Casa / In evidenza / Settembre Giallo: “In mezzo alla pandemia, mai questa campagna di prevenzione del suicidio è diventata così necessaria,"Dice professionista della salute
Fabiano de Abreu. Foto: Rivelazione / MF Global Press.
Fabiano de Abreu. Foto: Rivelazione / MF Global Press.

Settembre Giallo: “In mezzo alla pandemia, mai questa campagna di prevenzione del suicidio è diventata così necessaria,"Dice professionista della salute

Il neuroscienziato e psicoanalista Fabiano de Abreu fornisce consigli per i pazienti con depressione.

Siamo nel "settembre giallo", e mai nella storia questo tema è diventato più rilevante che nel momento della pandemia che stiamo vivendo. La campagna è iniziata nel 2015 in Brasile ha scelto il mese di settembre per sensibilizzare e aiutare contribuendo alla prevenzione, quindi è possibile impedire che la depressione porti al suicidio.

pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

Dopo segnalazioni di suicidi correlati al coronavirus e relativo confinamento, il neuroscienziato, psicanalista, membro di Mensa e specialista in studi sulla mente umana, Fabiano de Abreu, è stato contattato. Dopo aver confermato che il numero di casi di depressione è aumentato con questa crisi psicologica della pandemia, il ricercatore si è presto concentrato sulla ricerca e sull'analisi per valutare cosa si aspettava già che accadesse.

“Temevo già la possibilità che le persone con depressione e / o ansia intensificata, in reclusione, essere bombardati da cattive notizie e abuso di ansia, potrebbe peggiorare lo stato depressivo o arrivarci; e hanno un aumento del numero di suicidi. Diventare consapevoli di quello che è successo, Ho riunito il mio gruppo di ricerca per cercare di contribuire in qualche modo in modo che questo non aumenti ancora di più il numero di morti per coronavirus, direttamente o indirettamente.

Le persone con ansia aumentata e continua possono andare in depressione, e le persone depresse corrono un rischio maggiore di suicidio. Il rischio è maggiore in presenza della malattia e delle comorbidità. Siamo immersi in uno scenario di incertezze che generano paure e ansie. È importante curare l'equilibrio emotivo per evitare azioni definitive per problemi transitori. Il suicidio non è una soluzione; ma un altro problema di salute pubblica da affrontare.”

Fabiano trova difficile approfondire la sua ricerca in Brasile a causa della burocrazia per fare ricerca nel paese, ma visto che vive anche in Portogallo, ha approfittato della maggiore facilità di ricerca in Europa per giungere alle sue conclusioni.

Sono iscritto alla "Plataforma Brasil" dove devo presentare un semplice sondaggio e la procedura è lenta e burocratica e ho fretta perché ogni giorno perso può significare vite perse per mancanza di aiuto. In Portogallo, gli operatori sanitari possono fare ricerche in modo indipendente firmando la responsabilità di seguito. La mia ricerca si è basata su interviste con psicologi che sono membri del mio centro di ricerca, anch'esso basato sull'Istituto Gaio, Membro dell'Unesco dove ho conseguito il master in psicoanalisi e frequento pazienti senza mezzi finanziari per pagare le cure, e sulla base della ricerca che ho fatto in Portogallo con portoghesi e brasiliani che vivono nel paese.

“Prima la diagnosi, prognosi migliore”, dice lo psicoanalista.

Segui i suggerimenti del professionista per osservare il caso più vicino e prova ad aiutare

In tempi di isolamento e isolamento sociale, a causa dello scenario mondiale – Pandemia di coronavirus – se hai la malattia "Depressione", notare alcune questioni "preventive" molto rilevanti:

