Casa / In evidenza / Il professore fa un'analisi storiografica del Covid-19

Il professore fa un'analisi storiografica del Covid-19

Attualmente, COVID-19 ha infettato più di 28 1.000.000 di persone, ha ucciso più di 900 mille e il tasso di recupero è intorno 19 milioni di euro. Di fronte a uno scenario senza precedenti per molte persone, è comune sentire qua e là che la società cambierà in meglio o che COVID-19 è la peggiore pandemia nella storia che abbiamo mai vissuto.

Fabiano de Abreu. Foto: Vagner Souza / MF Press Global.

Fabiano de Abreu. Foto: Vagner Souza / MF Global Press.

Secondo l'insegnante di storia, Ueldison Alves de Azevedo, “Non è così vero. Se guardiamo alla questione storica del miglioramento della società stessa, infatti la scienza ne trarrà vantaggio e non ci sono prove chiare del risveglio della società, primo perché la società del 21 ° secolo non presenta alcun tipo di declino sociale per le trasformazioni e o rivoluzioni che avvengono nel nostro ambiente ".

Se parlare di trasformazione è anche un'esagerazione, per l'accademico: “Il termine Rivoluzione sembra più che utopico, perché affinché si verifichino entrambi è necessaria un'insoddisfazione popolare nel suo insieme ".

Ueldison Alves de Azevedo, professor de história. Foto: Divulgação / MF Press Global.

Ueldison Alves de Azevedo, insegnante di storia. Foto: Rivelazione / MF Global Press.

C'è anche chi paragona il periodo attuale con la peste nera e quella bubbonica, quello che il professore mostra che questo parallelo non è coerente a causa di diversi fattori, “Per la prima volta dal XII secolo, l'Europa chiamò cristianesimo, aveva già affrontato diverse guerre con le crociate; secondo, il popolo soffriva la fame e viveva con la scarsa igiene che contribuirà al dilagare della peste e finalmente i signori feudali stavano perdendo autonomia a favore della borghesia in cui i regni si stavano indebolendo, in altre parole, la peste è stata solo l'innesco di qualcosa che ha aiutato la trasformazione sociale e di conseguenza una rivoluzione in vista ".

L'influenza spagnola ha ucciso più di 50 1.000.000 di persone, il doppio dei morti nella prima guerra finita poco prima, e Ueldison lo ricorda, comunque, non c'era trasformazione sociale. Questa modifica non si è verificata, lui dettagli, “Perché il mondo era già un altro dopoguerra, potrebbe essere il cambiamento se non ci fosse la guerra, chi lo sa?! Ma ancora una volta guardiamo alle diagnosi storiche, prima ancora che scoppiasse la guerra 1914, L'Europa era un calderone bollente e da un momento all'altro gli spiriti si sarebbero sollevati e il caos si sarebbe installato, è successo a Saravejo con la morte dell'arciduca in Austria, non aveva bisogno di virus per modificare ciò che era già prevedibile ".

pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

Quindi, quando le persone parlano di miglioramento sociale e o “nuovo normale”, l'interrogatorio dell'insegnante è: “Com'è normale questo in cui la società è ben condizionata, lungi dall'essere trasformativa e rivoluzionaria?” Ele acrescenta que “a quarentena assusta porque ficar em confinamento é doloroso demais para o nosso cérebro que evoluiu de maneira coletiva, guarda i nostri antenati, ma allo stesso tempo, ha innescato false idee su ciò che abbiamo già colpito, ma viviamo in un'epoca ricca di informazioni e mai nella storia abbiamo visto una società xenofoba come la nostra, quindi davvero il covid 19 è stato posto su un livello che non esiste, non vi è alcun impatto collettivo mortale, non c'è una nuova normalità e la società continuerà a camminare a modo suo dalle trasformazioni avvenute nel XX secolo ".

Per l'insegnante, "Continuiamo a vivere nel vecchio mondo e la società non è in crisi", estremità.

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*