Casa / Art / I capitoli di Webserie Baker mettono in relazione la ricerca dello spettacolo con l'attuale Brasile
I capitoli Baker - Beto Matos e Cristiane Zuan Esteves. Foto: archivio personale.
I capitoli Baker - Beto Matos e Cristiane Zuan Esteves. Foto: archivio personale.

I capitoli di Webserie Baker mettono in relazione la ricerca dello spettacolo con l'attuale Brasile

Diviso in 10 capitoli, webseries mostra gli sviluppi
della drammaturgia originale dell'opera The Story of Baker, di Cristiane
Zuan Esteves e Beto Matos. Un pezzo da conferenza ogni giorno
online si presenta con la partecipazione degli ospiti, della quale
temi di dibattito ricercati per l'editing con il pubblico.

Vincitore del Premio per il Teatro Zé Renato nella città di San Paolo, lo spettacolo La storia del panettiere sarebbe arrivato in scena a maggio 2020, ma a causa della pandemia e della chiusura dei teatri, l'assemblea ha avuto la sua prima sospensione. Per mantenere vivo il progetto, in questo momento di distacco sociale, il team artistico dell'opera ha optato per la creazione della webserie CAPITOLI OS DI BAKER, quel debutto 1 settembre, Martedì, às 17h, nell'applicazione di videochiamata Zoom. Fino a 3 Novembre, ogni martedì, un nuovo capitolo accade in diretta, per un totale di 10 Episodi.

pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

In ogni capitolo di CAPITOLI OS DI BAKER Cristiane Zuan Esteves e Beto Matos - responsabili della drammaturgia, performance e regia dello spettacolo - presentare un reportage-artistico-documentario su uno dei temi ricercati per La storia del panettiere. Dopo la presentazione virtuale di ogni capitolo, ci sarà l'intervento di un ospite e l'apertura di una conversazione con il pubblico, de modo a amplificar as questões apresentadas, relacionando-as ao momento social e político do Brasil atual.

Tra gli ospiti evidenziati da Denilson Baniwa, uno dei più importanti artisti contemporanei di oggi per rompere i paradigmi e aprire percorsi al ruolo delle popolazioni indigene nel territorio nazionale; Jaider Esbell, fondatore della Jaider Esbell Gallery of Contemporary Indigenous Art, situato a Boa Vista, capitale di Roraima, il primo in Brasile si è concentrato sulla produzione delle popolazioni indigene; Angelica Ferrarez, storico, insegnante, femminista nera e ricercatrice della storia e della memoria delle donne nere e della samba; Marcia Mura, degli indigeni Mura, dottore in storia sociale presso l'Università di San Paolo e master in società e cultura in Amazzonia, dall'Università Federale di Amazonas; e Marie Ange Bordas, giornalista, fotografo ed educatore con mostre d'arte che hanno viaggiato attraverso i cinque continenti; altri.

CAPITOLI OS DI BAKER, che non erano previsti nel progetto iniziale, são desdobramentos da dramaturgia original, piccole opere complete in se stesse e non sostituiranno la presentazione della mostra, che dovrebbe debuttare non appena saranno soddisfatti tutti i protocolli di sicurezza. Per Beto Matos, "I capitoli" servirà come un tuffo in tutte le ricerche effettuate per assemblare il pezzo e anche come introduzione La storia del panettiere. "Avrebbe perfettamente senso se il pubblico potesse seguire gli episodi e poi vedere il nostro montaggio", dice.

Il nome Baker

Cristiane Zuan Esteves spiega che il progetto iniziale è nato quando ha trovato la storia di Thomas Baker, Missionario inglese ucciso e divorato dai Kai Colo durante il processo di colonizzazione delle Fiji, fatto per cui i discendenti dei presunti "cannibali", oggi si è convertito al cristianesimo, ha tenuto una cerimonia di scuse a 2003. “Il fatto che le vittime della colonizzazione si siano scusate con i loro invasori mi ha impressionato ed è stato molto indignato. Ho deciso che un giorno avrei fatto un lavoro. Anni dopo, descobri calcificações semelhantes a dentes em meu joelho dentro de uma estrutura chamada Cisto de Baker. Senti como um chamado para realizar o trabalho”, conto.

Dal nome Baker, La storia del panettiere passeggia nella storia del colonialismo, del capitalismo e dello sfruttamento, além das várias formas da necropolítica e por elementos autobiográficos. “Na pesquisa, abbiamo trovato molti altri panettieri, come Josephine Baker è la bomba di Baker, non l'atollo di Bikini. Troviamo il cannibalismo come una scusa per il dominio e la schiavitù delle popolazioni indigene, encontramos outras histórias de colonização semelhantes à história sofrida pelos Kai Colo”, dice Cristiane.

