è lui stesso che taglia, carta vetrata, cazzo, forme, saldare, superficie. “Non coltivare fuori nulla, al perno faccio”, dice.

L'artista lavora con un solo aiutante, che prende in sostanza parte al momento della installazione di diversi pezzi di grandi sculture - sottolineando che, Anche in questo momento, Caciporé partecipa attivamente. Oggi è pronto a salire sul ponteggio e farsi il completamento dei lavori.

Per tutto questo, sulla vita artistica di decenni, con lo stile e il linguaggio ancora in evoluzione, Caciporé Essa ha dimostrato di essere sempre un artista con una forte personalità, proprietario di un linguaggio scultoreo assolutamente personale. La mostra tre oceani E 'grande opportunità per l'apprezzamento del suo lavoro.

Chiamata per spazi aperti - “Caciporé” mezzi “capo forte e bello”. Sta arrivando parola di lingue indigene: padre e la madre Caciporé Torres Si sono sposati in Europa e ha deciso di dare tre figli nomi indiani, e brasiliana.

Nato nel 1935, da ragazzo Caciporé già era diverso dagli altri bambini. Se la stragrande maggioranza di loro ama disegnare, preferiva giocare con le briciole di pane, davvero apprezzato volumi. In poco tempo, ha iniziato a fare dell'artista. Già in 1948, a 13 anni, Espone per la prima volta il loro lavoro, e 1951 Ha partecipato alla prima Paulista Salone d'Arte Moderna.

Nello stesso anno 1951, soprattutto incoraggiato dal padre, lavori inviati alla prima Biennale Internazionale di San Paolo - tre disegni a carboncino e una scultura in gesso con il titolo “la marginale”. Non solo era il loro lavoro accettato come ne è venuto a vincere il viaggio ambita in Europa. aveva appena 16 anni, e il padre ha dovuto emancipare lui in modo da poter viaggiare!

Caciporé poi ha iniziato un tour internazionale stimolante e produttiva. Tra 1952 e 1967 diviso tra il Brasile e l'Europa (soprattutto in Italia e Francia), studio, lavorare e vivere insieme con artisti del calibro di Alberto Giacometti, Pericle Fazzini, Marino Marini e Alexander Calder, con la quale dottissimo. Durante questo periodo ha partecipato in altre cinque Biennali di San Paolo (2ª, 3ª, 6ª, 8ª, 9ª), e poi ancora altri due (13ª e 22) - è stato assegnato a cinque di loro. anche partecipato a mostre internazionali di importanza, come il XXVI Biennale di Venezia, alla Quadriennale di Roma e alla Biennale dei giovani di Parigi.

Nel suo vasto curriculum mostra, uno dei singoli più importanti Caciporé è accaduto 1969, quando l'apertura della nuova sede di MASP, Paulista - l'invito, e curata, de Pietro Maria Bardi. Lui, già in 1955 Ho avuto un individuo in MASP, quando il museo era ancora in strada 7 Aprile, presentato nel magnifico arco di nove sculture monumentali in metallo museo, che per settimane e settimane ha attirato l'attenzione della folla che circola ogni giorno il viale.

Nacque in quel momento la sua vocazione per la realizzazione di grandi sculture da installare - e integrati - negli spazi pubblici. molto tempo fa Caciporé E 'diventato l'artista con il maggior numero di sculture in spazi pubblici. Ora sono circa un centinaio di opere, che sono in diverse città, ma, principalmente, a San Paolo - evidenziare up, fra tanti, una scultura monumentale “volo”, su Praça da Sé.

Questa vocazione per gli spazi aperti a led Caciporé Torres anche collaborazioni con numerosi architetti - Paulo Mendes da Rocha Lucio Costa, Oscar Niemeyer Ícaro Castro Mello, Vilanova Artigas Carlos Bratke. Per crearono, e continua creando, numerose sculture integrati in progetti di progettazione di edifici residenziali, centri commerciali e finanziari.

A riprova di questa vocazione Caciporé per spazi aperti, evidenziato che, in Mostra tre oceani, due delle grandi sculture sarà nella zona poco prima dell'entrata della galleria. ale “accolgono i visitatori” da mostra, queste sculture può essere goduto da tutti i passanti per strada tutti i giorni della Groenlandia.

Sculture come vortici di spazio - Estratti dal testo di fondazione Zibel Carlos e Antonio Carlos Cavalcanti Filho per il catalogo della mostra:
(…)
come artista, Caciporé Torres è stato consacrato un maestro di dialogo tra la materialità pura, il volume e la geometria delle forme e vestibilità alla perfezione, come vedremo, gli ideali modernisti che vengono a valore il percorso creativo generato nel individualità dell'autore più che i canoni formali e procedure accademiche di un tempo.
E 'sintomatico che nella stessa Biennale di San Paolo del Brasile, dove Max Bill, quasi sinonimo di modernità, è stato artista scelto onorato, lo scultore Caciporé Torres ha ricevuto come artista rivelazione Travel Award per l'Europa.
(…)
Nonostante un disegno di produzione ammirevole e incisione, l'artista ha mantenuto la sua scultura nella linea informali e geometriche, senza aderire alla faccia del costruttivismo razionale, rinunciare, tuttavia, libertà di imminenti incursioni alla figurazione, tuttavia, sempre all'interno della concezione moderna. E 'noto che, in quel, può valere il suggerimento che la fedele rappresentazione dell'oggetto, così come rustico Trattamento, più che la materia lucida, dal momento che conserva il sentimento e il linguaggio visivo del creatore.
A quel tempo si sono stabiliti nelle moderne repertorio brasiliano certe strategie contemporanee di plastica che cercano di portare lo spettatore al ruolo di agente e partecipante, come pontificato di Hélio Oiticica e Lygia Clark. Scultura come oggetto. Funziona come strutture.
specifica del sito, penetrabile, manipolabile e altri che attualmente sono diventati comuni.
Questo periodo di fondazione per l'arte contemporanea nel paese lo scultore Caciporé Torres ha partecipato attivamente con la loro
assemblaggi e pannelli, sia nelle strutture dello spazio all'aperto come site-specific.
(…)
Nello sviluppare l'opzione di lavoro che stabilisce nazionale e internazionale i tuffi artista, sempre più profonda, l'esame della natura della rappresentazione scultorea e le esigenze del linguaggio artistico che la loro gamma di opzioni procedurali e determina matéricas.
La richiesta di spazio ogni tallone scultore interna aggiunge al pezzo, dispiegarsi sotto vuoto, Il risultato è stato prendere molte delle sue opere per i grandi siti o dove aprire, Dopotutto, che respiriamo, espandere, mobilitare. alberi, attrezzature, gruppi, edifici e folle. In esse il lavoro fiorisce.
Non involontariamente il suo lavoro è stato rapidamente scoperto da Pietro Maria Bardi, all'epoca direttore del MASP, e da importanti architetti brasiliani, con progetti i cui parla, valori e supporti.
Ed è un osservatore dello spazio urbano scala che realizzano facilmente tali sculture / edifici / oggetti come vortici di spazio.
Situazione in cui l'opera ha un volto ciclopico e l'artista acquisisce agli occhi del pubblico il suo personaggio mitico.

Servizio - A Pinacoteca brasiliana E 'in Groenlandia via 530, Jardim América, tel. 2729-5585.
La mostra tre oceani, di Caciporé Torres, ha apertura 16 Agosto 2018, Giovedi, a 19 ore.
Visita da 17 agosto a 25 Agosto 2018. Di secondo al sesto, il 10 a 19 ore e Sabato, il 10 a 14 ore.

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*