Casa / Art / Museo MM Gerdau(BH) Esso presenta una mostra senza precedenti di opere che esplorano il rapporto tra arte, Scienza e tecnologia
Campos Elisios, Henry Roscoe. Foto: Rivelazione.

Museo MM Gerdau(BH) Esso presenta una mostra senza precedenti di opere che esplorano il rapporto tra arte, Scienza e tecnologia

Le sei opere che compongono la mostra sono stati selezionati 252 proposte contenute, originari di 26 diversi paesi e hanno sviluppato nuove opere di artisti che sviluppano l'arte ricerca che coinvolgono, Scienza e tecnologia

Tra i giorni 12 Dicembre 2019 e 15 Marzo 2020, gli MM Gerdau – Museu das Minas e do Metal realiza a exposição “CoMciência”, apresentando os trabalhos dos artistas contemplados no primeiro “Edital CoMciência – Ocupação em Arte, Scienza e della Tecnologia ". La mostra sarà aperta il giorno in cui si celebra l'anniversario della capitale dello stato e anche l'apertura del Palazzo Rosa, che ospita il Museo, uno degli edifici più antichi di Belo Horizonte.

pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

A exposição contará com as obras AcrossTime, Paul Rosero Contrera (Quito / Ecuador), Champs Elysees, Henrique Roscoe (Belo Horizonte, Brasile), Codice di Minutiae, Jack Holmer (Curitiba, Brasile), culture degenerative, Cesar & Lois (Sao Paulo, Brasile / San Marcos, Stati Uniti d'America), futuro della pelle, Thatiane di Mendes (Belo Horizonte, Brasile) e isola Sonora, Camila Proto (Porto Alegre, Brasile). Il curatore della mostra è firmata dagli artisti e manager di Alexandre miracoli e Tadeusz Mucelli, che sono anche parte del team di Digital Art Biennale.

L'iniziativa, promosso da MM Gerdau e condotto da programma ComCiência, rivolta popolare museo della scienza, Esso nasce dal desiderio di stabilire un programma continuo di occupazione creativo e propositivo dei suoi spazi. Così, ComCiência l'avviso è stato rilasciato nel giugno di quest'anno, realizando uma chamada a artistas e pesquisadores que atuam no desenvolvimento de trabalhos que passeiam entre arte, Scienza e tecnologia, riflettendo sulle questioni del nostro presente, e perché no, temi sui quali ci riserva il futuro.

Secondo Tadeusz Mucelli, direttore del Digital Arts Biennale e anche uno dei curatori del bando, iniziative come questa sono molto importanti per la concettualizzazione e la comprensione dei fenomeni contemporanei che sorgono attraverso l'arte del matrimonio, Scienza e tecnologia. "Viviamo in una società fortemente coinvolte nei processi tecnici con una forte influenza nella nostra cultura. Attraverso questi tre livelli cerchiamo di spiegare il nostro mondo per sviluppare le nostre competenze per rispondere alle sfide che si presentano ", gli highlights.

SELEZIONE

In questa prima edizione, Essi sono stati ricevuti 252 iscrizioni, provenienti da 5 continenti (Sud America, America del Nord, Europa, Asia e Africa), di 26 in tutti i paesi, essendo 65% multi-zona proposte e 75% progetti inediti.

I numeri ottenuti sono un riflesso di come le produzioni artistiche integrati, scienza e la tecnologia diventano sempre più presenti a Minas, in Brasile e in tutto il mondo. Il 252 proposte, gli Amministratori hanno raggiunto 35 progetti pre-selezionati nella prima fase del curatoriale (short-list), che a fine 37 giorni di selezione di lavoro, resultou na escolha dos seis trabalhos que compõem esta exposição. Fra loro, quattro sono inediti, cujas narrativas e conceitos permeiam temas instigantes como a computação vestível, macchine di apprendimento, esseri bio-ibridi, principi della vita organica e digitali e lo spazio di sopravvivenza.

"Il curatore è stato un processo impegnativo, la quantità e la qualità delle proposte presentate, la precisione e la documentazione necessaria per un'analisi attenta e dettagliata, e il nostro obiettivo di costruire attraverso le opere selezionate una narrazione proposizionale, sollevando dubbi per una società post-digitale e la biotecnologia. Questa mostra raccoglie opere costruite sul confine tra arte, scienza e la tecnologia istigare il pubblico in mezzo a temi di attualità come l'informatica indossabile, macchine di apprendimento, esseri bio-ibridi, principi della vita organica e digitali e lo spazio di sopravvivenza "., mette in evidenza Alexandre Milagres, che divide il curatore mostra, ed è uno dei curatori della Biennale Arte Digitale, responsabile della curatela del programma culturale e scientifico di MM Gerdau.

