Casa / Art / Progetto di scambio culturale tra brasiliani bambini e adolescenti, dei paesi africani, l'America Latina e Caraibi "sembra incrociate", celebra 10 anni di traiettoria con esposizione di Furnas spazio culturale
Ousuye Senegal. Foto di José Bassit.

Progetto di scambio culturale tra brasiliani bambini e adolescenti, dei paesi africani, l'America Latina e Caraibi "sembra incrociate", celebra 10 anni di traiettoria con esposizione di Furnas spazio culturale

"Sguardi incrociati – 10 anni" caratteristiche 24 immagini di otto fotografi professionisti provenienti da sei paesi e 24 pannelli con fotografie, grafica, interviste e la riproduzione di oggetti prodotti dai bambini ed adolescenti in workshop di fotografia, scrittura e arte

Challapampa Bolivia. Foto de Andrea D'Amato.

Challapampa Bolivia. Foto de Andrea D’Amato.

Il Furnas Spazio Culturale inaugura Giovedi, giorno 17 Settembre, la mostra "Sguardi incrociati – 10 anni" che presenta al pubblico una retrospettiva che ne ritrae la traiettoria, da 2005 di un progetto di scambio culturale tra bambini e adolescenti brasiliani, Paesi africani, America Latina e Caraibi: il progetto Sguardi incrociati. Ideato e sviluppato dalla ONG Immagine della vita, il progetto consiste nello svolgimento di laboratori di fotografia e arte con bambini e adolescenti. Il risultato è la produzione da parte dei giovani di fotografie e materiali artigianali rappresentativi della loro cultura da scambiare con un'altra comunità in un altro paese.. Degli scambi effettuati in 54 comunità in Brasile e altro ancora 11 paesi, progetti da sei paesi diversi dal Brasile sono stati selezionati per la mostra: Mozambico, Angola, Bolivia, Senegal, Guinea Bissau ed Etiopia.

"Sguardi incrociati – 10 anni" porta 24 fotografie in bianco e nero effettuato da fotografi brasiliani: Ricardo Teles, Andréa D’Amato, José Bassit, Sérgio Zacchi e gli stranieri: il mozambicano Mauro Pinto, Boliviano Fernando Soria, o senegalês Kane Sy e o etiopia Yemane Gebresalassie, che hanno seguito da vicino i seminari e sono stati coinvolti nel processo, riuscire a ritrarre le immagini con la necessaria sensibilità. Lo spettacolo ha anche 24 pannelli con fotografie, grafica, interviste e riproduzione di oggetti prodotti da bambini e adolescenti dall'Angola, Mozambico, Senegal, Mali, Bolivia, Capo Verde, Guinea-Bissau, Etiopia, Repubblica Dominicana del Congo, Haiti e Paraguay.

All'inaugurazione della mostra verranno proiettati quattro documentari realizzati durante i progetti.: "Brasile Guinea Bissau", "Casamance Kalunga", "Brasil Cabo Verde" e "Brasil Paraguay".

Fotografi

Kalungas Goiás. Foto di Amadou Kane Sy.

Kalungas Goiás. Foto di Amadou Kane Sy.

Amadou Kane Sy: nascido no Senegal, il 1961, ottenere una formazione presso la National School of Arts em 1991. Vive e lavora a Dakar, Isola di Joal e Goree. Oltre fotografo, è un artista poliedrico che lavora nella pittura, installazione, video, disegno, incisione e poesia. Le sue opere trattano questioni sociali contemporanee. Con sede a Dakar è fondatore e direttore artistico del progetto “Portes et Passages”, un'iniziativa volta ad aprire un centro d'arte olistico nel Senegal rurale.

Landrea D’Amato – Laureato in giornalismo, post-laurea in fotografia alla FAAP, ha partecipato a diverse edizioni del progetto Olhares Cruzados: Nella diversità, Brasile-Etiopia, Brasile Bolivia, Brasile Mozambico. Specializzato in viaggi, ha una solida carriera come fotografo editoriale, collabora con riviste come National Geographic Brasil, Viaggi e turismo e altri titoli. Da 2010 si dedica anche alla ricerca nel campo dell'arte, le sue indagini affrontano l'iconografia dell'ambiente familiare, una piattaforma per riflessioni sulla memoria e l'affettività. In 2015 ha ricevuto il VI Premio quotidiano di fotografia contemporanea: Betlemme, PA, ed è stato selezionato per la proiezione fotografica / Olhavê: Tiradentes, MG e progetti di lettura: libri fotografici d'incontro Sesc-SP e La Fabrica-PhotoEspana.

