Casa / Art / MAS / SP display collezione di taglio con pezzi che raffigurano un continente ancora stigmatizzata
Maschera (Lipico, plurale: Mapico). cultura: Maconde. Moçambique/Tanzânia. Madeira e cabelos. Medidas: (24cm H x 26cm L). XXI secolo. XX. Foto: Rivelazione.

MAS / SP display collezione di taglio con pezzi che raffigurano un continente ancora stigmatizzata

Più conosciamo la nostra storia e il valore della nostra arte e la nostra eredità culturale, saremo maggiormente in grado di preservare i nostri ricordi e costruire nuove.

Beatriz Yunes Guarita

Museu de Arte Sacra de São Paulo – ma/SP, istituzione del Dipartimento della Cultura e dell'Economia dello Stato di São Paulo creativo, un follow-up per le celebrazioni del suo Giubileo d'Oro per essere completato nel mese di giugno 2020, visualizza "L'altra Africa", una delle azioni che celebrano l'anniversario di San Paolo, sotto la curatela di Renato Araujo da Silva, con 303 opere di terracotta, urne funerarie, maschere, figurine, stemma, gioielli, strumenti musicali, oggetti di uso quotidiano, busti e corte arte del Benin, che rappresenta 29 gruppi etnici africani. Questo insieme è un taglio di raccolta Ivani e Jorge Yunes.

pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

In mostra sono presentati centinaia di oggetti della cultura artistica africana, di diverse etnie, che rendono possibile un rapido sguardo sulla cultura materiale di un altro dell'Africa, della quale, "Anche se è un'Africa che si riferisce al mondo tradizionale, vecchio, è un'Africa che riconfigurato a modo loro alla sua pratica artistica nel mondo contemporaneo, facendo del popolare artista un tributo al loro lavoro, i nostri antenati "concettualizza il curatore Renato Araujo da Silva.

Il mondo occidentale, dubio con il suo concetto di diverso, Ha creato una propria definizione, un po 'popolare, A proposito di società di realtà e africane, crivellato di cliché. La verità da raggiungere, E 'più vicino, e non come ambivalente e contraddittoria come lo erano in passato, ma un'Africa più accessibile ha ricevuto nella sua ricca diversità. "La cultura africana o nero è vasto, rica, e trascende i confini. Molto tempo, e oggi, anche con i progressi compiuti, è necessario che si verifica la discussione e continua a verificarsi ", dichiara Beatriz Yunes Guarita, Direttore Presidente della Ivani Raccolta e Jorge Yunes.

Il gesto dello scultore, La carezza l'argilla modellata e trasformata in terracotta, il suono degli strumenti, la maschera ballato o il movimento delle mani dei lavoratori di arte popolare africano, serve come un trigger per le nostre sensazioni ad alti livelli di eccitazione permettendo il posizionamento per all'unisono gli stessi interessi dei misteri della vita. "Le nostre distanze in tal modo diminuiscono. È che una volta potrebbe essere stato considerato un potenziale nemico o un estraneo qualunque può diventare ora un caro amico. L'arte può farci!", conclude il curatore.

Parti della collezione sono stati raggruppati in base ad alcuni concetti e / o norme, per una migliore comprensione: Terracotas, maschere, statuette, gioielli, stemma, strumenti musicali, oggetti di uso quotidiano, articoli di queste tecniche e / o materiali mostrano un quadro visivo di una storia d'oltremare.

Terracotas – In 1928, alcuni lavoratori di miniere di stagno tenente colonnello. Dent Giovani casualmente "incontrato un gruppo di utensili in pietra e alcune teste in terracotta, tra cui un busto umano e la rappresentazione della testa di una scimmia " (GUILLON, 1984, p. 75). E 'stata la seconda grande scoperta di antichi dell'Africa che si è verificato nel XX secolo, insieme con i capi di Ife bronzo "scoperto" dall'antropologo tedesco Leo Frobenius diciotto anni prima. Ancora una volta la storia di arte africana è stata riscritta dallo sguardo europea. Cinquanta anni dopo, tuttavia, tali parti venivano ancora utilizzati come spaventapasseri in minatori piantagioni alimentati. oggetti, insieme ad altri sviluppato da una cultura completamente sconosciuta finora, Essi sono stati quindi conosciuti con il nome della regione in cui questo si è verificato mineraria: "Basta". La cultura Nok dei pezzi esposti qui si riferiscono a loro colleghi più anziani.

urne funerarie – Il sito archeologico chiamato Bura, Niger, E 'stato scoperto per caso nel 1973. Gli scavi hanno rivelato una vasta necropoli che contenevano diverse urne cinerarie, determinate forme naturali con ben. Poco si sa circa il responsabile della preparazione di questi oggetti, noto anche come "falli Black Hole". La speculazione circa la forma fallica delle urne e l'apertura sulle punte di alcuni di loro, il motivo per cui i contadini "avrebbero seminare" nel tempo della semina e cerimoniale, pertanto, Essi indicano una "natura sessuale" data la fertilità della terra sarebbe possibilità di una funzione parallela di questi sondaggi, ma non avrebbero mai potuto ottenere un prova definitiva.