OPERE

Tra i progetti selezionati per la mostra "ComCiência" è "Codici di Minutiae", Jack Holmer. Cercando di capire le origini della coscienza biologica, l'artista utilizza la poesia e la semiotica al presente piccoli robot antropomorfi e automi che percepiscono l'ambiente attraverso i suoi sensori e rispondere al mondo reale con i movimenti e suoni.

Il libro "Codice di Minutiae" fornisce una base per una coscienza artificiale, e crea strategie per la programmazione di un sistema sensoriale, classificatorio e interpretativo, per gli esseri robotici materiali e singolare. Così, il progetto presenta Dotati cinque sculture elettronicamente autonoma con la memoria, sensori e rete neurale che possono fare un ambiente di lettura, rispondendo a stimoli sensoriali come il loro apprendimento quotidiano. Così, si può andare a vedere un'evoluzione del lavoro durante la mostra.

Le sculture simulano la crescita di un feto umano in quattro fasi prenatale e postnatale. L'evoluzione del sistema può essere visto al di fuori del corpo della scultura centrale su un monitor che visualizza i dati interni della rete neurale di elaborazione grafica amichevole.

Un altro eccellente lavoro è "Culture degenerative" Cesar Baio e Lucy HG Salomone. Ecco, artisti stabiliscono una critica del rapporto tra uomo e natura. Per questo, replicare la logica dei cosiddetti "intelligenti" microrganismi per sviluppare un 'bhiobrid ", un ibrido complesso che verifica i confini tra intelligenza biologica e artificiale.

Così, in un'installazione interattiva, libri che documentano l'impulso umano per il controllo e la natura rimodellare sono usati come substrati per funghi. Il testo del libro è distrutto in senso fisico, e questa distruzione è visibile attraverso la scomparsa testo in chiaro sulla superficie della pagina. Dalla distruzione, L'intelligenza artificiale programmato un computer accoppiato al processo intrapreso nel libro, analizza la crescita di microrganismi che vivono e alimenta un algoritmo degenerativa sul linguaggio automi cellulari e l'analisi.

Questa ricerca agente biodigitale, automaticamente su Internet, testi che seguono modelli predatori, costruzione di un database dei dati di articoli che descrivono gli sforzi dell'umanità di controllare la natura. Così, mentre il libro fisico è consumato dalla cultura microbiologica, il database digitale è danneggiato da un algoritmo degenerativa, Combinando i due processi contemporaneamente.

Il lavoro "Future Skin", Thatiane di Mendes, promette di avere un impatto i visitatori della mostra con un'esperienza tattile innovativa. La proposta di Mendes è quello di aumentare la riflessione per quanto riguarda la creazione di un "sesto senso" nel corpo umano, che è il risultato della stretta relazione di contatto e l'interazione del corpo umano, soprattutto della pelle, con i dispositivi tecnologici che i dati di cattura, in ogni momento, sull'esperienza del corpo. Così, "Future Skin" esplora possibili futuri "Fur-capi", più adattabili ai modi contemporanei di essere, il flusso di informazioni e il corpo in movimento.

Le tecnologie di controllo indossabili, per visualizzare i dati come il battito cardiaco, pelle di guida, geolocalizzazione, suoni, movimenti del corpo, temperatura, altri, Hanno dati intimità, quale sono inevitabilmente state usate come auto, monitoraggio di monitoraggio e di auto, mira i canoni di bellezza e forza il comportamento.

Con "Future Skin", essi sono presentati 3 pezzi distinti costruiti da una coltura biotecido risultante di microrganismi vivi, avendo caratteristiche di pelle umana come le rughe, colorazione tessitura, segni del tempo, ecc. Il risultato è un invito ad un interrogatorio e intrigante esperienza interattiva come il rapporto degli esseri umani con il proprio corpo Uniti, i sensi e il nostro modo di interagire e scoprire gli spazi che lo circondano.

mettere in discussione del rapporto tra uomo e natura è anche il tema centrale di "Champs Elysees", scritto da Henry Roscoe. Lo scopo di questa installazione è quello di proporre un altro comportamento possibile, passando attraverso un rapporto dialogico tra uomo e natura, dove un ascolto e non solo l'imposizione di potere da parte di un singolo essere possibile – o umani – che appropriato la Terra in un modo altamente distruttivo della vita in relazione alle risorse naturali, in una crescita esponenziale soprattutto dopo la rivoluzione industriale.

Così, l'opera è composta da esseri artificiali con autonomia e la vita, comunicare attraverso l'emissione di suoni particolari. Questi esseri sono automi viventi luce, se solare o artificiale, e sono disposti irregolarmente nello spazio, preferibilmente la natura mista. Progettato per essere installato in un giardino o una foresta, dove si incontrano essendo mimetizzato nel fogliame delle piante, e ci sono armonicamente inserite nello spazio suono, "Campi Elisi" funziona dalla interazione con il visitatore a piedi in sé, della quale, cambiando la sua posizione nello spazio, cambia il rapporto di ascolto con gli esseri che vivono in essa. A sentire il suo canto, i visitatori devono camminare nello spazio – silenzioso – cercando di ascoltare la melodia di ciascuno e le loro rispettive relazioni spaziali.

