Casa / Art / "Il potere dell'arte in tempi di crisi" di Edson Siquara
Altar da Paz - Acrílica sobre Tela - 146 x 235 - Rachel Roscoe. Foto: Rivelazione.

"Il potere dell'arte in tempi di crisi" di Edson Siquara

L'importanza della bellezza

Qual è il rapporto tra un senso di libertà e di bellezza?

In tempi di isolamento, con una certa libertà (nessun senso positivo) pensare, forse possiamo ottenere una base per l'esistenza umana che può essere solo confirmardo dall'esperienza, anche se è universale.

L'idea che stiamo attraversando un evento di proporzioni catastrofiche, in tutto il mondo, in un certo senso ci unisce, o, almeno, dovrebbe venire insieme. Il Coronavirus ci mette avanti con la questione della salute pubblica, ma ci sfida anche in molti altri campi, come ad esempio la disuguaglianza sociale, povertà, l'egoismo senza limiti. ci spinge a riflettere sul significato della vita, se abbiamo ragione di vivere in cerca di ricchezza, potere, fama. Ci invita a pensare che cosa è di essere felice, che cosa significa essere liberi e che tipo di cultura che dovremmo essere vivente.

Oggi la paura della morte ci unisce, perché condividiamo la stessa sensazione.

C'è un altro senso in cui unisce anche: la libertà. La libertà qui clou è estraneo a quelle indicate dal filosofo Isaiah Berlin (1909 - 1997) nel suo famoso articolo Due concetti di libertà: negativa e positiva. Il concetto di libertà qui è quella in cui ci si sente. Ma c'è un altro senso condividiamo il modulo necessario: la sensazione di Belo. Quando stiamo avendo un'esperienza piacevole e non in grado di spiegare esattamente il motivo per cui ci sentiamo ciò che sentiamo, di solito esprimiamo, contemporaneamente, la parola bellezza. Contemporaneamente, desejamos convidar alguém a compartilhar tal prazer, in altre parole, a questo punto sono l'opposto di egoista e siamo felici di essere.

pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

______________________________________________________________________

Be Happy è, soprattutto, sensazione libro

.

Per il medico e filosofo Schiller (1759 - 1805), quanto siamo bravi con l'arte, soprattutto Beautiful Art, Si tratta di una sensazione di libertà. Ciò significa che, quando sentiamo una canzone che ci emoziona, ma non sappiamo esattamente perché ci sentiamo quello che siamo sentimento, siamo, infatti, a sentirsi liberi. Lo stesso con poesie, dipinti, sculture, film, presso il Teatro, Arti in genere. Ma potremmo chiederci: questa sensazione di libertà può essere sentito soltanto con Beautiful Art?

Secondo Schiller propria, questo piacere con Belo, cioè il piacere di sentirsi libera, parte o proviene dal soggetto stesso, in altre parole, la fonte del piacere è nel soggetto e non l'oggetto. L'oggetto ha caratteristiche che una sorta di specchio per un desiderio fanno che stiamo fondatori.

Per Schiller, il più grande desiderio dell'essere umano è di sentirsi liberi. L'universo, noi compresi gli esseri umani come parte del tutto, siamo determinati, e passeggiata, richiesto per modulo, di essere liberi. Naturale è che ci si può sentire liberi e felici in altri modi, per esempio, quando siamo lodati, quando abbiamo fatto bene in un test, quando si acquista una nuova auto. Ma Schiller richiama la nostra attenzione ad una felicità che ha un carattere antropologico e psicologico. Se siamo d'accordo che quando ci sentiamo soddisfatti della Bella in Arte, la nostra ragione per non dominare, anche la nostra sensibilità egoista (istinto di sopravvivenza) manifesto, ora, dove queste forze sono uguali o sono nulli, possiamo dire che c'è una sintonia tra Ragione e sentimento.

______________________________________________________________________

Questo è il tempo che siamo liberi delle determinazioni della ragione o della sensibilità egoista. Ma non c'è libertà assoluta, perché non è possibile in un dato universo.

Ciò che emerge, pertanto, E 'la realizzazione del nostro desiderio più profondo, il ritorno per liberare come eravamo quando eravamo ancora in formazione. Eravamo già un corpo, ma senza motivo o sensibiliade, quindi la antropologici. Questa prima esperienza di marca come un trauma, solo nel senso positivo del termine, che è il personaggio che psicologico. Questo marchio originale, la libertà di non sentito esperienza, è come un vuoto che non può essere sazio, ma abbiamo identificato in relazione con l'arte e con essa, momentaneamente riempito il vuoto.

