Asta D'Angelo, in Perù

La merce è stata messa in vendita su Internet. L'elenco comprende lettere e certificati del XIX secolo, più un libro da collezione del 18° secolo.

L'Ambasciata del Perù in Brasile ha emesso un avviso circa il furto di beni culturali appartenente a quel paese. Secondo il documento, i seguenti oggetti sono stati rubati e messi in vendita su Internet:

Annuncio

I – lettera personale, dell'anno 1829. Il documento si riferisce al Fundo Real Renta Correos de Lima, Sezione Varie, e Fondo per donazioni e acquisizioni varie, appartenente all'Archivio Generale della Nazione, situato senza distretto, provincia e dipartimento di Lima.

II – Certificato postale dell'Ufficio Postale Generale di Lima e Pasco, dell'anno 1867, riferito al Fondo Real Renta de Correos. Appartiene all'Archivio Generale della Nazione, posta, situato senza distretto, provincia e dipartimento di Lima.

III – Libro delle raccolte e dei dati della Direzione Generale delle Temporalità, XVIII secolo, relativo alla collezione della Real Junta de Temporalidades. Appartiene all'Archivio Generale della Nazione, ufficio postale, situato senza distretto, provincia e dipartimento di Lima.

IV – Testimonianza sul contratto di mutuo, anni 1880-1181, rinviando all'Archivio della Corte Superiore di Giustizia – Archivio repubblicano. Appartiene all'Archivio Generale della Nazione, situato senza distretto, provincia e dipartimento di Lima.

In – Lettera indirizzata a Juan Toribio Oyarzabal, fondatore della Callana di Pasco, nel corso dell'anno 1827. Il documento si riferisce alla collezione del Tesoro Reale, sezione Cajas Reales de Pasco (Archivio coloniale). Appartiene all'Archivio Generale della Nazione, posta, situato senza distretto, provincia e dipartimento di Lima.

IV – Iscrizione Amministrativa corrispondente all'Amministrazione delle Poste di Ica, anno 1837. Si riferisce al fondo Real Renta de Correos, sezione Correo Ica. Appartiene all'Archivio Generale della Nazione, ufficio postale, situato senza distretto, provincia e dipartimento di Lima.

Allerta internazionale per furto di beni culturali

Qualsiasi informazione deve essere comunicata a Iphan, tramite e-mail cnart@iphan.gov.br, fiscalizacao@iphan.gov.br o depam@iphan.gov.br, o per telefono 61 2024 6355 o 6352, o direttamente in quel paese, presso la Direzione Recupero della Direzione Generale per la Difesa dei Beni Culturali del Ministero della Cultura del Perù.

Acquisto sicuro di oggetti d'arte, oggetti d'antiquariato e documenti

Rivenditori e il pubblico in generale dovrebbe essere a conoscenza della provenienza dei pezzi che intendono acquisto. Senza cure adeguate inavvertitamente sono acquisiti parti rubate o rubato.

Iscriviti per ricevere notizie sugli eventi
e innanzitutto l'Universo delle Arti!

Contribuire alla lotta contro questo mercato illegale ci sono semplici azioni preventive, come controllo dell'origine e, in caso di dubbi o sospetti, consultazione del Iphan, l'Istituto Brasiliano di Musei (Ibram) e i loro database disponibili sui loro siti web: la Bank of Sought Goods/BCP e il Registry of Disappeared Musealized Assets/CBMD.

Tale assistenza può evitare il coinvolgimento del acquirente o rivenditore nel scherma brasiliano Beni Culturali di reato rubata, rubati o ottenuti con il traffico internazionale di opere d'arte - comportamenti descritti agli articoli 155 del codice penale e 180 del decreto-legge n. 2.848, di 7 Dicembre 1940 (occuparsi di ricettazione), e Art. 62, da Lei nº 9.605, di 12 Febbraio 1998 (che si occupa di distruzione e/o deterioramento di beni culturali).

CNART

Tutti i mercanti d'arte e antiquariato, tra cui banditori, deve iscriversi all'Albo nazionale dei mercanti di antichità e opere d'arte (CNART). La registrazione protegge il rivenditore inavvertitamente essere coinvolto nel ricevere crimini ricettazione e furto e riciclaggio di denaro per mezzo di opere d'arte.

Per maggiori informazioni

Registro Nazionale dei antiquari e opere d'arte cnart@iphan.gov.br.

Fonte: Avviso di comunicazione IPHAN.

collegato:

Lascia un commento

×