Così, l'opera propone una riflessione contemporanea e di emergenza sulla necessità di ascoltare l'essere umano nei confronti delle esigenze dell'ambiente, base di emergenza strillar fenomeni naturali sempre più significativo, come alte temperature, scarsità d'acqua o forti precipitazioni in orari insoliti, così come tempeste e tempeste sempre più intensa.

udito di lavoro, l'installazione "Isola di Sonora", Camila Proto, Si tratta della possibilità di suono come creatore di territori diversi da quelli percepiti dalla società. Il progetto si basa- la premessa del movimento delle onde sonore come agente di materiali strutture, dove frequenza di vibrazione e variano nella loro funzione organizzazione e allo stesso tempo caotico, l'introduzione di territori mutevoli, in costante decostruzione e movimento.

Per creare questa dimensione il più possibile di fatto, l'impianto è dotato di due "settori": un oggetto interattivo, chiamato "Fare un'Island", dove il pubblico può vedere le dimensioni formative del suono e osservare con i propri occhi il movimento generato dal cambiamento nella frequenza dei suoni urbani, oltre a una serie di file, fotografie, dati, suoni e testi disposti in un muro, dove verrà disegnata la narrazione di ricerca per l'aumento dell 'isola.

La chiusura dei progetti selezionati per la mostra "ComCiência", è “Across Time”, lavoro di artista ecuadoriana Paul Rosero, che propone un sondaggio di fossili viventi e cibi cosmica in una prospettiva artistica strutturata dalla biotecnologia e l'esplorazione del rapporto "spazio-tempo". Così Rosero ricrea "stromatoliti antartica" sulla base di ricerche su ceppi di cianobatteri, dall'esplorazione di nozioni, mitologia dell'Antartide e il riutilizzo dei rifiuti organici derivati ​​da un progetto di serra.

I nostri stromatoliti giocare con l'idea di essere oggetti che incorporano passato e presente, indipendentemente dalla loro creazione artificiale. questi oggetti, presume essere fossili viventi, sarà prodotto da un procedimento di stampa nella costruzione 3D replicati gli strati organici fatto da stromatolitici. A questo scopo, Abbiamo in programma di costruire un personalizzato stampante bio-3d, alimentata da due componenti principali: Polpa costituito da rifiuti organici e ceppi di cianobatteri.

Il calendario completo della MM Gerdau - Museo delle Miniere e Metal è disponibile sul sito: www.mmgerdau.org.br/programe-se

:: CIRCA GERDAU MM MM Gerdau - Museo delle Miniere e Metal ::

|@mmgerdau | www.mmgerdau.org.br

Il MM Gerdau - Museo delle Miniere e Metal, membro del Circuito Libertà dalla 2010, è un museo della scienza e della tecnologia che ha un modo ludico e interattivo la storia delle miniere e della metallurgia. In 20 aree espositive, sono 44 mostre che presentano, attraverso personaggi storici e di fantasia, minerali, minerali e la diversità delle Geoscienze universo.

La costruzione di Rosa Piazza della Libertà, Headquarters Museum, è stato inaugurato nel 1897, insieme a Belo Horizonte. Inserito da l'Istituto Statale di Patrimonio Storico e Artistico (IEph), l'edificio è stato restaurato meticolosa, cui ha constatato che la decorazione interna seguiva il gusto Frenchified del tempo, com vocabulário neoclássico e art nouveau. O projeto arquitetônico para a nova finalidade do Prédio Rosa, che già era Segretario degli Interni e l'istruzione, E 'stato fatto da Paulo Mendes da Rocha e expography, che utilizza la tecnologia come un alleato della memoria e l'esperienza, è Marcello Dantas.

Il museo è aperto dal Martedì alla Domenica, il 12 às 18h, e Giovedi, il 12 alle 22:00, ingresso libero. Oltre alla mostra permanente, MM Gerdau offre una programmazione diversificata e per tutte le età. Tutte le attività sono gratuite.

Il Gerdau MM - Miniere e Metal Museum è sponsorizzato da Gerdau, tramite legge federale sugli incentivi culturali, con il sostegno della Compagnia brasiliana di metallurgia e delle Miniere (CBMM).

:: SERVIZIO::
presenta MM Gerdau: Mostra "ComCiência"
Di 12 Dicembre 2019 al 15 Marzo 2020
Orari di visita: Di 12/12 al 06/01- ore estese di funzionamento, Dal Martedì al Sabato, dalle 12h alle 21h, e la domenica, il 12 a 20 ore. Dal giorno 07/01, Martedì alla Domenica, dalle 12h alle 18h ore, e il giovedì, il 12 alle 22:00.
Local: Museo delle miniere e metalli – Praça da Liberdade s nº / – edificio Rosa
Informazioni: (31) 3516-7200
Controllare Franca

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*