Casa / Art / Solar da Marquesa de Santos e Pinto Alley ricevere servizi Giselle Beiguelman
Instalação “Chacina da Luz”, da artista brasileira Giselle Beiguelman. Em cartaz no Solar da Marquesa de Santos - Il Museo della città, a São Paulo, di 04 Possa il 01 Settembre 2019. Foto: Ana Ottoni.

Solar da Marquesa de Santos e Pinto Alley ricevere servizi Giselle Beiguelman

"Strage di Luce" e "No Monumento" discutere la perdita di memoria nello spazio pubblico e l'estetica di oblio a São Paulo. Inaugurazione Sabato, giorno 04 Maggio, a 11 ore. Ingresso libero

Il Il Museo della città Apre il giorno 04 Maggio, Sabato, a 11 ore, i servizi "Strage di Luce" e "No Monumento", Artista Giselle Beiguelman, negli spazi Solar da Marquesa de Santos e Alley Pinto, rispettivamente. Le opere discutono perdita di memoria nello spazio pubblico e il rapporto della città con il suo patrimonio storico e culturale. Composto da frammenti di monumenti, strutture riproducono la situazione di tali parti che sono stati trovati in depositi pubblici dall'artista, come una sorta di "ready made" dall'oblio.

pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

"Entrambe le strutture invertono il luogo dell'arte nel campo delle politiche pubbliche di memoria. Invece di essere suo oggetto, arte qui pensa che queste politiche, suggerendo un dibattito sulla produzione sociale dell'estetica della memoria e dimenticando nello spazio pubblico "., dichiara l'artista e professore presso FAU - USP.

in "Strage di Luce "l'attenzione dell'artista è l'insieme di otto sculture che erano nel Cross Lake Maltese, situato all'interno del giardino della Luce. schierato, nella maggior parte, nel secolo 19, Furono abbattute e suddivisi in 2016, in un atto di rapina. I lavori sono stati raccolti e conservati nel parco amministratore Casa. Nella installazione presentata in Solar da Marquesa de Santos, Giselle recupera scena post-crimine.

in "Nessun monumento ", d'altronde, Giselle ripercorre le tappe della Alley Pinto i pali di fondazione, piedistalli e frammenti di monumenti che sono in deposito presso il Dipartimento di Patrimonio Storico – DPH, situato nel quartiere di Caninde. "Con un po ', o nessuna traccia del loro passato, questi totem enigmatici ci sfidano a chiedere: da dove sono venuti? Essi sono stati rimossi da? E cosa più importante: che ha tenuto il punto di vista materiale e simbolico?", indaga.

Il design dei due impianti prosegue la ricerca che ha portato alla memoria intervento Amnesia eseguito dall'artista nel file storico comunale 2015 al 2016. Ha cominciato a essere progettato, anche a fronte della gestione Renato al Museo della Città. Giselle Beiguelman sottolinea che uno degli elementi più importanti del progetto corrente, Come il precedente, È il fatto di essere effettuato in collaborazione con la Dipartimento del patrimonio storico e la Museo della Città di San Paolo. "Si tratta di progetti che si fanno nel dialogo e riflettendo sulla memoria pubblica e le politiche del patrimonio. Essi sono costituiti solo dal autorizzazione dell'uso di parti e di ingresso in depositi, ma anche dallo scambio e la negoziazione di opinioni e motivazioni ", dice l'artista.

Inoltre, Beiguelman sottolinea la natura interdisciplinare di questi progetti, coinvolgendo architetti, progettisti, ricerca storica e intensa partecipazione dei membri del suo gruppo di ricerca estetica della Memoria nel XXI secolo, Laboratorio collegato ai urbanistiche FAU ALTRI – USP.

.

Giselle Beiguelman Egli è un artista e insegnante FAU USP. Tra i suoi progetti recenti spiccano: "Memoria di amnesia" (2015), "Quanto pesa una nuvola?" (2016) e "Odiolândia" (2017). numerosi premi nazionali e internazionali ricevuti e il loro lavora part collezioni private e collezioni di diversi musei come ZKM (Karlsruhe, Germania), Pinacoteca de Sao Paulo, Museo ebraico (Berlino, Germania), AS (Rio de Janeiro) e altri. Era redattore capo del Journal SelecT (2011-2014) e un cronista di Radio USP e il sito Revista a. Il suo nuovo libro, "Memory Amnesia: politiche si dimenticano ", nel mese di maggio 2019 Edizioni SESC.

Museo della Città di San Paolo

Il Museo della Città di San Paolo Si tratta di una rete di case storiche distribuite in varie parti della città. Attualmente, la sua collezione architettonica costituita dal Solar da Marquesa de Santos, Alley Pinto, Casa 1 / casa Immagine, Casa do Bandeirante, casa Sertanista, Cappella di Morumbi, Casa di Tatuapé, Navigare nel sito, sito Morrinhos, casa Cry, Monumento all'Indipendenza, casa modernista e Finchley Lane,. Essa ha anche un grande valore storico degli archivi come la raccolta fotografica; beni mobili; Storia Orale e documentario.

Servizio:
Installazione: "Strage di Luce", di Giselle Beiguelman
Apertura: giorno 04 Maggio, Sabato, a 11 ore
Durata dell'esposizione: di 04/05 il 1º / 09 2019
Local: Solar da Marquesa de Santos - Museo della Città
Rua Roberto Simonsen, 136 - Centro - São Paulo - SP
Telefono: (11) 3105 6118
Orari: Dal martedì alla domenica, il 10 a 17 ore
servizio educativo a disposizione: educativomuseudacidade@gmail.com
gratuito, ingresso libero
Installazione: "No Monumento", di Giselle Beiguelman
Apertura: giorno 04 Maggio, Sabato, a 11 ore
Durata dell'esposizione: di 04/05 al 14/12 di 2019
Local: Alley Pinto - Museo della Città
Rua Roberto Simonsen, 136 - Centro - São Paulo - SP
Telefono: (11) 3105 6118
Orari: Dal martedì alla domenica, il 10 a 17 ore
servizio educativo a disposizione: educativomuseudacidade@gmail.com
gratuito, ingresso libero

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*