Profondo desiderio di sentirsi liberi, ma semplicemente non lo sanno, perché è inconsapevole.

E come siamo, infatti, la fonte della sensazione di piacere che, le externarmos per l'arte oggetto del nostro desiderio più profondo, che siamo liberi, dobbiamo liberare tutto e tutti.

Se existe uma relação entre Liberdade e ações morais, allora questo dovrebbe essere: liberare tutta.

Cosa ci dice Schiller è che ci mostra Bela d'arte che siamo così costituiamo. Siamo esseri di ragione e sensibilità, ma siamo armoniche, integrale, completare, quando abbiamo questo piacere di sentirsi liberi, anche se non.

Abbiamo lasciato piuttosto musei e teatri cambiati, Perché ci troviamo chi siamo veramente. L'arte ci dovrebbe mostrare questo percorso per un piacere speciale e la felicità.

Così, il senso della nostra vita sarebbe quello di essere liberi, e che, abbiamo bisogno di sentire libero di camminare in. Allora, viviamo in una cultura che ha questa interpretazione della libertà come fondamento.

______________________________________________________________________

Beauty = Libertà

.

L'esperienza estetica di Belo ci ricorda che una volta erano liberi di ferocia della sensibilità egoista e ragione della barbarie.

Esiste una relazione tra bellezza, Libertà e morale. Abbiamo bisogno di impegnarsi con questi 3 concetti, se si vuole ottenere uno speciale senso di essere felice.

Il nostro destino è quello di essere liberi, ma è impossibile. ma possiamo, tuttavia, sentire i nostri libri, distante, infatti, o che conta davvero.

Se il piacere di Belo è accompagnata da un desiderio di condividere questo piacere, e la Fiera è un senso di libertà, Non sarebbe questo desiderio di condividere un piacere disinteressato il fondamento della morale?

______________________________________________________________________

Il rapporto tra bellezza e morale

.

Quando siamo arrivati ​​la nostra Ragione e sentimento sviluppato, aumentiamo le nostre possibilità di raggiungere la nostra vita momentaneamente obiettivo, il sentire libera. Viviamo in una cultura, o la società, Ho facilitato questi momenti.

Ma non basta prendere Ragione e sentimento sviluppato, ci vuole un rapporto con gli oggetti, natura o persone. Per sentire questo piacere speciale per essere liberi, agiamo, consapevolmente o meno, al rilascio. E quando ci liberiamo siamo che possiamo sentirci liberi.

L'arte ci aiuta a identificare che cosa abbiamo bisogno più profondo e nobile: il desiderio di sentirsi liberi.

.

L'oggetto d'arte sembra viva, come siamo noi trasferiamo il nostro desiderio di libertà per lui, che a sua volta, deve avere caratteristiche che riflettono questo nostro desiderio come se. Lo stesso avviene con la natura, e deve avvenire nei nostri rapporti umani.

Noi liberiamo le altre persone, perché siamo felici con lui. Ma altri gratuiti per piacere è morale?

E 'molto difficile avere il piacere estetico, quando siamo nel dolore, paura di ammalarsi, paura di perdere il posto di lavoro, quando siamo preoccupati, quando siamo sempre pensando di modi per fare soldi, quando siamo molto determinati ad avere altri piaceri, rispetto a quella di sentirsi liberi. Difficile prendere piacere fame, è anche quando siamo torto. Abbiamo bisogno di essere liberi, ora nel senso negativo di libertà (conforme Isaiah Berlin), dessas determinações que nos impedem de ter o prazer especial do Belo ou de nos sentir livres.

Con la nostra Ragione e sentimento sottile in fase di sviluppo, come avrei voluto Schiller, Agiamo più facilmente in un modo necessario per liberare tutta, sempre. Dobbiamo agire per gli altri liberi da tutto ciò che impedisce loro di avere il piacere estetico, anche, noi stessi questo piacere. Atto moralmente è, pertanto, agire per liberare gli altri ad avere il piacere estetico di sentirsi liberi. Così, abbiamo anche sentiti libero.

