Casa / In evidenza / L'era di restringimento tra la nascita e la morte
white Castle - Portogallo. Foto: Jennifer de Paula / MF Global Press.

L'era di restringimento tra la nascita e la morte

“Sprechiamo tempo a giocare una realtà per giustificare la solitudine”, dice Fabiano de Abreu.

Lo scrittore, filosofo, ricercatore e SEO in una società di social media Fabiano de Abreu ha parlato l'era del restringimento tra la nascita e la morte a causa, per ele, Sprechiamo tempo a giocare una realtà per giustificare la solitudine.

pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

“Abbiamo perso tempo pubblicando su Internet quello che io chiamo: “maschera di una vita sociale perfetta”, che è quello che vogliamo trasmettere alla società con uno scopo di accettazione, por Paese? Perché siamo soli. In perdere tempo corto giocare una realtà per sfuggire al male che affligge l'umanità, solitudine. E se pensiamo che quando moriamo tutto questo sarà perdono per strada, è stato tutto inutile, ci rendiamo conto di quanto ci perdere tempo in cose frivole, mentre ci potrebbe essere a guardare il meglio che la vita ha e in grado di fornire a noi.” detto scrittore.

"Ho postato questa osservazione e un modello famoso detto: 'Credo che ciò che ci rende felici è ciò che conta. In altre parole, mi rende felice soggiorno distacco, Mi rende felice di essere amorevole e una pubblicazione visiva su Internet '. Ci percezioni che non sono discutibili e che è all'interno di ragione. Se una donna si veste bene per il vostro marito o la tua famiglia, non avrebbe pubblicato un social network per tutti da vedere. Quindi nessun altra spiegazione per il social network diverso il bisogno di essere visto dalla società. Se ti rende felice non importa perché la persona si basa sulla possibilità di essere notato. Ma in realtà si tratta di una solitudine dietro una macchina. In altre parole, è una necessità. Chi ha una felicità piena hanno il tempo di essere sui social distacco dei media? O la cultura sta trasferendo tutto?", chiede l'esperto.

Fabiano de Abreu ribadisce la sua percezione che i social media è solo per coloro che vogliono essere visto e che vuole essere mostrato: "Questo è un dato di fatto! La persona che crea le circostanze, situazioni e appena messo ciò che è felice. I social media è l'idea che la persona vuole mostrare al mondo per vederlo. Che la sua vita è bella, meraviglioso e perfetto. Si tratta di social media, essendo che la cultura sociale sta causando questo è un must. Le persone che non hanno avuto bisogno di essere visto finiscono per arrendersi ai social media perché è diventato un impegno culturale. Come se tu fossi fuori della società. Così che cosa è tutto questo risultante? In una solitudine completa. E quando la persona si rende conto la vita è passato e ha dedicato il suo tempo per respirare, per essere in grado di guardare, per essere in grado di realizzare, al fine di avere conoscenza e non essere bloccato in un'unica realtà ".

"Questa necessità culturali dei social media per me è pericoloso e il futuro può essere molto pericoloso. Possiamo essere pazza come macchine. Quindi dobbiamo pensare a tutto questo come l'esagerazione non è affatto buono. Anche l'acqua se si beve troppo non è buono. Tutto nella vita ha bisogno di una via di mezzo, così come l'internet. Questo si traduce in un tragico futuro di solitudine e anche un anti-procreazione. Stiamo perdendo la natura. La tecnologia via la natura umana, ma la natura è da dove veniamo. allontanarsi da esso è di perdere l'identità e iniziare un conto alla rovescia fino alla fine ", avvisi lo scrittore, filosofo e ricercatore storico.

"Dal momento in cui non ci accorgiamo della natura e non ci prendiamo cura di esso, si finisce con lei e lei finisce per non vivere, non respirare, Noi non mangiamo e sarà la fine dell'umanità. Questa è la teoria, ma e ciò che la loro soluzione? La soluzione sta nel campo dell'istruzione. Si è educare i bambini a imparare a distinguere, moderata da sapere, causare questo sia modo moderato. Ma noi esseri umani affetti da demenza in futuro ", Finalizza Fabiano de Abreu.

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*