Zuzana Paternostro: Mostra dei brasiliani in Europa

Lo scorso dicembre, Ho testimoniato a Bratislava (capitale della Slovacchia) la mostra “Lingua Franca”., che riunisce giovani artisti visivi, mezzo brasiliano, mezzo slovacco.

Annuncio

L'ultima mostra che ho visto sui brasiliani in questa città è stata quella di Cândido Portinari, anche negli anni 1960. Pertanto, Apprezzo questa iniziativa, che contribuisce positivamente alla diffusione di arte brasiliana sul territorio slovacco e in tutta l’Europa centrale.

Mi congratulo con il curatore Tiago de Abreu Pinto. La tua mostra è un atto di coraggio. Affidare la presentazione e l'installazione stessa a due artisti – uno di loro, anche lui attivista brasiliano, André Komatsu, insieme alla scrittrice slovacca Petra Feriancová – ha prodotto un panorama di commovente sincerità.

In uno spazio quasi testimoniale, entrambi i tempi di miscelazione, radici e rappresentazioni provenienti da contesti culturali diversi, senza mai perdere l'essenza e l'autenticità poetica.

Tra gli artisti brasiliani vediamo Marcius Galan, scultore, designer e fotografo che sa mettere in discussione le imprecisioni; Maria Noujaim, giovane scultore che indaga forme e poesia; Letícia Patente, ricercatore pionieristico di video arte in Brasile; e Marco Paolo Rolla, uno insaziabile dalla pulsione di morte, che tratta gli estremi come il piacere e il dolore, buono e cattivo, sempre insieme.


Dagli slovacchi, Juraj Bartos e Anna Daučíková sono fotografi esperti. Lei, compresi, difende il pensiero femminista e diventa portavoce dei diritti LGBT in Slovacchia. Peter Bartos è un'avanguardia radicale. Lubomir Durcek, un artista, documentarista e scrittore. Július Koller e Jana Želibská sono alcuni degli artisti più importanti dell'Europa centrale. a proposito, ha assistito “in loco” alle proteste di 1968, a Parigi

Per quanto riguarda André Komatsu, il suo “Inconscio architettonico” ci porta a riflettere sulla distinzione tra homo sapiens e homo faber. In un'intervista con il critico e curatore Paulo Herkenhoff, inserisce il suo lavoro nel contesto concettuale.

La sua decostruzione critica degli standard sociali avviene costruendo elementi nello spazio. Infine, Komatsu afferma che la carica emotiva e i concetti estetici sono gli attributi primari di un'opera d'arte.

Iscriviti per ricevere notizie sugli eventi
e innanzitutto l'Universo delle Arti!

Ricevi notizie da Fiere ed Eventi in genere nel nostro gruppo Whatsapp!
*Solo noi pubblichiamo nel gruppo, quindi non c'è spam! Puoi venire con calma.

Avendo iniziato a 7 Dicembre, la mostra “Língua Franca” è allestita presso la Galleria della Città di Bratislava (Eslovaquia) a 24 Marzo di quest'anno.

Zuzana Paternostro, storico dell'arte

collegato:

Lascia un commento

×