54 parti metalliche vengono rubate dalla villa "Casa 6" a Pelotas (RS)

I pezzi rubati adornano le scale e le ringhiere del portico anteriore.

L'Istituto del Patrimonio Artistico Nazionale per la (IPHAN) ricevuto attraverso il processo 01512.000627/2021-96, notizie di furto di beni integrati di un edificio che integra l'insieme elencato di Pelotas (RS). In totale, sono stati rubati 54 pezzi metallici che compongono il guardrail della scala e del portico anteriore del palazzo detto “Casa 6”, appartenente all'insieme elencato della città di Pelotas (RS).

Annuncio

il furto (o la sequenza dei furti) probabilmente si è verificato tra 12 Febbraio (L'ultima ispezione del sito da parte di IPHAN) e 22 Ottobre 2021 (quando la scomparsa dei pezzi è stata notata dal Segretario alla Cultura di Pelotas). I pezzi sono parte integrante di “Casa 6” e, pertanto, sono protetti dalla legislazione federale sui beni culturali e il loro furto, furto e commercializzazione puniti secondo il codice penale.

La proprietà denominata “Residenza Leopoldo Antunes Maciel” o, semplicemente, “Casa 6”, costituisce l'insieme architettonico con gli edifici 2 e 8, situato in Praça Coronel Pedro Osório, in Pelotas (RS), complesso architettonico iscritto nel Libro del Tombo Archeologico, Etnografico e Paesaggio e nel Libro del Tombo delle Belle Arti, il 15/12/1977. La “Casa 6” è inserito nel settore di protezione di Praça Coronel Pedro Osório, come parte del Complesso Storico di Pelotas, caduto dentro 2018, per il suo alto valore storico e artistico.

Caratteristiche delle parti

Si tratta di sculture fuse in una lega metallica di stagno e zinco che rappresentano volti umani e figure di animali. (anteriore) e composta da due parti uguali ed indipendenti, uniti dai loro lati posteriori (verso) nelle barre verticali di sezione circolare che compongono il guardrail.

I pezzi misurano ca. 20 al 25 pollici di altezza 10 centimetri di larghezza e non hanno vernice, essendo, pertanto, prevalentemente grigio rame o grigio piombo (colore della lega metallica con cui sono realizzate le parti). Per la sua composizione, non attirare i magneti.

Gli oggetti sono stati probabilmente importati dall'Italia alla fine del XIX secolo e le loro immagini rappresentano volti umani. (32 parti) e figure di animali (21, in totale), come leoni. I volti umani sono simili ai putti, in altre parole, rappresentazioni di ragazzi nudi, paffuto e talvolta alato, Ampiamente usato nell'arte rinascimentale. Un'unità rappresenta un giglio. Trafugata anche una barra verticale con anelli torniti.

Qualsiasi informazione deve essere comunicata a Iphan, tramite e-mail cnart@iphan.gov.br, fiscalizacao@iphan.gov.br o depam@iphan.gov.br, e anche sui telefoni (61) 2024-6355 o (61) 2024-6352.

Acquisto sicuro di oggetti d'arte, oggetti d'antiquariato e documenti

Commercianti e banditori di opere d'arte e antiquariato, i rivenditori e il pubblico in generale dovrebbero essere a conoscenza dell'origine delle parti che intendono acquistare. senza cure adeguate, parti rubate o rubate vengono acquisite inavvertitamente.

Contribuire alla lotta contro questo mercato illegale, ci sono semplici azioni preventive, come controllo dell'origine e, in caso di dubbi o sospetti, consultazione a IPHAN, l'Istituto Brasiliano di Musei (Ibram) e i loro database disponibili sui loro siti web: la Bank of Sought Goods/BCP e il Registry of Disappeared Musealized Assets/CBMD.

Iscriviti per ricevere notizie sugli eventi
e innanzitutto l'Universo delle Arti!

Tale assistenza può evitare il coinvolgimento del acquirente o rivenditore nel scherma brasiliano Beni Culturali di reato rubata, rubati o ottenuti con il traffico internazionale di opere d'arte - comportamenti descritti agli articoli 155 del codice penale e 180 del decreto-legge n. 2.848, di 7 Dicembre 1940 (occuparsi di ricettazione), e Art. 62, si Lei nº 9.605, di 12 Febbraio 1998 (è circa la distruzione e / o il deterioramento dei beni culturali).

CNART

Tutti i mercanti d'arte e antiquariato, tra cui banditori, deve iscriversi all'Albo nazionale dei mercanti di antichità e opere d'arte (CNART). La registrazione protegge il rivenditore inavvertitamente essere coinvolto nel ricevere crimini ricettazione e furto e riciclaggio di denaro per mezzo di opere d'arte.

Per maggiori informazioni

Anagrafe Nazionale Mercanti di Antichità e Oggetti d'Arte

cnart@iphan.gov.br

Altri contatti:

Secretaria Municipal de Cultura – telefono (53) 3225 8355 - e-mail: secultpel@gmail.com
Registro dei commercianti di opere d'arte e antichità/IPHAN – telefono (61) 2024 6352 - e-mail: cnart@iphan.gov.br
Dipartimento per i Beni e le Ispezioni Materiali - tel (61) 2024 6342 - e-mail: depam@iphan.gov.br

Fonte: Avviso di comunicazione IPHAN.

collegato:

Lascia un commento

×