Casa / In evidenza / "La perdita di credibilità nel giornalismo è la perdita di una nazione", dice il filosofo e ricercatore

"La perdita di credibilità nel giornalismo è la perdita di una nazione", dice il filosofo e ricercatore

Il filosofo e ricercatore Fabiano de Abreu ha detto che la perdita di credibilità giornalistica è dannoso per la società e avverte di danni che possono essere irreversibili per l'intera nazione.

A causa della proliferazione dei cosiddetti “notizie false”, persone stanno facendo il divertimento del giornalismo, che ogni giorno soffrono la perdita di credibilità. Questa percezione è evidente quando si cammina per le strade di città, e sentire la gente, desde a conversa de bar até os altos círculos acadêmicos.

Fabiano de Abreu. Foto: Vagner Souza / MF Press Global.

Fabiano de Abreu. Foto: Vagner Souza / MF Global Press.

il filosofo, il giornalista e ricercatore Fabiano Abreu ha monitorato i percorsi dei giornalismo, mostra preoccupazione e: “che ha visto, sfortunatamente, è la mancanza di imparzialità quando si trasmette notizie, che è preoccupante, in quanto questo il giornalismo è semplicemente distruggendo. E quando si perde la credibilità del giornalismo, una nazione è perduto ", dice.

Per Fabiano, è esagerato dire che quando la stampa cade in discredito, società cade in decadimento: “La stampa è sempre stato responsabile per rivelare al pubblico la verità, schemi, la contrattazione, e portare alla luce tutto ciò che era nascosto, architettato nel buio. ma ora, na epoca Das notizie false, la stampa tradizionale soffre, ed è visto come slanderous, ardilosa, e sostenere per la propria agenda, prevenuto. Le persone stanno perdendo fiducia nella buona stampa e dei media punti vendita. Oggi, il pubblico crede che i giornalisti sono tristemente famosi, e che vale la pena tutto per il pubblico, viste Pelos, dei clic, l'interesse. E questo non può accadere ".

Il filosofo avviso, se non ci fosse la stampa, reporting e la pubblicazione sulla corruzione, e schemi, siamo condizionati continuare sempre a eleggere stesse figure, e quindi sempre fare gli stessi errori, a causa di ignoranza: "Il giornalismo esiste per fornire alla gente la verità che li si nasconde, negato. Grazie a ciò che è stato portato alla luce da stampa, movimenti spontanei di cittadini contro la corruzione hanno preso forma sempre e una voce. Se la stampa zitto, è censurato, o peggio, perdere la credibilità, le conseguenze saranno catastrofiche. Immaginate qualcosa noticiarmos, su una personalità, una politica, segnalare una truffa, e di screditare la popolazione? Così avremo una società data allo scetticismo, tale comunicazione a tutti stoico, inanimada”.

pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

Fabiano avverte che è necessario che il giornalista è imparziale, e non difendere le loro bandiere ideologiche e politiche nel riferire i fatti: "Tutto bene che è giornalismo parere, dove ancore e figure di spicco esprimere il loro parere su un fatto già riportato, che è molto comune negli Stati Uniti, per esempio. Ma che cosa può non è che la notizia si è venire processato, accusato i punti di vista e le opinioni di un giornalista, come questo è quello di privare i sull'altro lato della notizia solo per quello che è, e quindi prevenire che si ha la possibilità di elaborare le informazioni, per formare il giudizio e proprio parere in materia, senza indottrinamento, senza manipolazione. La gente è stanca di essere indotta, e sempre hanno rigettato questa ".

Nelle sue osservazioni finali, Abreu Fabiano fa un appello al ritorno di imparzialità nel giornalismo, prima che sia troppo tardi: “Abbiamo bisogno della stampa per riprendere il suo ruolo di informare, imparziale, al fine di salvare la credibilità e restituire al pubblico la possibilità di formare la propria opinione, libero pensiero, prima che la gente si stanca della stampa tradizionale e sicuramente cercare altri mezzi di informazione ottenere. Non si può supporre che le persone sono stupidi e non hanno alcuna percezione delle cose, questo è lontano dal vero. Come nei versi della famosa band inglese Pink Floyd, na Cancao Un altro mattone nel muro: "Non abbiamo bisogno di alcuna istruzione. Non abbiamo bisogno di controllo del pensiero ... insegnante di lasciarci bambini da soli ".

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*