Bustos e Art Corte del Benin (Nigeria): Seguendo le indicazioni precedentemente fornite da Paula Ben Amos (1980) nei loro studi comparativi di teste commemorative dell'antico Regno del Benin, Barbara Plankensteiner (2007, p. 83) Egli ha detto che una delle condizioni necessarie per la successione reale era che "ogni oba appena incoronato [re] avrebbe dovuto installare un altare nel palazzo in onore del suo predecessore. L'altare dovrebbe essere decorato con un unico set di teste commemorative, fusione di ottone ". Queste figure d'altare costituito da una parte importante della tradizione del culto reale stirpe ancestrale e il ricordo di figure importanti nella storia del Regno del Benin (Sud-Est corrente Nigeria).

maschere: L'uso di maschere in tradizionale dell'Africa, con rare eccezioni, È generalmente collegato ad uno specifico rito. Divide-se, genericamente, in impieghi relativi alle pratiche agricole, spesso con feste stagionali; la ricerca per aumentare la fertilità, se gli esseri umani, è la terra; la celebrazione di eventi memorabili, ecc. - tutte le pratiche che sono state in qualche modo legati alla cultura di origine valorizzando. Rispetto e persino il culto degli antenati stabilire la regolarità della natura e del benessere della società. Si tratta di un evento centrale in molte culture del continente e quindi influenzano in altri aspetti della società tradizionali africane, compreso l'uso di maschere. L'intera idea di usare maschere associati alla figura mascherata, i loro paramenti, I brani ascoltati, le danze, le grida e ritmi evocate ci ricorda che la nostra percezione di oggetti in legno astratti chiamato semplicemente "maschere" e collocati anodina forma le pareti del piccolo museo protegge il senso originario. Ma ci disposti al fine di risolvere le nostre incertezze rispetto a questi "misteri africani", le maschere, nella sua potente abbondanza formale e simbolica, impongono tutti noi sentimenti contrastanti di mistero e di timore.

statuette: I laboratori figurine africani sono generalmente formati da famiglie o associazioni di esperti che lavorano su diversi tipi di materiali utilizzati nella produzione di oggetti tridimensionali di vari usi. La materia prima più comunemente usato è in realtà il legno, ma non è raro figurine produrre con leghe metalliche, argilla, fango, terracota, pietra, tra l'altro materiale. Sebbene le tecniche di ciascuna di tali materiali variano da una cultura all'altra e di età in età, gli strumenti utilizzati per l'esecuzione di questi oggetti sono equivalenti nello spazio-tempo. storicamente, quando l'oggetto intaglio tradizionale convenzionalmente la tecnica nell'identificazione Whittle da un unico blocco di legno. Un altro dispositivo artistico comune è il Whittle di marchi etnici come scarificazione. Inoltre, molti gruppi ricorrono alla pittura la superficie del legno, oltre, in alcuni casi si è riscontrato l'introduzione di oggetti metallici e altri materiali all'interno qualche potere figurine. Lo studio di statuette africane rivela la portata della loro diversità. Una serie di sculture, oggetti di uso quotidiano, gioielli e anche le maschere non corrispondono alla categoria "religione". Alcuni oggetti profanate vengono scartate dopo l'uso o reinterpretati. altri ancora, esempio di attrezzi, scettri e le armi possono o non possono essere oggetti di prestigio, il culto degli antenati elementi d'altare o solo gli oggetti di uso pratico - ciò che distingue le funzioni di questi oggetti di più chiavi di ordinamento sono più i loro contesti storici e culturali, che le loro caratteristiche fisiche.

stemma: armamenti e di attività tradizionali tattiche di guerra africani sono stati in parte studiati nel processo di colonizzazione e segnalati dai viaggiatori europei per più di tre secoli. In aggiunta a questi rapporti che gli eventi storici di record, gran parte della cultura materiale è stato conservato braccia. Una delle forme più famosi e impressionanti di armi africane, sia su abilità tattica, è per la sua tecnologia, Essi sono chiamati “coltelli da lancio”. Realizzato in regioni del Centro Sud Africa sono stati utilizzati per combattere in guerre o esecuzioni. Formati di coltelli da lancio e spade potrebbe variare da una semplice spada, come Collection Ivani e Jorge Yunes, alla lama di lancio copie complessa nella quale, da un unico foglio, derivati ​​da tre o più aste, lame multiple ovali o curve appuntiti.