Cristiane, iniziatore del progetto, porta dati autobiografici a La storia del panettiere, e mette in dubbio la tua posizione di colonizzatore o colonizzato. In CAPITOLI OS DI BAKER il duo di artisti cerca di riflettere sui fatti che ancora oggi affliggono le vittime della colonizzazione. “Pensiamo che in questo momento sia essenziale ascoltare i leader, artisti e attivisti e pensa a ciò che stiamo vivendo ". dice Beto Matos.

PROGRAMMAZIONE

CANNIBALE NO, ANTROPOFAGIA DE RESISTÊNCIA

1 settembre, Martedì, às 17h

ospite - Denilson Baniwa

Il capitolo aggancia l'invenzione del nome cannibale, che è nato da un "errore" di Cristovão Colombo quando ha definito i Cariba "cannibali" (uomini con teste di cane e uomini che mangiano uomini) para abordar as simulações e representações com indígenas Tupinambá em Rouen, Francia, e questo ha ispirato il testo I cannibali, di Montaigne. A diferença entre canibalismo e a antropofagia também será abordada, oltre all'antropofagia di Oswald de Andrade e alla ReAnthropophagy rivendicate da artisti indigeni contemporanei.

Denilson Baniwa, 36 anni, è nato a Mariuá, no Rio Negro, Amazon. La sua carriera di artista inizia con i riferimenti culturali della sua gente (Baniwa) já na infância. In gioventù, l'artista inizia la sua traiettoria nella lotta per i diritti dei popoli indigeni e transita attraverso l'universo non indigeno, cogliendo riferimenti che rafforzerebbero il palcoscenico di questa resistenza. Denilson Baniwa è un artista mangiatore di uomini, perché si appropria delle lingue occidentali per decolonizzarle nel suo lavoro. L'artista nella sua traiettoria contemporanea si consolida come riferimento, rompere i paradigmi e aprire strade al protagonismo.

ANTROPOFAGIA - AUTO PRESENTANTE PER RIMANERE VIVI

Giorno 8 Settembre, Martedì, às 17h

ospite - Jaider Esbell

Le leggi spagnole proibivano la riduzione in schiavitù delle popolazioni indigene, a meno che non fossero considerati "cannibali". Os subterfúgios usados pelos colonizadores para continuar a escravização produziram as imagens de “selvagem” e serviram para desumanizar os povos originários. La contraddizione delle immagini prodotte dal colonizzatore, como a amplificação do canibalismo por Jean de Lery e as denúncias de Bartolomeu de Las Casas em seu livro Breve storia della distruzione delle Indie, serviranno come temi per il secondo capitolo, che affronterà anche gli stereotipi cannibali nella letteratura mondiale, come Robson Crusoe e Tarzan, e la storia sconosciuta di Macunaíma.

Jaider Esbell, 41 anni, vive a Boa Vista, capitale di Roraima, dove mantiene la Jaider Esbell Gallery of Contemporary Indigenous Art, il primo in Brasile si è concentrato sulla produzione delle popolazioni indigene. La produzione dell'artista copre diversi linguaggi artistici e la sua performance attraversa il campo della produzione di conoscenza sulla decolonialità, protagonismo indigeno e teorizzazione nell'accademia di una nomenclatura che contempla il pensiero delle nazioni indigene del Brasile. Il suo lavoro è un'estensione del movimento di base in cui prima era impossibile fare a meno delle arti come strategia politica di autorappresentazione.

DA COLOMBO AL CANNIBALE PANDEMICO

Giorno 15 Settembre, Martedì, às 17h

ospite - Casé Angatu

L'affermazione dello studioso indigeno Jack Forbes che Colombo sia stato il primo cannibale e il paragone dell'autore tra Colombo, os colonizadores e o capitalismo com o Wetiko, mito da tradição algonquiniana em que pessoas se tornariam canibais vorazes por experiências de fome extrema ou pelo contágio através do sonho, guida il terzo capitolo, che porta rapporti sull'epidemia di Wetiko tra gli indiani nordamericani e la sua connessione con il processo di privazione innescato dalla colonizzazione. Será abordada a longa história da escravização indígena e a lógica capitalista como uma lógica canibal. Vivemos a epidemia Wetiko?

