Casa / In evidenza / Il professor spiega le differenze tra colonizzazione degli insediamenti e colonizzazione esplorativa e come si riflettono attualmente

Il professor spiega le differenze tra colonizzazione degli insediamenti e colonizzazione esplorativa e come si riflettono attualmente

È comune per i brasiliani sognare un viaggio a Disney o New York piuttosto che rimanere nel proprio paese ammirando Cristo Redentore. Dal punto di vista popolare, Gli Stati Uniti sono un luogo molto più attraente del Brasile? Il professor Ueldison Azevedo mostra se questo è vero e mostra come questo sentimento di colonizzazione prevale ancora oggi.

Fabiano de Abreu. Foto: Vagner Souza / MF Press Global.

Fabiano de Abreu. Foto: Vagner Souza / MF Global Press.

La storia del Brasile risale a un passato che potrebbe rispondere a questa domanda: Perché guardiamo agli Stati Uniti con tanto fascino e perché non abbiamo il miglior sguardo sul Brasile? Il professore di storia Ueldison Alves de Azevedo spiega che "questa visione che abbiamo risale alla nostra colonizzazione tra il XV e il XVI secolo, perché l'America Centrale (mesoamerica), Sud America, il continente africano e anche i popoli asiatici hanno avuto una colonizzazione diversa da quella americana ".

Questa differenza è chiamata dagli storici della colonizzazione degli insediamenti e della colonizzazione esplorativa. Il professore dice che “quando Colombo decise di attraversare il mare e conquistare le Indie, che era un pensiero molto comune per quel periodo, credeva che l'aria su quel suolo fosse simile a quella europea. Ciò non significa che non ci fosse sfruttamento della terra e schiavitù, ma all'inizio l'idea era solo di popolare quel luogo, menti, c'erano già popoli diversi anche prima che la corte arrivasse negli Stati Uniti ". Tuttavia, “Questo processo di esplorazione di minerali come il tè, per esempio, e la schiavitù, è un po 'più lento e richiede più tempo rispetto ai continenti che hanno avuto una colonizzazione esplorativa ".

Ueldison Alves de Azevedo, professor de história. Foto: Divulgação / MF Press Global.

Ueldison Alves de Azevedo, insegnante di storia. Foto: Rivelazione / MF Global Press.

Ueldison lo ricorda, quando si arriva in Africa, per esempio, "Per ragioni" razziali "" (lingua usata dagli europei per giustificare la divisione dell'Africa nella loro condivisione di 1884), il colore della pelle poneva gli afros come oggetti di una "cosaificazione" che ora apparteneva alla metropoli. Tutto ciò che apparteneva alla colonia faceva parte del dominio europeo, non era diverso dagli Aztechi fino agli Incas e all'arrivo in Brasile ".

Allora, quando osserviamo due monumenti, come la Statua della Libertà, che fu un dono della Francia agli americani poco dopo la loro indipendenza, o il Cristo Redentore, che è stato costruito durante l'era di Getúlio Vargas, lo storico sottolinea che "stiamo mostrando come la colonizzazione ha fortemente influenzato le identità nazionaliste come popolo". O fato é que, lui completa, “I portoghesi quando sono arrivati ​​in Brasile in 1500, anche con il trattato di Tordesillas firmato 1494, finisce per creare legami con le popolazioni indigene, dove inizia progressivamente il processo di esplorazione delle nostre terre, anche se questa attività richiederà del tempo 30 anni da maturare ". Dopotutto, ricorda lo storico, “Il Brasile non era, all'inizio, gli occhi della ragazza portoghese, ma la conversazione con gli indigeni rimarrà comunque. Durante il periodo di, c'erano tribù che hanno accettato di fare un "fallimento" con i portoghesi e altri ribelli che saranno ridotti in schiavitù e altrettanti fuggitivi che daranno lavoro ai bandeirantes, mentre altri indiani prenderanno lezioni con i sacerdoti gesuiti, quelli che in Europa sono stati creati per l'inquisizione e così via ".

pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

In questo modo, l'insegnante dice che è facile capire questa mentalità ancora presente. Un esempio di ciò si vede nel passaggio dall'Impero alla Repubblica in 1889. Lo dice Ueldison l'allora ministro delle Finanze del governo di Marechal Deodoro da Fonseca, Rui Barbosa, “È stato responsabile della creazione della bandiera brasiliana uguale a quella degli Stati Uniti. Questa misura è durata meno di un giorno in vigore, ma più interessante è che il nome ufficiale del Brasile fino al decennio di 1960 era "Stati Uniti del Brasile". Solo dopo 1968 e con la costituzione di 1988, il professore sottolinea che il Brasile è diventato una Repubblica federativa (unione di stati).

Ueldison Azevedo ritiene che tutti questi argomenti dimostrino come "l'immaginario di questa forma di colonizzazione non sia solo di una classe sociale, ma nel suo insieme, perché il modo in cui sono state fatte le colonizzazioni ha drasticamente influenzato il modo in cui pensiamo e come siamo oggi ", estremità.

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*