Casa / In evidenza / Riconosci i quattro motivi dell'insoddisfazione per la tua vita e come comportarti con tutti
Fabiano de Abreu. Foto: Archivio personale.
Fabiano de Abreu. Foto: Archivio personale.

Riconosci i quattro motivi dell'insoddisfazione per la tua vita e come comportarti con tutti

Lo psicoanalista e neuroscienziato Fabiano de Abreu elenca i principali fattori che generano insoddisfazione e scoraggiamento nelle persone e come affrontare questi sentimenti negativi

rabbia, tristezza, solitudine, frustrazione e ansia. Sentimenti che sono sempre più frequenti nella vita di tutti i giorni e sono stati aggravati dalla pandemia. Sono la causa / conseguenza di quella mancanza di interesse per le attività quotidiane e della difficoltà di concentrarsi sui compiti più semplici. Tutto questo è abbastanza normale, secondo lo psicoanalista, neuroscienziato e ricercatore del comportamento umano Fabiano de Abreu, Harvard addestrato, US us. “Quasi tutti se ne sono andati o passeranno un periodo come questo, Non importa chi, dove o quando, la domanda è identificare i trigger per lavorare con loro ", spiega lo scienziato.

E per chi pensa che il problema sia nei conti fornitori, in casa non conquistata o in quei chili in più si sbaglia. La prima grande causa segnalata dallo specialista sono le relazioni personali. “La mancanza di relazioni profonde e vere crea un grande vuoto esistenziale, dipendiamo dal contatto sociale, di tocco e affetto ", spiega. Fabiano sottolinea che non si tratta di quantità, ma con qualità. “È essenziale creare legami profondi con qualcuno, sviluppare empatia, identificazione, abbiamo una sensazione di appartenenza a un luogo oa una comunità, anche se è solo dentro casa tua ", gli highlights. Il consiglio dello psicoanalista è identificare chi sono le persone speciali nella tua vita e lavorare su queste relazioni in modo che siano apprezzate.

Un altro punto che spesso colpisce gli individui è la questione in sospeso, in altre parole, questioni irrisolte nel passato che infestano il presente. “Credere che solo il passato rappresenti te e la tua vita è un errore, perché anche se fa parte della nostra traiettoria, dobbiamo concentrarci sul presente e su cosa possiamo fare ora ", analizza lo scienziato. Pertanto, anche se c'è ancora rancore, dolore e rimpianto per l'opportunità di lavoro persa, a un grande amore non apprezzato o alla morte di qualcuno di speciale, questi sentimenti devono essere elaborati in modo che sia chiaro che non c'è modo di cambiare il passato e che le tue azioni ora possono prevenire nuovi dolori. Olio, fidati e fallo in modo diverso.

pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

Per tutti i punti già citati arriva un fondamentale: stesso. Conoscere te stesso può essere più difficile che conoscere il tuo migliore amico. Fabiano aggiunge che questa potrebbe essere la base di numerosi problemi e dilemmi. “Possiamo sapere cosa ci rende felici solo quando ci conosciamo veramente, altrimenti, vani tentativi che faranno solo sprecare il nostro tempo e le nostre energie ". Parlando in modo abbastanza didattico, è immaginare la vita come un grande buffet. Se non sai quali sono i tuoi piatti preferiti, non saprà scegliere. Puoi riempire troppo il piatto con cibi che non ti piacciono e riempirti di ciò di cui non sarai soddisfatto., o ancora, buttare via il cibo che potrebbe soddisfare qualcun altro. Così è con le relazioni e le opportunità. Proprio come facciamo con il cibo, prova e scopri i sapori che ti piacciono, assim, date le innumerevoli opzioni nella vita sarà più facile essere assertivi e fare scelte sagge. "Meditazione, letture e tempi di inattività, il cosiddetto tempo libero creativo, contribuire alla nostra analisi ", spiega Abreu.

Infine, e non meno importante, avere obiettivi. “Vivere senza una rotta prestabilita è una frustrazione garantita, perché vivere senza obiettivi è andare in tondo, non arrivi dove vuoi perché non sai dove appartieni”, dice. La sensazione di realizzazione muove l'essere umano, assim, mirare a uno scopo e raggiungerlo è motivante, proprio come vivere senza un ideale porta noia e vuoto. “Mi piace il pensiero dello scrittore uruguaiano Eduardo Galeano, fa la metafora dell'utopia come qualcosa che si allontana sempre ogni volta che ci avviciniamo, perché il suo significato è sempre quello di farci camminare verso di essa. Così sono gli obiettivi ", definisce il neuroscienziato.

Biografia / Formazioni

Neurofilosofo Fabiano de Abreu – PhD in Neuroscience, psicologo, neuropsicólogo, neuropsicanalista, neuroplasticista, psicanalista, psicopedagogo, giornalista, filosofo, nutrizionista clinico, uomo d'affari e membro della Mensa, Associazione più intelligenti le persone nel mondo con sede in Inghilterra. Specialista in studi sulla mente umana e ricercatore presso CPAH – Centro di ricerca e analisi Heráclito.

Iscrizione e curriculum come ricercatore: lattes.cnpq.br/1428461891222558
Registro SPN – Società portoghese di neuroscienze – 814
Registro SBNeC – Società brasiliana di neuroscienze e comportamento – 6028488
Membro di FENS – Federazione delle società europee di neuroscienze – PT30079
www.doctoralia.com.br/fabiano-de-abreu/psicanalista/rio-de-janeiro

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*