Kembata Etiopia. Foto de Andrea D'Amato.

Kembata Etiopia. Foto de Andrea D’Amato.

Fernando Soria: è nato a Cochabamba, ha studiato sociologia ed economia agraria, ha lavorato come ricercatore in scienze sociali e come volontario nel campo dell'istruzione non formale. In 1986, inizia con la fotografia professionale, aver realizzato audiovisivi educativi, calendari, fotografie istituzionali e mostre frutto di questo lavoro. In 1992, ha pubblicato il suo primo libro d'autore intitolato “Bolivia” a cura di Sturtz Würzburg in Germania. In 1999, "Le radici della Bolivia del futuro", il 2001 e “La pace è un'avventura straordinaria e nel 2006 ".

José Bassit: nato a 1957, nella città di São Paulo. Viaggiato in Senegal in 2007 come documentarista per il progetto Olhares Cruzados per registrare i workshop del progetto tenuti a Casamance. Fotoreporter da allora 1985 ha fatto pubblicare i suoi lavori dai principali giornali e riviste brasiliani. Tra le principali mostre personali a cui ha partecipato: La metropolitana di Londra, alla stazione della metropolitana di Santa Cecilia, Sao Paulo (1985); “Dov'è la fede”, non “Centro Culturale Fiesp”, Sao Paulo, entro pochi mesi dalla Fotografia Internazionale (2001); “Immagini fedeli”, non “Centro per gli studi brasiliani a Maputo”, Mozambico (2003); “Tagli moderni”, presso la Pinacoteca do Estado de São Paulo, Sao Paulo (2004); “Ricordi”, dal “Spazio Fotografia Porto Seguro”, Sao Paulo (2006); “Installazione Modern Cuts”, il “SESC Pompei”, Sao Paulo (2007); “Immagini fedeli”, no Museo dei bambini, a San José, Costa Rica (2008).

Terena Madre Terra. Foto di Fernando Soria.

Terena Madre Terra. Foto di Fernando Soria.

Mauro pinto: Nato in 1974 a Maputo / Mozambico dove vive e lavora già esposto in mostre tenute a Lisbona, Francia, Brasile e in diversi paesi del continente africano. Vincitore dell'8a edizione del BES Award (Banco Espírito Santo) uno dei più importanti riconoscimenti nel campo della fotografia, ha presentato una serie di 12 foto scattate nel quartiere di Mafalala, a Maputo, dove sono nate importanti figure del Paese. La mostra ha girato i paesi di lingua portoghese ed è stata presentata alla Pinacoteca do Estado de São Paulo a 2012.

Ricardo Teles: fotografo premiato, gaucho, lavora a San Paolo nei settori della documentazione e del fotogiornalismo, con pubblicazioni periodiche su diversi quotidiani e riviste nazionali ed estere, come il quotidiano O Estado de S.Paulo, Riviste Der Spiegel e National Geografic Brasil, per cui ha ricevuto due volte il premio Best Edit per il miglior reportage internazionale (2013 e 2015). Nell'anno 2013 ha ricevuto il premio New Holland per il giornalismo e, il 2014, o Sony Awards, nella categoria Viaggi, con il progetto Grain Highway. Vincitore del giornalismo di Ayrton Senna (2003), Martius Staden em 2000, Vitae Arts Grant in 1998 e Photography Stimulus Award in 1994.

Ousuye Senegal. Foto di José Bassit.

Ousuye Senegal. Foto di José Bassit.

Sérgio Zacchi: nato a 1979 a Ilhéus, Bahia, e lavora a San Paolo. Ha iniziato a lavorare come fotoreporter per il quotidiano Folha de São Paulo. È passato dalle redazioni di diverse riviste di Editora Abril, quando è stato assunto dal quotidiano Valor Econômico, dove ha lavorato per tre anni, quando ha deciso di diventare autonomo.

Yemane Gebrasalasie: uno dei più rinomati fotografi etiopi e risiede a Milano Italia per molti anni dove ha sviluppato la sua carriera fotografica, rientrato in Etiopia qualche anno fa, ha sviluppato un lavoro autoriale per registrare i quartieri popolari di Addis Abeba che sono stati sfrattati a causa del boom immobiliare derivante dal forte sviluppo economico che sta attraversando il Paese. È venuto in Brasile nel 2013 per partecipare al progetto Olhares Cruzados Brasil Ethiopia.