Casé Angatu è originario del territorio di Tupinambá Olivença (Ilheus / BA) di Taba Gwarïnï Atã. Professore del Corso di Laurea in Insegnamento e Relazioni Etnico-Razziali presso l'Università Federale di Bahia Meridionale (PPGER-UFSB); Professore alla Santa Cruz State University (UESC / Ilhéus / BA); PhD presso la Facoltà di Architettura e Urbanistica dell'Università di San Paolo; Master di PUC / SP e storico di UNESP, Casé è l'autore del libro Non tutto era italiano: San Paolo e la povertà (1890-1915) e coautore di Indiani in Brasile: Vita, Cultura e morte.

DALLA CROCE ALLA MITRAGLIATRICE

Giorno 22 Settembre, Martedì, às 17h

ospite - Laymert Garcia dos Santos

A história da colonização e religião em Fiji. Recenti colpi di stato politici, sua relação com o avanço das religiões neopentecostais e com o pedido de desculpas à família de Thomas Baker. Que analogias podemos perceber com a situação brasileira?

Laymert Garcia dos Santos è un sociologo, Professore (pensione) dell'Università Statale di Campinas e scrive regolarmente sul rapporto tra tecnologia e società, così come l'arte contemporanea. autore Politicizzare le nuove tecnologie (Editore 34) e Combattendo con Lautreamont (Edizioni N-1), altri, è stato consigliere del CNPC del Ministero della Cultura e direttore della Fundação Bienal de São Paulo.

JOSEPHINE BAKER, BANANE E RAZZISMO

Giorno 29 Settembre, Martedì, às 17h

ospite - Angelica Ferrarez

Il quinto capitolo si rivolge all'artista Josephine Baker. L'inseguimento dell'FBI, il suo attivismo per i diritti umani e contro il razzismo e l'appropriazione della sua immagine come simbolo del successo del progetto di colonizzazione da parte dei francesi, oltre al soggiorno in Brasile e al fatto di chiamare i suoi figli adottivi, vindos de várias partes do mundo, de vários grupos étnicos e de diferentes religiões de Tribo do Arco-Íris.

Angélica Ferrarez è una storica, femminista nera e insegnante. Dottorato in Storia presso l'Università statale di Rio de Janeiro con progetto Donne nere dopo l'abolizione: memoria, linguaggio e potere nell'arte della compagnia di bandiera tia Dodô da Portela, ha conseguito un master in Storia sociale della cultura presso la Pontificia Università Cattolica di Rio de Janeiro con un tema Le zie nere del samba: per amore della memoria, spazio e patrimonio e ha attraversato la sua ricerca dalle questioni di genere femminile negli studi sulla storia e la cultura africana e afro-brasiliana.

ZOO UMANO, IERI E OGGI

Giorno 6 Ottobre, Martedì, às 17h

ospite - Eugênio Lima

Os Kanaks são um exemplo de Zoológico Humano no período colonial. I Kanak, furono assunti per partecipare all'Esposizione Coloniale di Parigi nel 1931, ma è finito allo zoo di Vincennes, esposto come “cannibali”. Um diretor do famoso teatro do Châtelet foi contratado para dirigir pequenas cenas onde os Kanaks, nonostante parli francese e non pratichi antropofagia da decenni, deveriam fingir que eram canibais e que viviam primitivamente. A partir dessa história, il capitolo affronta l'esposizione degli esseri umani nel contesto coloniale, tra cui Brasile, l'oggettivazione dell'altro e dei corpi che possono essere scartati.

Eugênio Lima è un DJ, Attore MC, ricercatore di cultura afro-diasporica, membro fondatore del Núcleo Bartolomeu de Depoimentos e del Fronte 3 de Fevereiro e direttore del Collective Legitimate Defense. Vincitore di numerosi premi teatrali (Conchiglia, Coca-Cola / FEMSA e governatore dello Stato) per comporre musica e colonne sonore.

LA VISIONE DEL COLONIZZATORE - ANDAMAN

Giorno 13 Ottobre, Martedì, alle 15:0 (il programma eccezionale, perché l'ospite è in Sud Africa)

ospite - Marie Ange Bordas

Nell'arcipelago delle Andamane, na pequena Ilha Sentinela do Norte, abitano uno degli ultimi popoli isolati del pianeta. In 2018, il missionario John Chau fu ucciso dagli abitanti dell'isola e il suo corpo non fu mai ritrovato, perché è stato presumibilmente "divorato". Il settimo capitolo affronta il modo in cui la storia degli attuali abitanti di Northern Sentinel si riferisce alla storia dell'invasione e della colonizzazione delle isole e porta i rapporti e le foto del capo coloniale britannico Maurice Portman, che ha scattato fotografie scioccanti delle Andamane, oltre ad abusarne.

