Casa / Art / Inaugurano le mostre “Dell’Architettura” al Palacete das Artes, a Salvador

Inaugurano le mostre “Dell’Architettura” al Palacete das Artes, a Salvador

La ricerca fotografica sull'influenza italiana sul paesaggio carioca e la presenza italiana nel paesaggio soteropolitano sono i temi delle due mostre organizzate dall'Istituto Italiano di Cultura

Del giorno 9 Agosto 9 Ottobre, il Palazzo delle Arti, ex residenza del comandante Bernardo Martins Catharino, a Salvador, ospiterà le due mostre “Dell’Architettura”., ognuno con un approccio diverso. al pianterreno, “La presenza italiana nel paesaggio soteropolitano”; nessun marciapiede superiore, “Indagine fotografica sull'influenza italiana sul paesaggio carioca”, entrambi eseguiti da Istituto Italiano di Cultura.




Dell’Architettura – La presenza italiana nel paesaggio soteropolitano

Nei primi tre decenni del secolo scorso, il paesaggio soteropolitano è stato indelebilmente trasformato da un gruppo di immigrati italiani: ingegneri, Architetti, costruttori, decoratori, pittori e scultori, dalle più diverse regioni italiane, dalla Calabria alla Toscana, dalla Basilicata al Lazio, dal Piemonte alla Sicilia.

Questi personaggi hanno svolto un ruolo chiave nella modernizzazione urbana di Salvador, contribuendo alla diffusione di un nuovo linguaggio architettonico: l'eclettismo. Caratterizzato dalla profusione di ornamenti sia sulle facciate che negli interni., in contrasto con l'antichità delle case a schiera coloniali che ancora predominavano a Salvador, L'eclettismo era, come notato dal ricercatore italiano Luciano Patetta, la prima espressione architettonica ad aver raggiunto una vera diffusione globale, diffondendosi in contesti tanto diversi quanto le capitali dei nuovi paesi indipendenti del Sudamerica, come Rio de Janeiro, Buenos Aires e Montevideo; le colonie inglesi di allora, francese, Olandese e portoghese in Africa e in Asia; o anche le nazioni orientali che cominciavano ad aprirsi all'Occidente, come il Giappone e la Turchia.




Il Eclettismo incorporato anche nell'architettura, per la prima volta, sofisticati elementi in ferro e vetro realizzati in Inghilterra, Belgio, Germania, Francia o Stati Uniti, come possiamo osservare, per esempio, nello scalone monumentale del Palazzo Rio Branco o nell'elegante marchese laterale del Palacete do Comendador Bernardo Martins Catharino.

Tra questi personaggi, i primi italiani ad arrivare a Salvador furono artisti, come lo scultore Pasquale De Chirico, natural de Potenza, e il pittore fiorentino Oreste Sercelli, che è arrivato qui, proveniente da San Paolo, da Volta di 1905 per lavorare alla ricostruzione della vecchia Facoltà di Medicina, nel Terreiro de Jesus, su invito dell'ingegner Theodoro Sampaio, direttore dei lavori. I professionisti dell'edilizia, d'altronde, ha iniziato a stabilirsi a Salvador solo all'inizio degli anni '90. 1910: Battista Rossi dentro 1911, da Rio de Janeiro; Alberto Borelli l'anno successivo, proveniente da San Paolo; Filinto Santoro dentro 1913, dopo aver lavorato a Rio de Janeiro, Vittoria, Manaus e Belém. Questi professionisti erano chiamati “architetti”, anche se solo pochi, como Santoro e Giulio Conti, aveva una laurea in ingegneria e la maggior parte non aveva un'istruzione superiore, essendo, in realtà, capocantieri o capomastri, l'equivalente dei nostri capomastri.

L'opera che ha segnato l'inizio di questo processo a Salvador è la magione del commendatore Bernardo Martins Catharino, attuale Palazzo delle Arti. per progettarlo, il proprietario ha portato, da allora capitale, o "Architetto Costruttore" Battista Rossi, che si sarebbe consolidato come il progettista preferito della nuova borghesia bahiana. Santoro, d'altronde, fu autore delle principali opere pubbliche dei decenni di 1910 e 1920.

Altri designer e costruttori italiani lavorano a Salvador in questo periodo, come Alberto Borelli, Giulio Conti e Michele Caselli, sono personaggi sui quali sono disponibili pochissime informazioni.. Non si sa se risiedessero qui o in altre capitali., da quale regione d'Italia provenivano e, in molti casi, nemmeno se avevano una formazione accademica.

Ricevi News da Fiere ed Eventi in genere nel nostro gruppo Whatsapp!
*Solo noi pubblichiamo nel gruppo, quindi non c'è spam! Puoi venire con calma.

Questa mostra fotografica, promosso da Istituto Italiano di Cultura di Rio de Janeiro, mira a fare luce sulla produzione di Santoro, Rossi, Conti, Borelli, Chirico, Rebecchi, Caselli e tanti altri che hanno contribuito a modernizzare la nostra città e le cui caratteristiche segnano ancora il nostro paesaggio urbano. Ed è ancora più rappresentativo che questa mostra si svolga a Palacete Catharino, opera simbolo di questa produzione.

