Casa / Art / "Perché non viviamo?"Discute l'importanza dell'individuo alle trasformazioni sociali
Peça “Por Que Não Vivemos”. Foto: Nana Moraes.

"Perché non viviamo?"Discute l'importanza dell'individuo alle trasformazioni sociali

Visualizza Marcio Abreu si adatta il testo Anton Chekhov, Teatro Cacilda Becker; Camila Pitanga è nel cast di otto attori

Tra i giorni 14 Febbraio e il 1 marzo, il gioco "perché non ci vive?"Rende la stagione al Teatro Cacilda Becker, tornando ad essere messo in scena 20 della Marcia 19 Aprile. Diretto da Marcio Abreu, produzione è un adattamento, realizzato dal regista insieme a Nadja Naira e Giovana Soar, un testo senza titolo scritto da autore russo Anton Cechov (1860-1904), che cerca di riflettere sulle potenzialità di ogni persona e la grandezza delle sue azioni da un punto di vista sociale.

pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

Il gruppo racconta la storia di Platonov, un aristocratico fallito che è diventato un insegnante e trova Sofia, un amore giovanile. Il riavvicinamento rende sia pensare a loro passato e le cose che hanno abdicato.

Secondo il direttore, note di fuochi di testo sul potere di ogni singolo. "Questo pezzo, altrimenti, Si riflette su come ognuno può – o potrebbe – agire dalla tua piccola vita, che è molto importante, una dimensione maggiore, più collettiva ", conto.

Marcio dice il testo del processo di adattamento è stato lungo. traduzione è stato commissionato direttamente dalla lingua originale, russo. Dopo, Hanno confrontato il risultato con le versioni in francese e spagnolo, fino a raggiungere un materiale per il portoghese che considerato buono. Dopo completato la traduzione, Hanno fatto diverse sessioni di lavoro al fine di adeguarlo. Secondo il direttore, l'obiettivo era quello di portare il contenuto della vostra comprensione del punto di vista sul teatro di oggi e il dialogo con il pubblico per mezzo di lui.

Lo spettacolo porta in Camila Pitanga fusione, cris Larin, Edson Rocha, Josi Lopes, Kauê Persona, Rodrigo Bolzan, Rodrigo Ferrarini e Rodrigo dos Santos. Il regista dice che, durante la preparazione, suo adattamento è stato quello di perfezionare gli artisti hanno avuto contatto con l'opera. "Gli attori sono stati cruciali per noi di venire al testo come lo è oggi", conto. Marcio sottolinea l'importanza di sala prove "luogo di costruzione della memoria e attivazione dell'evento teatrale."

L'ispirazione per il titolo del pezzo, originariamente, E 'stato preso da un discorso di carattere Platonov in un dialogo con il personaggio di Sofia. "A un certo punto, chiede: 'Perché non viviamo come avremmo potuto vivere?‘”, account Director. Il nome dello show, tuttavia, simboleggia qualcosa di più grande, ottenuto attraverso una squadra ambiguità intenzionale. "Perché non viviamo?"Ha un corretto movimento sia per un appello al futuro come a una richiesta di informazioni del passato e ciò che è rassegnato. "Questo titolo si riferisce a guardare molto, il taglio che abbiamo cercato di creare questo lavoro di Cechov ", dice.

Il team responsabile per l'adattamento anche interessata a rafforzare la visione femminile del pezzo, dando maggiore enfasi a questi personaggi. secondo Marcio, i testi Cechov hanno sempre le donne di punta, ma, In questo caso, "Hanno una funzione di trasformazione di generazione e cambiamenti delle rotte, innescando piccole rivoluzioni. "

Il regista considera "perché non ci vive?"Un pezzo attuali e rilevanti. "La mostra si propone di riflettere e pensare la nostra rovina oggi e dove andiamo da un punto di vista dell'individuo come potere collettivo di cambiamento". Per ele, "Ogni esistenza, ogni vita è dinamica, si trasforma e trasforma l'altra ". In questo senso, che sta vivendo è "che cercano di vivere la loro unicità in linea con un senso più collettivo del mondo", non solo come un "asserzione tirannica del soggetto."

La mostra è divisa in tre parti, insieme con linguaggi diversi: una prima che il regista definisce "un atto di convivenza", in cui v'è una vicinanza al pubblico; il secondo è "sensoriale" e presenta un'immagine lavoro congiunto Marcio creato a fianco dell'artista visivo Bat Zavareze; e, Infine, come l'ultima parte, il regista definisce "più spogliati di elementi teatrali" per la ricerca di un 'affermazione di una crudezza della presenza di tali organismi. "

| Cacilda Becker Theater. via Tito, 295, Lapa. zona ovest. | tel. 3864-4513. Di 13/2 al 1/3 e di 20/3 al 19/4. Venerdì e sabato, alle 20:0, e domingo, às 19h (con le sessioni in più nei giorni 13, 20 e 27/2, alle 20:0). $ 30. 16 anni.

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*