La bella, la morale e la libertà sono, così, eternamente intrecciate.

Il lavoro dell'artista è Esternalizza, con la sua arte, il loro desiderio di libertà in modo che gli altri possono sentire.

Rachel Roscoe é artista plástica, amante dos animais, da natureza e da liberdade.

Rachel Roscoe è artista di plastica, amante degli animali, natura e libertà.

la mia tecnica, che ho intitolato "Profili", propone di far rivivere qualcosa che spesso nel corso del tempo e la stessa familiarità indossa - il rapporto con la Fiera. Vivere con qualcosa e l'intimità originata, a poco a poco diventa praticamente insensibili alle intorno a noi e siamo stati, una volta, motivo di affetto.

I miei quadri sono composti unendo a mano libera cerchi verniciati, che evocano il moto perpetuo dei nostri ricordi e le relazioni. Da questi cerchi e combinazioni cromatiche e tonali, decostruire e ricostruire le immagini dalla mia immaginazione, li diluendo come memorie, alla ricerca di armonia e bellezza che viene reso disponibile per lo spettatore in un modo diverso.

Rachel Roscoe
______________________________________________________________________

Rachel Roscoe è nato a Belo Horizonte, MG . Si è laureato in Belle Arti presso UFMG anno 2002. Precedentemente studiato architettura per la sua passione esistente per la matematica, in particolare dalla geometria. Negli anni 2000 Egli ha creato la tecnica "Contorni" ed è stato eccelle nelle arti e dedicando, da, lo sviluppo e le possibilità dello stesso. Ha partecipato a numerose mostre personali e collettive in Brasile e all'estero, spesso guadagnando l'attenzione per il suo modo innovativo di pittura.

Proprietario di un dipinto peculiare, pervasa da una ricerca incessante di Belo, Il suo lavoro riflette una ricerca intima in vari aspetti della vita dell'artista. Spinto dal l'obiettivo di trovare l'armonia attraverso una propria poesia, propone una complessità di costruzione dell'immagine. La vostra sfida è, pertanto, avere a che fare con questa proposta di complessità per raggiungere il tuo obiettivo: la ragione causa e la sensibilità sono uguali come forza per emergere che la fiera.

La sua tecnica ci invita alla straordinaria, non imporre nell'immagine, ma che ci porta a scoprire che. Essa ci porta al piacere estetico attraverso il singolo tessuto, Ci stiamo avvicinando l'esistenza di ogni opera, rapporto in cui e sensibilità, ora in piena armonia, ci spinge esternare, come esseri lingua, il termine Belo.

E. Siquara

Come sviluppare la sensibilità fine e il rapporto

Schiller è necessario sviluppare sia il più ad avere il piacere e la cultura Elevate

Ci sono grandi quando si tratta di sviluppo della Ragione (che ci può portare alla barbarie!), questo fin dai tempi di Socrate. Ma questo approccio ha avuto un impulso con l'Illuminismo. dovremmo essere, contemporaneamente, grato e mettere in discussione questo motivo il primordia. Dobbiamo sia le scienze e la necessità di continuare a sviluppare in tutti i campi scientifici (come sarebbe bello se abbiamo la cura per Covid-19). Ma non possiamo mollare, mai, di sviluppare anche questa bella sensibilità che Schiller ha attirato l'attenzione alla fine del secolo. XVIII.

La scienza ci aiuta a sviluppare la ragione, come filosofia. Le arti ci aiutano a sviluppare sensibildiade bene, come filosofia. filosofia, Per quanto strano possa sembrare, può aiutarci a sviluppare Ragione e sentimento. Per cercare di capire questo, potrebbe essere necessario leggere Schiller e il suo amico e filosofo Fichte (1762 - 1814).

Ah, e quando si parla di scienza, naturalmente stiamo includendo tutte le tecnologie ralacionado.

Poi nelle scuole, se l'argomento presentato qui ha un senso, dovremmo imparare la scienza, le lingue, tecnologie, la filosofia e le arti. Quest'ultimo più concentrata, ma non esclusivamente, al tatto, per la libertà, alla sensazione di bellezza e piacere estetico.

Schiller ha detto che ci sarebbe voluto 100 anni per realizzare un cambiamento nella cultura. Chissà, possiamo accelerare un po 'e vedere i nostri figli sentirsi veramente liberi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*