Nivaldo Andrade, curatrice

Dell'Architettura – Indagine fotografica sull'influenza italiana sul paesaggio di Rio

Quando si parla dell'architettura di Rio de Janeiro, si parla molto dell'influenza francese sugli edifici della città.. Ma cosa hanno in comune opere come Moinho Fluminense?, a Port Area; l'ospedale della Croce Rossa, presso il Centro, e l'attuale sede dell'EAV, no Parque Lage? Questi sono esempi dell'eredità lasciata dagli architetti italiani nel paesaggio di Rio. L'influenza italiana nella nostra architettura è vasta quanto quella francese. o maggiore, se consideriamo il fatto che architetti come Grandjean de Montigny (1776–1850), per esempio, hanno svolto i propri studi – o parte di essi – a Roma. C'è molta Italia a Rio e una mostra farà luce su di essa. Dell'Architettura – Indagine fotografica sull'influenza italiana sul paesaggio di Rio porta 37 pannelli fotografici in bianco e nero di edifici che hanno l'Italia nel DNA. Le immagini sono del fotografo, insegnante e artista visivo Aristides Corrêa Dutra, che firma la curatela ei testi della mostra insieme al direttore dell'Istituto Italiano di Cultura di Rio de Janeiro, Livia Raponi.

A proposito degli edifici citati

Moinho Fluminense è un gioiello creato dal calabrese António Januzzi (1853–1949), responsabile anche della costruzione della Chiesa metodista di Catete. L'Ospedale della Croce Rossa è opera di Pietro Campofiorito (1875–1945), che nacque a Roma e terminò la sua vita a Niterói. La sede dell'EAV, no Parque Lage, fu costruito dal sardo Mario Vodret (1893–1948) come regalo dell'uomo d'affari Henrique Lage (1881-1941) donna, cantante lirica Gabriella Besanzoni Lage (1888-1962). Questi architetti italiani sono solo tre dei grandi le cui opere compongono Dell'Architettura – Indagine fotografica sull'influenza italiana sul paesaggio di Rio. Di questo totale, 11 sono italiani. La lista comprende tre europei: il portoghese José da Costa e Silva (1747–1819), Il francese Grandjean de Montigny (1776–1850) e o ucraino Gregori Warchavchik (1896-1972). La presenza brasiliana è quella di Rino Levi di San Paolo (1901-1965), autore di Hospital General do Nascimento Vargas (presente Ospedale Federale di Bonsucesso), e quello di Carioca Olavo Redig de Campos, autore della casa appartenuta al banchiere Walther Moreira Salles (1912-2001) e che oggi ospita l'Instituto Moreira Salles, in Gávea.

L'Italia non era ancora la nazione che conosciamo oggi. (la loro unificazione si è conclusa nel 1870), quando la sua architettura iniziò a conquistare il mondo. Più precisamente, dall'ampliamento del L'Impero Romano dall'Europa, Egitto e parte dell'Oriente. L'arrivo in Brasile di architetti dagli stati che compongono l'Italia oggi avviene principalmente da 1843, in occasione del matrimonio di Dom Pedro II con la Principessa Teresa Cristina, del Regno delle Due Sicilie. Tuttavia, l'influenza di questa architettura è qui evidente già nel Primo Regno, nelle tracce greco-romani, manieristi e architettura coloniale barocca. È un'influenza di lunga durata., che ancora si perpetua, il periodo dal Classicismo al Modernismo è più fruttuoso, passando attraverso stili come Art Nouveau(chiamato in Italia di Stile Liberty) e la art Deco. Questo è il ritaglio Dell'Architettura – Indagine fotografica sull'influenza italiana sul paesaggio di Rio. O título “Dell’Architettura” vem do “I quattro libri dell’architettura”, scritto e illustrato dal maestro rinascimentale Andrea Palladio (1508-1580), e uno dei massimi riferimenti nell'espansione del classicismo nel mondo.

Para Livia Raboni, direttore di IIC Rio e anche curatore della mostra, lo spettacolo fa, “Attraverso la ricerca e le immagini realizzate da Aristide, ci imbattiamo, con vivo interesse, con una Rio de Janeiro molto più italiana di quanto si pensi, considerato negli edifici e nei monumenti della città l'ampiezza e la diffusione dell'influenza degli architetti, ingegneri, decoratori, maestri italiani specializzati, o formati in Italia”.

Servizio:

Dell'Architettura – Indagine fotografica sull'influenza italiana sul paesaggio di Rio

Artista: Aristides Corrêa Dutra
Cura e testi: Livia Raponi e Aristides Corrêa Dutra

Dell’Architettura – La presenza italiana nel paesaggio soteropolitano

Artista: Manuel Sa
Cura e testi: Nivaldo Andrade
Realizzazione: Istituto Italiano di Cultura di Rio de Janeiro
Le mostre hanno il sostegno del Consolato Generale d'Italia a Rio de Janeiro, Ambasciata d'Italia in Brasile e UIA Rio 2021

Apertura: giorno 9 Agosto, às 18h30

Local: Palazzo delle Arti
Indirizzo: Rua da Graça, 284, Gratis, Salvatore, Bahia.
Visitazione: 10 Agosto 9 Ottobre
Tempo: Dal Martedì al Sabato, le 13:00 a 18:00
Ingresso: gratis
Valutazione: libro

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*