Il progetto

Sguardi incrociati nato in ottobre 2004, su iniziativa dell'architetto Dirce Carrion, in una proposta di riavvicinamento culturale con i popoli africani. in esso, i bambini e gli adolescenti delle comunità tradizionali iniziano un ricco processo di recupero della memoria locale e di condivisione con le popolazioni sorelle attraverso l'oceano. È così che si verificano le prime edizioni: Brasile Africa - Angola e Mozambico, Brasile-Haiti, Brasile-Senegal, Brasil-Congo DRC, Brasile Bolivia, Brasile-Mozambico.

In questa indagine sulla storia stessa, lo scambio di sguardi avviene in due modi: tra bambini e adolescenti con generazioni precedenti, che trasmettono il loro sapere tradizionale; e attraversando gli oceani, tra popolazioni che scoprono affinità a chilometri di distanza. Nel corso degli anni, la metodologia di Olhares Cruzados è molto più fruttuosa. Dalla 7a edizione – Sguardi incrociati Brasile- Guinea Bissau - i bambini presentano interviste con persone importanti per le loro comunità, e record di officina, come negli altri si trasformano in libri che raccontano la traiettoria delle comunità, attraverso le storie di persone che preservano la cultura e che lottano per la propria sopravvivenza e quella dei propri popoli.

L'apprezzamento dei leader locali è un altro pilastro che spicca nel progetto. Nelle attività, le personalità più importanti per quel microcosmo sociale sono onorate dai partecipanti. La sua testimonianza è registrata con tutta l'ammirazione e la gratitudine delle nuove generazioni. Il progetto ha anche contribuito alla realizzazione del primo Aty Guasu per bambini e adolescenti in Brasile, strumento fondamentale per mobilitare i giovani Guaranis Kaiowá.

In collaborazione con le Segreterie dell'Istruzione, da scuole e altri enti di insegnamento, sviluppare materiali didattici e promuovere la formazione degli insegnanti, contribuire all'educazione ai diritti umani in Brasile. A Santana de Parnaíba, il progetto Olhares Cruzados Brasile Capo Verde mobilita educatori di tutto il comune per scambiare opinioni e metodologie per affrontare il tema in classe.

Madrina di un progetto così prezioso, che ha coinvolto più di 1600 bambini in tutto il mondo in 11 paesi diversi dal Brasile, Dirce Carrion viene insignito dell'Ordine dell'Ordine di Rio Branco dal presidente Lula in 2010, e con una menzione d'onore del premio per i diritti umani 2013. In 2014, viene selezionato come finalista nella categoria Lavoro Sociale dal Premio Claudia, il più grande premio femminile in America Latina.

Mostra Olhares Cruzados – 10 anni

Furnas Spazio Culturale

Sponsorizzazione: ELETROBRAS FURNAS

A cura di: Dirce Carrion

36 foto 54 x 74 bianco e nero e 24 pannelli con fotografie, grafica, interviste e la riproduzione di oggetti prodotti dai bambini ed adolescenti in workshop di fotografia, scrittura e arte.

Foto di fotografi brasiliani: Ricardo Teles, Andréa D’Amato, José Bassit, Sérgio Zacchi e gli stranieri: il mozambicano Mauro Pinto, Boliviano Fernando Soria, o senegalês Kane Sy e o etiopia Yemane Gebresalassie.

Vernissage: Giovedi,17 Settembre, 19 ore

Esposizione: di 18 Settembre a 29 Novembre
Grandezza reale strada, 219 – Botafogo – Rio de Janeiro, RJ

Visitazione: dal martedì al venerdì, il 13:0 alle 06.00 pm e sabato, Domenica e festivi, dalle 14h alle 19h.

Tale: 2528-5166 (secondo al sesto, da 9:0 a 17:0) / espacofurnascultural@Furnas.com.br

www.furnas.com.br/frmSOCulturaECEF201505a08.aspx

Libero

Informazioni importanti:

Per l'accesso allo spazio culturale, richiede la presentazione del documento di identità.
La voce di persone che indossano pantaloncini e sandali è consentita solo nei fine settimana.

3 commenti

  1. "Sembra incrociate", celebra 10 anni di traiettoria con esposizione di Furnas spazio culturale

    http://t.co/xEEkv55W9G http://t.co/ILeCYrDldn

  2. Progetto di scambio culturale tra brasiliani bambini e adolescenti, dei paesi africani, Dall'America Latina… http://t.co/arTBgBwIqU

  3. Progetto di scambio culturale tra brasiliani bambini e adolescenti, dei paesi africani, Dall'America Latina… http://t.co/HcSwcBCoOd

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*