  1. Mantieni il tuo trattamento psicoterapeutico tramite online, la stragrande maggioranza dei professionisti lavora in questa modalità.
  2. Se usi farmaci, seguire correttamente la prescrizione medica. Non aumentare il dosaggio, non svezzarti nemmeno da solo.
  3. Se il tuo farmaco sta finendo, contatta il tuo psichiatra, tutti lavorano secondo nuovi protocolli.
  4. Tieniti informato solo da canali di notizie seri ed etici. Evita "notizie false".
  5. Lavora la tua respirazione attraverso la meditazione. Respirazione cosciente e ritmica, mantiene l'omeostasi del corpo.
  6. Dormi bene, il sonno fisiologico consente una "psicoprofilassi", filtraggio e pulizia dei metaboliti cerebrali.
  7. Mantieni una dieta equilibrata. Alimenti funzionali, meno elaborati e colorati. "Pelare di più e scartare di meno"
  8. Bere acqua, rimanere idratati per il miglior funzionamento dell'intero sistema di filtrazione e smaltimento, mantenere il corpo in buono stato di funzionamento.
  9. Usa creatività e spazio il più possibile per un'attività fisica che ti piace.
  10. Evita l'alcol eccessivo, evitare i farmaci. Rimani lucido.
  11. Mantieni la routine, questo ti mantiene orientato nel tempo.
  12. Sviluppa un piano, e fare un piano per tenere una "celebrazione" quando tutto questo sarà finito.
  13. Porta nella tua mente pensieri positivi e buone emozioni. Quello che pensiamo di sentire.
  14. Pensa cose buone!
  15. Sento di appartenere a un gruppo, il senso di appartenenza ci dà importanza.
  16. Effettua videochiamate o persino videoconferenze per riunire amici.
  17. Non c'è tempo, quindi organizza la casa, gli armadietti, leggere i libri che tenevi sullo scaffale, guarda i film e le serie che volevi e non hai avuto "tempo".
  18. Scopri un talento nascosto, e lavoralo come un TO – Terapia occupazionale: Scrivi, disegnare, intelligente, scolpire, cucinare, ricamare…

Per i casi più gravi in ​​cui si è verificato un tentativo di suicidio o pensieri, lavorare a "riduzione del danno", seguendo le linee guida di base:

  1. Sii pienamente presente nella vita del soggetto con il disturbo – depressione.
  2. Avvicinati alle persone che sono in difficoltà emotiva / psicologica.
  3. Offri conversazioni con un ascolto di qualità.
  4. Conduci la conversazione finché non ti rendi conto che la persona è al sicuro e si fida di te.
  5. Chiedile apertamente se ha pensato alla propria morte.
  6. Con il terreno preparato, chiedile se ha mai pensato di togliersi la vita.
  7. Chiedile quale metodo sceglierebbe e perché?
  8. Lasciala parlare, piangere, racconta il tuo intero piano.
  9. Dopo aver appreso l'idealizzazione e la pianificazione, mostra solidarietà.
  10. Capire "senza giudicare", da allora in poi offrire un "patto o un contratto di conservazione" alla vita.
  11. La sfida e la confessione portano sollievo. Lasciando la persona con la risorsa per cercare aiuto da quel confidente o da un gruppo di aiuto.
  12. Quando ci svuotiamo di questa sensazione di angoscia e disperazione, abbiamo iniziato a dare valore alla vita.
  13. Avere qualcuno che mantiene il nostro segreto ci collega a un altro essere. Questa sensazione di fiducia forma un collegamento e porta la motivazione per superare il momento.
  14. Sii consapevole del piano e della pianificazione per l'esecuzione, essere in grado di prendere dalla persona lo strumento che userebbe.
  15. Raccogli i farmaci, rimuovere ciò che può essere fatto di corda, lame da taglio, e non lasciare la persona da sola.
  16. La presenza porta la compagnia e inibisce il tentativo di attentato alla propria vita.

Fabiano de Abreu – Neurofilosofo – neuroscienziato, neuropsicólogo, neuropsicanalista, neuroplasticista, psicanalista, psicopedagogo, giornalista, filosofo, nutrizionista clinico, poeta e uomo d'affari.

Iscrizione e curriculum come ricercatore: lattes.cnpq.br/1428461891222558

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*