gioielli: monili africani, dagli oggetti leggeri realizzati con elementi semplici della natura anche gli oggetti più complesse e talvolta pesanti creazione di fantasia e intelligenza umana, movimentazione tecniche, valori e conoscenze che sono conservati, modificato e trasmesso di generazione in generazione communally. Essendo oggetti di prestigio, protezione o “potenze”, I gioielli di Africa si collegano sensibilità attraverso un tacito accordo di scambio tra lo scopo pratico di ornamento, l'esatta esattezza della convinzione magico-protettivo e senso di immersione, Lo sguardo dell'altro, l'intero cosmo di condivisione. Così, gli oggetti selezionati dal curatore sarebbe solo piccoli esempi dinamici di particolari culture di questo grande motore di adornagem che è universale.

strumenti musicali: Il punto di vista artistico, L'Africa è più conosciuto in tutto il mondo per la sua enorme genio musicale. Il taglio è molto stretta quando è ridotta a immensa varietà di stili e ritmi del continente solo per strumenti a percussione. comune, a tutte le persone inviare lingua, come soninquê Senegal, i Bamana del Mali e Marka, la Dioula e Lig bi Costa d'Avorio, susu Guinea, altri, l'uso dell'arpa nella cultura occidentale è antica ed è collegato a rapsodi che visitano le città che cantano lodi, miti e film storico con l'ausilio di strumenti musicali. Tra gli altri strumenti, O gli elefanti, prodotta nelle ossa, in legno o avorio è anche comune a diversi popoli africani. Anche se il suo uso per alcuni aspetti di essere "universale", Si gioca in feste religiose o di saluto alle autorità, per esempio, zanne di elefante lavorate artisticamente hanno giocato ruolo importante nel culto degli antenati della vecchia aristocrazia Regno del Benin la cui apice si è verificato nel corso del secolo. XVI.

oggetti di uso quotidiano: Il mondo di tutti i giorni oggetti che vanno dalla produzione, studio tecnologico e l'osservazione delle forme e usi cucchiai, porte, serrature, giochi da tavolo, oggetti di caccia, pesca, ecc. Dall'inizio dei rapporti tra europei e africani nella metà del XV secolo, oggetti di uso quotidiano tradizionali africane sono stati portati a migliaia per l'Europa. Essere il più oggetti curiosi o gli oggetti selezionati per la classificazione etnografico, famiglia, attrezzi agricoli, oggetti personali stipati gli armadi curiosità e, successivamente, anche i musei. Con l'avvento del modernismo, anche durante il dominio del fattore coloniale, numerosi artisti e intellettuali europei hanno cominciato a fare osservazioni visuali sui pezzi. Nonostante pare essere "normale", Essi sono mostrati nella sua forma l'abilità tecnologica e sensibilità arte africana.

Come la maggior parte di primo piano tra le selezioni esposto, preziosi pezzi di l'arte afro-cristiana e Arte Sacra etiopica, dove si può apprezzare una copia di Etiope Croce processionale, a tempera su bronzo, Non raro esempio in collezioni europee.

Ci sono molti altri Afriche all'interno di quello che è realmente e che si comportano nella nostra testa e nel cuore di questa immensità di ciò che effettivamente è – questo che, di tutto ciò che conosciamo oggi, certamente la nostra Mother Africa! Mas a transformação de nossa percepção da África como secundária, come semplice “oggetto del desiderio” per un atteggiamento più positivo “Oggetto delle proprie conoscenze” non si verifica dall'esterno, ma a differenza di, dalla voce della propria originalità Africa dimostrare al mondo e dimostra che i tentativi di rivelare un po 'di questo africani altri universo che vogliono essere visto da tutti.

Renato Araujo da Silva

Riconoscendo la presenza africana amplia la nostra concezione del mondo e ci permette di capire gli aspetti delle relazioni tra i popoli e le regioni del mondo poco conosciuto e compreso nel tempo. Tale apprendimento illumina la nostra comprensione dei processi dinamiche storiche e sociali.

