Casa / In evidenza / Filosofo fa notare che il sentimento di tristezza può essere un percorso per la creatività
Gothic. Foto: Riproduzione / MF Global Press.

Filosofo fa notare che il sentimento di tristezza può essere un percorso per la creatività

stranamente, la tristezza può essere motivante creatività. Il filosofo e scrittore Fabiano de Abreu Egli è un sostenitore di una teoria curiosa che sostiene di essere un lato positivo del sentimento di tristezza, sarebbe come un collaboratore passo con il processo creativo.

E 'noto che i grandi nomi dell'arte e della letteratura del passato come Goethe, Alvares de Azevedo, Lord Byron, Chateaubriand e Musset, identificato nella ultra-romanticismo e la cosiddetta "malattia del secolo", Erano conosciuti a questa giornata con le loro opere ispirate da estrema pessimismo, a fronte di passato e futuro, malinconia diffusa, tristezza, culto misterico, sognare, l'inquietudine morbosa e il disincanto di fronte tutti i giorni. Presto, La teoria di Fabiano non è così lontano così esprimere una realtà dimostrabile.

Il filosofo spiega che cosa può portare la creatività alla ribalta in mezzo a un sentimento di tristezza: "Alcuni di noi si sentono le emozioni negative in una potente energia della creazione; come se tutte le nostre menti erano molto più ricettivi agli stimoli, molto più forte di approfondire i sentimenti, più ingegnoso. Tristezza è disegnata come un terreno fertile per la creatività. Presto la creatività nella tristezza è una difesa per uscirne o un modo per trovare soluzioni a questo sentimento. Un modo per sfuggire al dolore, autodifesa, un rimedio per una mente che è scosso negativamente ".

Tuttavia, Fabiano sottolinea inoltre che per alcuni la tristezza è uno stato d'animo desiderato, legata alla propria personalità: “D'altronde, e l'opposizione, ci sono quelli che cercano la tristezza di proposito. Alcuni, come la tristezza, perché cerca la creatività di fare ciò che si ama. Ci sono persone che si aggrappano dolore, la malinconia o nostalgia, con la sensazione che in loro e verranno buoni pensieri e idee. Come questa sensazione di sviluppare un focus sul compito in modo molto più approfondito ".

pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

Concetto di tristezza

Abreu Fabiano dettagli ciò che a suo avviso è definito come la tristezza e il loro posto nel pantheon delle emozioni umane: "La tristezza è più legata al l'interno in contrapposizione a sentimenti di felicità e di euforia che fuoriuscita verso l'esterno. La tristezza è un maturo senso in quanto non è una reazione istantanea a uno stimolo. È piuttosto una sensazione che è costruito da un punto e viene alimentato con memorie, con le memorie, con l'analisi costante dei nostri maggior parte delle esperienze negative, con perdite e sentimenti di impotenza ".

Per ele, dolore è anche l'occasione per esercizio di auto, punti alla contemplazione interiore: “la tristezza è interno, è la nostra, molto personale. La tristezza probabilmente farci conoscerlo meglio e più profondamente e per questo motivo è il senso di apertura per il nostro lato più creativo ".

Tristezza come conseguenza di un intelletto superiore

Sulla base delle loro osservazioni, il filosofo sottolinea anche che la tristezza può insorgere a seguito di un intelletto più sviluppato, rileva che i mali della vita quotidiana e l'impotenza di cambiare certe situazioni: "Le persone con le menti più creative possono in qualche modo essere più inclini alla tristezza, quale sarebbe il contrario di cercare la tristezza di essere creativi. la maggior parte degli intelletti sviluppati, più ampia, Essi tendono a creare più, tuttavia essi tendono a vedere la realtà in tutta la sua pienezza e per rendersi conto di quanto sia difficile. La durezza di questa realtà ci rende più introspettiva, più solo. Così, la tristezza e la creatività vanno di pari passo, si sta alimentando l'altro ".

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*