Marie Ange Bordas è un'artista, scrittore e mediatore culturale, lavora alla creazione di progetti artistici, letteratura e media, enfatizzare l'incrocio di linguaggi e poetiche per costruire processi e lavori collaborativi, affermativo e critico. Tra 2000 e 2009, ha sviluppato il progetto Offset, vivere e creare mostre con gli sfollati in diversi paesi. In questo processo ha anche creato pubblicazioni Caderno Videobrasil_Geografie in movimento (Edições Sesc 2013) e Due ragazzi Kakuma (Pulo do Gato, 2018). Da 2009 sviluppa il progetto Tecendo Saberes, di creare libri per bambini nelle comunità brasiliane tradizionali, in cui ha prodotto i libri Manuale per bambini della Bassa Amazzonia e Manuale per bambini Huni Kui (con Gabriela Romeu, 2015), Manuale per bambini di Caiçara (Peirópolis, 2011) e Storie di Cazumbinha (con Meire Cazumbá, Companhia das Letrinhas, 2010).

IL MASSACRO DEL GINOCCHIO FERITO

Giorno 20 Ottobre, Martedì, às 17h

ospite - David Popygua

Rapporti e immagini di Wounded Knee, il primo massacro indigeno da fotografare (Il massacro di Wounded Knee ha avuto luogo a 1890, vicino a Wounded Knee Creek nella riserva indiana di Pine Ridge, appartenente al popolo Dakota) sarà trattato nel capitolo, oltre alle controversie che ancora oggi avvengono nella regione. La riduzione delle riserve indigene e l'invasione di grandi imprese e la somiglianza con il Brasile, anche nella città di San Paolo.

Karai Popygua (David) è del popolo Guarani Mbya, leadership della terra indigena Jaraguá. Attualmente è Presidente del Consiglio di Stato dei Popoli Indigeni di San Paolo (CEPI-SP) dove lavora per garantire la raccolta al governo dello Stato di San Paolo per fare politiche pubbliche per le comunità indigene dello stato. Funziona anche, da 2008, come insegnante alla scuola del villaggio di Jekupe Amba Arandu.

SERINGAIS – RELATOS DE PUTUMAYO

Giorno 27 Ottobre, Martedì, às 17h

ospite - Márcia Mura

Nella regione del fiume Putumayo, più di 30 mille Uitoto indigeni, Boras, Ocainas e Muinames furono uccisi in schiavitù dalla Perù Amazon Company, per raccogliere quattromila tonnellate di gomma. O capitolo, che porta le indagini in Inghilterra e la filmografia di propaganda della compagnia peruviana, mostra la situazione odierna di questi popoli e l'esplorazione del loro territorio da parte di compagnie minerarie e petrolifere e come questi eventi trovano un'eco nella storia del popolo Mura.

Márcia Mura integra il popolo indigeno Mura. PhD in Storia sociale presso l'Università di San Paolo, ha conseguito un master in società e cultura in Amazzonia., dell'Università Federale di Amazonas e professore di Storia presso la Francisco Desmorest Passos State School nella comunità di Nazaré, sulle rive del fiume Madeira, dove pratica la decolonizzazione della storia e l'affermazione indigena. In 2010 è stata inclusa nell'avviso di scambio culturale del Ministero della Cultura per presentare la ricerca del suo master con le donne che hanno sperimentato lo spazio delle piantagioni di gomma all'incontro internazionale di storia orale tenutosi a Praga (Repubblica Tcheco). È l'autrice del libro Spazi ricordati: Esperienze di vita negli alberi della gomma in Amazzonia.

ALLA POMPA DEL FORNO

Giorno 3 Novembre, Martedì, às 17h

ospite - definire

Nel contesto della guerra fredda, os Estados Unidos explodem a primeira bomba subaquática no Atol de Bikini. I test nucleari portarono all'esilio degli abitanti originari, la perdita del loro territorio e del loro sostentamento. Oggi, senza territorio, sono minacciati dal riscaldamento globale. Come l'espulsione dei popoli dai loro territori influisce sulla Terra e sulla Natura?

Per script:

CAPITOLI OS DI BAKER

Dal 1 settembre al 3 Novembre, Martedì, às 17h (eccezionalmente la presentazione della giornata 13 Ottobre sarà alle 15:00), nell'applicazione di videochiamata Zoom.

Drammaturgia, Performance e direzione - Cristiane Zuan Esteves e Beto Matos. Durata - 60 minuti. Raccomandato per le persone sopra 12 anni. Libero - registrazione tramite link Zoom, pubblicato su Facebook (@ahistoriadebaker) e Instagram (@a_history_of_baker) di Baker's Story.

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*