Beatriz Yunes Guarita

Esposizione: "L'altra Africa " – raccolta Ivani e Jorge Yunes
A cura di: Renato Araujo da Silva
Apertura: 25 Gennaio 2020, Sabato, às 11h
Periodo: 26 gennaio al 23 Marzo 2020
Local: Museu de Arte Sacra de São Paulo – www.museuartesacra.org.br
Indirizzo: Avenida Tiradentes, 676 -Luce, Sao Paulo (Tiradentes station della metropolitana)
Telefono: 11 3326-5393 -programmazione / visite guidate didattiche
Orari: Da martedì a domenica, il 9 às 17h | Presépio Napolitano: il 10 às 11h, e dalle 14h alle 15h
Ingresso: R $ 6,00 (Un unico pezzo) | R $ 3,00 (ingresso Metà nazionale per gli studenti, insegnanti della scuola privata e I.D. giovane – previa dimostrazione) | sabato libero | esenzioni: bambini fino a 7 anni, adulti da 60, insegnanti della scuola pubblica, disabile, membri ICOM, polizia e militari – previa dimostrazione
Numero di opere: 303
Tecniche: terracotas, urne funerarie, maschere. figurine. stemma, gioielli, strumenti musicali, oggetti di uso quotidiano, busti e oggetti d'arte di taglio Benin
Dimensioni: vario

.

CIJY – raccolta Ivani e Jorge Yunes

Formatisi nel corso di cinque decenni, al raccolta Ivani e Jorge Yunes (CIJY) raccoglie una preziosa collezione artistica e bibliografica che corre 23 secoli e cinque continenti. Da 2017, E 'stato organizzato, catalogato e studiato, per assicurare la sua conservazione e diffusione.

La collezione è caratterizzata dalla sua grande diversità. Le voci vanno da quadri – Old Masters, pittura europea, francese, italiana, l'arte brasiliana e internazionale moderna, scultura, disegno, incisione, Arte Asiatica, Africano, coloniale brasiliano e latino-americano. conserva anche l'arte sacra, boccali, icone, marfins, argento, mobili e arti decorative. La biblioteca porta rare pubblicazioni in gran parte del Brasile, tra cui prime edizioni rare e periodici.

avviato Ivani e Jorge Yunes, la collezione nel suo complesso è stato organizzato, strutturato e catalogati dalla figlia Beatriz Yunes Guarita, che ha creato una squadra nelle zone di raccolta, ricerca, Conservazione e restauro, Bibliografia e Relazioni Istituzionali.

Renato Araujo da Silva

Renato Araújo è un ricercatore, con esibizioni del Museo Associazione Afro Brasile e Ivani Raccolta e Jorge Yunes. Ha esperienza nella filosofia e arte campi africani. Con l'accento sulla gioielli africani e filosofia antica, agisce principalmente i seguenti temi: monili africani, arti africane, l'arte e gioielli afro-brasiliana, denaro primitivo, collezione di gioielli del Museo di Archeologia e Etnologia dell'Università di São Paulo (MAE-USP), antropologia economica, archeologia, collezioni museali e catalogazione, e svolge attività di ricerca sulla filosofia presocratica, Democrito e atomismo vecchio.

Il Museo

Il Museo di Arte Sacra di San Paolo, istituzione del Dipartimento della Cultura e dell'Economia dello Stato di São Paulo creativo, Si tratta di uno dei più importanti del suo genere nel paese. E 'il risultato di un accordo siglato tra il governo e Mitra Stato arcidiocesi di San Paolo, il 28 Ottobre 1969, e la sua data di installazione 29 Giugno 1970. Dato che, il Museo di Arte Sacra di San Paolo è venuto ad occupare un'ala del Monastero di Nostra Signora dell'Immacolata Concezione della Luce, sulla Avenida Tiradentes, centro di San Paolo. L'edificio è uno dei più importanti monumenti di architettura coloniale São Paulo, costruita di terra battuta, raro esempio rimanendo in città, ultima farm convento città. E 'stato indicato dal Storico e Patrimonio Artistico dell'Istituto Nazionale, il 1943, e il Consiglio per la difesa del patrimonio, Architettura artistico e lo Stato di San Paolo, il 1979. E 'gran parte della sua collezione anche elencati per IPHAN, da 1969, il cui inestimabile patrimonio comprende reliquie di storie in Brasile e in tutto il mondo. Il Museo di Arte Sacra di San Paolo possiede una vasta collezione di opere realizzate tra i secoli 16 e 20, contando con esemplari rari e significativa. Non ci sono più di 18 mille voci della raccolta. Il museo ha opere di nomi riconosciuti, come Frei Agostinho da Piedade, Frei Agostinho de Jesus, Antonio Francisco Lisboa, il "Aleijadinho" e Benedito Calixto de Jesus. Notevoli sono anche le collezioni di presepi, argenteria e gioielli, lampadários, mobili, pale d'altare, altari, abbigliamento, libri liturgici e numismatica.

Di Arte Sacra Museo SAO PAULO - MAS / SP

Presidente del Consiglio di Amministrazione – José Roberto Marcelino dos Santos
direttore esecutivo – José Carlos Marcal de Barros
Direttore della Pianificazione e Gestione – Luiz Henrique Neves Marcon
Museologo - Beatriz Cruz

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*